Vai al contenuto

Pubblicità

tissan

Membri
  • Numero di messaggi

    142
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda tissan

  • Rango
    Utente assiduo

Profile Information

  • Gender
    Female

Ospiti recenti del profilo

929 lo hanno visualizzato
  1. tissan

    Bambino con crisi

    Ciao a tutti, vorrei un aiuto/consiglio. Ho un bambino di 4 anni e più cresce e più mi rendo conto che soffre del mio stesso disagio. Io soffro di una sindrome ansioso-depressiva per la quale da qualche anno prendo degli psicofarmaci. Il mio bambino è ancora piccolo (ripeto: 4 anni) ma è evidente che è un bambino molto nervoso e pauroso, e ha molta difficoltà ad accettare le piccole avversità della vita. Sembra una banalità, ma secondo me il suo comportamento non è normale. O meglio, lo sarebbe se fosse più contenuto, ma in certi momenti ha delle vere e proprie crisi di nervi.... Secondo voi a questa età vi è possibilità di intervenire con dei farmaci (chiedo qui per avere una prima indicazione, poi è ovvio che sarà uno specialista ad indirizzarci)? Secondo me è presto, ma allo stesso tempo così la situazione è insostenibile.... soprattutto per lui che mi sembra soffra. Grazie a chi risponderà!
  2. tissan

    A che ora?

    A voi quando è stato detto di prenderli?
  3. tissan

    A che ora?

    Ciao a tutti, Una domanda veloce: secondo voi gli psicofarmaci è meglio prenderli la mattina o la sera (e perchè?) ? E lontano dai pasti? Grazie.
  4. tissan

    Psicofarmaci a vita

    Grazie, Tex. A presto!
  5. tissan

    Psicofarmaci a vita

    Ciao Tex, Ti sono molto grata per la tua risposta molto esaustiva. Mi hai trasmesso tanta forza e tanta serenità per poter superare questo periodo critico della mia vita. A questo punto volevo chiederti solo altre 3 cosine. 1) Quanti anni hai adesso? 2) E poi: lo Zoloft ti è stato prescritto da un medico italiano (se non sbaglio tu vivi all'estero e probabilmente sono più avanti nella cura di ansia/depressione)? 3) Lo Zoloft lo prendi in gocce o pasticche (ho sentito dire che gli psicofarmaci in pasticche funzionano meglio)? Ancora grazie di cuore, buona giornata!
  6. tissan

    Psicofarmaci a vita

    Carissimo Tex, Grazie di cuore per la tua risposta. Penso che sia molto importante per noi che soffriamo di patologie similari sostenersi a vicenda. Colgo l'occasione per chiederti (se non sono indiscreta): tu di cosa soffri esattamente? Spero di riuscire anch'io a trovare la serenità che hai tu. In effetti ormai credo di non poter più vivere senza psicofarmaci e devo farmene una ragione senza vivere un dramma. A proposito, io nel tempo ne ho cambiati 2 ed entrambi mi danno lo stesso problema: sensazione di "rimbambimento" con intuibili conseguenze (mi capita spesso di fare errori di distrazione al lavoro, di dimenticare cose, ecc.). Anche a te capita lo stesso? Grazie ancora per il tuo supporto!
  7. tissan

    Psicofarmaci a vita

    Mi colpisce il fatto che, nonostante le centinaia di visite in questo post, oltre Otacon nessuno ha lasciato un commento. Evidentemente si è in pochi a far uso di psicofarmaci, nonostante si dica il contrario....
  8. Grazie mille per la risposta. In realtà ho già prenotato per ottobre una visita da uno specialista, ma ho scritto qui per vedere se ci fosse qualcuno che si è trovato in situazioni simili. Comunque io so che crisi di questo tipo sono normali in bambini di quest'età , ma è la frequenza che mi spaventa! Spero che mi stia sbagliando e che possiate contraddirmi. Saluti! PS: per la verità io non penso che già soffra di depressione, ma che il suo nervosismo possa essere un'altra faccia di una stessa medaglia.
  9. Ciao a tutti, Ho un bambino di 3 anni che mi dà motivo di preoccupazione. E' un bambino che reputo normale. E' molto vivace, è allegro, sempre sorridente e pronto a scherzare. Sa essere anche molto dolce dispensando baci e abbracci a noi genitori e ai nonni. Tuttavia ha dei momenti di vere e proprie crisi. Di solito accade al risveglio del sonnellino pomeridiano che si trasforma. Di solito si sveglia nervosissimo, si butta a terra, dà calci e schiaffi, urla e si dimena. Ho provato più volte a chiedergli cosa gli succede, di cosa abbia bisogno, ma non risponde (continua a urlare e dimenarsi). Il tutto capita tutti i giorni (come dicevo, di solito capita al suo risveglio dopo il riposino pomeridiano, ma a volte accade anche in altri contesti) e, quando gli passa questa crisi (che può durare anche una 20na di minuti), torna ad essere il bambino dolce e gioioso di sempre. In realtà è sempre stato molto nervoso/capriccioso, ma speravo che con la crescita le cose sarebbero migliorate, invece nonostante i suoi 3 anni è cambiato ben poco. Ci tengo a precisare che questa cosa mi preoccupa in particolar modo perchè, come avrete letto nei miei post della sezione "chi mi aiuta", soffro ormai da una 15na d'anni di ansia e depressione e non vorrei che questo suo atteggiamento sia un indice del fatto che soffra dello stesso disagio.... Cosa ne pensate? Grazie
  10. tissan

    Superstrade

    Angelo, grazie per la risposta. Potrebbe darsi che tu abbia ragione, ma di che si tratta esattamente?
  11. tissan

    Crisi d'identità

    Ciao Tosco, Secondo me, sì, la tua personalità è questa nuova; infatti è questa che desideri ed è questa che ti fa stare bene. Per quanto riguarda i tuoi amici, credo che tu possa tranquillamente frequentarli. Non penso che per essere amico di qualcuno bisogna necessariamente avere gli stessi hobby e lo stesso tipo di vita. Certo, è chiaro che non potrai condividere tutto con loro e forse dovrai ridurre le uscite, ma ciò non significa che devi rompere i rapporti. Un saluto!
  12. Ciao Erasmus, Secondo me è evidente che il tuo psicologo ha trovato un pretesto per non seguirti più (molto probabilmente perchè scontento del disguido economico che avete avuto). Sicuramente è stato poco professionale e la scusa che ha usato è chiaramente ingiusta. Che dirti... mi dispiace!
  13. tissan

    Superstrade

    Ciao a tutti, Come ormai ho segnalato in diversi post, soffro di ansia e depressione. Ultimamente notavo che la cosa che mi procura maggiore ansia è guidare in superstrade / autostrade. Forse è una sorta di agorafobia... In ogni modo quando sono in queste strade a percorrenza veloce ho il TERRORE di perdermi. Se per esempio sbaglio l'uscita, mi viene quasi un attacco di panico, nonostante sia munita di navigatore. Ho notato inoltre che sono anni che faccio il sogno ricorrente di perdermi per strada (in auto ma anche a piedi) e di non riuscire a tornare a casa. Cosa vorrà dire? Come superare questo problema? Nessuno di voi ha avuto un problema simile? Grazie!
  14. tissan

    Psicofarmaci a vita

    Nessun'altra esperienza/opinione?
  15. Ciao, Scusa, ma non ho capito: quando il tuo ragazzo ti ha proposto di guardare insieme quel tipo di video ti ha detto il perchè? Tali video lo eccitano o trova altro tipo di piacere nel vederli?
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.