Vai al contenuto

Pubblicità

lorella

pena di morte si.pena di morte no.

Recommended Posts

(ANSA) - PECHINO, 24 NOV - Due condanne a morte, nell'ambito dello scandalo del latte contaminato alla melamina, sono state eseguite oggi in Cina. Le due persone messe a morte sono Zhang Yujun, colpevole ''di aver messo in pericolo la salute pubblica'', e Geng Jinping, per aver prodotto e venduto il latte contaminato. Zhang ha prodotto oltre 770 tonnellate di latte contaminato alla melamina, vendendone piu' di 600 tonnellate. Geng ha venduto oltre 900 tonnellate di latte contaminato.

vivreste in un regime come quello cinese?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pubblicità


(ANSA) - ROMA, 6 NOV - Esecuzione in Texas: un detenuto di 32 anni, Khristian Oliver, e' stato messo a morte mediante iniezione letale in un penitenziario texano. Era stato condannato nel 1999, e da allora ha sempre vissuto in carcere, alla pena capitale per un omicidio commesso nel 1998, quando aveva 20 anni, nel corso di un tentativo di rapina. Khristian Oliver e' il 20/mo detenuto messo a morte quest'anno in Texas. Altri cinque sono in attesa di ricevere l'iniezione letale entro la fine dell'anno.

e in questo, di regime?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
(ANSA) - PECHINO, 24 NOV - Due condanne a morte, nell'ambito dello scandalo del latte contaminato alla melamina, sono state eseguite oggi in Cina. Le due persone messe a morte sono Zhang Yujun, colpevole ''di aver messo in pericolo la salute pubblica'', e Geng Jinping, per aver prodotto e venduto il latte contaminato. Zhang ha prodotto oltre 770 tonnellate di latte contaminato alla melamina, vendendone piu' di 600 tonnellate. Geng ha venduto oltre 900 tonnellate di latte contaminato.

vivreste in un regime come quello cinese?

ma sul viverci, che dire, non so, dovrei esserci...

sulla pena di morte, io sono sempre contrario, anche se i reati commessi sono davvero gravi.

facendo così scompare la differenza tra giudice e colpevole, rendendoli entrambi assassini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma sul viverci, che dire, non so, dovrei esserci...

sulla pena di morte, io sono sempre contrario, anche se i reati commessi sono davvero gravi.

facendo così scompare la differenza tra giudice e colpevole, rendendoli entrambi assassini.

esatto. ed è questo che mi fa' paura. perchè c'è il concreto rischio di non sapere il giusto e lo sbagliato che già di per sè, è diviso da un labile filo di seta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
(ANSA) - ROMA, 6 NOV - Esecuzione in Texas: un detenuto di 32 anni, Khristian Oliver, e' stato messo a morte mediante iniezione letale in un penitenziario texano. Era stato condannato nel 1999, e da allora ha sempre vissuto in carcere, alla pena capitale per un omicidio commesso nel 1998, quando aveva 20 anni, nel corso di un tentativo di rapina. Khristian Oliver e' il 20/mo detenuto messo a morte quest'anno in Texas. Altri cinque sono in attesa di ricevere l'iniezione letale entro la fine dell'anno.

e in questo, di regime?

bhè il regime è completamente diverso...i reati qui sono sempre gravi..

direi idem a quello precedente

solo che oltre al giudice, qui assassino è chiunque concorda con quella legge.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono d'accordo con chi dice che nessuno ha il diritto di uccidere un'altra persona, nemmeno nel caso si stia giudicando un assassino. Eticamente e moralmente è sbagliato, me ne rendo conto, perchè nessuno ha il diritto di togliere la vita a qualcuno, questo è il mio pensiero razionale... ma se lascio spazio alle emozioni, se mi metto nei panni di una sola di quelle madri che hanno perso il figlio perchè ha bevuto il latte contaminato dalla melamina, o nei panni della madre di Tommaso o di chiunque altro abbia perso un figlio o una persona cara per volere preciso di qualcun'altro, allora devo ammettere che io, al loro posto, non mi accontenterei dell'ergastolo, ma vorrei la vita di chi ha distrutto la mia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sono d'accordo con chi dice che nessuno ha il diritto di uccidere un'altra persona, nemmeno nel caso si stia giudicando un assassino. Eticamente e moralmente è sbagliato, me ne rendo conto, perchè nessuno ha il diritto di togliere la vita a qualcuno, questo è il mio pensiero razionale... ma se lascio spazio alle emozioni, se mi metto nei panni di una sola di quelle madri che hanno perso il figlio perchè ha bevuto il latte contaminato dalla melamina, o nei panni della madre di Tommaso o di chiunque altro abbia perso un figlio o una persona cara per volere preciso di qualcun'altro, allora devo ammettere che io, al loro posto, non mi accontenterei dell'ergastolo, ma vorrei la vita di chi ha distrutto la mia.

proprio per questo Impa i processi non li fanno i genitori delle vittime...sarebbero giustamente parziali. No?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
proprio per questo Impa i processi non li fanno i genitori delle vittime...sarebbero giustamente parziali. No?

