Vai al contenuto

Pubblicità

matteo22

Membri
  • Numero contenuti

    4
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su matteo22

  • Rank
    Nuovo utente
  1. no alla fine se si parla con il cliente, non dovrebbero esserlo. poi dipende anche dal lavoro, bisognerebbe provarlo. ci sono soluzioni per questo, che ne so pensavo ad ipnosi o antidepressivi, sinceramente nn ne posso più di soffrire per questa situazione, poi accadeva che ci dormivo sopra e passava tutto, dopo l'ultimo lavoro ogni volta che ci dormo sopra ricomincia tutto da capo.
  2. invece no, non che metta in dubbio il ragionamento, ci mancherebbe. invece se avessi un lavoro dove stessi a contatto con le persone ma senza troppe responsabilità (prima ero tecnico, perciò il contatto con le persone era: problemi problemi lamentele problemi), cmq tornando al discorso sarebbe magari un pò più accettabile la cosa. però non si può neanche trovare il lavoro perfetto, e mi starebbe bene accontentarmi se nn fosse per uqella cosa. sicuramente c'è qualcosa che lo causa anche se nn capisco cosa. ps. vi ringrazio davvero per le risposte serie e la comprensione, avevo paura di trovare ragazzini che mi avrebbero deriso, invece sono molto soddisfatto della conversazione
  3. grazie per le risposte e per la comprensione, in teoria c'è l'emisfero destro e sinistro. ma è possibile che sia un emisfero a fare questo "scherzo"? io sinceramente pensavo che questa sensazione venisse dal subconscio (ovviamente è un'opinione campata in aria). fin da bambino sapevo che quello sarebbe stato il mio lavoro, come lavoro in se per se mi piace moltissimo, purtroppo però si ha contatto con le persone, e questo lo ha rovinato davvero, e sinceramente non so se mi ci ributterei. perchè mi può succedere una cosa del genere e che posso fare per risolvere? idiozia: l'ipnosi potrebbe essere la soluzione?
  4. Salve, sono Matteo, so che il titolo è eccessivo ma sinceramente ho un problema e nn so più che fare. so che ci sono problemi piu gravi nel mondo ma per me è un problema serio perciò spero che nn mi deridiate e che comprendiate. Ho avuto per 4 anni una piccola ditta, dove lavoravo da solo, tra un problema e l'altro sono riuscito a tirare avanti. Purtroppo la ditta non è mai partita per bene (andavo sempre in pari) ed ho deciso di chiuderla. Ora sono iniziati i problemi, non so perchè il mio cervello è come se fosse diviso in due parti. vi spiego meglio. in 4 mesi mi sono capitati 3 lavori, il primo era palloso e dopo una settimana l'ho lasciato. il secondo mi hanno fatto sgobbare il primo giorno 14 ore consecutive e l'ho lasciato. il terzo lo immaginavo palloso e non l'ho neanche iniziato. ora penserete "questo non ha voglia di lavorare", purtroppo non è così, mi succede che una parte di me è contenta e non vele l'ora di mettersi a lavoro, appena lo inizio alla prima difficoltà l'altra parte di me inizia a darmi delle brutte senzazioni, come se quel posto non fosse per me e che quel posto assolutamente non mi piace. la cosa è talmente forte che mi spinge a non accettare nessun lavoro (non riesco davvero a resistere). purtroppo non avendo un lavoro ideale, sono in un punto di crisi, dove inizio a pensare a cosa fare nella vita ed inizio a star male perchè ho paura di continuare così; ho paura che ad ogni lavoro si ripeta la stessa storia e non so davvero cosa fare.
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.