Vai al contenuto

Pubblicità

Cerca nel Forum

Showing results for tags 'panico'.



More search options

  • Search By Tags

    Tag separati da virgole.
  • Search By Author

Tipo di contenuto


Calendari

  • Gli eventi della Comunità di Psiconline

Forums

  • Regolamento del Forum
  • Confrontiamoci con gli Esperti
    • La psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
    • I disturbi dell'alimentazione
    • La coppia, l'amore e la dipendenza affettiva
  • Confrontiamoci fra di noi
    • Avvisi e richieste
    • Parliamo di Psicologia
    • Fatti e misfatti
    • Chi mi aiuta?
    • Argomenti
    • Single, Coppia, Famiglia
    • Mobbing & Bossing: prevenzione e non solo cura
    • L'ho appena letto ed ora ne parlo! (Il libro che mi ha colpito ... )
    • L'ho appena visto ed ora ne parlo! (Il film che mi ha colpito ... )
    • Accordi e disaccordi
    • Parliamo di attualità...
    • La vita scolastica
    • Totem e tabù
  • Spazio libero
    • Ciao, io sono ....
    • Coccole e carezze
    • Hobby e passioni
    • Chiacchiere in libertà (lo spazio per gli OFF TOPIC)
  • Corsi, Convegni, Congressi, Incontri di Formazione
    • Convegni ECM
    • Convegni, Congressi e Corsi
  • Professione Psicologo
    • Avvisi e richieste
    • Problemi della professione
    • Psicologia ed Internet
    • Usiamo i Test Psicologici
  • Studenti di psicologia
    • Studenti di psicologia
    • Esame di Stato per Psicologi
    • La tesi di laurea
    • Studenti di psicologia.it

Find results in...

Find results that contain...


Data di creazione

  • Start

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Start

    End


Filter by number of...

Iscritto

  • Start

    End


Gruppo


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Trovato 6 risultati

  1. ho il doc da più di un anno, e per tanto tempo mi ha tormentato anche se nell'ultimo periodo sono stata davvero benissimo, quasi per sette mesi! ho avuto una paura orribile, quale quella di poter diventare schizofrenica. che mi passò dopo poco. ora invece giro su instagram e trovo un post sulla schizofrenia e le voci nella testa, che si danno nomi, che hanno personalità..mi ha così impressionata che ora ne ho il terrore peggio di prima. di notte io ho sempre avuto paura di sentire voci. mi sono resa conto invece che, tornando a casa la sera stanca, ho tantissimi pensieri per la testa e impressionandomi che ne so, sento il mio nome ripetuto ma solo quando penso a questa cosa (e posso controllarlo, quindi sono solo io). ora invece penso siano reali, che io possa impazzire. è una malattia che può prendere a tutti se si vuole e io non ne sono esclusa..quali sono i pensieri degli schizofrenici?
  2. gianporfi

    Sto impazzendo?

    Ciao a tutti mi chiamo Gianluca e ho 23 anni.Prima di consultare come ultima spiaggia uno psicologo vorrei sapere anche un vostro parere, il tutto iniziò 3 anni fa con forte tachicardia notturna e senso di soffocamento..ripetuto per circa due mesi (luglio e agosto) in breve non ho dormito quasi per due mesi se non qualche oretta siccome appena mi coricavo arrivavano le palpitazioni a mille e gola chiusa..poi a furia di respirare in iperventilazione per ore mi addormentavo.Iniziano le analisi, cuore OK (ecg, eco, ecodoppler, hotler), analisi del sangue con emocromo OK, spirometria OK, successivamente inizio a ripetere emocromo completo ogni 3 mesi e l'unica cosa che salta all'occhio è giusto una piccola carenza di ferro (sistemata con ferrograd).Il 2016 tutto ok nel senso mi dico "ok ho l'ansia", ogni tanto al cinema mi veniva il panico, cosi come nei luoghi aperti, quando stavo solo, quando dovevo far qualcosa insomma questo affanno e oppressione toracica era sempre presente però non mi allarmavo più di tanto anche grazie al collega XANAX.Il 2017 è stato un trauma, arriva l'estate e vedo un servizio su HIV e altre malattie (premetto che non vado con escort ed ho una, ed unica avuta, ragazza) mi sale il panico, mi sento malato, inizio a pensare che ho l'aids che me la sono presa con i tatuaggi che ho. Esattamente il giorno dopo corro dal medico mi faccio prescrivere le analisi da fare e 10 minuti dopo corro al laboratorio analisi che dopo qualche ora me le mandano per email siccome mi avevano visto agitatissimo (ovviamente negativo l'esito).Il punto non è tanto il perché delle analisi ma volevo spiegare bene il fatto siccome da quel momento l'ansia è andata alle stelle.Sono letteralmente impazzito, qualche mese dopo verso novembre sento un servizio sulle malattie polmonari e di nuovo arriva il panico, tremo, sudo, non dormo, piango. Vado dal medico, mi dico ho la gola chiusa da 2 anni e respiro male sicuro ho qualche malattia ed iniziamo, Rx Torace tutto apposto, Rx Cranio tutto apposto, ecografia alla gola qualche linfonodo reattivo, tac con contrasto alla gola solo qualche linfonodo attivo e ovviamente emocromo perfetto, pankreas, reni e fegato perfetti.Mi tranquillizzo un po ma purtroppo chi ipocondriaco ed ansioso non sta a cercare su google i propri sintomi?Leggo delle malattie neuromuscolari e li cado di nuovo in un vortice infinito, di nuovo analisi del sangue, visita medica di base + visita medica neurologica (che mi diagnostica forte ansia associata a depressione).In effetti si ragazzi...io non ragiono più, mi alzo la mattina già soffocato con il pensiero di cosa posso cercare oggi su google per i sintomi che ho, non penso ad esempio a cosa mangio, a cosa devo fare a lavoro, a cosa fare questa sera o che film guardare.Mi alzo e dico, non sto bene, non respiro, ho la gola chiusa, ho le gambe stanche, le vertigini, mai un sorriso, parlo in maniera confusionale, questa non è vita. Mi sento stanco, triste, non mi riesco a concentrare, non riesco a pensare ad un futuro. Penso di andare da uno psicologo, intanto ho iniziato da appena 4 giorni una cura di Sereupin la mattina e xanax 0.25 diviso metà mattina metà sera.Per favore ogni risposta è ben accetta, scambiare opinioni mi aiuta.
  3. Scrivo perché da un paio di mesi ho notato di avere problemi ad addormentarmi. Appena fa buio il cuore comincia a battermi più forte e ho l'angoscia perché so che andare a dormire senza piangere sarà un'impresa. Mia mamma ha dormito con me fino ai miei 14 anni, poi ho sempre dormito in camera da sola. Dopo il liceo mi sono trasferita a Pisa e ogni notte da sola stavo male perché non avevo stretto amicizia con i coinquilini. L'unico modo per stare tranquilla era dormire col mio ragazzo, con il quale poi sono andata a vivere. Adesso lui è partito per 2 mesi e nelle ultime due notti ho avuto delle crisi di umore. Non so se il motivo sia che mi sono attaccata troppo a lui, ma anche il giorno lo penso spesso e non sono mai completamente rilassata quando sono da sola. Sto bene solo se sono impegnata ma poi prima di andare a letto mi sale l'ansia. Non capisco il motivo. Inoltre non trovo niente che mi distragga veramente e sono molto irritabile. Ho smesso di fare palestra a Giugno e a Settembre devo ricominciare, quindi non ho neanche un'attività che mi possa stancare. Insomma, quando non sono con lui sto male di sera.. Durante il giorno sto male solo se penso al perché non sono tranquilla la sera. In particolare penso che starei bene se fossi con lui e, visto che non è possibile, comincio a intristirmi. È l'amore? Ho un problema a dormire da sola? Non so gestire il malumore? Vorrei solo capire cosa ho e perché non riesco ad autocalmarmi. Sono consapevole di dipendere da qualcun altro forse, solo che non vedo una soluzione. Magari il problema è un altro..
  4. L.Soares

