Vai al contenuto

Messaggi consigliati

gia' gia'...

si chiama EMPATIA ed e' una delle qualita' che la PNL dubito possano insegnare.....

....

ecco appunto, è proprio quelo che dicevo!!! :;):

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


  • Risposte 64
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

volevo aggiungere una cosa.

Quando ho fatto psicoterapia la mia psicologa mi ha fatto notare che sono una persona molto sensibile ai problemi della gente e potrei definirmi empatica, la frequentazione del forum mi ha permesso di appurare questa mia qualità (una me la posso attribuire? sono più modesta di solito :D: ), però io non ho mai studiato psicologia, se non qualcosa letto qua e là per cultura generale e tantomeno PNL che ho imparato qui cosa sia. Non so quanto questi studi possano essere utili se non si ha una sorta di predisposizione verso gli altri...

Premetto che credo fortemente in questa disciplina (la psicologia) tanto che grazie ad essa oggi sto molto meglio di un anno fa, ma credo anche che non basta un semplice corso per capire gli altri o se stessi, molto meglio spendere quei soldi per un percorso psicologico personale...parere mio eh... :;):

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
gia' gia'...

si chiama EMPATIA ed e' una delle qualita' che la PNL dubito possano insegnare.....

ehemn...

in realtà la maggior parte della pnl è proprio questo... e si insegna come farlo. Loro lo chiamano ricalco (come un trasferello, di sentimenti, movimenti, parole e sensazioni) e guida (verso atteggiamenti e comportamenti utili al guidato). Rogers, nel primo dopoguerra, che è quello che l'empatia l'ha tirata fuori per primo come metodo in terapia, è stato proprio uno di quelli ai quali si sono ispirati i creatori della pnl...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ehemn...

in realtà la maggior parte della pnl è proprio questo... e si insegna come farlo. Loro lo chiamano ricalco (come un trasferello, di sentimenti, movimenti, parole e sensazioni) e guida (verso atteggiamenti e comportamenti utili al guidato). Rogers, nel primo dopoguerra, che è quello che l'empatia l'ha tirata fuori per primo come metodo in terapia, è stato proprio uno di quelli ai quali si sono ispirati i creatori della pnl...

No, calma... a parte i cenni storici su chi ha usato per primo l'empatia come fulcro della terapia (probabilmente Gesù

come terapeuta è venuto prima di Rogers, e prima di Gesù ce n'erano altri...) c'è da dire che l'empatia è un sentimento,

non è una tecnica o un metodo di indirizzamento. Io posso benissimo usare il ricalco per vendere un'enciclopedia, cosa

molto in uso tra i markettingari, che nulla ha a che vedere con l'empatia.

Quanto all'utilizzo della linguistica per indirizzare e guidare, beh... anche George Orwell è una lettura consigliata ...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ehemn...

in realtà la maggior parte della pnl è proprio questo... e si insegna come farlo. Loro lo chiamano ricalco (come un trasferello, di sentimenti, movimenti, parole e sensazioni) e guida (verso atteggiamenti e comportamenti utili al guidato). Rogers, nel primo dopoguerra, che è quello che l'empatia l'ha tirata fuori per primo come metodo in terapia, è stato proprio uno di quelli ai quali si sono ispirati i creatori della pnl...

Siccome hai citato CARL ROGERS sai cosa diceva:io non credo che qualcuno abbia mai insegnato qualcosa a qualcun altro.Contesto l'efficacia dell'insegnamento,l'unica cosa che so è che chi vuole imparare impara.Un insegnante al massimo è uno che facilita le cose,imbandisce la tavola è mostra agli altri che è eccitante meravigliosa e li invita a mangiare.

Ecco a me piace imbandire magari anche cucinare(come faccio il ragù io non lo fa nessuno).

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
No, calma... a parte i cenni storici su chi ha usato per primo l'empatia come fulcro della terapia (probabilmente Gesù

come terapeuta è venuto prima di Rogers, e prima di Gesù ce n'erano altri...) c'è da dire che l'empatia è un sentimento,

non è una tecnica o un metodo di indirizzamento. Io posso benissimo usare il ricalco per vendere un'enciclopedia, cosa

molto in uso tra i markettingari, che nulla ha a che vedere con l'empatia.