E' un argomento su cui sono nettamente divisa in due. Da una parte, vorrei che ci fosse la pena di morte anche da noi, sarei ipocrita a dire che mi basterebbe sapere che l'eventuale assassino di qualcuno della mia famiglia marcisca in prigione, io non vorrei solo giustizia, ma vorrei anche vendetta.

Dall'altra... so che è un discorso profondamente sbagliato e incivile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa eventuale rabbia potresti usarla per compredere invece. Si comprendere l'assassino, comprende come la rabbia (dovuta al suo vissuto) lo abbia portato a quello.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io penso addirittura che bisognerebbe dare maggiore dignità ai carcerati altro che condanna a morte.

credo che la condizione del carcere sia disumana.

e questo è inaccettabile in un paese che si definisce civile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Questa eventuale rabbia potresti usarla per compredere invece. Si comprendere l'assassino, comprende come la rabbia (dovuta al suo vissuto) lo abbia portato a quello.....

Si, ho letto varie pubblicazioni sull'argomento e mi sono resa conto che, spesso, chi è carnefice è stato a sua volta vittima. Quando ho letto dell'infanzia di certi serial killer quasi piangevo per loro, ma nonostante questo non credo che riuscirei a perdonare. Spesso i mostri di oggi sono i bambini di ieri che sono sopravvissuti alle violenze più inaudite, però ormai sono persone pericolose, da eliminare dalla società. Per eliminare, però, non intendo certo ammazzarli, ma che una volta provato che sono autori di un certo crimine, andrebbero messi in prigione e bisognerebbe buttare la chiave.

Nel mio caso, però, ammetto che se dovessi essere colpita direttamente da un'atrocità simile, vorrei la vendetta. Mi sono detta più volte che è sbagliato, che è incivile, che non ne avrei il diritto... ma è più forte di me.

Nel primo caso citato da Lorella, poi, il vissuto c'entra poco: lì c'entra di più il denaro, per la loro avidità e mancanza di scrupoli 6 neonati sono morti e 300 bambini sono rimasti gravemente intossicati... se fosse capitato ad uno dei miei figli, credo che ora avrei una rabbia incontenibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si, ho letto varie pubblicazioni sull'argomento e mi sono resa conto che, spesso, chi è carnefice è stato a sua volta vittima. Quando ho letto dell'infanzia di certi serial killer quasi piangevo per loro, ma nonostante questo non credo che riuscirei a perdonare. Spesso i mostri di oggi sono i bambini di ieri che sono sopravvissuti alle violenze più inaudite, però ormai sono persone pericolose, da eliminare dalla società. Per eliminare, però, non intendo certo ammazzarli, ma che una volta provato che sono autori di un certo crimine, andrebbero messi in prigione e bisognerebbe buttare la chiave.

Nel mio caso, però, ammetto che se dovessi essere colpita direttamente da un'atrocità simile, vorrei la vendetta. Mi sono detta più volte che è sbagliato, che è incivile, che non ne avrei il diritto... ma è più forte di me.

Nel primo caso citato da Lorella, poi, il vissuto c'entra poco: lì c'entra di più il denaro, per la loro avidità e mancanza di scrupoli 6 neonati sono morti e 300 bambini sono rimasti gravemente intossicati... se fosse capitato ad uno dei miei figli, credo che ora avrei una rabbia incontenibile.

è più forte di te...benissimo impa...

questo ti sia da maestro per capire come la rabbia porta alla violenza....comprendi testessa e anche gli altri saranno chiari per te.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
è più forte di te...benissimo impa...

questo ti sia da maestro per capire come la rabbia porta alla violenza....comprendi testessa e anche gli altri saranno chiari per te.

Ma è ovvio che la rabbia porti alla violenza, nessuno l'ha mai negato!