    DPTS

    Salve a tutti, scrivo per la prima volta in un forum di questo tipo con curiosità e massimo rispetto nei confronti di quanti condividano le proprie opinioni ed esperienze, magari sperando di riuscire altrettanto. In particolare c'è un tema sul quale mi piacerebbe confrontarmi ed è quello inerente al disturbo post traumatico da stress (DPTS), nella fattispecie cronico, o più in generale a situazioni in cui l'aggravarsi di una data problematica abbia raggiunto punti critici. Grazie in anticipo a chiunque vorrà spendere una parola e/o confrontarsi sul tema. Intanto vi auguro una buona serata.
  5. Ho 20 anni e una storia difficile che credo sia arrivata al culmine.. Un'infanzia felice, due genitori che mi amavano finchè mio padre, 7 anni fa, ha deciso di andare a vivere con un'altra donna.. Ormai è come sparito, ha un'altra figlia che ha 4 anni e non si fa sentire quasi più (mi manda gli auguri di natale e compleanno via sms), la sua famiglia non ha mai accettato mia madre e non riesco a avere un rapporto con loro.. Mia madre prende psicofarmaci da quando sono nata e dopo la separazione ha quasi tentato il suicidio, cercando di tagliarsi le vene.. Non riesco ad avere relazioni soddisfacenti con gli uomini, li sento sempre distanti e forse sono io che dopo la cotta iniziale non mi sento più attratta da loro, per proteggermi da altre sofferenze.. Per giunta adesso soffro di intensi attacchi di panico ogni volta che devo sostenere un esame orale.. Vorrei risolvere almeno l'ultimo dei miei problemi, così ho pensato di andare da uno psicologo ma non so con chi parlarne, a chi rivolgermi.. Credete che sia la decisione più giusta? Ho solo paura che sia eccessivo rivolgersi ad uno specialista, quando magari potrei farcela ancora, da sola, come sempre.
  6. Sono una donna di 30 anni, sposata con prole. Mia figlia è quanto di più bello abbia al mondo, la amo infinitamente, ma essendo casalinga sono sempre stata in casa con lei per 3 anni e la mia vita ha ruotato intorno alla sua, ho smesso di dedicarmi ad altre attività che mi piacevano e ho deciso di stare sempre con lei, senza lasciarla mai per una notte da sola coi nonni. Da sempre ho la fobia del male, del sangue, degli omicidi e di tutto ciò che riguarda la morte violenta. Ultimamente, dopo alcuni fatti di cronaca nera che ho letto, mi sono venute allucinazioni mentali continue riguardanti gli omicidi, cerco di non pensarci ma tornano, anche se sembra che mi diano tregua tornano di nuovo, sono immagini che mi fanno star male. So per certo che è solo fantasia, ma la paura che diventino realtà a volte mi sfiora, non lo nascondo, mi sento intrappolata in questi scenari che vanno e vengono e mi fanno soffrire. Come posso guarire da queste ossessioni? Esistono rimedi omeopatici? Un consulto da uno specialista mi servirebbe probabilmente, ma ho paura che per farmi guarire mi proponga di vedere immagini simili per "esorcizzare" il problema e io non tollero certe cose (non ho mai visto un horror, il tg mi crea ansia quando parla di cronaca nera, il giornale pure). Sto diventando pazza??? Chiedo aiuto, temo la depressione. Chiunque conosca un rimedio me lo dica.
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.