Quanto all'utilizzo della linguistica per indirizzare e guidare, beh... anche George Orwell è una lettura consigliata ...

:;): quoto la prima e la seconda parte!!!!! :D:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Siccome hai citato CARL ROGERS sai cosa diceva:io non credo che qualcuno abbia mai insegnato qualcosa a qualcun altro.Contesto l'efficacia dell'insegnamento,l'unica cosa che so è che chi vuole imparare impara.Un insegnante al massimo è uno che facilita le cose,imbandisce la tavola è mostra agli altri che è eccitante meravigliosa e li invita a mangiare.

Questo lo diceva in terapia, e rispetto alla terapia. Infatti un terapeuta mica insegna...! anzi... :D:

Ecco a me piace imbandire magari anche cucinare(come faccio il ragù io non lo fa nessuno).

Buooonoo! Quando mi inviti a pranzo? :;):

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Questo lo diceva in terapia, e rispetto alla terapia. Infatti un terapeuta mica insegna...! anzi... :B):

Buooonoo! Quando mi inviti a pranzo? :D:

:;):

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
No, calma... a parte i cenni storici su chi ha usato per primo l'empatia come fulcro della terapia (probabilmente Gesù

come terapeuta è venuto prima di Rogers, e prima di Gesù ce n'erano altri...)

infatti Gesù la usava... LUI, non mi pare che avesse mai suggerito di "riflettere il cilco del sentimento" e tutta quella roba di cui si parla in tema d'empatia... Ovvero non ricordo avesse detto - "usate l'empatia per predicare meglio e essere migliori cristiani", - ma sapendo della sua utilità, la usava Egli stesso. Che poi molti atteggiamenti suggeriti riconducessero a questo, è una deduzione indiretta. Insegnava tecniche di comportamento per diventare migliori cristiani, non per fare i terapeuti o per fare formazione formatori. Il quadriennio di specializzazione forse non c'era ancora... :;):

Mi pare ci sia pure un topic proprio qui su Gesù e la terapia..., ma ne sono state scritte tante, anche Gesù come manager, Gesù lava più bianco. Ovvero come la chiesa inventò il marketing, Imprenditori con Gesù. Fede e mercato, Gesù, la maschilità esemplare, la psicologia di Gesù, e così via

c'è da dire che l'empatia è un sentimento, non è una tecnica o un metodo di indirizzamento. Io posso benissimo usare il ricalco per vendere un'enciclopedia, cosa molto in uso tra i markettingari, che nulla ha a che vedere con l'empatia.

Mi sbaglierò, ma se proprio vogliamo pignoleggiare, credo si tratti di una "capacità", ovvero quella di sapersi identificare con gli stati d'animo di un altro; poi é chiaro che la conseguenza della capacità è il sentimento stesso.

Quanto all'utilizzo della linguistica per indirizzare e guidare, beh... anche George Orwell è una lettura consigliata ...

Grazie per la seganalazione, cercherò qualcosa! :B)::D:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
infatti Gesù la usava... LUI, non mi pare che avesse mai suggerito di "riflettere il cilco del sentimento" e tutta quella roba di cui si parla in tema d'empatia... Ovvero non ricordo avesse detto - "usate l'empatia per predicare meglio e essere migliori cristiani", - ma sapendo della sua utilità, la usava Egli stesso. Che poi molti atteggiamenti suggeriti riconducessero a questo, è una deduzione indiretta. Insegnava tecniche di comportamento per diventare migliori cristiani, non per fare i terapeuti o per fare formazione formatori. Il quadriennio di specializzazione forse non c'era ancora... :;):

Mi pare ci sia pure un topic proprio qui su Gesù e la terapia..., ma ne sono state scritte tante, anche Gesù come manager, Gesù lava più bianco. Ovvero come la chiesa inventò il marketing, Imprenditori con Gesù. Fede e mercato, Gesù, la maschilità esemplare, la psicologia di Gesù, e così via

Mi sbaglierò, ma se proprio vogliamo pignoleggiare, credo si tratti di una "capacità", ovvero quella di sapersi identificare con gli stati d'animo di un altro; poi é chiaro che la conseguenza della capacità è il sentimento stesso.

