Vai al contenuto

Pubblicità

Cerca nel Forum

Showing results for tags 'università'.



More search options

  • Search By Tags

    Tag separati da virgole.
  • Search By Author

Tipo di contenuto


Calendari

  • Gli eventi della Comunità di Psiconline

Forums

  • Regolamento del Forum
  • Confrontiamoci con gli Esperti
    • La psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
    • I disturbi dell'alimentazione
    • La coppia, l'amore e la dipendenza affettiva
  • Confrontiamoci fra di noi
    • Avvisi e richieste
    • Parliamo di Psicologia
    • Fatti e misfatti
    • Chi mi aiuta?
    • Argomenti
    • Single, Coppia, Famiglia
    • Mobbing & Bossing: prevenzione e non solo cura
    • L'ho appena letto ed ora ne parlo! (Il libro che mi ha colpito ... )
    • L'ho appena visto ed ora ne parlo! (Il film che mi ha colpito ... )
    • Accordi e disaccordi
    • Parliamo di attualità...
    • La vita scolastica
    • Totem e tabù
  • Spazio libero
    • Ciao, io sono ....
    • Coccole e carezze
    • Hobby e passioni
    • Chiacchiere in libertà (lo spazio per gli OFF TOPIC)
  • Corsi, Convegni, Congressi, Incontri di Formazione
    • Convegni ECM
    • Convegni, Congressi e Corsi
  • Professione Psicologo
    • Avvisi e richieste
    • Problemi della professione
    • Psicologia ed Internet
  • Studenti di psicologia
    • Studenti di psicologia
    • Esame di Stato per Psicologi
    • La tesi di laurea

Find results in...

Find results that contain...


Data di creazione

  • Start

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Start

    End


Filter by number of...

