Vai al contenuto

Pubblicità

Alely

Membri
  • Numero contenuti

    23
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su Alely

  • Rank
    Nuovo utente
  • Compleanno 21/01/1969

Profile Information

  • Gender
    Female
  • Location
    Viareggio
  1. Alely

    MONTAGNA O MARE

    Mare...mare....sicuramente mare.....perchè quando entri in acqua e ti allontani dalla riva, i rumori si attutiscono e rimani solo ad ascoltare la musica delle onde che si ripetono lente e sembrano cullarti, svuotandoti la mente. E poi quando volgi lo sguardo all'orizzonte gli occhi si perdono nello spazio fino a raggiungere il punto che il mare tocca il cielo e allora mi rendo conto di quanto immensamente grande e potente sia la natura e di come sia infinitamente piccolo l'uomo, ma la cosa non mi sgomenta affatto, anzi, è come se mi sentissi parte anch'io in pieno diritto, del mondo intero e che il mondo stesso in quel momento si prendesse cura di me. Per me è una sensazione molto intima e intensa, e poi io ci sono nata sul mare, non potrei pensarla diversamente. Alely
  2. Ciao Vaisolo, la mia più grande paura è la morte....e fin qui non è una novità....poi aggiungo la paura del protrarsi nel tempo di situazioni di infelicità, quando non riesci mai ad intravedere la fine e non sai a che Santo rivolgerti.....inoltre ci metto anche la paura dell'indifferenza, perchè anche chi ti sta accanto prima o poi si abitua alla tua situazione di infelicità e non ti aiuta ad uscirne.....e infine ma non per ultima, la paura di non riuscire più ad amare che è la causa di quel vuoto dentro che non ha fondo. Penso che queste siano le mie principali paure.....tralascio le secondarie per evitare di dilungarmi troppo. Ciao Alely
  3. Hai detto bene, ho tanta paura di non accorgermi se le persone con cui vivo, stano bene o no....
  4. Grazie digi79 di avermi risposto. Ci sono cose che non potremo mai capire, però chissà se un occhio attento e sensibile poteva evitare questa inutile tragedia. Hai ragione, questo mondo non dà scampo.... Alely
  5. Vorrei raccontare un fatto accaduto nella mia città venerdì scorso. Un uomo anziano in pensione ma sempre in gambissima, con famiglia, nonno a tempo perso, vita agiata, bella casa, salute direi perfetta.... venerdì decide di togliersi la vita con un colpo di fucile al volto. Lo conoscevo, era un commerciante piuttosto noto e la notizia mi ha letteralmente lasciata sbigottita. Credo di averlo visto per l'ultima volta due o tre giorni prima del fatto. Mi ha salutata come faceva sempre. Che dire? Ancora ora sono qui che mi chiedo perchè l'abbia fatto. Cosa può accadere nella testa di una persona perchè si possa arrivare a questo gesto estremo? Ma allora gli affetti non contano niente? Come può svanire la voglia di vivere fino al punto di odiarla, senza che nessuno se ne accorga? Non so cosa dire ma se capitasse a un mio familiare nn me lo perdonerei mai. Alely
  6. Alely

    A che serve amarsi?

    Secondo me amarsi è la base di tutto ed è ciò che ci aiuta a compiere le buone azioni, e con questo non intendo parlare di volontariato.....!!! Al contrario se ci odiassimo tutto il nostro operato sarebbe rivolto a danno altrui se non di noi stessi. Volersi bene è la molla che ci fa vivere, diversamente non potremmo nemmeno pensare di alzarci dal letto. Sono troppo banale Aldus?
  7. Alely

