Vai al contenuto

Pubblicità

ladani

senso di colpa..?

Recommended Posts

ciao a tutti sono ladani!! posso annoiarvi un po' con i miei pensieri? ho 29 anni,studio e lavoro...e ultimamente mi sento continuamente in colpa e a disagio per il fatto di non aver mai avuto finora un fidanzato. ho avuto delle storie..convolgenti e durate al max un anno...ma mai nessuno che mi abbia mai detto"voglio stare con te, ti riconosco come quella che sta con me". ho bisogno, come tutti, di un riconoscimento ufficiale da parte di un'altra persona che non siano i miei genitori. mi sento in colpa perchè a volte penso di non andar bene, di non meritarmi un rapporto così. tanta paura di rimanere da sola, so che potrebbe succedere. eppure il non aver mai provato a stare in una relazione vera, anche per poco tempo, mi pesa, mi segna nelle relazioni con gli altri, ma sopratutto segna la mia identità, la mia autostima. so che ogni percorso personale di vita è diverso e dignitoso per ognuno di noi, ma credo di coltivare dentro di me un sentimento di "colpa" che non so gestire, all'oggi. vorrei riconoscermi...in qualcun'altro che non sia io....scusatemi...ma avevo bisogno di dirlo a qualcuno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pubblicità


scuse accettate :p:

se ci fosse qualcuno che ti direbbe "oh ti devi da fidanzare", chi pensi potrebbe essere?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

.......ah...bhè non ne sono sicura :icon_question: ma penso un romanaccio/a....con un accento importante!!... :Talking Ear Off::Talking Ear Off::Talking Ear Off:

ma ho rotto tanto le scatoline?? :icon_rolleyes: posso chiederti cosa ne pensi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non il romanaccio t'avrebbe detto "ao! invece che "oh" :icon_mrgreen:

cmq mica ho capito la tua risposta sai... :huh:

cosa ne penso su cosa poi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ciao a tutti sono ladani!! posso annoiarvi un po' con i miei pensieri? ho 29 anni,studio e lavoro...e ultimamente mi sento continuamente in colpa e a disagio per il fatto di non aver mai avuto finora un fidanzato. ho avuto delle storie..convolgenti e durate al max un anno...ma mai nessuno che mi abbia mai detto"voglio stare con te, ti riconosco come quella che sta con me". ho bisogno, come tutti, di un riconoscimento ufficiale da parte di un'altra persona che non siano i miei genitori. mi sento in colpa perchè a volte penso di non andar bene, di non meritarmi un rapporto così. tanta paura di rimanere da sola, so che potrebbe succedere. eppure il non aver mai provato a stare in una relazione vera, anche per poco tempo, mi pesa, mi segna nelle relazioni con gli altri, ma sopratutto segna la mia identità, la mia autostima. so che ogni percorso personale di vita è diverso e dignitoso per ognuno di noi, ma credo di coltivare dentro di me un sentimento di "colpa" che non so gestire, all'oggi. vorrei riconoscermi...in qualcun'altro che non sia io....scusatemi...ma avevo bisogno di dirlo a qualcuno

che cosa pensi sia la causa che ha fatto durare poco le tue relazioni precedenti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

già non ho fatto caso agli accenti.. :im Not Worthy: ..a essere sincera nemmeno io ho capito la tua prima risposta...e tu non hai capito la mia...però, si comincia bene l'anno!! :Raised Eyebrow: ..venendo al dunque..pensi siano "solo"mie paranoie, la storia del fidanzato e bla bla bla :Talking Ear Off: ...bè comunque buon anno!!! :icon_surprised:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Timido Ubriaco!! della domanda intendo..finalmente qualcuno che mi rsponde sull'argomento!...gran bella domanda..quello che mi sono sempre risposta è stato che duravano poco perchè io in sbagliavo qualcosa nel rapporto, nel modo di pormi, di essere. Comunque, oggi, penso che se un rapporto va o non va non lo decide una persona sola ma il rapporto appunto...e su questo non mi faccio troppi problemi. la cosa che invece mi fa pensare.. è che in realtà io non ho mai iniziato una storia, nel senso più classico e "normale" che possiamo immaginare. ho sempre e solo avuto flirt lunghi..avventure di svariati mesi, ma mai l'inizio di una storia( cioè due persone che scelgono di stare assieme agli occhi del mondo, non in vista di un matrimonio o progetti così)..che magari si sarebbe potuta rivelare fallimentare(..qsto sta poi al pdv di ognuno) o di poca durata, ma che è iniziata. Ecco, io rifletto su questo..che non ho mai iniziato niente con nessuno, puro caso?Non erano le persone giuste? troppa insicurezza'..o forse sto mettendo in atto dei meccanismi di difesa di cui è difficile prenderne atto perchè inconsci?...forse emano qualcosa che allontana, poi.

