Vai al contenuto

Ma sono brutti gli organi genitali?


Messaggi consigliati

Secondo me è l'amore stesso che ci fa innamorare degli organi genitali maschili o femminili che siano...ma in un epoca dove l'amore è praticamente un bel ricordo da sognare alla tv tutti questi problemi escono fuori...quando si va a letto con una persona esclusivamente per soddisfare un bisogno sessuale e non un desiderio sessuale che nasce dall' amore i genitali possono apparire brutti o puzzolenti....è l'amore che fa la differenza...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


  • Risposte 176
  • Created
  • Ultima risposta

Top Posters In This Topic

Ho letto le vostre risposte e vi ringrazio.

X Muchacha: il tuo punto di vista penso che sia vero, ma io non sono tipo che tradisco e né che possa vivere l'amore fisico in questo modo senza risentirne pesantemente. Non so come andrà a finire, ma sono veramente provato.

X Joker: il tuo punto di vista è molto vicino a quello di mia moglie. Mi piacerebbe chiederti parecchie cose, visto che lei si stufa facilmente a rispondermi.

X Alessandro: sono molto vicino al tuo punto di vista, ma l'amore e il sesso sono sempre due cose distinte che poi qualcuno unisce e qualcun altro no. E in entrambi i casi, non esistono organi puzzolenti.

Dopo queste discussioni, stamattina ho riletto metà libro intitolato "Fiori senza luce", libro di psicologia, di autoaiuto per donne che hanno qualche problema con la sessualità. Lo comprai per mia moglie ma alla fine lo leggo solo io per capire meglio il mondo intimo femminile.

Sembra, secondo il parere di questo autore, che gli organi genitali non possono essere visti come brutti o puzzolenti (sto stringendo un concetto sicuramente meglio formulato nel libro) e ritenere questo normale.

Se vi interessa vi copio le frasi esatte.

Inoltre ho letto anche l'Intelligenza Erotica in passato. Un altro bellissimo libro sulla sessualità che dice cose a volte ovvie altre meno su cui bisogna confrontarsi. Più utile per le coppie fisse che arrivano ad allontanarsi.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

vedi....

secondo me hai una visione parziale della coppia...

osserva la situazione....tu vuoi che lei faccia una cosa....lei non vuole....tu compri libri x convincerla, lei non li legge perchè non vuole essere convinta....

tu credi che lei abbia un blocco, probabilmente lo ha, ma anche tu lo hai....quello di dover concretizzare un desiderio, e non farlo ti "deprime" ti da un senso di insoddisfazione....

molti ho letto vedono normali certi atti....io personalemnte credo che il normale è cio che esiste dunque è normale anche non volerli fare....

non voglio dire cosa sarebbe giusto fare....non esiste un giusto fare.....giusto è un opinine che dipende dal nostro vissuto....non è una realtà....

io vedo che sei difronte ha una scelta....la scelta implica una visione confusa, chi sa fa non sceglie...

da un lato puoi continuare a forzare la mano nell'insistere.....dall'altro puoi desistere....

da un lato il desiderio spinge, dall'altro dovrebbe spingere l'amore e il rispetto per l'altrui parere....

cosa è più importante per te, qual'è la via esatta da seguire sceglilo tu...

io nella mia personale vita ho imparato che la rinuncia di un mio desiderio per soddisfare un desiderio altrui mi da molto più.....l'amore aumenta come una pentola che bolle sul fuoco....e con un amore così anche il sesso , "canonico" sarebbe molto , ma molto più "totale"....

ora sei tu che devi agire.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
vedi....

secondo me hai una visione parziale della coppia...

osserva la situazione....tu vuoi che lei faccia una cosa....lei non vuole....tu compri libri x convincerla, lei non li legge perchè non vuole essere convinta....

tu credi che lei abbia un blocco, probabilmente lo ha, ma anche tu lo hai....quello di dover concretizzare un desiderio, e non farlo ti "deprime" ti da un senso di insoddisfazione....

molti ho letto vedono normali certi atti....io personalemnte credo che il normale è cio che esiste dunque è normale anche non volerli fare....

non voglio dire cosa sarebbe giusto fare....non esiste un giusto fare.....giusto è un opinine che dipende dal nostro vissuto....non è una realtà....

io vedo che sei difronte ha una scelta....la scelta implica una visione confusa, chi sa fa non sceglie...

da un lato puoi continuare a forzare la mano nell'insistere.....dall'altro puoi desistere....

da un lato il desiderio spinge, dall'altro dovrebbe spingere l'amore e il rispetto per l'altrui parere....

cosa è più importante per te, qual'è la via esatta da seguire sceglilo tu...

io nella mia personale vita ho imparato che la rinuncia di un mio desiderio per soddisfare un desiderio altrui mi da molto più.....l'amore aumenta come una pentola che bolle sul fuoco....e con un amore così anche il sesso , "canonico" sarebbe molto , ma molto più "totale"....

ora sei tu che devi agire.

