Vai al contenuto
  • Pubblicità

ARLEY

E se ci si innamora dello psicologo?

Messaggi consigliati

no, no pulcino... anch'io ti dico di parlare! ma non ti aspettare che lui ti dia delle "spiegazioni", lui cercherà di capire assieme a te cosa provi e perchè lo provi, non ti darà spiegazioni tecniche di quello che ti sta succedendo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Ciao Ragazze,

constato con un certo raccapriccio che per un Eccelso che va, entra un Divino...

Pulcino e il suo Divino mi ricordano tanto la mia terapia, tanto che per un barlume di secondo mi sono chiesta se in un momento di ebbrezza non mi fossi costruita un alter ego ad hoc.

Non mi esprimo sulla terapia di Pulcino perché la capisco e perché ognuno reagisce come può. L'Ex-celso un po' mi manca ancora: per certi versi le sedute con lui erano divertenti, si passava dal salotto letterario alla chat spinta passando per il caxxeggio e l'introspezione. La psi di adesso è molto più formale e si sente che, pur facendo bene il suo lavoro, ha un altro spessore culturale.

Però mi sento molto più a mio agio, non sono annebbiata dalla frenesia di piacerle e non ansimo nel vano tentativo di alzarmi al suo livello. Senza contare che finalmente mi sento "sintonizzata" sulla terapia e sulle mie esigenze. A me pare adesso che, pur nella sua magnificenza, l'Ex-celso mi avesse appiccicato una nevrosi di suo gusto e cercasse di guarirmi da quella, senza verificare se mi ci identificassi.

Progressi ne ho compiuti tanti con lui ma una cosa è certa: sono entrata in quello studio sentendomi un cesso e ne sono uscita con la conferma di esserlo :Broken Heart: . Tutto il resto, per fortuna, va bene.

Auguro un buon Natale e un 2011 pieno di serenità ed equilibrio a tutte :icon_nav1:

:abbr:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ciao muchacha, ci vuole un pò per non sentire fortemente la differenza fra i due psi, si sente ancora la tua necessità di raffrontarli e dal cui confronto la nuova psi esce sempre perdente :Batting Eyelashes: , ma l'importante è come tu ti senti!!! E a me pare che tuttosommato vada benone!

Buone feste anche a te! :Four Leaf Clover:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ciao muchacha, ci vuole un pò per non sentire fortemente la differenza fra i due psi, si sente ancora la tua necessità di raffrontarli e dal cui confronto la nuova psi esce sempre perdente :Batting Eyelashes: , ma l'importante è come tu ti senti!!! E a me pare che tuttosommato vada benone!

Buone feste anche a te! :Four Leaf Clover:

Ciao Digi!

Non so se la nuova psi esce perdente dal confronto. In realtà sono due entità diverse e non raffrontabili: questa è una psi con cui sto costruendo un rapporto, ed è una donna come tante; Lui... mi sono sempre rifiutata di accettare i panni della paziente con lui: per me era semplicemente un Uomo Extra, con cui era sprecato farci solo terapia :Batting Eyelashes:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao Digi!

Non so se la nuova psi esce perdente dal confronto. In realtà sono due entità diverse e non raffrontabili: questa è una psi con cui sto costruendo un rapporto, ed è una donna come tante; Lui... mi sono sempre rifiutata di accettare i panni della paziente con lui: per me era semplicemente un Uomo Extra, con cui era sprecato farci solo terapia :Batting Eyelashes:

ecco appunto.. :Batting Eyelashes: il confronto non è diretto ma si vede da come ne parli... o per lo meno io lo percepisco così, magari saranno miei proiezioni personali...e comunque come ti ho già detto per me è proprio normale tutto ciò...l'importante è che tu ti senta bene!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Salve a tutti,

molte non mi conoscono, ma io non sono nuova di questo forum, anche se è da molto tempo che non partecipo più.

Direte voi: " Perché sei ricomparsa?" , per me lo scrivere qua era diventato un'alternativa al parlare in seduta e quindi per non "tradire" la mia psicoterapia avevo smesso, ed ora che la mia analisi è finita, il tornare nel forum mi da la sensazione di tradire Il mio adorato, il mio divino, il mio idolatrato psi.

Ebbene si, la sensazione di ferirlo (si lo so che è pura utopia..) e lo sminuire quello che è stato il mio percorso è la cosa che mi fa sentire meglio!!!!!!