Grazie per la seganalazione, cercherò qualcosa! :B)::D:

Ma vuoi vedere che questo è un covo di piennellisti.Aiuto che DIO ci scansi.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Mi sbaglierò, ma se proprio vogliamo pignoleggiare, credo si tratti di una "capacità", ovvero quella di sapersi identificare con gli stati d'animo di un altro; poi é chiaro che la conseguenza della capacità è il sentimento stesso.

Obiezione accolta. La "pignoleria" non era tanto a riguardo di cos'è l'empatia, ma alla sua differenza

dalle tecniche di indirizzamento e guida (o di intortamento, a seconda di come la si vuol vedere) quali

il ricalco, con le quali non va confusa e soprattutto non bisogna cadere nell'errore di credere che quelle

tecniche servono per migliorare le proprie capacità empatiche. Normalmente non le migliorano ma anzi

le peggiorano. E' una differenza sostanziale: quelle non sono tecniche per identificarsi con gli stati d'animo

dell'altro... al contrario: sono tecniche per influenzarli.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Obiezione accolta. La "pignoleria" non era tanto a riguardo di cos'è l'empatia, ma alla sua differenza

dalle tecniche di indirizzamento e guida (o di intortamento, a seconda di come la si vuol vedere) quali

il ricalco, con le quali non va confusa e soprattutto non bisogna cadere nell'errore di credere che quelle

tecniche servono per migliorare le proprie capacità empatiche. Normalmente non le migliorano ma anzi

le peggiorano. E' una differenza sostanziale: quelle non sono tecniche per identificarsi con gli stati d'animo

dell'altro... al contrario: sono tecniche per influenzarli.

non so quale corso di pnl tu possa aver seguito, ma il ricalco non è mica soltanto riferito al respiro, ai lem, al mirroring, ai valori, alle submodalità, al paraverbale e bla bla bla... Quella è roba per i pivellini... e per venditori :D: Se non sei capace di provare empatia sincera e vera è meglio che lasci perdere... almeno l'aspetto relativo alla relazione d'aiuto. Proprio per l'idea manipolatoria che ha fatto breccia nella vendita, la pnl è divenuta stregoneria da mago Otelma... Lì l'epistemologia e l'etica sono dei salumi dell'alta badìa...

intortamento... bellissima! :LMAO:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
non so quale corso di pnl tu possa aver seguito, ma il ricalco non è mica soltanto riferito al respiro, ai lem, al mirroring, ai valori, alle submodalità, al paraverbale e bla bla bla... Quella è roba per i pivellini... e per venditori :D: Se non sei capace di provare empatia sincera e vera è meglio che lasci perdere... almeno l'aspetto relativo alla relazione d'aiuto. Proprio per l'idea manipolatoria che ha fatto breccia nella vendita, la pnl è divenuta stregoneria da mago Otelma... Lì l'epistemologia e l'etica sono dei salumi dell'alta badia...

intortamento... bellissima! :LMAO:

:LMAO::D::abbr:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
non so quale corso di pnl tu possa aver seguito, ma il ricalco non è mica soltanto riferito al respiro, ai lem, al mirroring, ai valori, alle submodalità, al paraverbale e bla bla bla... Quella è roba per i pivellini... e per venditori :abbr: Se non sei capace di provare empatia sincera e vera è meglio che lasci perdere... almeno l'aspetto relativo alla relazione d'aiuto. Proprio per l'idea manipolatoria che ha fatto breccia nella vendita, la pnl è divenuta stregoneria da mago Otelma... Lì l'epistemologia e l'etica sono dei salumi dell'alta badìa...

intortamento... bellissima! :D:

Non ho seguito alcun corso di PNL, me ne guarderei bene dal lasciarmi intortare a fare corsi del genere. :LMAO:

Ma secondo te, la PNL viene tanto promossa in ambiti aziendali e commerciali per motivi che hanno qualcosa a

che vedere con l'etica? Qual'è l'etica di riferimento di questo genere di promozioni?

