Vai al contenuto

Il Cambiamento


Cos'è il cambiamento?  

16 utenti hanno votato

  1. 1.

    • Una sfida
      5
    • Una possibilità
      7
    • Una conferma
      0
    • Una fuga
      0
    • Un danno
      0
    • Energia
      4


Messaggi consigliati

Cos'è secondo voi il cambiamento?

Cosa spinge una persona verso un cambiamento (di ogni genere)?

Cosa spinge una persona ad evitare un cambiamento (di ogni genere)? Come è possibile attuare un cambiamento (di ogni genere)?

Comincio io 8) : secondo me il cambiamento è Energia, è linfa vitale, è vita; E' l'unico mezzo che ci permette di crescere (mai di regredire), che ci permette di dire, una volta attuato, "io sono questo, e non quest'altro"; Ci aiuta a prendere forma, il cambiamento è l'acqua, la luce, la terra che permette ad un seme di diventare un albero... se venisse a mancare, la vita non avrebbe piu valore...

Voi che ne pensate?

33.gif

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Pubblicità


  • Risposte 55
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

:roll: Hai dimenticato "altro (specificare)"... :LOL:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

per me è crescita... ma non c'è tra le opzioni :roll:

conoscenza di sè, dell'altro,

prospettiva,

maggiori punti di vista,

ricchezza interiore,

comunicazione,

superamento dei limiti, delle convinzioni, e convenzioni,

in effetti è una spinta verso la vita

Link al commento
Condividi su altri siti

 

il CAMBIAMENTO è una sfida....è stravolgimento delle proprie certezze, dei punti di riferimento e delle abitudini che sembravano darti saldezza ed equilibrio....il cambiamento proprio perchè sfida....mi fa PAURA...

penso..."sarò in grado di affrontarlo? o precipiterò nella confusione e nei dubbi?"...........

è l'ignoto che c'è dietro il cambiamento che mi fa paura..... è il processo di rinnovamento che comporta che da un lato mi sprona ma dall'altromi intimorisce....forse non ho molta stima di me.....

Link al commento
Condividi su altri siti

 
:roll: Hai dimenticato "altro (specificare)"...  :LOL:

:p non ci crederai ste, ma aspettavo proprio che scrivessi sto messaggio :LOL:

cmq ora provvedo :wink:

AGGIORNAMENTO: non posso provvedere per inserire altre opzioni :oops: specifica te ste... :wink:

Link al commento
Condividi su altri siti

 

direi che il cambiamento è uno stato esistenziale.

Ce ne accorgiamo tardi,quando diventa una valanga.

ma inizia molto prima, è un processo connaturato alla vita, inizialmente è lento, docile, inavvertibile..

poi diventa un turbine, inarrestabile, pericoloso e....

meraviglioso.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
per me è crescita... ma non c'è tra le opzioni :roll:  

conoscenza di sè, dell'altro,

prospettiva,

maggiori punti di vista,

ricchezza interiore,

comunicazione,

superamento dei limiti, delle convinzioni, e convenzioni,

in effetti è una spinta verso la vita

in effetti :oops: avevo incluso il tutto nell'opzione di ENERGIA (naturalmente per la crescita :LOL: )

cosè, sec te penny, che ci impedirebbe di cambiare, di attuare un cambiamento?

Link al commento
Condividi su altri siti

 
direi che il cambiamento è uno stato esistenziale.

Ce ne accorgiamo tardi,quando diventa una valanga.

ma inizia molto prima, è un processo connaturato alla vita, inizialmente è lento, docile, inavvertibile..

poi diventa un turbine, inarrestabile, pericoloso e....

meraviglioso.

poi quando merry? dove avviene questo "cambio di marcia"? cosa fa si che il cambiamento diventi davvero inarrestabile? se te è :LOL:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
:roll: Hai dimenticato "altro (specificare)"...  :LOL:

:p non ci crederai ste, ma aspettavo proprio che scrivessi sto messaggio :wink:

:wink: Invece ci credo... e perché non dovrei?

Link al commento
Condividi su altri siti

 
il CAMBIAMENTO è una sfida....è stravolgimento delle proprie certezze, dei punti di riferimento e delle abitudini che sembravano darti saldezza ed equilibrio....il cambiamento proprio perchè sfida....mi fa PAURA...

penso..."sarò in grado di affrontarlo? o precipiterò nella confusione e nei dubbi?"...........

è l'ignoto che c'è dietro il cambiamento che mi fa paura..... è il processo di rinnovamento che comporta  che da un lato mi sprona ma dall'altromi intimorisce....forse non ho molta stima di me.....

kare, mi ricordi molto una persona a cui tengo molto ^^

cmq, in questo modo non troverai MAI risposta alle tue domande... quali sono queste certezze che credi di avere? vuoi davvero fermarti, bloccarti, rinunciare a crescere, a vivere, per paura... di cosa karen? paura di fallire? di cosa?

