Vai al contenuto

E se ci si innamora dello psicologo?


Messaggi consigliati

Wow. Grazie infinite.

Questo vuol dire che non sono sola. Ed è già qualcosa! ...Senti ma...quindi anche tu sei "in dubbio" se parlare o no? E come ti stai comportando adesso? :D:

visto che non sei la sola, anzi che è molto comune!!!!!

Però juditta la vedo più propensa a parlarne con lui.....io quando ne ho parlato con la mia psic. mi sono sentita liberata e stranamente quel senimento si è ridimensionato....credetemi è la stessa cosa che con un uomo...

ciao

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


  • Risposte 28,1k
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

  • juditta

    4446

  • froggy73

    4070

  • digi79

    2795

  • elli

    1264

Top Posters In This Topic

Posted Images

mah... al momento taccio :D:

Gli ho parlato di come sia arrabbiata con me stessa per il fatto di non riuscire a dirgli tutto quello che vorrei dirgli. Lui è stato meraviglioso, non mi ha per niente forzata e mi ha detto che comunque non forzerà i miei tempi ^_^ e non sai quanto gli sono grata per questo... Un pò temo anch' io che abbia intuito e la cosa mi imbarazza da morire :rolleyes:

Lo so che devo buttare giù 'sto muro... Spero di riuscirci, ma per ora non sono pronta :rolleyes: E' che mi devo proprio fare violenza... Comunque io non ci penso proprio a cambiare terapista, perchè ho avuto la fortuna di trovare una persona eccezionale, e col cavolo che lo mollo !!

Sei una favola! Ti faccio un in bocca al lupo grandissimo e scrivimi mi raccomando!!! Raccontami di eventuali evoluzioni e dimmi come ti va!!! :Big Grin: Ciao!!!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

in bocca al lupo anche a te :rolleyes:

Dai vedrai che alla fine ce la faremo :D: e magari ci sentiremo anche un pò stupide ad esserci fatte tutte 'ste paranoie... ( i miei tempi saranno assai lunghi, temo :rolleyes: )

Ciao

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
visto che non sei la sola, anzi che è molto comune!!!!!

Però juditta la vedo più propensa a parlarne con lui.....io quando ne ho parlato con la mia psic. mi sono sentita liberata e stranamente quel senimento si è ridimensionato....credetemi è la stessa cosa che con un uomo...

ciao

Mmmmm....ma se la tua era donna come hai fatto a dirglielo? Cioè...in che termini? Le hai confessato di aver sviluppato una dipendenza nei suoi confronti?...E' che mi sembra strano se di fronte hai una donna. Perchè il mio problema più grande (Oscar tappati le orecchie) è che a me questo tipo piace fisicamente! Ma un casino! Sono attratta da lui fisicamente oltre che a livello cerebrale.... Inoltre mi chiedo come possa "risolversi" la cosa se parlo e vuoto il sacco...come puo' ridimensionarsi cio' che provo? Anche dopo aver ricevuto la pacca sulla spalla(calcio in culo) e tanta comprensione(compassione) e dopo aver fatto la "mia" figura...a quel punto che succede?? Con che coraggio mi ripresento alla seduta successiva? Come puo' "ridimensionarsi" un'attrazione fisica?? Dal mio punto di vista forse l'unica cosa che potrebbe funzionare è "occhio non vede...." :D: Uh! Che guaio!!!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
in bocca al lupo anche a te :LOL:

Dai vedrai che alla fine ce la faremo :D: e magari ci sentiremo anche un pò stupide ad esserci fatte tutte 'ste paranoie... ( i miei tempi saranno assai lunghi, temo :rolleyes: )

Ciao

....Idem. Temo. ^_^:Big Grin::B)::blush::rolleyes::blush:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
Mmmmm....ma se la tua era donna come hai fatto a dirglielo? Cioè...in che termini? Le hai confessato di aver sviluppato una dipendenza nei suoi confronti?...E' che mi sembra strano se di fronte hai una donna. Perchè il mio problema più grande (Oscar tappati le orecchie) è che a me questo tipo piace fisicamente! Ma un casino! Sono attratta da lui fisicamente oltre che a livello cerebrale.... Inoltre mi chiedo come possa "risolversi" la cosa se parlo e vuoto il sacco...come puo' ridimensionarsi cio' che provo? Anche dopo aver ricevuto la pacca sulla spalla(calcio in culo) e tanta comprensione(compassione) e dopo aver fatto la "mia" figura...a quel punto che succede?? Con che coraggio mi ripresento alla seduta successiva? Come puo' "ridimensionarsi" un'attrazione fisica?? Dal mio punto di vista forse l'unica cosa che potrebbe funzionare è "occhio non vede...." :huh: Uh! Che guaio!!!

