Vai al contenuto

Pubblicità

vaisolo

Membri
  • Numero di messaggi

    35
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda vaisolo

  • Rango
    Utente attivo
  1. secondo me il ridere dietro agli altri è una pratica sempre + diffusa e me ne accorgo lavorando a contatto con la gente e girando postlavoro.son una persona sensibile e son sempre stato attento a ciò che mi succede attorno assorbendo un pò tutto.Credo che faccia molto male essere irriso anche xchè in un sol attimo pare che ti cada tutto il palazzo che ti 6 construito con le tue certezze o presunte tali.La spiegazione credo che sia nel male che c'è in ognuno di noi...una sorta di io son meglio di quello.Il diverso fa parlare di sè. Può anche essere un qualche particolare del tuo aspetto ad influenzare le risa altrui.
  2. vaisolo

    calo di autostima logorante

    mai andato da uno psicologo,mai avuto problemi di nessun tipo fino ai 25 anni;in seguito a vari cambi di lavoro in un breve lasso di tempo+screzi con mio padre ho patito per circa 3 anni di una leggera forma di ansia che mi ha lascito qualche leggero strascico.son sempre stato molto sensibile ed emotivo da bambino.
  3. vaisolo

    calo di autostima logorante

    ciao e buone ferie a tutti. devo essere sincero,come autostima tipo banda del videogioco direi che ho quasi sempre 100!Le circostanze che mi ha posto davanti la vita mi han forgiato assai;però c'è un però.. a volte quando mi trovo nel mucchio è come se avessi bisogno di conferme continue per sapendo quanto valgo.ci son volte che esco dai locali ed invece di essere contento e goduto mi metto a farmi seghe mentali stupide.Può darsi sia dovuto al fatto che nella mia vita in questo momento non ho una "tipa".Bha,è come se dato il mio spirito di osservazione stessi sempre troppo attento a ciò che mi succede attorno.
  4. vaisolo

    calo di autostima logorante

    confortante!Grazie per la risposta. a volte mi pare che le persone siano in giro per spargere m spassionatamente e per far crescere la loro autostima.una cosa che fa parte dell'adolescenza.Della serie 2 spalle larghe così!
  5. vaisolo