Link al commento
Condividi su altri siti

 

mettiamola così..

credo che la vita sia un processo di continuo divenire.

tutto in qualche modo muta.

prendi la fisiologia, nel tempo il corpo muta magari in modo impercettibile, le cellule si rinnovano, i tessuti vengono rimpiazzati ma nessuno se ne accorge, fino a quando l'età ci mette davanti dei cambiamenti, come nell'infanzia, nell'adolescenza, nella maturità e nella vecchiaia.

non si vedono i cambiamenti lievi giornalieri, ma solo l'esito di questi cambiamenti.

Ritengo che anche "psicologicamento" sia così.

Ogni giorno accumuliamo esperienze, pensieri, riflessioni e così via...

questi agiscono lentamente dentro di noi, li elaboriamo piano piano, agiscono nel nostro inconscio, nel nostro conscio.

arrivano fino ad un livello di soglia in cui avviene poi un cambiamento più profondo.. a volte radicale..

spero di essermi spiegato meglio :LOL:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
mettiamola così..

credo che la vita sia un processo di continuo divenire.

tutto in qualche modo muta.

prendi la fisiologia, nel tempo il corpo muta magari in modo impercettibile, le cellule si rinnovano, i tessuti vengono rimpiazzati ma nessuno se ne accorge, fino a quando l'età ci mette davanti dei cambiamenti, come nell'infanzia, nell'adolescenza, nella maturità e nella vecchiaia.

non si vedono i cambiamenti lievi giornalieri, ma solo l'esito di questi cambiamenti.

Ritengo che anche "psicologicamento" sia così.

Ogni giorno accumuliamo esperienze, pensieri, riflessioni e così via...

questi agiscono lentamente dentro di noi, li elaboriamo piano piano, agiscono nel nostro inconscio, nel nostro conscio.

arrivano fino ad un livello di soglia in cui avviene poi un cambiamento più profondo.. a volte radicale..

spero di essermi spiegato meglio :LOL:

bè, detta cosi, sembra che l'individuo non abbia alcuna possibilità di scelta :? è possibile quindi, sec te, scegliere di evitare di mettere in atto un cambiamento? in caso sia possibile, quali sono i "meccanismi" che intervengono?

un altra cosa: qualè la soglia di cui parli nell'ultima parte?

Link al commento
Condividi su altri siti

 

:) bhe in realtà si può scegliere...

puoi scegliere se opporti al cambiamento, puoi scegliere che strada prendere,

puoi scegliere di non cambiare..

credo che non sia un discorso semplice...

il punto forse è che partiamo da due concezioni un pò diverse.

provo ad approfondire.

Stavolta però uso il termine mutare invece di cambiare.

diciamo che siamo in permanente mutazione.. per i motivi che citavo prima.

ora il punto è...

come ci rapportiamo a queste mutazioni fisiologiche e psicologiche?

possiamo anche ignorarle certo..

però queste esistono, la soglia si può identificare come quel punto dove non si possono ignorare ma al massimo negare.

mi rendo conto che è un concetto molto complicato da discutere in poche righe.. ma credo che con i contributi di tutti lo sviscereremo..

il cambiamento può essere inteso anche come quando prendi coscienza di quel processo, affronti la paura dell'ignoto, o meglio ti ci rapporti, metti in conto il fatto che perderai qualcosa che conosci, anche se magari ti fa soffrire, per entrare in un nuovo stato..

che non conosci e che non sai dove ti porterà

Link al commento
Condividi su altri siti

 
:) bhe in realtà si può scegliere...

puoi scegliere se opporti al cambiamento, puoi scegliere che strada prendere,

puoi scegliere di non cambiare..

credo che non sia un discorso semplice...

il punto forse è che partiamo da due concezioni un pò diverse.

provo ad approfondire.

Stavolta però uso il termine mutare invece di cambiare.

diciamo che siamo in permanente mutazione.. per i motivi che citavo prima.

ora il punto è...

come ci rapportiamo a queste mutazioni fisiologiche e psicologiche?

possiamo anche ignorarle certo..

però queste esistono, la soglia si può identificare come quel punto dove non si possono ignorare ma al massimo negare.

mi rendo conto che è un concetto molto complicato da discutere in poche righe.. ma credo che con i contributi di tutti lo sviscereremo..

il cambiamento può essere inteso anche come quando prendi coscienza di quel processo, affronti la paura dell'ignoto, o meglio ti ci rapporti, metti in conto il fatto che perderai qualcosa che conosci, anche se magari ti fa soffrire, per entrare in un nuovo stato..

che non conosci e che non sai dove ti porterà

certo che lo svisceremo marry, o per lo meno, io ci voglio provare :LOL: possiamo dire che la nostra discussione sia un cambiamento/mutazione, che si sicuro contribuira in un certo senso a "smontare" le certezze che avevamo prima, (gia di appena qualche secondo fa :LOL: ), per portarci dove non sappiamo, non sappiamo neanche se ci arriveremo... ma cosè che ci porta a tentare? e cosa ci porterebbe a non tentare? perchè una volta resoci conto che il cambiamento è in atto, e non lo possiamo fermare, lo neghiamo?