Letteralmente vorrei che morisse nel mio cuore quella sensazione di rabbia e di dolore che mi da il solo pensiero di essere stata così cretina ed ingenua da pensare che lui ci "tenesse a me" e non parlo di chissà quale rapporto amoroso, no io avevo la sensazione che a modo Suo, il Divino, mi volesse bene.

Ma tant'è che un bel giorno di dicembre, alla fine della seduta mi dice senza tanti preamboli che la terapia era finita, semplicemente una stretta di mano ed ero fuori dal suo studio, fuori dalla mia analisi.

Per giorni sono stata come sospesa, incapace di credere.

Passano i giorni ed ogni giorno rivedo come in un film il mio percorso con Lui e mai come adesso mi rendo conto che io non adoravo Lui, io non ero innamorata di Lui, io amavo la mia idea di Lui.

Ho imparato che innamorarsi delle illusioni si paga a caro prezzo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ciao fioriblu, mi spiace per la tua fine traumatica della terapia, ma perchè così d'un tratto ha deciso di smettere? Non glielo hai chiesto? Non ne avevate parlato prima?

Secondo me devi pretendere qualcosa di più da lui e da te stessa! Cavolo almeno uan spiegazione io la pretenderei!

Immagino come tu ti senta adesso!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Salve a tutti,

molte non mi conoscono, ma io non sono nuova di questo forum, anche se è da molto tempo che non partecipo più.

Direte voi: " Perché sei ricomparsa?" , per me lo scrivere qua era diventato un'alternativa al parlare in seduta e quindi per non "tradire" la mia psicoterapia avevo smesso, ed ora che la mia analisi è finita, il tornare nel forum mi da la sensazione di tradire Il mio adorato, il mio divino, il mio idolatrato psi.

Ebbene si, la sensazione di ferirlo (si lo so che è pura utopia..) e lo sminuire quello che è stato il mio percorso è la cosa che mi fa sentire meglio!!!!!!

Letteralmente vorrei che morisse nel mio cuore quella sensazione di rabbia e di dolore che mi da il solo pensiero di essere stata così cretina ed ingenua da pensare che lui ci "tenesse a me" e non parlo di chissà quale rapporto amoroso, no io avevo la sensazione che a modo Suo, il Divino, mi volesse bene.

Ma tant'è che un bel giorno di dicembre, alla fine della seduta mi dice senza tanti preamboli che la terapia era finita, semplicemente una stretta di mano ed ero fuori dal suo studio, fuori dalla mia analisi.

Per giorni sono stata come sospesa, incapace di credere.

Passano i giorni ed ogni giorno rivedo come in un film il mio percorso con Lui e mai come adesso mi rendo conto che io non adoravo Lui, io non ero innamorata di Lui, io amavo la mia idea di Lui.

Ho imparato che innamorarsi delle illusioni si paga a caro prezzo.

Ciao Fioriblu,

la terapia non può essere finita se ti porti dentro queste emozioni negative. Immagino che una terapia debba concludersi di comune accordo e con un distacco graduale in modo che non restino nodi irrisolti, almeno per quanto riguarda le problematiche affrontate con il terapeuta. Forse non gli avevi esposto con chiarezza le emozioni che ti suscitava e lui ha avuto l'impressione di aver esaurito il ciclo.

Penso inoltre, per esperienza personale, che le ferite inferte dal terapeuta a cui ti sei affidata con fiducia siano ancora più dolorose di quelle che ti portavi dentro, perché costituiscono una conferma di inadeguatezza e allontanano ulteriormente la guarigione. Io ho scelto di cambiare terapeuta perché sentivo di non poter trovare più un punto di incontro. Tu forse hai ancora la possibilità di chiamarlo e chiedergli di discutere questa sua decisione: forse ha voluto metterti alla prova e darti uno stimolo in una fase di stasi? Pensaci. Non credo che una terapia possa dirsi conclusa se lascia amarezza.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Letteralmente vorrei che morisse nel mio cuore quella sensazione di rabbia e di dolore che mi da il solo pensiero di essere stata così cretina ed ingenua da pensare che lui ci "tenesse a me" e non parlo di chissà quale rapporto amoroso, no io avevo la sensazione che a modo Suo, il Divino, mi volesse bene.

Ma tant'è che un bel giorno di dicembre, alla fine della seduta mi dice senza tanti preamboli che la terapia era finita, semplicemente una stretta di mano ed ero fuori dal suo studio, fuori dalla mia analisi.

Per giorni sono stata come sospesa, incapace di credere.

Passano i giorni ed ogni giorno rivedo come in un film il mio percorso con Lui e mai come adesso mi rendo conto che io non adoravo Lui, io non ero innamorata di Lui, io amavo la mia idea di Lui.