Blinder e Glander (si chiamano così? :LMAO: ) mi danno l'impressione di essere solo due allievi discoli che hanno

buttato via la lezione più importante dei loro maestri...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
volevo aggiungere una cosa.

Quando ho fatto psicoterapia la mia psicologa mi ha fatto notare che sono una persona molto sensibile ai problemi della gente e potrei definirmi empatica,

e forse proprio questa riflessione negli altri ti aiuta a capirti meglio. Pensa se tu non lo fossi!

la frequentazione del forum mi ha permesso di appurare questa mia qualità

illuminante, come nel film patch adams

Premetto che credo fortemente in questa disciplina (la psicologia) tanto che grazie ad essa oggi sto molto meglio di un anno fa, ma credo anche che non basta un semplice corso per capire gli altri o se stessi, molto meglio spendere quei soldi per un percorso psicologico personale...parere mio eh... :LMAO:

Se chi si fa un corso di psicologia o di pnl lo fa per risolvere i propri problemi, allora è meglio una bella psicoterapia, come dici tu. Purtroppo sono in molti quelli che non accettano di aver bisogno d'aiuto e preferiscono avere un'idea di se come allievi di una metodologia o di un corso, "per capire", per "aiutare" e menate simili. E' anche vero però che molte volte anche i corsi portano a insight (ah... è così che stanno le cose, allora) che aiutano eccome, e se si superano certi problemi, si può anche aiutare sul serio sapendo cosa si è passato... Pertanto... dipende...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
e forse proprio questa riflessione negli altri ti aiuta a capirti meglio. Pensa se tu non lo fossi!

illuminante, come nel film patch adams

Se chi si fa un corso di psicologia o di pnl lo fa per risolvere i propri problemi, allora è meglio una bella psicoterapia, come dici tu. Purtroppo sono in molti quelli che non accettano di aver bisogno d'aiuto e preferiscono avere un'idea di se come allievi di una metodologia o di un corso, "per capire", per "aiutare" e menate simili. E' anche vero però che molte volte anche i corsi portano a insight (ah... è così che stanno le cose, allora) che aiutano eccome, e se si superano certi problemi, si può anche aiutare sul serio sapendo cosa si è passato... Pertanto... dipende...

Ma davvero pensi che tutto quello che ho detto sia vero......mon dieu.

Cancella tutto sono tutte baggianate ci sei cascato.....ahahaha

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
e forse proprio questa riflessione negli altri ti aiuta a capirti meglio. Pensa se tu non lo fossi!

CERTO è POSSIBILE CHE SIA COSì!

illuminante, come nel film patch adams

NON MI RITENGO TERAPEUTICA SE è QUESTO CHE INTENDI, SEMPLICEMENTE SU UN FORUM (PIù CHE NELLA "VITA VERA") SI HA LA POSSIBILITà DI CONFRONTARSI CON UN NUMERO MAGGIORE DI PERSONE CON PROBLEMI DI VARIA NATURA CE TI SCELGONO PER SFOGARSI O CHIEDERE PARERI,....

Se chi si fa un corso di psicologia o di pnl lo fa per risolvere i propri problemi, allora è meglio una bella psicoterapia, come dici tu. Purtroppo sono in molti quelli che non accettano di aver bisogno d'aiuto e preferiscono avere un'idea di se come allievi di una metodologia o di un corso, "per capire", per "aiutare" e menate simili. E' anche vero però che molte volte anche i corsi portano a insight (ah... è così che stanno le cose, allora) che aiutano eccome, e se si superano certi problemi, si può anche aiutare sul serio sapendo cosa si è passato... Pertanto... dipende...