troppe pippe...vero? :icon_rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
già non ho fatto caso agli accenti.. :im Not Worthy: ..a essere sincera nemmeno io ho capito la tua prima risposta...e tu non hai capito la mia...però, si comincia bene l'anno!! :Raised Eyebrow: ..venendo al dunque..pensi siano "solo"mie paranoie, la storia del fidanzato e bla bla bla :Talking Ear Off: ...bè comunque buon anno!!! :icon_surprised:

bè, la "paranoia" penso sia un tratto consistente della tua personalità: se andiamo a contare le volte che ti sei scusata o preoccupata di essere pesante nei tuoi interventi in questo topic direi sarebbero un bel po :icon_mrgreen:

cmq la mia domanda era:

"se ci fosse una persona (tra quelle che conosci) che ti direbbe che ti devi fidanzare, chi sarebbe?"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non lo sento come un problema di immagine....nessuno mi dice che "mi devo fidanzare"...anche se c'è' tra i miei amici chi mi dice "allora quand'è che ti fidanzi....ecc..." ma non sono commenti che mi infastidiscono o mi pesano.

Pesa a me invece la consapevolezza di non essere mai stata riconosciuta come la ragazza di qualcuno, non parlo di fidanzamenti ufficiali davanti alla nonna e alla zia della cognata della cugina di che ne so.....parlo di qualcuno che mi riconosce come persona con cui sta, poi magari dura un mese o anche meno, ma ci sarebbe stato un riconoscimento.

ho sempre avuto flirt clandestini...all'insegna del"stiamo bene insieme, viviamo la nostra intimità ma non ci impegamo".

ho 29 anni e non ho ami avuto un ragazzo per un giorno!! ...metterò forse i atto qualche "malefico"meccanismo di difesa che mi sfugge?...la mia identità risente di un mancato riconoscimento, che non può arrivare solo da me e basta. é come se iniziassi a pensare che per me una certa fetta di vita(insieme a un'altra personaa) non sia possibile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

allora riformulo la domanda: "ce qualcuno in particolare che vorresti ti riconoscesse come la ragazza di qualcun'altro?"

(a parte il tuo eventuale ragazzo che ti riconosce come sua ragazza)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...no. cioè vorrei il riconoscimento, ma da parte di chi "sta" con me...

detto terra terra...nessuno ha mai preso in considerazione l'idea di avere una storia con me. probabilmente per queste persone non era necessario...ripeto quello che ho scritto anche in un'altra discussione: le parole hanno un potere... e io in questo caso non ho mai fatto esperienza di parole e comportamenti(di altre persone) spendibili in una storia "amorosa" tra due persone.

...provo un certo disagio nel pensare a questa mia situazione..non so se riesco a comunicarlo

:redface:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non riesci a comunicare qualcosa al riguardo sul forum, o non riusciresti a comunicare questo tuo bisogno all'eventuale partner? :huh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

scusa non mi sono spiegata bene..sul forum mi sembra di riuscire a parlarne e questo è ok. con i parthner arrivo sempre a un punto dove lo comunico anche a loro, ed è proprio in quel momento che il lui del momento si allontana, defiinitivamente.

il disagio che provo è per questa mia condizione...perchè in questo senso sono sempre stata rifiutata.

addirittura un ragazzo che frequentavo, da più di un anno e con il quale si era instaurata una certa intimità e quotidianità, quando gli ho detto cosa provavo...(cioè che volevo stare con lui, che ero innamorata ecc..ecc..) di tutta risposta lui mi dice che è deluso da me, per la rivelazione di esserne innamorata. Ma si può essere delusi di una persona perchè si è innamorata di te?..