Non la penso come voi (includo Claudia).

Inanzitutto non mi sono fissato sul sesso orale. E' solo la punta di un iceberg.

Non ho comprato libri per convincerla. Ma volevo che si capisse. Per migliorare la sua qualità della vita e anche la mia che sto affianco a lei. Potrebbe darsi che leggendo questi libri, capendosi, lei stessa mi dica: guarda che forse non ti amo, non mi piaci e non l'avevo capito. Accetto anche questo rischio. Accetto la chiarezza ma non vivere il sesso. Perché qui, non è in discussione sesso orale si o no, e tieni conto che non le chiedo più niente da questo punto di vista, ma è in gioco la voglia di esprimere se stessi tramite il sesso. Se io cerco di esprimermi e non mi viene permesso, lei nemmeno lo fa e sa che io sono pronto a tutto quello che vuole.

Le tue critiche sono fuori luogo. Da questi libri che non si intitolano "Come convicere qualcuno a fare qualcosa..." ma che sono libri per aiutare la consapevolezza della propria persona, io l'ho aiutata a risolvere alcune situazioni pregresse.

E non l'ho fatto per me, visto che chi ne ha beneficiato è solo lei.

Quindi la mia intenzione non è intontirla ma liberarla dai suoi stessi problemi.

E siccome il sesso è fondamentale in un rapporto e la soddisfazione di entrambi è perseguibile, non vedo cosa ci trovi di tanto strano se io cerco di soddisfare miei desideri. Se mi trovi uno che non cerca di soddisfare i suoi desideri, fammelo conoscere che riesco a convincerlo che non è così.

Non ho mai mancato di rispetto a lei, non l'ho mai tradita, ma non posso tradire nemmeno il mio corpo che ha voglia di fantasia e di sentirsi amato.

Infine, di rinunce, essendo un padre di famiglia, come tanti altri, ne faccio tantissime, e come persona sono giudicata molto generosa, e a mio moglie do tanto.

Quindi rinunce ne faccio volentieri. Ma sentirmi frustrato perché lei ha dei problemi non lo accetto e faccio di tutto per risolverli. E' tanto strano?

Io non insisto con richieste ogni volta che facciamo qualcosa, so che non serve a niente. Insisto nel volerla mettere davanti alla sua visione, per farle capire che è sbagliata. E siccome non voglio appensantirla troppo, cerco di capire anche al di fuori di noi due.

Spero di essere stato chiaro e non troppo ripetitivo.

E comunque io sto agendo. Il mio agire è voler risolvere questo problema. Anzi ancor meno, capire questo problema.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ho letto le vostre risposte e vi ringrazio.

X Muchacha: il tuo punto di vista penso che sia vero, ma io non sono tipo che tradisco e né che possa vivere l'amore fisico in questo modo senza risentirne pesantemente. Non so come andrà a finire, ma sono veramente provato.

DISCLAIMER: La mia non voleva essere un'apologia dell'adulterio, intendiamoci!! Solo una constatazione se vuoi un po' cinica.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Non la penso come voi (includo Claudia).

Inanzitutto non mi sono fissato sul sesso orale. E' solo la punta di un iceberg.

ok, puoi non essere daccordo sul fatto del sesso orale, ma che tu hai un desiderio lei un'altro dovuto ognuno a un condizionamento.....è un fatto!

