Vai al contenuto

Inizca

Membri
  • Numero di messaggi

    10
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda Inizca

  • Rango
    Nuovo utente

Profile Information

  • Gender
    Female
  • Location
    Fano
  1. Io consiglierei di prendere un animale... un cucciolo... qualcuno di cui curarti e poi vedrai che quando lo porti fuori, a parte fare movimento anche involontariamente (e non ti peserà) riuscirai a socializzare meglio. Sono sicura che funzionerà. Auguri
  2. Non lo so, partire dal presupposto che non sei tu che sbagli... non è proprio il massimo. Stare da soli è bellissimo, se è una solitudine che costruisce anche senza volontà e non so se mi capisci. Però secondo me sei semplicemente un po' immaturo a 26. Attenzione al fisico, pensare che le donne cercano uomini "altruisti"? Magari è più importante la personalità. Dire no, rifiutare a volte proposte o richieste indica un temperamento forte, un indole ben definita e determinata. Insomma mica sei un cane da compagnia che devi essere condiscendente e sempre disponibile. Le donne magari cercano
  3. Io non avrei aspettato così tanto, ma hai fatto una buona scelta. Lui non ti riguarda più... forse i tuoi figli potrebbero aver bisogno di comprendere bene la tua scelta, ma dici che ormai l'hanno accettata e la condividono quindi... Fossi in te, non lo calcolerei più... dando per scontato che ormai le vostre strade sono divise... io mi guarderei intorno, gruppi di palestra over 40, volontariato, gruppi senior di ballo che sono sempre divertenti e tengono in forma. Prima o poi si stancherà anche lui... nel caso si unisse ai tuoi interessi e te lo trovassi tra i piedi, appoggiati a tutto i
  4. Ciao Fra o Nixy, sei giovanissima. Cmq ho più o meno la tua stessa esperienza però adesso ho 40 anni. Ho fatto moltissimo volontariato, dicevano che ero buona sensibile, ma in realtà lo facevo per stare fuori di casa e poi mi permetteva anche di scegliermi le persone con cui stare. Nel tuo caso noto troppe aspettative da parte dei tuoi genitori, non danno mai la colpa a te, dicono che gli altri sono invidiosi di te, tua madre pensava che tu fossi talentuosa nel pattinaggio (bellissimo sport)... credo che devi iniziare a pensarti più come una ragazza normale, lasciando che tutto quello che d
  5. Angelo Crucitti, non hai capito la visione di un padre. Faresti almeno una buona cosa ad accettarlo, visto che non sei padre (mi pare di capire). Voltan secondo me ha fatto un intervento molto utile ed inerente alla storia peccato che chi ha aperto la discussione probabilmente si sia spaventata dai primi post di riscontro... un po' cattivi. Secondo me se non c'era il problema dei soldi ce ne sarebbe stato un altro, se non c'era il problema della nazionalità/etnia ce ne sarebbe stato un altro. Personalmente preferisco uno spiantato straniero, ma con buona volontà (documentabile :D) rispetto
  6. Angelo ci sono due concetti che non c'entrano con i sentimenti: Il tempo della durata... nessuno sa quanto dura la vita. Meglio un giorno da leoni o 100 da pecora. E poi il concetto di "sicuro"... un amore sicuro che da garanzie? quello scelto con la testa? Mah... quello è più un contratto di noia per la vita. Non sono la paladina dell'amore. Vivo un rapporto complicato, lui non lavora, conviviamo da un anno, lo conosco da tre anni. Abbiamo la stessa età per quello che vale. Io non sento, lui è udente. Io lavoro, un buon lavoro quasi in carriera. Lui non ha la patente. Io sono laureata lui
  7. Il "così fan tutti" finale di suo marito fa capire la distorsione. Cerca giustificazioni, mentre all'inizio sentiva più il senso di colpa. Credo che si sia ad un punto di non ritorno, per cui ogni perserveranza nella condizione attuale rappresenti un'ottusa dipendenza a qualcosa che non c'è più... Io inizierei a guardare avanti, a 50 anni si può ricominciare una nuova vita. Ci sono tante possibilità uscenda dal nostro piccolo, ristretto ed insignificante ambito esistenziale. Direi che è ora di prendere in mano la situazione con tutta la responsabilità dimostrata precedentemente, dire Graz
  8. Inizca

    Problema familiare

    Io concordo con Lorella, ispiri un po' di compassione. Comunque dovresti considerare la possibilità di consolidare le tue affermazioni più in base alle tendenze che alla tradizionale visione dei sessi. Allora la tendenza qual'è? Ci sono molti più divorzi, ci sono molte più coppie di fatto, ci sono sempre più donne emancipate e lavoratrici, si concede (in via tendenziale) sempre di più l'affido o l'adozione (all'estero) a donne single... Un giorno faranno studi psicologici sul confronto tra la durata di un matrimonio gay maschile o gay femminile... Io ti consiglierei di vivere con più lungi
  9. C'è consequenzialità. La persona insoddisfatta del suo lavoro o dei suoi affetti e quindi con scarse soddisfazioni anche a livello sociale... tenderà a vivere con più stress e a sfogarlo magari con regimi alimentari o stile di vita inopportuni ad una salutare esistenza. Quindi la causa potrebbero essere all'origine i sentimenti, ma passa attraverso la capacità di reagire dell'individuo e questo risiede solo nella sua psiche/geni. Molti che sono nati sfortunati (con malattie, patologie oppure senza genitori o sono stati abbandonati) riescono ad avere un'esistenza più che ottima e a trovare pr
  10. Sembri avere un notevole bagaglio "culturale" relativo alla "diminuzione dell'altro" perchè non ci ragioni un po', fissi dei punti e usi la logica per dedurre e trarre le tue personalissime conclusioni? Poi le pubblichi e potrai così leggere tutti i confronti/approvazioni/disapprovazioni e critiche da parte degli addetti ai lavori e non.... Buon proseguimento
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.