..Tristesssssssa, non credi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ciao a tutti sono ladani!! posso annoiarvi un po' con i miei pensieri? ho 29 anni,studio e lavoro...e ultimamente mi sento continuamente in colpa e a disagio per il fatto di non aver mai avuto finora un fidanzato. ho avuto delle storie..convolgenti e durate al max un anno...ma mai nessuno che mi abbia mai detto"voglio stare con te, ti riconosco come quella che sta con me". ho bisogno, come tutti, di un riconoscimento ufficiale da parte di un'altra persona che non siano i miei genitori. mi sento in colpa perchè a volte penso di non andar bene, di non meritarmi un rapporto così. tanta paura di rimanere da sola, so che potrebbe succedere. eppure il non aver mai provato a stare in una relazione vera, anche per poco tempo, mi pesa, mi segna nelle relazioni con gli altri, ma sopratutto segna la mia identità, la mia autostima. so che ogni percorso personale di vita è diverso e dignitoso per ognuno di noi, ma credo di coltivare dentro di me un sentimento di "colpa" che non so gestire, all'oggi. vorrei riconoscermi...in qualcun'altro che non sia io....scusatemi...ma avevo bisogno di dirlo a qualcuno

Noi riflettiamo ciò e come ci sentiamo........

ti senti sola sarai sempre sola...................

non bisogna avere nessun senso di colpa in amore.

In amore come in guerra tutto è lecito.

Io sono vedovo...sono inseguito da donne... ma mi sento solo e di fatto rimango sempre solo....

Voglio dire riesci a donarti per quello che sei senza inutili promesse di imperituro amore a te stessa?

Guardati con occhi nuovi : guardati come la donna più simpatica, più bella che conosci...vedrai che lo diventerai!

Ognuno di Noi si vorrebbe vedere meglio di quello che è..... ed è normalissimo...è meno normale si ci fissiamo.....voglio dire lavora positivamente su questo stimolo intellettuale e vivilo positivamente com,e ricerca di realizzazione della tua identità......

Un bacio paterno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
scusa non mi sono spiegata bene..sul forum mi sembra di riuscire a parlarne e questo è ok. con i parthner arrivo sempre a un punto dove lo comunico anche a loro, ed è proprio in quel momento che il lui del momento si allontana, defiinitivamente.

il disagio che provo è per questa mia condizione...perchè in questo senso sono sempre stata rifiutata.

addirittura un ragazzo che frequentavo, da più di un anno e con il quale si era instaurata una certa intimità e quotidianità, quando gli ho detto cosa provavo...(cioè che volevo stare con lui, che ero innamorata ecc..ecc..) di tutta risposta lui mi dice che è deluso da me, per la rivelazione di esserne innamorata. Ma si può essere delusi di una persona perchè si è innamorata di te?..

..Tristesssssssa, non credi?

sicura che gli avevi detto solo che l'amavi? :huh:

poi dipende dal "contratto" che avevate stipulato all'inizio della relazione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nel "contratto" non erano previsti gli innamoramenti, ma poi è successo che ..colpo di scena...un bel giorno mi dice che è inna morato di me e il contratto non lo si fila più. Davanti a questa dichiarazione io rimango un po dubbiosa... e sospettosa..:Raised Eyebrow:

ma come, mi dici che mai e poi mai ti saresti infatuato di me e poi...??? Chiaramente io, dopo un primo momento di confusion, ero assai contenta..mi dicevo "ecco, alla fine si è reso conto che non sono un'avventura..ecc..bene!! è quello che volevo! fantastico!!"