Tra l'altro, credo di sapere da dove mi arriva questa rabbia, ma la comprensione non mi aiuta molto... non penso che riuscirei mai a perdonare una cosa del genere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ieri mia figlia ha partecipato, con la sua classe, ad un incontro con altre scuole dove si parlava di pena di morte. li per li non ho dato molto peso a quello che mi raccontava, ma quando mi ha chiesto: mamma forse è giusta la pena di morte? ho un po' rabbrividito. le ho spiegato che nessun uomo può decidere sulla vita di un altro, che nessun uomo può decidere sulla morte di un altro, che siamo nessuno per mettere quella firma che ufficializza la morte di una persona, che il medico che inietta quella dose letale nelle vene di un pedofilo, di un assassino, non è un uomo a immagine e somiglianza di Dio. e permettetemelo, di me. lei continua a chiedermi: - e allora chi uccide i bambini, chi violenta le donne, chi uccide gli altri? - sempre rabbrividendo le dico che il senso di colpa che si nutrirà della loro anima per tutto il resto della loro vita, li annienterà e questa è la loro pena di morte. le ho anche spiegato che la parte oscura del loro cervello fa' la sua parte in tutto questo, molti sono malati e soffrono di vari disturbi ossessivi o quant'altro.

insomma un discorsetto coi fiocchi, ma vi assiscuro cari amici, che ucciderei senza remore e sensi di colpa chiunqe facesse male ai miei figli. e non è n modo di dire di una madre ossessiva (non lo sono vi assicuro), lo farei e non avrei nessuna pietà.

ma questo a mia figlia non l'ho detto.

contrapposizione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ma è ovvio che la rabbia porti alla violenza, nessuno l'ha mai negato!

Tra l'altro, credo di sapere da dove mi arriva questa rabbia, ma la comprensione non mi aiuta molto... non penso che riuscirei mai a perdonare una cosa del genere.

da dove ti arriva questa rabbia, impa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
(ANSA) - PECHINO, 24 NOV - Due condanne a morte, nell'ambito dello scandalo del latte contaminato alla melamina, sono state eseguite oggi in Cina. Le due persone messe a morte sono Zhang Yujun, colpevole ''di aver messo in pericolo la salute pubblica'', e Geng Jinping, per aver prodotto e venduto il latte contaminato. Zhang ha prodotto oltre 770 tonnellate di latte contaminato alla melamina, vendendone piu' di 600 tonnellate. Geng ha venduto oltre 900 tonnellate di latte contaminato.

vivreste in un regime come quello cinese?

No, penso che non sopravviverei per molto in un regime come quello cinese. L'esempio fatto non è fra quelli trucidi, quei due meritavano comunque una pena durissima come l'ergastolo. Le notizie peggiori non vengono certo divulgate...guardate questo sito... http://www.unmadeinchina.org/default.asp?lang=it&idPag=5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
No, penso che non sopravviverei per molto in un regime come quello cinese. L'esempio fatto non è fra quelli trucidi, quei due meritavano comunque una pena durissima come l'ergastolo. Le notizie peggiori non vengono certo divulgate...guardate questo sito... http://www.unmadeinchina.org/default.asp?lang=it&idPag=5

dio mio...

comuque anche da noi....avevamo postato un post dove c'era un video girato nel sud italia, direi simile e poi hai mai visto morire una mucca o un cavallo....non è da meno....

e l'aragosta ti piace? Pensare che muore bollita viva, e piange tutto il tempo mentre muore...

non so, quello li accomuna al resto del mondo.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io non ho lo stomaco forte quindi non l' ho visto .

pero' che centra la pena di morte con la cottura dell' aragosta proprio non lo capisco .

l' aragosta non muore perchè colpevole di un reato .. muore perchè nella catena alimentare occupa un certo posto ..

a sua volta quando non è catturata e mangiata mangia anche lei e lo fa senza troppe storie.

un conto è il ciclo naturale un conto sono le scelte relative a uccidere un uomo o no.

non credo che si puo' fare una colpa allo squalo di essere predatore carnivoro .

poi se uno sceglie di essere vegetariano perchè non vuole far soffrire gli animali va bene pero' non capisco perchè questa insensibilità per il mondo vegetale,..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
da dove ti arriva questa rabbia, impa?

Penso da più cose... sicuramente la principale è un fatto che mi è accaduto quando avevo 11 anni: portavo in giardino la mia sorellina di 4, lui ne aveva circa 60 e portava in giardino il suo nipotino, sempre di 4 anni. I bambini giocavano e lui, senza neanche che me ne rendessi conto, ha iniziato a circuirmi finché, dopo un po' di volte, mi sono trovata nel suo garage... Non saprei dire quanto è durata, sicuramente è successo più di una volta, ma ricordo bene solo i fatti e non tutto il resto. Fatto sta che alla fine l'ho detto ai miei genitori, ho visto mio padre saltargli al collo, non ho mai saputo cosa gli ha detto, ma da quella volta non mi si è più avvicinato e ancora oggi abbassa lo sguardo quando ci incontriamo. Però non è stato denunciato, quindi, fondamentalmente, ha pagato solo con la sua vergogna. Non me ne sono resa conto subito (anche perchè ero piccola), ma con gli anni mi sono accorta che, ogni volta che lo vedevo, mi sembrava di avere davanti agli occhi l'emblema dell'ingiustizia: lui si è fatto i suoi porci comodi ma nessuno gli ha fatto niente. Credo si sia anche pentito, glielo leggo negli occhi, però mi è rimasta la rabbia dentro perchè non ha pagato. E questa rabbia mi torna ogni volta che sento di qualcuno che non paga per quello che ha commesso.

