Vai al contenuto

abbracciatemi

Membri
  • Numero di messaggi

    40
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda abbracciatemi

  • Rango
    Utente attivo

Profile Information

  • Gender
    Male
  1. già... ma lei non lo farà mai... l'argomento è stato toccato in passato e non vedo margini.
  2. Io penso che quella maleducazione dei genitori nel far vivere questa parte della vita come sporca. Gli organi genitali non si fanno vedere, non si devono vedere, sono sporchi. E via dicendo. Nasce tutto qui, penso. Dalla sua infanzia.
  3. E' vero, penso che lei risenta della mia insoddisfazione. Però è anche vero che ho aspettato tanti anni senza farle pesare nulla. E nulla è cambiato. Io penso che a volte sia l'altro a costringerti a vedere le cose che non vanno in te. In fondo da queste discussioni dolorose, io penso che qualcosa abbia imparato. Però quello che dici è vero e penso che dovrò tenerlo sempre a mente, come la visione di Joker che è simile a quella di mia moglie. Diciamo che devo rammentarmi che mia moglie sta adesso iniziando ad accettarsi e non posso prima pretendere di essere accettato completamente io, anche se lo desidero e penso che sia giusto.
  4. Mi sa che non sei sposata con prole. E la vasca da bagno non è così grande. E comunque sia, ho capito, ed eventualmente farò finta di niente Voglio comunque ricordare che qui non si desidera che lei faccia qualcosa, ma che accetti la nostra fisicità. E questo non so se possa dipendere da me. Forse la domanda è, come può accettare la sua fisicità?
  5. Portarla alla mia situazione mi sembra un po' fantascienza. Ma ci rifletterò.
  6. Non capisco... già non ti afferro più. Parla chiaro, non mi offendo.
  7. Grazie, quello che dici mi colpisce positivamente. Un altro tassello importante.
  8. La tua storia è bella. A volte penso che arriverà qualcun altro e saprà fare quello che a me sembra impossibile. Forse perché queste cose si fanno si possono fare quando la passione è nel suo picco, nei primi anni, non so. A volte dico, dovrei essere più egoista, come lo ero all'inizio, e accecato dalla passione non mi fermavo davanti ai suoi no, e lei andava avanti davanti ai suoi no. Ma lì sentivo cosa voleva anche se diceva no. Ma non è così. Comunque sia, hai ragione che non bisogna insistere e io non insisto più, da tanto. Mi dici che significa portarla per mano verso la scoperta del suo piacere? Che ti ha educata al tuo piacere? Vorrei capire che significa. E' troppo chiederti qualcosa in più? Ti giuro che reputo tutto molto interessante, come potrai immaginare. Ma forse la soluzione la sto capendo, bisogna farla reinnamorare, nel senso che non basta amarsi ma bisogna reinnamorarsi per lasciarsi andare. Ci vuole uno slancio che l'amore consolidato non da più. Non basta dare tutto. Bisogna dare tutto conquistandola. E forse questo dopo tanti anni, dopo tutti i casini che una famiglia, si dimentica.
  9. la penso come te. Adesso siamo pressoché allineati. Ovviamente, non è detto che sia così. Vedo che parlare di sesso orale piace, visto che il discorso è finito pesantemente lì mentre io lo volevo appena accennare.
  10. Altra considerazione. Il pensiero che mi rattrista è questo: per amore si accettano gli odori dell'altro, (non la sporcizia, non la transadatezza), vedi amore verso un figlio dove nulla puzza, come li accetto io, a me piacciono i suoi odori, e il fatto che lei non accetti i miei mi fa pensare che io non sia sufficientemente amato. E' giusto pensarla così?
  11. Sapere il perché aiuta a capire se veramente non la vuoi, o se è per idee antiche che non hanno nessun fondamento. In questo caso, visto che la sessualità è un aspetto vissuto solo all'interno della coppia, assume un'importanza che richiede di andare a fondo. Comunque sia, il mio malessere potrebbe essere questo sentire questa distanza fisica. E forse il mio nickname "abbracciatemi" lo dice meglio di quanto pensassi. Ringrazio tutti.
