Vai al contenuto
  • Pubblicità

Floyd77

Angoscia esistenziale

Messaggi consigliati

Ciao a tutti,

Sono un uomo di ormai 42 anni, vivo e lavoro da quasi dieci anni a Roma. Ho un lavoro stabile, sono autonomo, ho abbandonato il tetto familiare a 32 anni e non sono privo di relazioni sociali. Eppure, qualcosa è radicalmente cambiato da oltre un anno.

La mia storia è sempre stata caratterizzata da una serie di fasi umorali a lungo o medio termine. Insomma, so cosa è la depressione, almeno a partire dai 16 anni, ma negli anni - anche grazie all'analisi e ai farmaci - ho costruito un equilibrio piuttosto stabile. Il primo episodio avvenne a 19 anni, ma covavo già da qualche anno. Non mi piacevo esteticamente, tendevo ad isolarmi, mi rifugiavo nei sogni ad occhi aperti e nella lettura, nessun approccio con le donne, tendevo ad idealizzare tutto e ad intellettualizzare i problemi. Questi sono tratti della mia personalità, poco da fare. Fatto sta che esplose un malessere infernale che, 22 anni dopo, ancora mi perseguita. Mi venne addirittura diagnosticata la schizofrenia, ma in realtà ero sempre lucido e presente, proprio per questo avvertivo tutto il dolore dell'universo e dell'umanità, ero una sorta di Cristo (un pocero Cristo, direi). È allora che ho cominciato ad assumere farmaci e ho intrapreso un percorso terapeutico. Da allora ho sempre convissuto con fasi down, ma niente a che vedere con quell'inferno (che durò quattro mesi nella fase acuta). Ma soprattutto queste fasi depressive duravano poco, mai più di un mese, e poi avveniva una remissione pressoché completa e tornavo a stare bene. Ho poi avuto le mie prime relazioni sentimentali, ma ho sempre manifestato qualche problema emotivo a "sentire", a "provare" e a gestire una storia. Comunque, ho portato a termine con successo gli studi, ho vinto un concorso statale, mi sono laureato, mi sono trasferito a Roma, mi sono fatto valere sul lavoro, ho avuto una relazione di due anni e mezzo in cui per la prima volta sono stato coinvolto. Ormai ne ero fuori, da qualche anno non prendevo più farmaci e non andavo più in analisi. Ma ecco che sei anni fa si riaffaccia un fortissimo malessere che mi stravolge, lascio la mia ragazza di punto in bianco, torno in analisi, ricomincio una terapia farmacologica. Il senso di colpa mi annienta e la ritengo la seconda crisi più tosta dal 1997, ma tutto sommato tempo due mesi e comincio a stare meglio. E da allora, era il 2013, vivo una lunghissima fase di benessere... sì, qualche piccolo passaggio a vuoto, ma roba di un paio di settimane, per il resto vado a mille, conosco tante persone nuove, faccio molte attività.

E arriviamo allo scorso autunno. Inizio una relazione dopo molto tempo con una donna più grande e davvero bella e meravigliosa. Intanto, comincio ad avere fastidi alle orecchie, senso di ovattamento perenne e mi viene diagnosticata una otosclerosi bilaterale. Ed è esattamente allora che comincio ad avvertire il malessere mi attanaglia ancora adesso... un qualcosa di diverso, di nuovo, di "costitutivo". Pongo fine alla relazione immediatamente, ma non serve. I farmaci non servono, men che meno la terapia psicologica. Da oltre un anno questo è il mio stato: una ineliminabile condizione di angoscia perenne, un senso di tedio esistenziale, vuoto, tristezza, paura, inutilità e vacuità delle cose. Non sono mai stato male per così tanto tempo, mai! E non ho mai percepito il male come "normalità", come faccio adesso. La cosa terribile è proprio questa: mi sembra perfettamente normale sentirmi così, qualcosa di naturale, ontologico, esistenziale... e come tale ineliminabile ed eterno. Ho fatto mie le conclusioni di filosofi come Kierkegaard, Cioran, Heidegger, Camus. Continuo a lavorare, non ho mai preso un giorno di malattia! Continuo a sbrigare le commissioni, a fare la spesa, a fare le visite mediche. Di tanto in tanto addirittura esco con gli amici. Ma niente. Non serve a niente. Questa condizione è perenne, costante, non va via.

In tutta sincerità, vivere a questo modo non ha senso, è uno stillicidio di dolore.

Qualcuno ha mai sperimentato un simile stato?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Un altro forum di psicologia con centinaia di visualizzazioni e nessuna risposta. Mi chiedo cosa esistano a fare!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao Floyd, girovagando alla ricerca di risposte sulla mia (strana) condizione di vita, mi sono imbattuta nel tuo messaggio e mi sono molto ritrovata nelle tue parole tanto da iscrivermi a questo forum per risponderti. Comprendo molto bene il tuo stato d'animo perchè purtroppo è da sempre, con alcune differenze, un po' anche il mio. Sono anch'io del 77 e anch'io all'età di 19 anni ho avuto una terribile crisi di angoscia e ansia durata ,nella sua fase acuta, parecchi mesi. Ho davvero rischiato in quell'occasione, sono dimagrita di diversi chili, addirittura mi si è interrotto il ciclo, ho temuto che non sarei più tornata ad essere me stessa, quella persona che ,pur tra alti e bassi, avevo imparato a far vivere. Ho preso farmaci per un po' e sono stata in analisi diversi anni. Sono uscita dalla fase acuta e sono tornata ad una vita più o meno normale ma da allora è come se camminassi in equilibrio su un filo, basta un soffio di vento per sbattermi giù. E in questi anni di soffi di vento ce ne sono stati eccome, come quando ad esempio all'età di 23 anni mi è stata diagnosticata l'otosclerosi, sì proprio come nel tuo caso, e ho dovuto imparare a convivere con un problema che non ha certo aiutato una come me desiderosa di compagnia ma tendente all'isolamento. 

Mi interrogo da sempre sul perchè della mia condizione. In realtà credo di non avere nulla di meno rispetto a chi riesce a vivere serenamente, ma sono da sempre frenata, impaurita e dentro di me serpeggia l'idea che io, semplicemente, non sia adatta alla vita. Non voglio far apparire questa mia affermazione più tragica di quello che è, però credo che in effetti questa vita sia adatta solo a chi poco pensa, a chi poco si arrovella. Io sono circondata da persone a cui spesso capitano eventi molto più difficili di quelli che sono capitati a me, ma noto che loro, a differenza mia, non pretendono di sviscerarli, di trovarne la ragione. Semplicemente si rialzano e vanno avanti, fiduciosi che le cose miglioreranno. Io le invidio molto queste persone e penso che l'evoluzione con loro sia stata proprio benevola.

Penso che nel tuo come nel mio caso, occorra semplicemente tenere duro accettando questi aspetti della propria personalità consapevoli che il periodo buio, come è sempre passato, passerà anche questa volta. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.