SI FONDAMENTALMENTE CREDO CHE CHI FA UN CORSO DEL GENERE SPESSO è INTENZIONATO A CAPIRE GLI ALTRI PIù CHE SE STESSO (E Lì MI VIENE IL DUBBIO MA RIPETO NON HO MAI FREQUENTATO UNO DI QUESTI CORSO QUINDI è SOLO UN PARERE DA PROFANA..) E NON SO QUANTO POI SIA UTILE. INVECE CHI FA PSICOTERAPIA LO FA PER SE STESSO, PER CONOSCERSI MEGLIO E SPESSO (PERò BISOGNA AFFIDARSI ALLA PSICOLOGIA E ALLO PSICOTERAPEUTA) IMPARA ANCHE A CONOSCERE GLI ALTRI, E SOPRATTUTTO A RISPETTARLI....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
SI FONDAMENTALMENTE CREDO CHE CHI FA UN CORSO DEL GENERE SPESSO è INTENZIONATO A CAPIRE GLI ALTRI PIù CHE SE STESSO (E Lì MI VIENE IL DUBBIO MA RIPETO NON HO MAI FREQUENTATO UNO DI QUESTI CORSO QUINDI è SOLO UN PARERE DA PROFANA..) E NON SO QUANTO POI SIA UTILE. INVECE CHI FA PSICOTERAPIA LO FA PER SE STESSO, PER CONOSCERSI MEGLIO E SPESSO (PERò BISOGNA AFFIDARSI ALLA PSICOLOGIA E ALLO PSICOTERAPEUTA) IMPARA ANCHE A CONOSCERE GLI ALTRI, E SOPRATTUTTO A RISPETTARLI....

:LMAO::D:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Non ho seguito alcun corso di PNL, me ne guarderei bene dal lasciarmi intortare a fare corsi del genere. :LMAO:

Ma secondo te, la PNL viene tanto promossa in ambiti aziendali e commerciali per motivi che hanno qualcosa a

che vedere con l'etica? Qual'è l'etica di riferimento di questo genere di promozioni?

Blinder e Glander (si chiamano così? :D: ) mi danno l'impressione di essere solo due allievi discoli che hanno

buttato via la lezione più importante dei loro maestri...

Beh... allora il giudizio è solo in relazione alle notizie che hai della pnl con venditori e intortatori... Se avessi le tue stesse informazioni la penserei pure io così. Certo.

L'etica infatti ha profumo di formaggio, in quegli ambiti... forse gorgonzola puzzolente...

Con la preparazione che hai tu, ci credo che non hai bisogno, nè trarresti grande utilità da un corso simile... ma molti non vogliono studiarsi tutto e superficialmente credono di risolvere con un corsetto la loro vita.

Bandler e Grinder (si scrive così) sono solo dei copioni furbacchioni. Non hanno inventato nulla di nuovo, se non racchiudere in un'etichetta roba sparsa qua e là da quelli che avevano le più alte % di successo nelle loro terapie. Soprattutto Milton Erickson. Ne hanno modellato gli stili di pensiero e comportamento, senza porsi perchè. In ottica terribilmente pragmatica hanno tirato fuori le loro ricette solo quando hanno visto che la percentuale di successo applicata a chi applicava certi... "protocolli" era notevole.

Poichè il tutto nasce negli USA, dove i soldi sono il vero Dio umano ben più che qui, le applicazioni che si sono diffuse con maggiore velocità sono state soprattutto nella vendita e nel management. L'intenzione curativa iniziale s'è ben presto attutita dall'uragano manipolatore del venditore, che intorta meglio (quanto mi piace sto termine...:LMAO:). La mancanza di rigore teorico, l'invidia del modo accademico e di chi ha studiato anni psicologia e si vede in alcuni casi superato da un tizio qualsiasi pnl-lista che risolve temporaneamente dei problemi, ha fatto il resto. L'applicatore della pnl è come il ragazzino aiuto-meccanico. Fa, a volte risolve, ma senza sapere come e perchè. Gli è stato detto di fare così e basta. Non avendo rigore teorico, non ha nessun senso neppure leggerla su un libro, anzi, i maggiori detrattori sono soprattutto quelli che ne hanno avuto principalmente un approccio tramite testi scritti.

Quindi non è nè buona nè cattiva, dipende da cosa si usa, da come la si usa, da come la si conosce, da quanto si è capace di usarla o di limitarsi dal farlo per adottare cose più efficaci e durature.