Non ho comprato libri per convincerla. Ma volevo che si capisse. Per migliorare la sua qualità della vita e anche la mia che sto affianco a lei. Potrebbe darsi che leggendo questi libri, capendosi, lei stessa mi dica: guarda che forse non ti amo, non mi piaci e non l'avevo capito. Accetto anche questo rischio. Accetto la chiarezza ma non vivere il sesso. Perché qui, non è in discussione sesso orale si o no, e tieni conto che non le chiedo più niente da questo punto di vista, ma è in gioco la voglia di esprimere se stessi tramite il sesso. Se io cerco di esprimermi e non mi viene permesso, lei nemmeno lo fa e sa che io sono pronto a tutto quello che vuole.

migliorare la qualità della vita??? Ma questo è il tuo punto di vista che è fondato sull'obbiettivo di ottenere di più...

la qualità della vita può essere l'astinenza, come il suo contrario....la qualità della vita dipende dalla serenità con cui accetti cioc he sei....e cio che hai, anche tu la miglioreresti accendo, lei così come...

Le tue critiche sono fuori luogo. Da questi libri che non si intitolano "Come convicere qualcuno a fare qualcosa..." ma che sono libri per aiutare la consapevolezza della propria persona, io l'ho aiutata a risolvere alcune situazioni pregresse.

E non l'ho fatto per me, visto che chi ne ha beneficiato è solo lei.

Quindi la mia intenzione non è intontirla ma liberarla dai suoi stessi problemi.

ma il problema lo vedi tu....poi potrebbe essere che hai dei blocchi psicologici, come potrebbe essere di no...se è in pace ed è serena in se,,,non vedo perchè lei debba cambiare....

E siccome il sesso è fondamentale in un rapporto e la soddisfazione di entrambi è perseguibile, non vedo cosa ci trovi di tanto strano se io cerco di soddisfare miei desideri. Se mi trovi uno che non cerca di soddisfare i suoi desideri, fammelo conoscere che riesco a convincerlo che non è così.

Non ho mai mancato di rispetto a lei, non l'ho mai tradita, ma non posso tradire nemmeno il mio corpo che ha voglia di fantasia e di sentirsi amato.

Infine, di rinunce, essendo un padre di famiglia, come tanti altri, ne faccio tantissime, e come persona sono giudicata molto generosa, e a mio moglie do tanto.

Quindi rinunce ne faccio volentieri. Ma sentirmi frustrato perché lei ha dei problemi non lo accetto e faccio di tutto per risolverli. E' tanto strano?

Io non insisto con richieste ogni volta che facciamo qualcosa, so che non serve a niente. Insisto nel volerla mettere davanti alla sua visione, per farle capire che è sbagliata. E siccome non voglio appensantirla troppo, cerco di capire anche al di fuori di noi due.

Spero di essere stato chiaro e non troppo ripetitivo.

E comunque io sto agendo. Il mio agire è voler risolvere questo problema. Anzi ancor meno, capire questo problema.

no, aspetta, Abbracciami, io non voglio giudicarti, come uomo e come altro....sei sicuramente un'ottima persona. Il tuo intento secondo me è rivolto verso la direzione sbagliata dovuta ad una visione per ora parziale del proprema, ossia soddisfare il tuo desiderio....ma non è l'unica soluzione...

se esso svanisse non avresti lo stesso il problema? Per assurdo , ma non lo puoi certo negare....

la sua visione è la sua visione, non è errata, è la sua diversa dalla tua, la sua nasce da immagine come la tua....cerca di capire il tuo desiderio, osservalo e capirai allo stesso modo il suo blocco, il meccanismo è il medesimo.......

poi ripeto è fondamentale porsi questo domanda....

"voglio che si realizzi il mio desiderio, oppure voglio l'armonia, la pace, non soffire più?" Perche non è sempre la stessa cosa...cosa è più importante...

un'abbraccio, vorrei aiutarti a chiarire non certo giudicare, chi mi pare un brav'uomo!

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Ciao abbracciatemi, ho riletto un tuo post e volevo parlare con te del suo significato...

In terapia, non penso di riuscirla a portare, perché è un argomento che affronta molto difficilmente, perché lei è soddisfatta del sesso così, almeno pensa o dice, e quindi il problema rimane solo mio.

Potrei andare io in terapia, forse sono egoisticamente ed esageratamente legata ad aspetti marginali da non godermi il resto.

Ma tu mi confermi che non è così.

Tu parli di portarla a fare una terapia di coppia vero? potrebbe essere utile se tua moglie avesse la volontà di farla. Affermando che "è un problema tuo" e non un problema che interessa la coppia :girl_devil:, probabilmente la volontà non c'è e secondo me è meglio per lei e di riflesso per la relazione con lei, che tu non insistessi in questo senso.

