Vai al contenuto

Diamante

Membri
  • Numero di messaggi

    34
  • Registrato dal

  • Ultima visita

1 che ti segue

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Napoli
  • Interests
    Medico chirurgo psicoterapeuta

Ospiti recenti del profilo

2868 lo hanno visualizzato

Diamante's Achievements

Newbie

Newbie (1/14)

0

Reputazione comunità

  1. Sembra una situazione basata su dei ruoli: il tuo quello di genitore/salvatore ed il suo quello di bambina/vittima. Quello che descrivi come ricatto o violenza può per fortuna essere messo in atto solo con la tua complicità. Chiaramente più tu ti poni come genitore affettivo o punitivo più lei si conferma nella regressione ed evita di assumersi la responsabilità delle proprie scelte di vita. Se ti agganci a lei in questo gioco di ruoli la situazione può solo approfondirsi nel senso che hai descritto. Non mi sembra una strategia efficace sollecitare una sua presa di coscienza. Ma puoi essere tu a rompere questo sistema. In molti modi naturalmente, basta prendere consapevolezza di cosa realmente sta accadendo fra di voi. Puoi esplorarlo da solo o meglio con l'ausilio di un terapeuta o di un counselor, limitando se vuoi la tua richiesta al superamento di questo momento ed utilizzando quindi tu stesso quelle risorse a cui lei sembra non voler accedere.
  2. Probabilmente il primo punto da accertare è la sua attuale natura. E solo dopo averla esplorata che potrai decidere se ti sta bene così come è oggi. Se davvero è un violento, un estraneo, uno che se ne frega di te e cosi via forse il problema è risolto, non ti sta bene e finisce qui. Capire quindi se quando dici di tenerci ti riferisci ad una persona reale o ad un ricordo. Mi chiedo però sinceramente come potrai fare a capire come stanno le cose mantenendo una distanza diciamo di sicurezza da lui. Senza correre rischi. Vuoi capire se puoi fidarti? Beh forse lui sta facendo la stessa cosa. Come capire se è pericoloso giocare con qualcuno evitando però di giocare? Una situazione quasi paradossale e di stallo. Come due guerrieri che sono immobilizzati da armature tanto belle e raffinate quanto pesantissime. Ma anche un'altra valutazione a questo punto potrebbe servire. Hai pensato ad immaginare una situazione ideale che vorresti far accadere? Se avessi tipo il genio della lampada ad aiutarti in questa storia, cosa gli chiederesti?
  3. Sei molto dolce nel descrivere tutto questo, e colpisce anche l'onestà di questi sentimenti. Una risposta che ti è stata data parlava di "volerti bene". Ma se questa frase avesse un significato alternativo? Se volerti bene significasse davvero amare te stessa con tutto quello che sei e provi, senza alcun se e ma? Immagina come vorresti essere amata. Con la tua dipendenza affettiva, con le tue paure, le tue insicurezze, la tua disoccupazione, con tutto quello che sei, abbandonando per un attimo l'idea che ci sia qualcosa di sbagliato o di migliorabile. Nessuna parte da non far conoscere all'altro o da "curare". Niente di pericoloso, da controllare per proteggerti da eventuali sofferenze. Un'accettazione assoluta di ciò che sei. Libera. Anche di manifestare a lui senza alcun tipo di controllo mentale quello che ti sale dalla pancia. Ma davvero tutto questo riflettere e controllare con la testa ti ha portato, ad oggi, in un luogo piacevole? O pensi che è il migliore che ti poteva capitare? E allora perché non provare un piano B? Fregatene delle sue reazioni e di quello che pensa, della "soddisfazione", di tutte le strategie più o meno giuste. Nessuna strategia. Nessun concetto di giusto o sbagliato. Fuori tutto. Nei modi che ti vengono al momento. Prova a mollare il volante e a farti travolgere da quello che sei. Portando solo consapevolezza a ciò che avviene momento per momento. Certo potrebbe farlo anche lui, invece di stare come te arroccato a vedere se può o meno aprirsi, a cercare di fare la cosa la cosa "giusta", quindi per proteggersi dal soffrire. Ma fregatene di lui. Qualsiasi cosa accada questo sarebbe il primo vero, straordinario atto di amore verso te stessa. Il primo vero accoglimento del fatto che sei un essere umano perfetto e meraviglioso ora e subito, in tutta la tua complicata equazione e la tua storia. Che ti puoi concedere di vederla con un po' di tenerezza. Che questo può essere amato dal mondo e dagli altri. Che è vincente. Ma che difficilmente qualcuno potrà mai amarti più di quanto tu ami REALMENTE te stessa. E non si ama davvero una persona che si vorrebbe cambiare, modificare, migliorare, controllare. Lo so sarebbe tosta, ma potrebbe avere per te un significato superiore anche alla storia con questo ragazzo...
  4. Vabbè, stamattina sono talmente nel pallone che pure le nozioni di base dell'ortografia mi hanno abbandonata...