  12. ciao a tutti, ho letto i post successivi al mio di ieri pomeriggio e vedo che la discussione è andata avanti. Io sto riflettendo e conclusioni ancora non ne traggo. Quello che penso io è: mi sembra di aver capito che mia moglie ha un rapporto con la fisicità non esattamente completa. Ricordo che anche la sua parte intima è giudicata da lei stessa obbiettivamente brutta e puzzolente. E quindi figuriamoci come può essere il suo rapportarsi verso gli altri se vive un rapporto, non coflittuale ma di distanza con una parte di se. Ma questo mi sembra che sia capito da alcune di voi. Allora faccio il paragone con il mangiare, difficile far mangiare ad un bimbo, ma anche ad un adulto, qualcosa che non gli piace. Se la trippa ti fa schifo, ti fa schifo. Ma mangi altre cose. Lei riesce a vivere il sesso, senza essere pienamente attirata da tutta la fisicità. Perché non riesce a vivere la sua fisicità completamente? Perché è succube di idee vissute in lei fino dall'infanzia. Perché lei mette tutti a distanza di sicurezza. (sono tutte supposizioni). Ha vissuto in ambienti dove si diceva: non ti fidare, c'è sempre chi ti fa le scarpe. Quindi mai concedersi totalmente. Ma lei non è assolutamente cattiva, altrimenti non l'avrei sposata. Idee che dicono che certe cose sono sporche (vedi i post di joker, così simili a lei). Per gli odori sgradevoli e la distanza dai genitali, è un problema di ipersensibilizzazione (vedi Fiori senza luce - non è un manuale di convincimento, capito Mio!?) che forse è dovuto al fatto che queste cose erano sempre tabù nella sua famiglia. Perché io reagisco così? Mi è ancora difficile rispondere. Mi vien da dire che sono sempre rimasto incantato da questi tipo di contatto. E negarmelo mi dispiace tanto, soprattutto perché non lo accetto, forse penso che sia una sorta di rifiuto, di mettermi a distanza, di non essere desiderato fisicamente. E io non voglio distanze, vorrei che lei fosse generosa come lo sono io. Forse perché sento che lei reprime. Non so le sue fantasie, non mi racconta i suoi sogni. E mi sento escluso. Non mi deve dire tutto, ma nemmeno niente.
  13. Non lo so ma devo riflettere. mio dice così che mi attraggono ma che non sono proprio in linea con la mia situazione. Forse vorrei che lei accettasse la mia fisicità. Certe volte mi sembra che se inizio a sudare, un poco, durante i rapporti le dia fastidio. E a me dispiace. Mi lavo i denti, mi lavo il coso, prima dei rapporti. In passato anche il mio respiro le dava fastidio. Adesso no, ma in passato è successo. Forse è normale. Un grande scrittore in un suo romanzo disse che in una coppia si finisce per provare tutto lo spettro delle emozioni umane. Lo dovrei accettare. Non lo so. Cavolo, un bacetto ogni tanto la sotto, mi farebbe sentire accettato fisicamente. Anche questo è tremendo? Forse lei fa a botte con la fisicità mia e sua. E questo mi fa soffrire. Ma non lo so. Questo comunque non lo riesco ad accettare. Questo non fa parte della comprensione infinita. Io sono fatto di questa carne. Devo riflettere. Spero che domani continuiamo a parlarne, ma da domani i miei interventi, per motivi contingenti, saranno saltuari. Grazie a tutti, sto per chiudere nei prossimi minuti il PC.
  14. Senti, a me il sesso orale piacerebbe, ok? E mi piace pure tantissimo farglielo. Ma non è questo il punto. Questa discussione è nata sulla bruttezza dei genitali. Ingenuamente, mi piacerebbe che lei accettasse con benevolenza anche le nostra parti intime. Comunque, inizio ad avere le idee confuse: joker mi sta mettendo in crisi (nel senso buono). Anche mio mi sta aiutando.
  15. Parli come lei, e non capisco quello che vuoi dirmi, come per lei. Se c'è qualcosa dietro, non l'ho capito nemmeno io. Cavolo, dimmi altro di quello che pensi. Io pensi che lei mi ami. Devo riflettere su quello che dici.
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.