bè le ho accennato al fatto che avevo fantasticato su di lei, su di lei come mia madre, come un punto di riferimento, si è vero nel mio caso non c'è attrazione sessuale, ma semplicemente per il fatto che è diverso il tipo di idealizzazione ma l'imbarazzo credimi è enorme e anche i sensi di colpa verso mia madre...Per me lei era perfetta in tutto (cosa poi non vera, perchè è un essere umano), insomma la Madonna fatta persona, semmai la venerassi....

Una volta detto, tutto è cambiato, lei non mi ha detto è normale o cose banali, nessun calcio in culo o pacca sulla spalla, semplicemente mi ha spiegato il motivo del mio transfert, insomma come sempre si è parlato di me e mi è servito più di ogni altra seduta e così lei è cambiata ai miei occhi, quasi subito, lo so che può sembrare assurdo ma è andata così e comunque per l'esattezza l'ho detto in una seduta post terapia, in realtà la terapia vera e propria era finita e non sai quanto mi sono trovata pentita a non averglielo detto prima.....

Questo transfert è il segno che si è trovata la persona giusta, attrazione sessuale o no, lui ti sta aiutando, quando troverai il modo di abbattere i tuoi muri e anche quello di parlare con lui di quello che provi, vuol dire che nn ne sarai più tanto dipendente (almeno così è successo a me), forse per questo tutto cambia, datti tempo se vuoi, ma non essere falsa con lui, lo saresti prima di tutto con te stessa....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Inoltre mi chiedo come possa "risolversi" la cosa se parlo e vuoto il sacco...come puo' ridimensionarsi cio' che provo? Anche dopo aver ricevuto la pacca sulla spalla(calcio in culo) e tanta comprensione(compassione) e dopo aver fatto la "mia" figura...a quel punto che succede?? Con che coraggio mi ripresento alla seduta successiva? Come puo' "ridimensionarsi" un'attrazione fisica?? Dal mio punto di vista forse l'unica cosa che potrebbe funzionare è "occhio non vede...." -_- Uh! Che guaio!!!

Infatti... gli stai attribuendo la stessa valenza di persona normale. Lo hai declassato a conoscente-aspirante amante, ingigantendo (nella tua testa) pure oltre misura la previsione degli effetti reali.

Pensa se ti vergognassi di mostrarti nuda davanti al ginecologo, o all'urologo, e qualsiasi altro medico. :huh:

Riesci a "non vergognarti troppo" proprio per il ruolo che ricoprono e pertanto non fai troppe "resistenze".

Qualunque "rilevazione"o coming out, ha sempre un effetto catartico (cala la tensione). La fiducia nei meccanismi psicologici e in lui è fondamentale. Ma è fondamentale pure sapersi accettare nei propri limiti. Se li si vuole varcare, si deve essere disposti a rompersi un pò, indipendentemente dai chi sia colei/lui che ti aiuta a farlo. Tu ti vuoi rompere un pò? O no?

Personalmente ritengo molto più forte la persona che è capace di mostrare le proprie debolezze senza timori di essere derisa, che quella persona che vuole apparire perfetta e "competitiva" pagandone il prezzo. Sarà un giunco che si piegherà all'occorrenza senza spezzarsi mai, nemmeno col maremoto più devastante... :huh:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

-_-

mmmmm....tra Oscar e Digi mi sento vacillare.....

Allora, intanto vorrei ringraziarvi davvero tantissimo. Per avermi letta e per avermi risposto. Ne sono felice e, vi assicuro, che scrivere di queste mie sensazioni mi ha aiutata molto. Mi sento ancora tra due fuochi...non so come agire e ho paura di aprirmi e di sbagliare. E' verissimo quanto dice Oscar: devo distruggermi per ricostruirmi. Ma questo lo so già. E ti assicuro che piano piano, sbraitando e piangendo (letteralmente) mi sto demolendo e sto mettendo tutto in discussione. E l'ho fatto grazie all'aiuto del mio psicologo. Ed ecco perchè sto meglio.

Non fa una piega.

Ma una parte di me (ma quante sono? ne verro' mai a capo?) è in grossa difficoltà.