Per quel che riguarda la presa in considerazione di una tua terapia, quali sono questi aspetti marginali cui sei legato?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ciao abbracciatemi, ho riletto un tuo post e volevo parlare con te del suo significato...

Tu parli di portarla a fare una terapia di coppia vero? potrebbe essere utile se tua moglie avesse la volontà di farla. Affermando che "è un problema tuo" e non un problema che interessa la coppia :girl_devil:, probabilmente la volontà non c'è e secondo me è meglio per lei e di riflesso per la relazione con lei, che tu non insistessi in questo senso.

Per quel che riguarda la presa in considerazione di una tua terapia, quali sono questi aspetti marginali cui sei legato?

Volevo solo dire che se lei è soddisfatta così, allora il problema è mio, e se il problema è mio, visto che questo aspetto "marginale" mi condiziona il vivere, ci vado in terapia. Sembra ironia, e lo è anche, ma fino ad adesso mi sembra l'unica soluzione che salvi tutto.

Vivere il sesso in maniera soddisfacente è una pretesa più che giusta, dal mio punto di vista.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Volevo solo dire che se lei è soddisfatta così, allora il problema è mio, e se il problema è mio, visto che questo aspetto "marginale" mi condiziona il vivere, ci vado in terapia. Sembra ironia, e lo è anche, ma fino ad adesso mi sembra l'unica soluzione che salvi tutto.

Vivere il sesso in maniera soddisfacente è una pretesa più che giusta, dal mio punto di vista.

Non è solo giusta 'sta cosa, è sacrosanta. Ti auguro di soddisfare i tuoi bisogni maschio.

Ti mando abbraccio forte

:girl_devil:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
ok, puoi non essere daccordo sul fatto del sesso orale, ma che tu hai un desiderio lei un'altro dovuto ognuno a un condizionamento.....è un fatto!

migliorare la qualità della vita??? Ma questo è il tuo punto di vista che è fondato sull'obbiettivo di ottenere di più...

la qualità della vita può essere l'astinenza, come il suo contrario....la qualità della vita dipende dalla serenità con cui accetti cioc he sei....e cio che hai, anche tu la miglioreresti accendo, lei così come...

ma il problema lo vedi tu....poi potrebbe essere che hai dei blocchi psicologici, come potrebbe essere di no...se è in pace ed è serena in se,,,non vedo perchè lei debba cambiare....

no, aspetta, Abbracciami, io non voglio giudicarti, come uomo e come altro....sei sicuramente un'ottima persona. Il tuo intento secondo me è rivolto verso la direzione sbagliata dovuta ad una visione per ora parziale del proprema, ossia soddisfare il tuo desiderio....ma non è l'unica soluzione...

se esso svanisse non avresti lo stesso il problema? Per assurdo , ma non lo puoi certo negare....

la sua visione è la sua visione, non è errata, è la sua diversa dalla tua, la sua nasce da immagine come la tua....cerca di capire il tuo desiderio, osservalo e capirai allo stesso modo il suo blocco, il meccanismo è il medesimo.......

poi ripeto è fondamentale porsi questo domanda....

"voglio che si realizzi il mio desiderio, oppure voglio l'armonia, la pace, non soffire più?" Perche non è sempre la stessa cosa...cosa è più importante...

un'abbraccio, vorrei aiutarti a chiarire non certo giudicare, chi mi pare un brav'uomo!

Caro mio,

la tua è una concezione cattolica della vita. Io mi sono scrollato da tempo da questa concezione che mi faceva soffrire per andare in un altra allo stesso modo sofferente ma in linea con quello che sento: non esiste nessun Dio, non esiste giustizia, i potenti vivono sulla sofferenza dei deboli... etc etc

Io abbraccio l'umanità che c'è in me e faccio dell'amore e dell'amicizia la mia ragione di vivere, vivendo nell'onestà e nel rispetto degli altri e della natura.

La rinuncia cattolica fine a se stessa non l'accetto. Sono un essere umano e voglio esprimere la mia sessualità come voglio che lo faccia mia moglie. Schifoso, sottomissione o stupidaggini (nel senso di concetti inutili) non le accetto, o comunque le combatto. Lo so che è dura e che forse mi sto per schiantare contro un muro a tutta velocità, ma ho aspettato, rinunciato tanti anni, ma per cosa? per delle idee che le hanno messo in testa da quando era piccola?