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Il passaggio da uno stato di equilibrio ad uno stato di equilibrio diverso

con in mezzo una crisi.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

:LOL: hai colto perfettamente

ora sei cambiato

e sono affari tuoi!!

:LOL::LOL::LOL::LOL:

scherzi a parte io la vedo così..

ogni interazione con il mondo porta ad uno scambio che non può lasciarti esattamente come eri prima..

il punto è essere consapevoli di quanto ci accade per "metabolizzarlo" ed in qualche modo renderci più protagonisti, più consapevoli della direzione in cui si va

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Il passaggio da uno stato di equilibrio ad uno stato di equilibrio diverso

con in mezzo una crisi.

diverso come ste? in che direzioni?

Link al commento
Condividi su altri siti

 
:LOL: hai colto perfettamente

ora sei cambiato

e sono affari tuoi!!

:LOL:  :LOL:  :LOL:  :LOL:  

scherzi a parte io la vedo così..

ogni interazione con il mondo porta ad uno scambio che non può lasciarti esattamente come eri prima..

il punto è essere consapevoli di quanto ci accade per "metabolizzarlo" ed in qualche modo renderci più protagonisti, più consapevoli della direzione in cui si va

partiamo dal punto in cui abbiamo preso consapevolezza, ma non riusciamo/vogliamo "metabolizzarlo"... cosa ci impedisce di farlo? solamente la paura (di cosa poi, è ancora da definire :roll: ) oppure cè anche altro?

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Il passaggio da uno stato di equilibrio ad uno stato di equilibrio diverso

con in mezzo una crisi.

carina,questa.

semplice semplice,ed illuminante

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Il passaggio da uno stato di equilibrio ad uno stato di equilibrio diverso

con in mezzo una crisi.

carina' date='questa.

semplice semplice,ed illuminante[/color']

Tutta colpa del mio scansafatichismo :LOL:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
Il passaggio da uno stato di equilibrio ad uno stato di equilibrio diverso

con in mezzo una crisi.

diverso come ste? in che direzioni?

Depende... se si è in evoluzione libera (=passiva)... in direzione

dello stato di equilibrio più vicino, direi. "Vicino" nel senso di più

facilmente raggiungibile.

Link al commento
Condividi su altri siti

 
 
il CAMBIAMENTO è una sfida....è stravolgimento delle proprie certezze, dei punti di riferimento e delle abitudini che sembravano darti saldezza ed equilibrio....il cambiamento proprio perchè sfida....mi fa PAURA...

penso..."sarò in grado di affrontarlo? o precipiterò nella confusione e nei dubbi?"...........

è l'ignoto che c'è dietro il cambiamento che mi fa paura..... è il processo di rinnovamento che comporta  che da un lato mi sprona ma dall'altromi intimorisce....forse non ho molta stima di me.....

kare, mi ricordi molto una persona a cui tengo molto ^^

cmq, in questo modo non troverai MAI risposta alle tue domande... quali sono queste certezze che credi di avere? vuoi davvero fermarti, bloccarti, rinunciare a crescere, a vivere, per paura... di cosa karen? paura di fallire? di cosa?

forse si paura di fare una scelta sbagliata.........e sono soprattutto i cambiamenti in amore che mi fanno stare male.....non riesco ad ammettere di aver FALLITO in una cosa....l'amore.....

Link al commento
Condividi su altri siti

 
karen...il cambiamento è una botta di vita!!!una scarica di adrenalina!!!...provaci

è vero .....però.....il cambiamento.....significa anche mettersi in discussione.....e se da una botta di vita....pigliassi una botte di STRESS? :cry:

Link al commento
Condividi su altri siti

 
il CAMBIAMENTO è una sfida....è stravolgimento delle proprie certezze, dei punti di riferimento e delle abitudini che sembravano darti saldezza ed equilibrio....il cambiamento proprio perchè sfida....mi fa PAURA...

penso..."sarò in grado di affrontarlo? o precipiterò nella confusione e nei dubbi?"...........

è l'ignoto che c'è dietro il cambiamento che mi fa paura..... è il processo di rinnovamento che comporta  che da un lato mi sprona ma dall'altromi intimorisce....forse non ho molta stima di me.....

kare, mi ricordi molto una persona a cui tengo molto ^^

cmq, in questo modo non troverai MAI risposta alle tue domande... quali sono queste certezze che credi di avere? vuoi davvero fermarti, bloccarti, rinunciare a crescere, a vivere, per paura... di cosa karen? paura di fallire? di cosa?

forse si paura di fare una scelta sbagliata.........e sono soprattutto i cambiamenti in amore che mi fanno stare male.....non riesco ad ammettere di aver FALLITO in una cosa....l'amore.....

ma karen, tu non hai fallito affatto ^^ anzi, se proprio devo esse bastardo, quello che ha fallito è il tuo ragazzo, che non riesce piu a darti quello di cui hai bisogno... scelta sbagliata in che senso? dove pensi ti portera questa scelta apparentemente sbajata?

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.




×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.