Sto vacillando. Sto barcollando. Sono confusa e un po' scocciata perchè in fondo questo percorso si sta rivelando utile...e questa complicazione non ci voleva. Sono stata sfortunata. :huh:

Dicono che la notte porta consiglio.....e visto che domani sera ho la seduta magari...chissà....

Vi ringrazio di nuovo del vostro sostegno e dei vostri consigli e vi auguro buona serata! Ciao!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 

e cosa e una provocazione per il dolore che uno prova...i vari contesti che si fottano...e si e il dolore che ti fa odiare...ma chi...?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 
 
Ho io la soluzione: fatti dare una botta, così scopri che è un ragazzo come tanti altri e dimezzi il tempo davanti allo specchio.

........ :rolleyes::rolleyes::D: ....Molto utile come consiglio....grazie. Cavolo che scema che sono! Sono qui a farmi mille problemi e mille scrupoli...quando invece la soluzione era davanti ai miei occhi...cosi'...cosi' semplice... :mad: .

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 
 
 
:Thinking:

Oscar....da te non me l'aspettavo pero'. Cacchio....ma non stai quasi dall'altra parte?? Insomma! Tu devi essere costruttivo e devi darmi dei consigli reali....per queste sciocchezze non c'è bisogno di scrivere qui. Certi commenti li posso trovare al bar.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 

Ciao Oscar, ti posso chiedere qualche chiarimento relativam. a quanto mi hai scritto ieri?

Volevo anzitutto sapere perchè distingui cosi' nettamente tra psicanalista e psicologo terapeuta? Il mio è psic.terapeuta non psicanalista. E' importnte questo?

Poi dici che in certi casi il paziente puo' essere "invitto" ad una pausa oppure a spostarsi da qualche collega....a me non sembra un'idea cosi' sbagliata nel mio caso...magari mi sarebbe utile. Perchè tu pensi di no?

Dici, ancora, che capita di investire di affetto il terapeuta perchè si proiettano su di lui alcune carattersitiche di una persona alla quale siamo legati affettivamente....ma ci ho pensato e ripensato e non ne vengo a capo....lui ad es. in seduta + volte mi ha detot di sentire una parte molto "materna"....ma l'ho già detto ieri...questa cosa non mi sembra proprio possibile....io non riesco a vederlo come un fratello (!) figurti come una mamma. Tu che ne pensi?

Ultima cosa: mi spiegheresti che cosa intendi esattamente quando dici che questo "sentimento" x essere superato e addirittura utile alla terapia deve essere rielaborato e "restituito" al paziente. Non mi è molto chiara la dinamica della cosiddetta restituzione.

Grazie.

Ciao

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ciao Oscar, ti posso chiedere qualche chiarimento relativam. a quanto mi hai scritto ieri?

Volevo anzitutto sapere perchè distingui cosi' nettamente tra psicanalista e psicologo terapeuta? Il mio è psic.terapeuta non psicanalista. E' importnte questo?

Poi dici che in certi casi il paziente puo' essere "invitto" ad una pausa oppure a spostarsi da qualche collega....a me non sembra un'idea cosi' sbagliata nel mio caso...magari mi sarebbe utile. Perchè tu pensi di no?

Dici, ancora, che capita di investire di affetto il terapeuta perchè si proiettano su di lui alcune carattersitiche di una persona alla quale siamo legati affettivamente....ma ci ho pensato e ripensato e non ne vengo a capo....lui ad es. in seduta + volte mi ha detot di sentire una parte molto "materna"....ma l'ho già detto ieri...questa cosa non mi sembra proprio possibile....io non riesco a vederlo come un fratello (!) figurti come una mamma. Tu che ne pensi?

Ultima cosa: mi spiegheresti che cosa intendi esattamente quando dici che questo "sentimento" x essere superato e addirittura utile alla terapia deve essere rielaborato e "restituito" al paziente. Non mi è molto chiara la dinamica della cosiddetta restituzione.

Grazie.

Ciao

beh ma forse questa dinamica la devi (la dobbiamo :rolleyes: ) vivere... che senso ha analizzarla da fuori, come stai cercando di fare tu? :Thinking:

io ad esempio sono ben contenta di non sapere quale sia "l' approccio" o la "scuola" che segue il mio terapeuta (scusate l'imprecisione terminologica, spero capiate cosa intendo dire...). Perchè altrimenti mi vedrei già, qui in internet a cercare info, per capire cosa c'è dietro ogni frase o comportamento dello psicologo...

Ma così mi sembrerebbe di alterare tutto, di distruggere ogni spontaneità :21:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.


Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.