  5. Sono contenta! Buona giornata e scusa ancora per quell'mp ;)

  6. Si, stanco morto. Ma ne è valsa la pena:-)

  7. Turbo sono assolutamente d'accordo con te. Del resto lo stesso Freud definisce la nevrosi come un allontanamento dalla realtà ed il riavvicinamento alla realtà come scopo di ogni terapia. Questo principio resta valido a mio parere per qualsiasi percorso psicologico e/o spirituale. Ed è un cammino senza fine, che porta per fortuna non ad un annullamento (anche se ne sembra una tappa), ma ad una gioia, una serenità che esiste qualcosa che "è" al di là di ciò che "diviene". E ci si arriva attraverso se stessi, attraverso l'osservazione che il tutto è già dentro di noi, senza cercarlo fuori, nemmeno in una divinità. Paradossalmente infatti la religione tradisce questo scopo, almeno nella comune accezione. Anche per questo io ho abbandonato questa strada nella mia ricerca, senza tradire nulla del mio sentire.
  8. Le fresie significano “mistero” ed il ranuncolo “bellezza un po’ malinconica”. Anche io ho dedicato la mattinata alla casa, ed il pomeriggio al relax (letture, musica e un film dimenticabile). Buona serata:-)

  9. Sì! Un bel sole caldo. Per onorarlo, ho comprato un enorme mazzo di ranuncoli e fresie colorate che mi profumano la casa e rallegrano la vista :)

  10. Buon giorno Margherita! Splende il sole sui tuoi petali bianchi?

  11. Judy possiamo pensare tutto ed il contrario di tutto. Non puoi avere idea di quanto marcio ci sia in certi ambienti. Ed è davvero dolcissima la tua premura nei suoi confronti, credimi non è difficile guardare dietro una certa veemenza. In un contesto diverso il tuo istinto protettivo sarebbe da sostenere. Ma attenzione a fare i "salvatori" perchè a volte, in piena buona fede, si fanno guai veramente grossi. I fatti parlano di un medico abilitato che ha eseguito un atto medico. Nessuno, me incluso sia chiaro, può mettere il mantello e volare al salvataggio con la musichetta di superman. Spero di non essere stato troppo categorico, e se vuoi posso spiegare in modo più esteso il mio punto di vista, sperando di non essere OT
  12. Non vi sembra che con Lilith si sia andati un bel pò sopra le righe? Un terapeuta può e DEVE avere l'approccio al paziente che sceglie di avere, se finalizzato all'ottenimento dello stato di salute del paziente, senza naturalmente violare la legge ed il codice deontologico, e nel pieno rispetto delle proprie qualifiche professionali. Nessuno, nemmeno un suo Collega e tantomeno estranei, è autorizzato a condizionare e ad invadere in modo così violento il setting ed il rapporto di fiducia con il terapeuta (il che fa ripensare addirittura all'utilità di condividerlo in un forum, e quindi ad una sorta di condivisione di gruppo senza però alcuna conduzione). Un medico è tale anche quando opera come psicoterapeuta, ne ha anzi l'inderogabile dovere e la responsabilità. Dovere che invece risulterebbe inappropriato per uno psicologo psicoterapeuta, la cui figura professionale non contempla l'esame diretto di una colite di origine psicosomatica. E sono ben altri i contesti in cui presunte invasioni di campo vanno valutate, e sempre con la più assoluta attenzione al paziente e allo svolgimento della sua terapia. Ed aggiungo, per divagare, che un terapeuta magari di indirizzo bioenergetico, o che utilizza tecniche di bioenergetica, in cui il contatto fisico ed il lavoro sul corpo sono il pane quotidiano, non non ha certo lo stesso approccio di uno psicanalista, ed il suo lavoro non è meno efficace.
  13. Wow! Sei in terapia con Magritte :-)

  14. No, non ci ho mai provato. Ma mi vengono in mente quegli uomini in cappotto scuro di Magritte...imperscrutabili, sideralmente distanti. In più, il mio è un individuo incredibilmente affascinante. La sua mente è limpida, il suo fare risoluto. Ma se ci si avvicina troppo, si rischia di essere fulminati dal circuito elettrico...

×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.