Ho imparato che innamorarsi delle illusioni si paga a caro prezzo.

Che ne sai, magari a modo suo ti voleva davvero un gran bene, poi magari troppo bene e quando se ne e' accorto gli e' preso il panico, ti ha salutata e adesso

se ne sta tremolante a curarsi nello studio del suo Supervisore .... :icon_nav1:

Quanto a te, se sei sicura di amare l'idea e non Lui in persona, sicuramente hai ancora bisogno di portare avanti la terapia e sviscerare con lui questa cosa.

Ovvero che idea ti sei fatta di Lui e perche' etc etc etc... dopotutto questa e' l'analisi del transfer, ed e' una cosa che va fatta in terapia... come si fa'

a troncare prima di averlo fatto???

Comunque sia, qualunque cosa sia successa, mi trovo d'accordo con gli interventi precedenti: devi richiamare e chiedere spiegazioni del perche' di una interruzione

cosi' brusca. Io sono in terapia da due anni e mezzo, e se il mio terapeuta mi dovesse liquidare cosi' da un giorno all'altro senza una chiara motivazione e senza

un debito preavviso, doventerei matta dal dolore... ma come si fa'...???? Sotto Natale poi ... buone ferie comunque ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ragazze mie io sto in alto mare...

voglio fare l'amore con lui, anche tutto il resto, tranne che fare l'analisi.. sembra che l'analisi tenga a bada il mio registro della sessualità

io mi spoglierei anche sul lettino ma non ho il coraggio di farlo...

Dai Euridice... invece del tuo corpo, spoglia la tua anima su quel lettino... povero il tuo analista, certo che gliela fai sudare eh???? Ti immagino

giovane bella e sensuale... con quel poveretto che cerca solo di fare bene il suo lavoro... e dagli un po' di soddisfazione santo cielo!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao Fioriblu,

la terapia non può essere finita se ti porti dentro queste emozioni negative. Immagino che una terapia debba concludersi di comune accordo e con un distacco graduale in modo che non restino nodi irrisolti, almeno per quanto riguarda le problematiche affrontate con il terapeuta. Forse non gli avevi esposto con chiarezza le emozioni che ti suscitava e lui ha avuto l'impressione di aver esaurito il ciclo.

Penso inoltre, per esperienza personale, che le ferite inferte dal terapeuta a cui ti sei affidata con fiducia siano ancora più dolorose di quelle che ti portavi dentro, perché costituiscono una conferma di inadeguatezza e allontanano ulteriormente la guarigione. Io ho scelto di cambiare terapeuta perché sentivo di non poter trovare più un punto di incontro. Tu forse hai ancora la possibilità di chiamarlo e chiedergli di discutere questa sua decisione: forse ha voluto metterti alla prova e darti uno stimolo in una fase di stasi? Pensaci. Non credo che una terapia possa dirsi conclusa se lascia amarezza.

l'ho pensata anch'io sta cosa... qui non ho mai letto di terapie chiuse così bruscamente. o perlomeno chiuse bruscamente su iniziativa del terapeuta!

quello che il mio psi mi ha detto più volte è di dirglielo quando sento che sta sbagliando... e così ho fatto, quando è successo. ad esempio nel mio caso, quando poi ho trovato il coraggio di affrontare la questione è emerso che alcune cose "dure" che mi aveva detto erano un test, e che aveva sottovalutato l'impatto che avrebbero avuto su di me, ferendomi in un modo che non voleva.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