Per me, la sessualità significa esprimere se stessi nel rispetto degli altri, facendo posto ad entrambi. Non rinunciare. Bisogna rinunciare a tante cose, adesso pure il dolce dell'esistenza... Come posso accettare una visione in cui si dice che, a parte le solite posizioni e il solito modo, tutto il sesso è sporco, da prostitute, che io potrei giudicarla male.

Dire che certe cose fanno schifo, dire che certe cose sono da prostituta, dire che la giudicherei male, sono cose che mi dimostrano che la sua sessualità è repressa. Non è una visione della sessualità diversa dalla mia, ma una visione ERRATA. E io farò di tutto per toglierle queste stupidaggini dalla testa.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
Caro mio,

la tua è una concezione cattolica della vita.

ti posso garantire che non credo a Dio, almeno non in un creatore....no. non sono cattolico....il mio è un discorso "razionale" non spirituale....

Io mi sono scrollato da tempo da questa concezione che mi faceva soffrire per andare in un altra allo stesso modo sofferente ma in linea con quello che sento: non esiste nessun Dio, non esiste giustizia, i potenti vivono sulla sofferenza dei deboli... etc etc

Io abbraccio l'umanità che c'è in me e faccio dell'amore e dell'amicizia la mia ragione di vivere, vivendo nell'onestà e nel rispetto degli altri e della natura.

amore non è dare serenità...anche.

La rinuncia cattolica fine a se stessa non l'accetto. Sono un essere umano e voglio esprimere la mia sessualità come voglio che lo faccia mia moglie. Schifoso, sottomissione o stupidaggini (nel senso di concetti inutili) non le accetto, o comunque le combatto. Lo so che è dura e che forse mi sto per schiantare contro un muro a tutta velocità, ma ho aspettato, rinunciato tanti anni, ma per cosa? per delle idee che le hanno messo in testa da quando era piccola?

Per me, la sessualità significa esprimere se stessi nel rispetto degli altri, facendo posto ad entrambi. Non rinunciare. Bisogna rinunciare a tante cose, adesso pure il dolce dell'esistenza... Come posso accettare una visione in cui si dice che, a parte le solite posizioni e il solito modo, tutto il sesso è sporco, da prostitute, che io potrei giudicarla male.

Dire che certe cose fanno schifo, dire che certe cose sono da prostituta, dire che la giudicherei male, sono cose che mi dimostrano che la sua sessualità è repressa. Non è una visione della sessualità diversa dalla mia, ma una visione ERRATA. E io farò di tutto per toglierle queste stupidaggini dalla testa.

dire che sono....equivale a dire che sono normali....ognuno a la sua "formazione" lei l'ha cattolica....lei è così!

io non parlo di rinuncia per gloficare Dio, ma per amore del compagna, condizionata dalla sua "cultura" come tu condizionato dalla tua "vuoi un sesso più moderno o chiamiamolo completo"......

da lì si parte e il limite qual'è..se io ti dicessi che è antica colei che non vuole rapporti anali, o di gruppo o scambisti.....e tu lo rinnegassi e ti dicessi che sei antico e bigotto che il sesso moderno è ricerca del piacere....insomma i limiti sono dettati dalla nostra cultura....è non esiste nessuna "normalità" se non il nostro stato che definiamo tale....

ma tutto ciò non ti risulterà mai vero sino a che seriamente non ti porrai il quesito che ti ho fatto e al quale non hai risposto:

vuoi che lei cambi per te o vuoi non essere più "frustrato"? E' fondamento nella tua comprensione del quadro generale della situazione per ora parziale....visto dal tuo punto di vista...

attenzione a rispondere che è la non frustrazione ciò che vuoi....mentiresti a te stesso...

un abbraccio Mio

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
io non parlo di rinuncia per gloficare Dio, ma per amore del compagna, condizionata dalla sua "cultura" come tu condizionato dalla tua "vuoi un sesso più moderno o chiamiamolo completo"......

da lì si parte e il limite qual'è..se io ti dicessi che è antica colei che non vuole rapporti anali, o di gruppo o scambisti.....e tu lo rinnegassi e ti dicessi che sei antico e bigotto che il sesso moderno è ricerca del piacere....insomma i limiti sono dettati dalla nostra cultura....è non esiste nessuna "normalità" se non il nostro stato che definiamo tale....

ma tutto ciò non ti risulterà mai vero sino a che seriamente non ti porrai il quesito che ti ho fatto e al quale non hai risposto:

vuoi che lei cambi per te o vuoi non essere più "frustrato"? E' fondamento nella tua comprensione del quadro generale della situazione per ora parziale....visto dal tuo punto di vista...

attenzione a rispondere che è la non frustrazione ciò che vuoi....mentiresti a te stesso...

un abbraccio Mio

Ok, sono in sintonia con te dicendo che a seconda della cultura ci sono atteggiamenti diversi, e io e lei siamo figli della stessa cultura, dalla quale io sono scappato mentre lei no.