Dopo 10 giorni mi mette al corrente che in realtà non era poi tanto tanto sicuro... e ci allontaniamo sempre più, gradualmente..poi dopo un periodo lontani gli dico che io sono innamorata di lui e non posso far finta che questo sentimento non ci sia. Lui mi risponde che è deluso....io mi allontano per un po, poi è lui che mi cerca...ma non capisco per cosa visto che lo avevo deluso...e dopo poco non ci si cerca più. Questo per farla breve breve..e per dire che si, all'inizio c'era un certo accordo, ma che vuol dire..? i rapporti cambiano e noi con loro, le possibilità di scoprirsi innamorati è davvero una scoperta...bo..era il fatto che lui mi dicesse di sentirsi deluso che non trovavo tanto carino, ma in effetti..in ampre e in guerra tutto è lecito.

In questi giorni ho pensato a quello che mi avete scritto,e a come mi sono sentita in passato all'interno delle relazioni che ho avuto e a come mi sento oggi, a cosa voglio.

Vorrei qualcosa che in fondo..non vorrei davvero. Sono giunta a questa parziale ma significativa specie di conclusione. Ho avuto diverse possibilità di intraprendere "storie" con persone che , guarda caso, non mi interessavano...con persone cioè che , mi rendo conto, mi davano dei segnali espliciti di disponibilità nei miei confronti, eppure io non so perchè andavo e vado tuttora a ricercare persone che invece quelle disponibilità non me la danno proprio. Ricerco "storie" con persone con cui so già che non sarà possibile avere un futuro, per tanti fattori che non sto a spiegare, tipo differenza di età, situazioni familiari non facilissime e altro.

Credo di aver paura di una relazione che possa durare realmente e che sia diversa da quelle sperimentate da me finora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quando qualcuno si dimostra realmente interessato a me mi scatta qualcosa e mi allontano, cioè mi sembra di avere dei comportamenti di chiusura che fanno andare le relazioni verso una fine. poi però quando non ho nessuno lo vorrei e non capisco perchè non ce l'ho. Questa è la mia percezione, vorrei avere più consapevolezza delle mie reazioni e riconoscerle quando avvengono perchè ..è come se credessi di fare in modo e poi non mi rendo conto di fare l'esatto contrario.

La paura..è quello che ho sempre provato all'inizio di ogni relazione"amorosa", ma non era lieve e "plausubile" in quanto legata a un'ipotetica situazione nuova, piacevole, intrigante ecc.. era sempre un po' troppa, a tal punto da bloccarmi e irrigidirmi su qualcosa che in realtà avrei voluto, cioè una storia.

Di cosa ho paura?...perchè cosi tanta?..Forse semplicemente non sono ancora pronta

Questi pensieri mi intrigano, vorrei capirci di più.

Grazie Ego e Nello per la vostra attenzione e per le domande...ho reso l'idea?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Questo per farla breve breve..e per dire che si, all'inizio c'era un certo accordo, ma che vuol dire..? i rapporti cambiano e noi con loro, le possibilità di scoprirsi innamorati è davvero una scoperta...bo..era il fatto che lui mi dicesse di sentirsi deluso che non trovavo tanto carino, ma in effetti..in ampre e in guerra tutto è lecito.

i rapporti cambiano perchè cambiano le persone.

ad esempio se nel "contratto" di una cppia è previsto di stare insieme e amarsi, poi uno tradisce e lo fa anche l'altro, i due possono decidere di modificare sto "ccntratto" secondo le loro esigenze.

diverso sarebbe se solo uno dei due tradirebbe.

per dire che magari tra voi, in quel caso, non cè stata "sincronicità"; magari volevate la stessa cosa ma non nello stesso momento e non avete saputo cogliere l'occasione. la colpa, se cè, non è ne tua ne sua, o di entrambi o di nessuno (questo dato che il topic si chiama "senso di colpa") :ola (4):

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Quando qualcuno si dimostra realmente interessato a me mi scatta qualcosa e mi allontano, cioè mi sembra di avere dei comportamenti di chiusura che fanno andare le relazioni verso una fine. poi però quando non ho nessuno lo vorrei e non capisco perchè non ce l'ho. Questa è la mia percezione, vorrei avere più consapevolezza delle mie reazioni e riconoscerle quando avvengono perchè ..è come se credessi di fare in modo e poi non mi rendo conto di fare l'esatto contrario.