La psicolinguistica, la grammatica trasformazionale, l'uso delle metafore terapeutiche non hanno niente a che fare con la pnl, ma sono pnl, per G & B.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
NON MI RITENGO TERAPEUTICA SE è QUESTO CHE INTENDI, SEMPLICEMENTE SU UN FORUM (PIù CHE NELLA "VITA VERA") SI HA LA POSSIBILITà DI CONFRONTARSI CON UN NUMERO MAGGIORE DI PERSONE CON PROBLEMI DI VARIA NATURA CE TI SCELGONO PER SFOGARSI O CHIEDERE PARERI,....

infatti... ci si "riflette" negli altri per conoscersi meglio. Si ascolta tanto e apprende tanto, ma non dalle teorie, ma direttamente dalle persone. I gruppi di autoaiuto in fondo si basano pure su questo.

CHI FA PSICOTERAPIA LO FA PER SE STESSO, PER CONOSCERSI MEGLIO E SPESSO (PERò BISOGNA AFFIDARSI ALLA PSICOLOGIA E ALLO PSICOTERAPEUTA) IMPARA ANCHE A CONOSCERE GLI ALTRI, E SOPRATTUTTO A RISPETTARLI....

giusto!

:LMAO: :LMAO::D:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Oscar, mi fa piacere leggere ciiò che hai scritto. :;):

Ti racconto come l'ho incontrata io, 'sta cosa... è solo un aneddoto ma nel suo piccolo credo che sia

una conferma di ciò che racconti tu....

Sarò breve: nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai in una selva oscura...

... meglio di no, così è troppo lunga.. :D:

Un po' per interesse e necessità (e dovere) professionale, e nell'affrontare 'sta cosa qui...

http://www.psiconline.it/forum/index.php?showtopic=3857

... ho passato molto tempo andando per librerie, e molto di questo nei reparti dedicati alla

gestione, per trovare testi che mi spiegassero materie che all'università non avevo avuto

modo di approfondire. Intendo dire cose che servono per far funzionare le attività economiche,

tipo contabilità, analisi di bilancio, gestione di progetti, eccetera. Beh, ne ho trovati diversi di

buoni, ma miiiiiiiiiinchia... (chiedo scusa per la parolaccia)... 2 su 3 dei libri che si trovano in

quei reparti sono dedicati a tecniche d'intortamento per tirare fuori il meglio dalle persone...

Il mio depiennellista preferito avrebbe detto che sono il male di cui pretendono d'essere la cura

(almeno in campo economico...)

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ehemn...

in realtà la maggior parte della pnl è proprio questo... e si insegna come farlo. Loro lo chiamano ricalco (come un trasferello, di sentimenti, movimenti, parole e sensazioni) e guida (verso atteggiamenti e comportamenti utili al guidato). Rogers, nel primo dopoguerra, che è quello che l'empatia l'ha tirata fuori per primo come metodo in terapia, è stato proprio uno di quelli ai quali si sono ispirati i creatori della pnl...

Bravo oscar!!!!

hai dato voce a cio' che definisco credibilita'!!!!

L'empatia nasce dal CUORE; dall'attenzione rivolta a se e a chi si ha di fronte e, se condivido che ci possono essere tecniche utili per imparare ad "prestare attenzione", faccio fatica ad immaginare la PNL come strumento d'AMORE!!!

L'empatia nasce dalla sensibilita' d'animo e non da tecniche che si applicano a livello di testa!!!

Inoltre quando credi che una tecnica funzioni il rischio che si corre e' quello di peccare di presunzione che non e' una buona alleata della sensibilita' e della comprensione!!!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Rientrare tutti??? no per carità.....è poi quando vedo la tua immagine non riesco a trovare qualcosa di negativo.