Iscritto

  • Start

    End


Gruppo


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Trovato 3 risultati

  1. Ciao, Intanto mi presento: sono una studentessa universitaria di 22 anni, sono ad un passo dalla laurea triennale in architettura (mi manca un esame). Sono una ragazza gravemente disabile, non c'è una cura per la mia patologia, ho delle aspettative di vita ridotte e con il passare del tempo perdo la mia autonomia. Vorrei aggiungere anche che non ho mai avuto problemi con nessuna materia scolastica, dalla matematica al disegno. Il mio problema è proprio il mio indirizzo di studi. Già da appena diplomata avevo delle insicurezze, ero riuscita a passare tutti i test di ammissione per tutti gli indirizzi scelti e ho preferito architettura. Se da una parte sono contenta della mia scelta (l'ho sempre desiderato) dall'altra la mia testa continua a volare altrove e continuo a sentirmi incompleta. All'inizio ad architettura ho avuto delle difficoltà nell'adeguarmi allo stile di vita nuovo ma poi ho ottenuto ottimi risultati. La crisi definitiva è arrivata quest'anno quando ho avuto i primi risultati negativi da alcune analisi ed è scattato un conto alla rovescia nella mia testa- ho imparato a conviverci, il problema è che ho messo in discussione tutta la mia vita. Ho cominciato a chiedermi del perchè delle cose, sul loro senso. Molte cose, come ad esempio architettura, hanno perso il loro senso, mi sembra di studiare cose inutili. Ho perso la mia motivazione e ho cominciato a zoppiaccare con i voti e gli impegni universitari. A parte l'università ho cambiato un po' la mia vita coinvolgendomi in attività/associazioni "utili" alla mia causa e alla persone nella mia situazione. La mia testa e la mia curiosità sono state sempre attratte da un altro ambito: informatica/robotica. Ho sempre amato la tecnologia (forse più dell'arte) e mi è sempre piaciuto aggiustare cose, dagli elettrodomestici ai problemi tecnologici di pc o telefoni (mi è sempre piaciuto anche disegnare e dipingere).Ho anche cominciato dei corsi extra-universitari nell'ambito, mi piacevano, ma poi ho dovuto smettere per cause di forza maggiore. Quando leggo o sento informazioni riguardanti la tecnologia per disabili (esoscheletri, protesi ecc) mi assale una tristezza assurda perchè vorrei contribuire anche io. Ecco, qui arriviamo al punto cruciale: poter "contribuire" a qualcosa di importante ed utile per la mia causa, oltre ad un vero interesse per la materia. Ho pensato a delle soluzioni. La prima è quella della doppia laurea. Ho paura però di arrivare ai 30-40 anni ed essere un ibrido che non ha approfondito nulla. La seconda, quella di cui ho paura di più, è lasciare architettura. Perderei l'investimento di tempo ed energie fatto (avendo il tempo su questo pianeta ridotto capite com'è importante questo fattore) senza avere la certezza di essere poi soddisfatta. Non so se il mio problema è l'assoluta insoddisfazione di tutto (università e poi lavoro). Non so se si possa sentire la certezza "dentro" di una certa scelta, di non avere dubbi. Non so se mi sto accontentando da codarda di un indirizzo comodo. Cosa mi dice il mio istinto? Pende per robotica, ma non saprei neanche definirlo con certezza. Qualche consiglio? Grazie per aver letto tutto.
  2. Ciao a tutti, Sono un ragazzo di quasi 21 anni, frequento l'università (studio fuori sede), facoltà di medicina, primo anno. Spero di scrivere cose che diciamo possano essere argomento di discussione e utili. Quello che vorrei raccontare/discutere è piuttosto personale, perchè non l'ho mai detto a nessuno, ma anche condivisibile poichè sono certo sia già stato provato da altri, che spero intervengano. Partiamo dal punto: mi sembra che la mia vita abbia preso una piega che non fa per me, come se non fosse mia, non mi sento "io", quello di sempre, che ero. La paura la fa da padrona, mi sta letteralmente accompagnando nei giorni. Prima dell'università -al liceo- stavo bene e mi sentivo vivo nel senso di carico di energia e vitalità, caratteristica che mi ha sempre contraddistinto e che ora è più debole. è come se con il passare del tempo si fosse consumata, mi sto riducendo a sentirmi frustrato, insoddisfatto, incerto, ma soprattutto, profondamente inadatto a tutto questo. Provenendo dal liceo scientifico ordinario, avevo sempre pensato che medicina facesse per me, mi vedevo solo in quello, anche ora che ho cominciato mi piace; ma il problema è: io ho altre passioni, non sono mai stato un amante dello studio,che ho sempre vissuto semplicemente come il mio 'dovere'. Ora che sono all'università, anche se al primo anno, la paura di non avere tempo da dedicare a ciò che mi piace mi sta distruggendo. (al liceo ovviamente era diverso, il tempo si trovava/gestiva meglio) Lo scontro più grosso ancora è stato quello di vivere durante i giorni feriali in un'altra città, ogni fine settimana che torno a casa non vorrei ripartire più, i miei amici, quelli veri, la mia famiglia, le mie passioni, il mio sport, tutto è nella mia città natale e dove ho sempre vissuto, dove io mi sento sereno e tranquillo; ogni volta ripartire è peggio della volta prima; ma nella mia città alla fine non ci sono molte opportunità essendo una città prevalentemente turistica... Sono stretto in questa morsa, la paura inoltre di deluledere la famiglia, che ha sempre creduto in questa mia scelta e mi ha sempre supportato, dirgli ora "no guardate ho sbagliato, non fa per me, voglio fare qualcosa di diverso" da un lato non me la sento, perchè ripeto, mi sono sempre visto nei panni di uno studente di medicina (al liceo non pensavo ci fosse altro per me); dall'altro vorrei credere al fatto che invece ci sia un'altra strada, vivere serenamente e quindi ricominciare da zero; ma temo che la mia percezione sia sbagliata, a guardarsi in giro moltissimi giovani sono a 'piedi', nonostante abbiano studiato anche una vita. Sono davvero in tilt... mi affido alla vostra esperienza e buona volontà di condividere consigli, opinioni e quanto altro possibile.
  3. Tesi Express è il servizio di consulenza ed assistenza progettato per gli studenti universitari. Pensato per chi vuole laurearsi ma non può dedicare il proprio tempo solo all'impegno universitario, si prefigge di soddisfare gli obiettivi in tempi brevi, senza trascurare la qualità della preparazione. Dal progetto di tesi, alla ricerca bibliografica, al costante monitoraggio del lavoro di stesura, fino all'impaginazione: Tesi Express garantisce un'assistenza di qualità e tempi rapidi di consegna. Tesi Express è anche assistenza e consulenza per la preparazione degli esami. Il servizio è personalizzato e ritagliato su misura in base alle esigenze del cliente. Tesi Express nasce per iniziativa di due psicologhe e si avvale della collaborazione di personale di diversa formazione universitaria. Questo permette di raggiungere una vasta clientela e di offrire un servizio articolato e variegato. Tesi Express è presente in due regioni: Umbria e Lazio. In Umbria siamo a Terni, in Corso Tacito n. 20. Nel Lazio ci trovate a Civita Castellana (VT), in via Anna Frank n 4. Per info, costi e preventivi tesiexpress@libero.it
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.