    sono stanco

    Buongiorno c'era una volta, è un piacere leggerti. Mi trova abbastanza in sintonia con il tuo chiamiamolo disagio. Anch'io ho vissuto in parte un'esperienza simile alla tua. Quando è naufragato il mio matrimonio, anche per cause legate all'intimità, mi ero convinta che le solo persone capaci di capirmi appieno erano donne. Per un certo periodo ho cominciato a guardarle con occhio diverso, anche per il motivo che hai detto tu e cioè che loro sono molto più sensibili. Era chiaro però che il mio bisogno era puramente legato ad esigenze mentali perchè io sono profondamente etero. Ebbene, nonostante tutto, ho ricominciato una storia con un uomo che ora è il padre dei miei figli e sebbene i problemi ci siano ugualmente (cambiando l'ordine degli addenti il risultato è lo stesso), mi sono accorta che il mio ideale inesistente sarebbe un uomo con un cervello da donna!!!! Questo tanto per fare due chiacchiere....io non conosco nessuno che non abbia confusione in testa, allora devo cominciare proprio io? Ma nooooo!!! Ciao Alely
  8. La mia paura più grande, come ho già scritto quì su un altro settore è di non riuscire a vivere tutta la mia vita, causa malattie o morte. Spesso mi trovo a pensare a cosa me lo faccia fare di strapazzarmi tutto il giorno e magari dopo scoprire che mi resta poco da vivere..... Alely
  9. Alely

    sono stanco

    Ciao c'era una volta, grazie a te di avermi risposto, mi piace il confronto di opinioni. Lo sai che mi hai fatto sorridere? Dici che ti senti ridicolo ad aver bisogno di coccole? E che c'è di strano? Il mondo intero è pieno di adulti che lo cercano, io compresa. Non ne farei una questione. A mio avviso hai ancora bisogno di conoscerti bene per poter assimilare certi tuoi comportamenti e bisogni, ma credimi, non sei diverso da tanti altri ragazzi che magari all'apparenza sembrano leoni e quando li conosci invece si dimostrano pecore. Scusa per l'esempio, non voglio catalogare nessuno, ma almeno tu hai avuto il coraggio di mostrarti per come sei e oggigiorno secondo me è un pregio. Sono sicura che quando avrai visto chiaro dentro di te, troverai una persona che ti renderà felice, è solo questione di tempo. Alely
  10. E' di poche ore la scoperta della tragedia accaduta ai fratellini Ciccio e Tore. Non ci sono parole....appena appresa la notizia ho dovuto cambiare canale, spengere la radio, non leggere i giornali.......un dolore fisico al cuore mi ha impedito anche di pronunciarne il nome. Non ci riesco, rimango pietrificata. Lo stomaco si chiude la pancia diventa dura, il respiro affannoso, le lacrime silenziose escono copiose dagli occhi, anche adesso che scrivo. Non accetto queste brutalità. Perchè devono esitere atrocità simili????????????? PERCHE???????? Non si può comprenderle, non ci sono spiegazioni....ACCIDENTI!!!!!........perchè non lasciano in pace quelle madri distrutte???.......a cosa serve tanto clamore??????.....a farci abituare all'orrore?? Sono mamma anch'io e vi giuro che ogni volta che sento purtroppo episodi del genere, il dolore che provo rasenta lo strazio. Fatemi tutto, ma non toccatemi i bambini.....TUTTI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Alely
  11. Alely

