Vai al contenuto

C.L.B

Membri
  • Numero di messaggi

    150
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda C.L.B

  • Rango
    Utente assiduo
  • Compleanno 08/06/1987

Contact Methods

  • Website URL
    http://
  • ICQ
    0

Profile Information

  • Gender
    Female
  • Location
    Sicilia
  1. Ciao Valleallee benvenuta, perchè ti interessa sapere se rientra in una patologia o meno, non sarebbe meglio per te capirne il motivo?
  2. Tissan io credo che sia meglio che ne parli con il tuo medico, perchè comunque qui esprimiamo opinioni, ma nessuno conosce veramente la tua storia. In bocca al lupo
  3. Ciao Tissan, io sono in una posizione un pò diversa rispetto a lignano. è vero che la depressione come anche altri disturbi psichiatrici dipende da fattori diciamo genetici e ormonali e quindi un trattamento farmacologico è necessario. Però la vita di una persona non è scritta nel solo DNA e ci sono fattori ambientali che hanno contribuito il formare del tuo disturbo e se non riesci a gestire bene gli eventi quando stai male credo che un supporto psicologico sia importante. Prendilo come un consiglio, perchè il farmaco non cura la malattia ma inibisce il sintomo, ma se alla base ci sono altri problemi per esempio di tipo relazionale di certo non li risolvi con i farmaci.
  4. C.L.B

    ritrovare l'entusiasmo

    Secondo me la voglia di vivere non la ottieni se continui a fare le cose "perchè le devi fare". Come può la tua mente trovare uno stimolo e interesse in quello che fai se le viene imposta?! Visto che comunque a mio parere la voglia di fare non ti manca perchè comunque in ogni caso con voglia o no la fai, perchè non impieghi queste energie in qualcosa che potrebbe veramente piacerti?
  5. C.L.B

    Sto cercando aiuto

    Ciao anamedestruit, ma con chi vivi? Non sei con i tuoi genitori? Credo che a causa dei disturbi alimentari tu debba necessariamente seguire una psicoterapia, individuale e/o di gruppo. Vai all'asla, credimi costa veramente poco.
  6. C.L.B

    Aiutare un' uditrice di voci

    Si Haran capisco benissimo cosa dici, però ti dico anche che è quasi normale che accada qesto. Io lo scorso anno ho fatto qualche mese di tirocinio in una comunità con pazienti schizofrenici e loro stessi mi dicevano proprio questo che avevano sempre sonno ed erano svogliati a causa dei farmaci. Si uscivano facevano qualcosa in casa però si stancavano presto e dormivano quasi sempre! Comunque parlane con la Dott.ssa e in bocca al lupo!
  7. C.L.B

    Aiutare un' uditrice di voci

    Haran non credo che questo sia possibile. Questi farmaci sono tutti diciamo dei sedativi, se non lo fossero lei perderebbe completamente il controllo. Credo che sia meglio provare finchè non si trova quello adatto. Comunque io non sono psichiatra quindi in fatto di farmaci non ti posso consigliare. Meglio che ne poarli con la dott.ssa che la segue Un abbraccio
  8. C.L.B

    Aiutare un' uditrice di voci

    Haran si, i farmaci sono indispensabili. Per parafrenia si intende schizofrenia, e questo disturbo purtroppo non ha esito positivo. Dovrà prendere i farmaci sempre per calmare i sintomi, se non li prendesse probabilmente starebbe peggio. Voi credo che potrete aiutarla nel quotidiano, non avendo lei iniziativa potreste affidarle piccoli compiti per esempio aiutarvi in cucina, fare insieme la spesa o le pulizia a casa. Insomma impegnarla in qualche compito! perchè purtroppo lo schizofrenico anche se non ha un contatto con la realtà però apprezza se non lo si tratta solo come una "malato" a cui somministrare solo farmaci. Vuole, e mi pare più che giusto, essere trattato come un essere umano. per questo sarebbe importante una psicoterapia. Purtroppo capisco quanto è difficile a volte stare a contatto con questo disturbo però il coinvolgimento è necessario per non isolarla del tutto.
  9. C.L.B

    Aiutare un' uditrice di voci

    La forza credo che la trovi semplicemente nel fatto che è tua madre. Non avevo capito che frequenta il CSM, quindi credo che più di questo non possa fare. Purtroppo le psicosi non sempre sono guaribili, anzi è molto improbabile.
  10. Ciao sweetStellina, come stai? come va con le tue ex amiche?
  11. Ciao Gee gee come và?
  12. C.L.B

    Aiutare un' uditrice di voci

    Ciao Marzio, ti dico sinceramente che alla fine del tuo racconto mi sono commossa perchè anch'io sono solo figlia per adesso e capisco la tua sofferenza! Comunque, la diagnosi è di schizofrenia? In quel caso credo che i farmaci sono assolutamente necessari per contenere le allucinzioni e i deliri come gli altri sintomi che ne derivano. Però credo che una psicoteraopia debba assolutamente associarla. Per esempio ci sono delle psicoterapie di gruppo di relazioni riabilitative utili per i pazienti schizofrenici che li aiutano a stabilire un contatto con gli altri lavorando molto con e sul corpo, per esempio si usa lo psicodramma. perchè non ti informi all'asl? Farla stare da sola a casa peggiora tutto, sia lei che voi. un abbraccio
  13. Allora aspetteremo la diagnosi
  14. Sai gee gee sono molto contraria a queste auto diagnosi che la gente si fa. ormai usiamo internet per tutto pure per capire se siamo sani o malati! Arrossire credo che sia una normale reazione fisiologica-emotiva quindi non è mica detto che sia patologica. magari lavorando sull'autostima andrà via anche "l'arrossire" di fronte agòl altri. Anch'io mi identificavo in tutto quello che trovavo nei libri che studio...una volta sono borderline, un'altra ossessivo-compulsiva, un'altra ancora paranoica....ma con il tempo ho capito che è sbagliato e che la nostra mente ha un'enorme capacità di adattamento ed immedisimazione che finisci per avere tutto quello che leggi. Non dico che sbagli ad informarti ma prendi con le pinze quello che leggi.
  15. Beh gee gee, non c'è un trattamento per i disturbi più espliciti e per quessti non manifesti, c'è una psicoterapia che fa stare bene il paziente e lo fa sentire a proprio agio. Se vuoi capire le cause del disturbo allora vai in uno psicoterapeuta orientato verso questo. Inoltre mi chiedo...tu parli di eritrofobia, ma è una diagnosi che ti sei fatto autonomamente con internet? Un grosso in bocca al lupo e facci sapere!
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.