però smettere uan terapia vicino alle feste di natale (che si sa sono pesanti per tutti) senza averne parlato, mi pare un colpo bello tosto per essere una prova...non so...dire o fare qualcosa di cui si può discutere nella seduta successiva ci sta ma chiudere un'analisi abbandonando il cliente a sè stesso mi pare una cosa azzardatissima! :Shame On You:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ciao a tutti, devo dirvi subito che io sto proprio inpieno "amore di transfert" e grazie ad un sogno fatto,la notte dopo l'ultima seduta, l'ho scritto e letto al mio analista, il quale senza scomporsi ha cercato di farmi parlare apertamente di quello che sento. Però, nonostante io sappia che questa situazione è normale, e ne ho la prova anche leggendo i vostri racconti, io sono ancora confusa e arrabbiata da quello che mi è successo. Il bello è che io sapevo che questa cosa sarebbe successa, che fa parte della terapia, ma quando ci stai dentro è tutta un'altra storia. Io sto andando nel pallone e non voglio mollare, perchè non voglio darla vinta a me stessa, perchè mi metto sempre in queste situazioni per una coazione a ripetere che attuo sempre. Purtroppo anche a me è toccato un analista giovane, anche se è in gamba, e questa cosa rende la cosa più difficile. nel senso che fino a poco tempo fa io riuscivo ad andare alle sedute con una grande serenità e quando ne uscivo ero sollevata e mi sentivo bene. Adesso è cambiato tutto e ieri sera, dopo la lettura del sogno, ero a pezzi. Meno male che c'era il mio compagno ad aspettarmi e mi ha letteralmente retto fino alla macchina. naturalmente è il sentirsi rifiutata la cosa peggiore e siccome è una cosa che rivivo spesso, e che vado inconsciamente cercando, so che non mi passerà presto e spero che lui riesca a togliermi questo peso nel cuore perchè io voglio uscirne davvero. Non voglio cambiare analista, anzi, io non mollo perchè voglio affrontare questa cosa una volta per tutte, anche se mi fa stare male, e spero di uscirne per sempre stavolta. Lui è molto professionale, anche se io gliel'ho pure detto che non so quanto l'uomo rimanga fuori da quella stanza quando noi siamo insieme come analista e paziente. Non so se sarebbe successa la stessa cosa se al posto suo ci fosse stata una donna o un analista vecchio decrepito. Oggi ho provato tantissima rabbia e vorrei non essermi lasciata andare così tanto ma so che era necessario ed io sono sempre sincera con lui, anche se stavolta ho dovuto leggere per parlargli della cosa, visto che non riuscivo a guardarlo nelgi occhi. Poi magari sapere che ache le altre pazienti sono tutte "perse2 di lui perchè è una cosa normale mi fa sentire ancora più male,perchè io mi reputo sempre diversa dalle altre, e invece sono cascata anch'io, nonostante mi controllo sempre per queste cose perchè ho troppo sofferto in passato e non voglio più delusioni. Voi che ne dite, ne potrò uscire? E' una tempesta che mi sta distruggendo per l'ennesima volta. Aiutooooooo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

però smettere uan terapia vicino alle feste di natale (che si sa sono pesanti per tutti) senza averne parlato, mi pare un colpo bello tosto per essere una prova...non so...dire o fare qualcosa di cui si può discutere nella seduta successiva ci sta ma chiudere un'analisi abbandonando il cliente a sè stesso mi pare una cosa azzardatissima! :Shame On You:

pure a me giusy, però non so che dire... magari ha un senso legato al loro rapporto durante la terapia. per dire: i nostri psi non ce l'avrebbero fatto perchè avrebbero saputo che così ci facevano a pezzi...

a parte che io l'avrei chiamato pure durante le feste per avere un chiarimento!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

non so però a me non pare che fioriblu sia così serena...spero davvero che chiami, posso solo immaginare come si sente!!! A viene angoscia alla sola idea, e lo dico adesso che dal grosso del transfert sono fuori!!! :icon_neutral:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

a me una volta disse (per motivi che sarebbe lungo riassumere) una frase che poteva sottintendere la chiusura repentina della terapia.

quella notte praticamente non ho dormito e quel poco che ho dormito ho fatto incubi. :icon_neutral:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