    calo di autostima logorante

    avete mai vissuto momenti in cui avete avuto dei forti cali di autostima al punto di sentirvi derealizzati?alcune volte mi succede quando trovandomi in mezzo alla gente ho la senzione che taluni mi stiano giudicando e stiano ridendo di me x qualche motivo.Trovo sia una situzione da sega mentale assurda un pò tipica di questa società eppure capita....è come se dopo avessi bisogno di ritrovare tutte le conferme e certezze di cui pensavo di esserne certo ed in quel lasso di tempo mi sento una mexxa
  6. guarda ciò che dici ha molte attinenze a ciò che mi succede.Ho cominciato a cercare Dio attraverso Gesù nel momento in cui ho cominciato a soffrire e ho accantonato un pò la "bambageria";è stato un percorso graduale che poi si è sviluppato molto e mi ha dato molta forza.Andando a ritroso nel tempo ho collegato molti eventi e cose che mi son successe alla forte presenza divina.La cosa che mi scazza un pò è che non riesco a darci un taglio drastico ai peccati!Grazie a tutti per le risposte.
  7. Volevo sapere così per mia curiosità chi di Voi era veramente credente e se sì che tipo di percorso è stato, se derivato dalla famiglia o da voi stessi.Come vi ha aiutato e quanto peso gli date.Ciao e grazie
  8. ...ho anche paura di perdere la salute fisica.
  9. son d'accordo,mi capita a volte di mantenere ritmi di vita troppo frenetici che mi esauriscono alla lunga...quindi come dice tex anche la paura di perdere l'equilibrio la razionalità che bene o male mi ha sempre contraddistinto.Un mio limite o pregio non sò come definirlo è anche che faccio troppo caso alle cose che mi circondano:mi capita di osservare troppo gli altri...mi sembra che ormai la ragione c stia abbandonando;mi sembra che questo mondo non mi appartenga più appieno.Ad esempio oggi sentivo un mio collega che pareva fortemente intenzionato ad andare a trans e sta cosa detta da questa persona mi ha mandato in paranoia(mi vengono delle fitte in testa).Insomma avrei molte meno paure se me ne sbattessi di più.
  10. mi guardo dentro e penso spesso al quotidiano...finita la giornata di lavoro,lavato,sportato,ecc...ecc...mi assalgono spesso delle paranoie sul gg che verrà,se ce la farò,se riuscirò a migliorarmi.Forse vi sembrano banalità,ma vorrei sapere da tutti voi quali sono le vostre paure quotidiane,come le superate e cosa vi dà la forza di continuare a lottare.
  11. già arrivare sempre arrabbiato è una cosa da valutare...poi personalmente quando non 6 sereno e hai dei pensieri con la ragazza\moglie indubbiamente anche dal pto di vista sessuale si è out!Io son dipendente e tanti indipendenti stanno lasciando per tornare dip,non ultimi un paio di amici che dopo 6 anni di esperienza in proprio vorrebbero già ritornare a fare quel che facevano sotto padrone,ci vogliono palle di ferro sul serio.Non siamo dei robot purtroppo.Oggi vado al bar per una velocissima pausa,incrocio un ex collega che mi ha detto di aver avuto una forte crisi di panico(tanto per cambiare!!),è restato bloccato sul furgone e non riusciva più a far nulla,ricoverato in ospedale per accertamenti,tutto ok,ma gli han consigliato di change lavoro.Altro caso dettomi da mia madre(che non sa nulla del mio periodo no)una figlia di una sua amica che l'han ricoverata causa eccesso di stress per il matrimonio e problemi vari.Che sia Satana xxxxxxxxxxx?della serie resteranno i duri del roadhouse?
  12. ciao,ehh allora sarai sicuramente contenta di tuo marito! dite cosa volete ma secondo me bisogna necessariamente rallentare un pò e darci una ridimensionata.Sono dell'idea che si debba lavorare per vivere e non viceversa.Credo che tu per lui puoi essere la medicina giusta se c'è un buon rapporto.Le cose che mi danno la forza di proseguire con + o - coraggio sono:la fede,l'amore,l'amicizia,lo sport. E' chiaro che il trovarsi tutti gg davanti uno che non puoi vedere o che devi sopportare a forza è deleterio e l'esaurimento nervoso arriva.Il mio caso è un pò diverso xchè spero che si allevi la cosa il prima possibile.Comunque i medicinali se assunti non a sproposito,ma quando l'organismo lo richiede non sono deleteri anzi... p.s:x gli altri,penso che avermi come marito non sarebbe così male!
  13. ti capisco benissimo,la mia solidità psicofisica è stata perfetta fino a 25 anni, poi purtroppo una serie di forti pressioni e stati emotivi scoraggianti mi hanno portato strappare la corda(senza mai vivere situazioni completamente destabilizzanti).Ora son 3 anni che non mi sento + tenace come prima. il consiglio che ti posso dare sulla base della mia esperienza personale è che devi lavorare tu stessa sulla tua ossessione,gli aiuti esterni son importantissimi ma infondo la grande vittoria di questa vita è comprendere noi stessi e riuscire a dominarci da soli.Quando rompi i tuoi equilibri cominci a farti un sacco di paranoie assurde,spesso i medicinali possono dare una mano per ritornare in strada.Se accerterai che la tua salute è ok come penso cerca di tenere il + possibile la mente impegnata nei tuoi hobbies e nelle cose che fai senza crearti problemi,isomma riparti dalle cose salde e positive.
  14. son tornato dalle vacanze e al lavoro mi son trovato un programma da paura che mi ha messo in una situazione di ansia abbastanza forte al punto di avere delle fitte in testa e senzazione di capogiro.Ho un buono stato di salute dovuto ad una vita abbastanza attiva e pratico sport;mi son reso conto di quanto possa essere deleteria la tensione e lo stress,l'altra sera ho cominciato a pensare alla dura giornata lavorativa che mi sarebbe aspettata il giorno dopo e mi è venuto un batticuore che mi ha spaventato.Così mi son rotto le palle e prima di partire mi son fatto cinque gocce di ansiolitico(xanax) col risultato che: 1)mi ha rilassato il giusto permettendomi di restare concentrato 2)ho accusato molto meno la fatica 3)la sera ho avuto voglia di fare altro senza farmi troppe seghe mentali per il domani. anche il mio collega mi diceva che non doveva pensare al lavoro da fare altrimenti andava in paranoia e il lunedì pensava già al martedì che merda sarebbe stata,spero di limitare il più possibile i farmaci ma tra stare male o meglio prefarisco la seconda, sperando che passi velocemente sto carico mansile...consigli?Avete vissuto momenti simili?Mi era capitato tempo fa quando avevo deciso di cambiare lavoro e il nuovo che ero andato a fare era peggiore del precedente+problemi caratteriali con mio padre.
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.