Vai al contenuto

Pubblicità

renee

Membri
  • Numero contenuti

    161
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su renee

  • Rank
    Utente assiduo
  1. Magari "l'invidioso" era solo nervoso per un litigio e si arrabbia con il suv, no? :)
  2. ciao zazà! Mi spiace che non vada bene in questo periodo :( Sì, ci vorrebbero più informazioni per valutare una reazione... a volte ci possono essere dei comportamenti inspiegabili che, siccome uno non riesce a spiegare, si riconducono all'invidia. Se una persona parla male di te alle tue spalle senza che tu le abbia fatto nulla o dice che un'idea che hai tu fa schifo e poi te la copia, che significa? Non lo so...
  3. grazie per i numerosi pareri, è sempre bello lo scambio di opinioni
  4. renee

    Amici

    per non uscire puoi semplicemente inventare delle scuse come fanno molte persone...il problema secondo me non sono i tuoi amici e i loro discorsi puerili ma come ha scritto Egocentrum forse il problema è che tu ti senti in obbligo di uscire con certe persone per nn sentirti in colpa. Se non vuoi uscire più con determinate persone, queste se ne faranno una ragione, come te la puoi fare tu se qualcuno si rifiuta di stare in tua compagnia.
  5. mi fido poco, in genereci vuole molto tempo prima che riesca a confidarmi
  6. Ciao a tutti, secondo voi come si riconosce se una persona è invidiosa o gelosa? N.B. è da un po' che non scrivo e spero stiate tutti bene
  7. Ciao Dori, anche se questo è un momento difficile per te, la forza per lottare e superarlo non ti mancherà. Ti siamo vicine anche se solo con il pensiero....
  8. Adesso che ci penso, aveva anche gli occhi lucidi all'inizio della seduta e sembrava stanco....mi sa che era una conseguenza :D Ho pensato pure che fosse successo qualcosa e che fosse preoccupato..che deficiente che sono :D Cosa darei per sapere chi era la donna che stava con lui; io non sono più gelosa (ormai ho capito che non sono il suo tipo) ma vorrei sapere almeno come sono le donne che gli piacciono...magari capisco qualcosa in più anche degli uomini..... mi immagino una bonazza prosperosa e poi magari non è così...magari c'era un uomo :D
  9. ho paura di star diventando insonne pure io...cmq visto un po' la direzione che sta prendendo il topic ho pensato di scrivere una cosa che è successa qualche giorno fa e che mi ha lasciato abbastanza turbata...Infatti, all'entrata appena ho visto lo psi, ho notato una vistosa erezione....ora io non sono molto esperta in queste cose...ma devo supporre che prima che entrassi io, cioè con la paziente precedente debba essere successo qualcosina...cioè adesso mi sta venendo la curiosità di sapere chi è la paziente che viene prima di me. Non avevo mai pensato che potesse succedere una cosa del genere in terapia, cioè ormai lo vedevo come un essere asessuato e invece...oplà Scusate se vi ho raccontato questa cosa, ma visto che si parlava di argomenti attinenti, ho pensato di riportare l' episodio per poterci capire un po' di +
  10. un bacio per la vita

  11. E' un libro di Carotenuto.. "Riti e miti della seduzione". C'è un capitolo che parla proprio di transfert e controtransfert e della seduzione come difesa e volontà di controllare l'altro nel setting analitico Nel libro è presente anche un dialogo immaginario tra l'anima di un analista e quello di una paziente...ne riporto quache stralcio, io lo trovo molto realistico. Per esempio questo: Paziente: Eccomi qui, le parole mi escono a fatica, racconto una storia e intanto scruto il tuo volto per capire ciò che provi, per capire se sei sincero, se davvero mi aiuterai (..) Analista: Eccola, ora mi chiede di cominciare a vivere una vita che non conosce. Le sorrido, è intelligente, forse non fraintenderà...Ora le dirò che scopriremo insieme cosa si nasconde dietro la sua sofferenza (...) Paziente: La mia vita riprende lentamente a scorrere. Voglio che tu sia fiero di me, di come imparo ad affrontare l'esistenza. Smetto di nascondermi. Sei il mio modello, osservo e imparo da te (....) Silenziosamente mi approvi lo so (..) Non riesco a pronunciare il tuo nome. Qualcosa mi frena. L'intimità che talora immagino mi fa paura. Imbarazzata esito a raccontarti sogni in cui facciamo l'amore. Poi mi decido. Ma ho paura di questo desiderio (...) Analista: Ancora una volta varca la soglia del mio studio, il suo passo è mutato. Ha rialzato la testa, nei suoi occhi sognanti colgo un'offerta d'amore (...) In istanti come questo il tuo sorriso mi disarma quasi mi cattura. Eppure so che quel che adesso sogni felice, al risveglio ti apparirenne solo un crudele tradimento. Cacciati dal sogno, ci ritroveremmo soli (....) E poi va be' continua....
  12. mmm....non credo che poi possa rielaborare l'accaduto con colui o colei con cui ha consumato...sarebbe un'ulteriore manipolazione da parte del terapeuta credo
  13. Ho letto un libro che accenna all'argomento, in un certo senso la tesi si avvicina a quello che ha detto Juditta. Un'ipotesi è che non si potrebbe cadere nell'agito sessuale perchè in realtà il paziente non è innamorato dell'analista ma proietta su di lui solo dei suoi aspetti interni; il terapeuta che sa del meccanismo che si innesca tradirebbe l'intimità e la fiducia che ha conquistato. Tuttavia, se in casi eccezionali ciò accadesse, questo "danno" deve essere rielaborato dal paziente e sta alla sua capacità di farlo la possibilità che questo non gli crei ulteriori disagi.
  14. scusa...avevo interpretato in tutt'altro modo!
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.