    sono stanco

    Ciao C'era una volta, ho letto con molta attenzione la tua storia e devo dire che ho avuto l'impressione che tutta la tua confusione abbia origini lontane. Non me ne vogliano gli specialisti in materia, ma ho la presunzione di pensare che tu stia cercando l'amore mancato dei tuoi genitori in particolare di tuo padre, in un uomo. Nei confronti dei tuoi simili tu parli di sentimento di dolcezza e non di sesso, come se tu stessi cercando in qualche modo la parte mancante di te e cioè l'affetto e l'amore che non ti sono mai stati donati. Probabilmente con quel ragazzo che hai frequentato ti sei sentito compreso e forse azzardo a dire anche protetto. Sto scrivendo molto d'istinto, ma non credo che tu in fondo sia gay, anche se con questo non c'è niente di male, ma la tua ricerca di un uomo al momento credo ti occorra per compensare i tuoi bisogni. Penso inoltre che tu debba lavorare molto su te stesso e ti auguro con tutto il cuore di continuare e finire il tuo percorso insieme alla psicologa. Sono sicura che alla fine ne uscirai una persona serena. In bocca al lupo. Alely
  12. Grazie a tutti per le risposte. Vorrei dire a Mio che non desidero l'immortalità e a Antius che non credo nella religione in generale. Ora quello che mi piacerebbe sapere è quale tipo di percorso avete intrapreso, soprattutto a chi come me ha avuto questo genere di difficoltà e cosa poter fare per trovare un sostegno e un aiuto ad accettare questa nostra natura? Mi spiego meglio, secondo voi ci sono per esempio letture, non necessariamente religiose che possono aiutarmi in questo senso? Cosa potrei cominciare a fare per cominciare a stare meglio? Cosa avete fatto voi per trovare la giusta risposta? Devo veramente dare un senso alla mia vita, come suggerisce filotea? Oppure pensate che l'unico rimedio si veramente la religione? Anche se non posso pretendere di diventare credente in due giorni, penso che per la mia pace interiore ci potrei provare.....bò!! Grazie di nuovo. Alely
  13. Ciao a tutti, vorrei provare a discutere con voi su un tema non certamente nuovo ma che per me sta diventando un vero e proprio assillo. La paura della morte in primis e delle malattie. Preciso subito che non sono religiosa...anzi sono una persona abbastanza razionale. Però anch'io sono tra quelle che la sera prima di addormentarsi pregano. Non so bene il motivo ma sto meglio dopo averlo fatto. Forse è un modo per ingraziarmi Qualcuno o Qualcosa oppure è un modo scaramantico per prepararmi a trascorrere il giorno dopo fatto sta che lo faccio sempre in nome della salute per me e tutta la mia famiglia. Questo sentimento di orrore di fronte alla morte credo di averlo sempre avuto e devo dire che non credo di aver mai vissuto episodi traumatizzanti tali da giustificarlo, o per lo meno direi che ho vissuto le stesse situazioni che vivono più o meno tutti. Il fatto che adesso ne sia particolarmente spaventata è legato senz'altro all'anzianità delle tre donne più importanti della mia vita. Mia madre, e le mie due zie. Contrasti e conlfitti a parte, loro sono le persone che mi hanno cresciuta, che mi hanno coccolata, che mi hanno protetta, che mi hanno amata, che mi hanno insegnato la vita, insomma sono la mia vita e so che senza di loro non so stare. NO....non sono la cucciola di casa (ho 39 anni)....nemmeno la bimba, nè la piccolina....non ho la sindrome di Peter Pan, ho la mia famiglia con tutti i suoi casini e mi ritengo una persona responsabile e matura. E' solo che non voglio che queste donne mi possano abbandonare da un giorno all'altro, perchè le amo, come amo i miei figli e non vorrei mai abbandonarli. Adesso il punto è questo. Non avendo una fede, un credo, una filosofia niente di niente.....non so come affrontare questa grande paura che ho della morte, anche mia s'intende. Mi dispiace non poter spiegare a voce quello che sento, ma sono veramente ossessionata e davanti a me vedo solo il buio nero e freddo. Alely
  14. Ciao Soley, leggo ora il tuo post e devo dire che mi ha colpito molto. Una delle prime cose che dici è che sei vecchia....io non credo. Non esiste un limite di età per meritarsi una vita serena accanto al proprio compagno e anche tu evidentemente stai cercando quella parte di serenità che ti manca. Se con il tuo compagno oramai non c'è più intesa da tempo, cosa ti obbliga ancora a continuare a stare con lui? Sei una donna indipendente, sicuramente piacente, autosufficiente, senza figli.....cosa ti trattiene ancora in questa situazione senza uscita? Scusa se insisto su questo punto ma onestamente ho l'impressione che tu stia aspettando la grande occasione per fare il salto di qualità e visto la tua grande voglia e legittima di innamorarti di nuovo, credo che tu ti stia attaccando alla tua storia parallela, proprio per il desiderio di ricominciare da capo. Il problema è però che questo uomo fisioterapista secondo me non è la persona giusta. Credo che per lui si tratti della solita scappatella (e aggiungo bastarda) matrimoniale. Non a caso quando ha visto che per te cominciava a cambiare, lui si è allontanato.....!! Se posso esprimere una mia opinione personale, io lascerei perdere questa persona che tanto non può offrirti di più e casomai proverei ad ampliare le conoscenze su altri fronti, magari verso uomini non impegnati. Cerca di avere la forza di prendere la decisione giusta e stai sicura che la tua vita ne riceverà beneficio. Ciao Alely
  15. Alely

    Trauma infantile

    Sì...mi confido malvolentieri....di persona intendo.... Ciao Alely
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.