ciao a tutti, devo dirvi subito che io sto proprio inpieno "amore di transfert" e grazie ad un sogno fatto,la notte dopo l'ultima seduta, l'ho scritto e letto al mio analista, il quale senza scomporsi ha cercato di farmi parlare apertamente di quello che sento. Però, nonostante io sappia che questa situazione è normale, e ne ho la prova anche leggendo i vostri racconti, io sono ancora confusa e arrabbiata da quello che mi è successo. Il bello è che io sapevo che questa cosa sarebbe successa, che fa parte della terapia, ma quando ci stai dentro è tutta un'altra storia. Io sto andando nel pallone e non voglio mollare, perchè non voglio darla vinta a me stessa, perchè mi metto sempre in queste situazioni per una coazione a ripetere che attuo sempre. Purtroppo anche a me è toccato un analista giovane, anche se è in gamba, e questa cosa rende la cosa più difficile. nel senso che fino a poco tempo fa io riuscivo ad andare alle sedute con una grande serenità e quando ne uscivo ero sollevata e mi sentivo bene. Adesso è cambiato tutto e ieri sera, dopo la lettura del sogno, ero a pezzi. Meno male che c'era il mio compagno ad aspettarmi e mi ha letteralmente retto fino alla macchina. naturalmente è il sentirsi rifiutata la cosa peggiore e siccome è una cosa che rivivo spesso, e che vado inconsciamente cercando, so che non mi passerà presto e spero che lui riesca a togliermi questo peso nel cuore perchè io voglio uscirne davvero. Non voglio cambiare analista, anzi, io non mollo perchè voglio affrontare questa cosa una volta per tutte, anche se mi fa stare male, e spero di uscirne per sempre stavolta. Lui è molto professionale, anche se io gliel'ho pure detto che non so quanto l'uomo rimanga fuori da quella stanza quando noi siamo insieme come analista e paziente. Non so se sarebbe successa la stessa cosa se al posto suo ci fosse stata una donna o un analista vecchio decrepito. Oggi ho provato tantissima rabbia e vorrei non essermi lasciata andare così tanto ma so che era necessario ed io sono sempre sincera con lui, anche se stavolta ho dovuto leggere per parlargli della cosa, visto che non riuscivo a guardarlo nelgi occhi. Poi magari sapere che ache le altre pazienti sono tutte "perse2 di lui perchè è una cosa normale mi fa sentire ancora più male,perchè io mi reputo sempre diversa dalle altre, e invece sono cascata anch'io, nonostante mi controllo sempre per queste cose perchè ho troppo sofferto in passato e non voglio più delusioni. Voi che ne dite, ne potrò uscire? E' una tempesta che mi sta distruggendo per l'ennesima volta. Aiutooooooo

capisco bene il tuo meccanismo di controllo e la paura del rifiuto! io credo di aver attuato fin troppo bene questo controllo, perchè ho tenuto a bada il transfert buttando fuori tutti quegli aspetti che mi potevano turbare di più... :icon_neutral:

penso che tu invece ti stia muovendo nel migliore dei modi, lasciando scorrere quello che provi ed essendo sincera in seduta... vedrai che ne raccoglierai i frutti!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Io sto un po' così. Tra la comunicazione via mail della decisione di chiudere, un sms di saluti stringato e gli auguri di Natale con una sintetica spiegazione del mio comportamento, ho scritto all'Ex-celso tre volte. In tutti e tre i casi ho ricevuto risposte "da psicologo", cortesi e con abbraccio finale, ma sempre molto professionali.

Premesso che non ho scritto per tampinarlo ma solo perché mi dispiaceva passare da maleducata lasciandolo improvvisamente e per email, mi deprime un po' che questo continui a trattarmi da paziente. Mi seccava che lo facesse quando era suo dovere, figuriamoci adesso che paziente non lo sono più. Non dico che dovesse dilungarsi in una conversazione tra vecchi amici ma che assumesse un tono più rilassato, diamine. Cos'ha, paura che inizi a fargli stalking? Che voglia instaurare un rapporto amichevole?

Probabilmente è giusto che si comporti così, però mi sento sminuita come persona, relegata irriducibilmente al rango di paziente, una a cui ci si deve rivolgere in un determinato modo perché non si sa bene come potrebbe reagire :Straight Face: Non ho neanche il diritto di dirglielo, dato che ho chiuso il rapporto.

No, non mi fa bene questa cosa. Non so se mi sono spiegata o se vi sembra che stia delirando, ma mi è rimasto un po' di magone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

ciao.......volevo augurare buon natale a tutte!!!

eh..mi manca un po' lo psi e ripenso spesso alle sedute e mi mancano.....

Mi piacerebbe.....rivederlo e potergli riparlare come un tempo!.......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao a tutte, spero di ritornare presto qui sopra a dire qualche cavolata come al solito.....nel frattempo TANTI AUGURI DI BUON NATALE A TUTTi :icon_nav1:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

in questo periodo sto bene e sono serena , ma nn mi riconosco , mi mancono i miei eccessi essere persona alternativa sempre un po sopra le righe... ora mi ritrovo a essere una persona ordinaria .....

qualcuna di voi si rtrova in questo????

vi riuscite a riconoscere nel essere diventate"Normali"???? :Rolling Eyes:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ospite truillio

in questo periodo sto bene e sono serena , ma nn mi riconosco , mi mancono i miei eccessi essere persona alternativa sempre un po sopra le righe... ora mi ritrovo a essere una persona ordinaria .....

qualcuna di voi si rtrova in questo????

vi riuscite a riconoscere nel essere diventate"Normali"???? :Rolling Eyes:

tranquilla che non sei normale ... :muttley:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

tranquilla che non sei normale ... :muttley:

daiii , nnrompere è una cosa seria!!

insomma nn mi sento più io :Shame On You:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.