Se a questo aggiungiamo che sono cresciuta con un padre che ha sempre detto che avrebbe ammazzato chiunque ci avesse fatto del male (e infatti quella sera ha rischiato di ammazzarlo), si può pensare che la mia rabbia derivi in parte da quello che mi è successo, ma in parte anche dai modelli che ho avuto, anche se devo dire che mia mamma è l'esatto opposto ed è pure assolutamente contro la pena di morte.

No, penso che non sopravviverei per molto in un regime come quello cinese. L'esempio fatto non è fra quelli trucidi, quei due meritavano comunque una pena durissima come l'ergastolo. Le notizie peggiori non vengono certo divulgate...guardate questo sito... http://www.unmadeinchina.org/default.asp?lang=it&idPag=5

Questo è un video molto vecchio, anni fa c'è stata una campagna promossa dalla Lav con cui raccoglievano firme per fermare questo orrore e hanno ottenuto il bando di prodotti fatti con pelli di cane e gatto. Purtroppo, come si vede nel video, molti altri animali sono barbaramente uccisi, ma almeno è un inizio.

Comunque, al di là delle condanne per il latte alla melamina, che come ho già scritto posso anche condividere, la Cina è un paese dove i diritti umani sono ancora un'utopia e dove la pena di morte è applicata anche per reati minori. Mi viene in mente il caso di una ragazza sorpresa a spacciare in una stazione, reato per cui è prevista la pena di morte, ma la ragazza in questione era al 7° mese di gravidanza, per cui non poteva essere giustiziata: i poliziotti (i poliziotti!) l'hanno presa, portata in ospedale, l'hanno fatta abortire (hanno quindi ammazzato anche il bambino!), dopodiché lei è stata processata e, ovviamente, condannata a morte! Se questo è un paese...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
io non ho lo stomaco forte quindi non l' ho visto .

pero' che centra la pena di morte con la cottura dell' aragosta proprio non lo capisco .

l' aragosta non muore perchè colpevole di un reato .. muore perchè nella catena alimentare occupa un certo posto ..

a sua volta quando non è catturata e mangiata mangia anche lei e lo fa senza troppe storie.

un conto è il ciclo naturale un conto sono le scelte relative a uccidere un uomo o no.

non credo che si puo' fare una colpa allo squalo di essere predatore carnivoro .

poi se uno sceglie di essere vegetariano perchè non vuole far soffrire gli animali va bene pero' non capisco perchè questa insensibilità per il mondo vegetale,..

rispondevo al video di maurizio...

tutto qui...

è comunque nessun animale carnivoro schivizza le sue prede allevandole in gabbie disumane.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

a parte di essere contrario alla pena di morte in tutti i sensi .

si e' domostrato che questo incivile atto di un governo

nn sia un'efficiente deterrente per lo scopo per cui e' applicato.

dalle mie parti ti ammazzano per 25 cents e se lo fanno nn credo che pensino

alle consequenze quale la pena di morte.

il carcere serve per rieducare (a parte certi individui)

ed i carcerati dovrebbero essere trattati con dignita'....almeno cosi' diceva

beccaria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
(ANSA) - PECHINO, 24 NOV - Due condanne a morte, nell'ambito dello scandalo del latte contaminato alla melamina, sono state eseguite oggi in Cina. Le due persone messe a morte sono Zhang Yujun, colpevole ''di aver messo in pericolo la salute pubblica'', e Geng Jinping, per aver prodotto e venduto il latte contaminato. Zhang ha prodotto oltre 770 tonnellate di latte contaminato alla melamina, vendendone piu' di 600 tonnellate. Geng ha venduto oltre 900 tonnellate di latte contaminato.

vivreste in un regime come quello cinese?

La mia risposta è più semplice : NESSUNO DEVE UCCIDERE.

Chi uccide comunque non merita pietà alcuna tranne che per legittima difesa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La mia risposta è più semplice : NESSUNO DEVE UCCIDERE.

Chi uccide comunque non merita pietà alcuna tranne che per legittima difesa.

ciao nelluccio!!! :abbr:

tu si che sei una persona che merita rispetto!! :D:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

impa, che dirti...sono senza parole. sei una donna coraggiosa perchè hai raccontato tutto questo con una velocità estrema. un groppo allo stomaco che ogni tanto si ha voglia di vomitarlo.

ti abbraccio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.