La paura..è quello che ho sempre provato all'inizio di ogni relazione"amorosa", ma non era lieve e "plausubile" in quanto legata a un'ipotetica situazione nuova, piacevole, intrigante ecc.. era sempre un po' troppa, a tal punto da bloccarmi e irrigidirmi su qualcosa che in realtà avrei voluto, cioè una storia.

Di cosa ho paura?...perchè cosi tanta?..Forse semplicemente non sono ancora pronta

Questi pensieri mi intrigano, vorrei capirci di più.

Grazie Ego e Nello per la vostra attenzione e per le domande...ho reso l'idea?

forse hai semplicemente paura del fallimento.

questa paura ti fa attuare dei comportamenti "tutelativi" che non te lo fanno affrontare, del tipo:

- ah sto con quello ma non mi piace quindi non potra nascere niente (cosi non possono neanche fallire)

- ah, questo mi piace troppo, se nasce qualcosa (e fallisco?)... no meglio chiudersi cosi se va male so perchè e so che non mi incasino

per questo ti ho fatto quelle domande all'inizio, che ora ti ri-riformulo :Big Grin: : "se ci fosse una persona (che conosci) che ti direbbe che sei un incapace, chi sarebbe?"

p.s. a me mi non si dice :icon_mrgreen:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
..mia madre...e penso anche un'amica ( che conosco da sempre) :icon_confused::Nail Biting:

e cosa te lo fa pensare? :huh:

p.s di che hai paura? ( :Nail Biting:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...spesso e volentieri queste persone parlano di me, a me , con frasi non propriamente carine...del tipo " non capisci niente..non sai far niente..." è capitato anche davanti a persone che non conoscevo, magari che vedevo per la prima volta. Questo mi da così fastidio...

Quando parlo con loro ho sempre la sensazione che in realtà non mi ascoltino, non gli interessa...perchè interrompono mille volte il mio discorso con altre cose che non c'entrano niente, oppure troncano all'improvviso la conversazione perchè hanno altro da fare...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

..dimenticavo, la faccina impaurita non l'ho messa volontariamente!!! avrò digitato per sbaglio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
..dimenticavo, la faccina impaurita non l'ho messa volontariamente!!! avrò digitato per sbaglio!

bè stai attenta che senno qui ti accusano di lapsus eh :icon_mrgreen:

cmq l'ultima volta che una di loro ti ha detto quelle cose? poi se puoi approfondire quella sensazione di fastidio, magari anche aiutandoti con sensazioni fisiche...

p.s. ma metti i puntini (...) all'inizio e alla fine dei tuoi interventi perchè sono cose che non vui scrivere o ne vorresti scrivere altre?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Grazie Timido Ubriaco!! della domanda intendo..finalmente qualcuno che mi rsponde sull'argomento!...gran bella domanda..quello che mi sono sempre risposta è stato che duravano poco perchè io in sbagliavo qualcosa nel rapporto, nel modo di pormi, di essere. Comunque, oggi, penso che se un rapporto va o non va non lo decide una persona sola ma il rapporto appunto...e su questo non mi faccio troppi problemi. la cosa che invece mi fa pensare.. è che in realtà io non ho mai iniziato una storia, nel senso più classico e "normale" che possiamo immaginare. ho sempre e solo avuto flirt lunghi..avventure di svariati mesi, ma mai l'inizio di una storia( cioè due persone che scelgono di stare assieme agli occhi del mondo, non in vista di un matrimonio o progetti così)..che magari si sarebbe potuta rivelare fallimentare(..qsto sta poi al pdv di ognuno) o di poca durata, ma che è iniziata. Ecco, io rifletto su questo..che non ho mai iniziato niente con nessuno, puro caso?Non erano le persone giuste? troppa insicurezza'..o forse sto mettendo in atto dei meccanismi di difesa di cui è difficile prenderne atto perchè inconsci?...forse emano qualcosa che allontana, poi.

troppe pippe...vero? :icon_rolleyes:

Sì. Io mi chiederei solamente: cos'è che mi rende insoddisfatta nella vita? Perché l'armonia che si può vivere è anzitutto un'armonia interiore, lontana dagli eventi esterni...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Per poter inserire un commento devi far parte della Comunità.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.