Ho letto qualcosa sulla Pnl. Mi sono fatto una mia idea, un'idea sicuramente superficiale, ma definitiva in base a ciò che ho letto. La Pnl -a mio parere- è uno strumento che può essere molto utile a livello psicologico e nel quotidiano, ma riguarda sempre e comunque un percorso "orizzontale", dove si ricerca una crestita a livello di personalità. La pnl è capace di smuovere sicuramente blocchi e attaccamenti di un certo tipo nella personalità e a far vivere in modo più "sciolto", disinibito e molta gente. E' un processo che può avvicinare la persona al processo che io chiamo di individuazione. Presuppone però un'immagine di se' e degli altri che comunque è illusoria, anche se può dare risultati tangibili sul piano materiale e mentale. Alcuni punti base interessanti, se non ho capito male dalle letture fatte, si basano molto sul "dialogo interno" positivo e costruttivo, ribaltando i vecchi schemi mentali acquisiti con l'educazione e la cultura...In sintesi è una specie di auto-ipnosi che riprogramma l'inconscio, che ci permette di mettere un occhiale colorato in modo di vedere diversamente la vita; implica comunque -a mio parere- un'illusione...L'occhiale con cui guardiamo gli eventi, noi stessi e gli altri rimane colorato comunque...Con ciò non nego che possa essere d'aiuto a molte persone con grossi problematiche, ed essere uno strumento utile sul percorso di persone che si sentono vicine a questo tipo di approccio.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ho letto qualcosa sulla Pnl. Mi sono fatto una mia idea, un'idea sicuramente superficiale, ma definitiva in base a ciò che ho letto. La Pnl -a mio parere- è uno strumento che può essere molto utile a livello psicologico e nel quotidiano, ma riguarda sempre e comunque un percorso "orizzontale", dove si ricerca una crestita a livello di personalità. La pnl è capace di smuovere sicuramente blocchi e attaccamenti di un certo tipo nella personalità e a far vivere in modo più "sciolto", disinibito e molta gente. E' un processo che può avvicinare la persona al processo che io chiamo di individuazione. Presuppone però un'immagine di se' e degli altri che comunque è illusoria, anche se può dare risultati tangibili sul piano materiale e mentale. Alcuni punti base interessanti, se non ho capito male dalle letture fatte, si basano molto sul "dialogo interno" positivo e costruttivo, ribaltando i vecchi schemi mentali acquisiti con l'educazione e la cultura...In sintesi è una specie di auto-ipnosi che riprogramma l'inconscio, che ci permette di mettere un occhiale colorato in modo di vedere diversamente la vita; implica comunque -a mio parere- un'illusione...L'occhiale con cui guardiamo gli eventi, noi stessi e gli altri rimane colorato comunque...Con ciò non nego che possa essere d'aiuto a molte persone con grossi problematiche, ed essere uno strumento utile sul percorso di persone che si sentono vicine a questo tipo di approccio.

:new_lips:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ho letto qualcosa sulla Pnl. Mi sono fatto una mia idea, un'idea sicuramente superficiale, ma definitiva in base a ciò che ho letto. La Pnl -a mio parere- è uno strumento che può essere molto utile a livello psicologico e nel quotidiano, ma riguarda sempre e comunque un percorso "orizzontale", dove si ricerca una crestita a livello di personalità. La pnl è capace di smuovere sicuramente blocchi e attaccamenti di un certo tipo nella personalità e a far vivere in modo più "sciolto", disinibito e molta gente. E' un processo che può avvicinare la persona al processo che io chiamo di individuazione. Presuppone però un'immagine di se' e degli altri che comunque è illusoria, anche se può dare risultati tangibili sul piano materiale e mentale. Alcuni punti base interessanti, se non ho capito male dalle letture fatte, si basano molto sul "dialogo interno" positivo e costruttivo, ribaltando i vecchi schemi mentali acquisiti con l'educazione e la cultura...In sintesi è una specie di auto-ipnosi che riprogramma l'inconscio, che ci permette di mettere un occhiale colorato in modo di vedere diversamente la vita; implica comunque -a mio parere- un'illusione...L'occhiale con cui guardiamo gli eventi, noi stessi e gli altri rimane colorato comunque...Con ciò non nego che possa essere d'aiuto a molte persone con grossi problematiche, ed essere uno strumento utile sul percorso di persone che si sentono vicine a questo tipo di approccio.

un pò come la religione?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.