Certamente non acceterei gruppi scambisti, per la mia cultura.

Ma a lei chiedo di esprimere quello che reprime, di farmi partecipe delle sue fantasie. Di non sentirmi dire che essendo suo marito si vergogna, allora io le rispondo che mi piacerebbe essere il suo amante. La sua cultura significa non vivere il sesso. Quella cultura da cui lei non si stacca è quella che porta gli uomini a soffrire e a tradire. Le donne di una volta si vantavano di non farsi vedere nude, che il marito andava al bordello a fare il maiale.

Adesso, si vuole il marito fedele e la sessualità repressa. Qui non stiamo parlando di sesso orale, stiamo parlando che ci sia gioia di espressione, da entrambe le parti. Forse se ci fosse questo, nemmeno starei a pensare a tutte le cose che non posso fare...

Rispondendo a te. Non voglio sentirmi frustrato, e voglio vivere questa parte della vita appieno.

Ciao

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ok, sono in sintonia con te dicendo che a seconda della cultura ci sono atteggiamenti diversi, e io e lei siamo figli della stessa cultura, dalla quale io sono scappato mentre lei no.

Certamente non acceterei gruppi scambisti, per la mia cultura.

Ma a lei chiedo di esprimere quello che reprime, di farmi partecipe delle sue fantasie. Di non sentirmi dire che essendo suo marito si vergogna, allora io le rispondo che mi piacerebbe essere il suo amante. La sua cultura significa non vivere il sesso. Quella cultura da cui lei non si stacca è quella che porta gli uomini a soffrire e a tradire. Le donne di una volta si vantavano di non farsi vedere nude, che il marito andava al bordello a fare il maiale.

Adesso, si vuole il marito fedele e la sessualità repressa. Qui non stiamo parlando di sesso orale, stiamo parlando che ci sia gioia di espressione, da entrambe le parti. Forse se ci fosse questo, nemmeno starei a pensare a tutte le cose che non posso fare...

Rispondendo a te. Non voglio sentirmi frustrato, e voglio vivere questa parte della vita appieno.

Ciao

comprendo cio che dici....

però rifletterei su questo...."io sono scappato lei no" non credi che tu sei scappato per altri condizionamenti....il bombaardamento mediatico, film , pubblicità, ecc,,,,ecc,,,,

tutto cio che è desiderio di fare o di non fare è figlio di un condizionamento....

solo quando lei "vedrà" la falsità dei condizionamenti si porrà alcune domande....tu potresti mostrargli la falsità dei tutti....tutti ne abbiamo, tutti coloro i quali desiderano, hanno obbiettivi , scopi, fini, ambizione, sono condizionati....è condizionato Rocco Siffredi quanto Benedetto XVI....

Osserva questa cosa.....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
comprendo cio che dici....

però rifletterei su questo...."io sono scappato lei no" non credi che tu sei scappato per altri condizionamenti....il bombaardamento mediatico, film , pubblicità, ecc,,,,ecc,,,,

tutto cio che è desiderio di fare o di non fare è figlio di un condizionamento....

solo quando lei "vedrà" la falsità dei condizionamenti si porrà alcune domande....tu potresti mostrargli la falsità dei tutti....tutti ne abbiamo, tutti coloro i quali desiderano, hanno obbiettivi , scopi, fini, ambizione, sono condizionati....è condizionato Rocco Siffredi quanto Benedetto XVI....

Osserva questa cosa.....

io sono riuscito ad esprimere me stesso e vorrei che lei facesse lo stesso e sono sicuro che tutto il resto verrà di conseguenza.

Sarà anche questo mio desiderio figlio della cultura che mi porto dietro senza accorgermene, ma cavolo mi sembra un diritto sacrosanto in un rapporto di coppia. O comunque sia, io lo voglio.

Voglio che sia così.

Ma per provare a fare questo lei deve capire che c'è un problema, e questo a volte lo afferra, ma quasi sempre no.

Capisco cosa dici che siamo condizionati dai desideri, che bisognerebbe viver senza, ho letto libri sul buddismo, sullo zen. E adesso capisco cosa vuoi cercare di dirmi. In questo caso, non mi comporto secondo quel modo di vedere la vita. Beh, questa strada è più tortuosa di quella che percorro adesso.

Grazie.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
io sono riuscito ad esprimere me stesso e vorrei che lei facesse lo stesso e sono sicuro che tutto il resto verrà di conseguenza.

Sarà anche questo mio desiderio figlio della cultura che mi porto dietro senza accorgermene, ma cavolo mi sembra un diritto sacrosanto in un rapporto di coppia. O comunque sia, io lo voglio.

Voglio che sia così.

Ma per provare a fare questo lei deve capire che c'è un problema, e questo a volte lo afferra, ma quasi sempre no.

Capisco cosa dici che siamo condizionati dai desideri, che bisognerebbe viver senza, ho letto libri sul buddismo, sullo zen. E adesso capisco cosa vuoi cercare di dirmi. In questo caso, non mi comporto secondo quel modo di vedere la vita. Beh, questa strada è più tortuosa di quella che percorro adesso.

Grazie.

intanto grazie a te per lo "scambio"....

credo che siamo arrivati ad un punto nella discussione...

tu vuoi che lei sia come tu desideri!!

solo un'invito a osservare una cosina:

dici

io sono riuscito ad esprimere me stesso e vorrei che lei facesse lo stesso e sono sicuro che tutto il resto verrà di conseguenza.

Sarà anche questo mio desiderio figlio della cultura che mi porto dietro senza accorgermene, ma cavolo mi sembra un diritto sacrosanto in un rapporto di coppia. O comunque sia, io lo voglio.

lei risponderebbe secondo cio che io immagino...

io ho espresso me stessa dicendo che trovo disgustosa una cosa, spero che lui la smetta di insistere e rispetti cio che sono e che "veda" che è preda del condizionamento moderno che tende a vedere normale "comportamenti sporchi"....o comunque sia io non voglio...

adesso "non è il mio pensiero" ma è l'opposto del tuo....il tuo non è in mezzo e lei tende all'"moralismo" ....tu a destra lei a sinistra.....almeno siine consapevole....

e concludo con una Mio massima...

"le vie del desiderio, qualunque esso sia prortano sempre alla casa della sofferenza e del senso di irrealizzazione..."

e tutto cio mi conferma...il quanto.

dici

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
Evviva, abbiamo una donna che parla chiaro :cray:

A me è rimasta qualche remora perché il primo ragazzo con cui l'ho praticato non curava particolarmente l'igiene intima, anzi la trascurava sistematicamente :shok: Per fortuna si è trattato di un'eccezione ma... l'imprinting non è stato positivo.

E poi vedo un altro aspetto nella fellatio: un senso di... non so, vi è mai capitato di vedere un film a luci rosse in cui l'uomo afferra la donna per i capelli e le spinge la testa verso il basso? Ecco, disprezzo per la donna è ciò che mi viene in mente, anche grazie a tanti discorsi che ho sentito fare ai maschietti. Se mi viene spontaneo, bene, ma se me lo chiedi il pensiero spontaneo è "fattelo fare da tua sorella" :huh:

si potrebbero accarezzare i capelli

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
intanto grazie a te per lo "scambio"....

credo che siamo arrivati ad un punto nella discussione...

tu vuoi che lei sia come tu desideri!!

solo un'invito a osservare una cosina:

dici

io sono riuscito ad esprimere me stesso e vorrei che lei facesse lo stesso e sono sicuro che tutto il resto verrà di conseguenza.

Sarà anche questo mio desiderio figlio della cultura che mi porto dietro senza accorgermene, ma cavolo mi sembra un diritto sacrosanto in un rapporto di coppia. O comunque sia, io lo voglio.

lei risponderebbe secondo cio che io immagino...

io ho espresso me stessa dicendo che trovo disgustosa una cosa, spero che lui la smetta di insistere e rispetti cio che sono e che "veda" che è preda del condizionamento moderno che tende a vedere normale "comportamenti sporchi"....o comunque sia io non voglio...

adesso "non è il mio pensiero" ma è l'opposto del tuo....il tuo non è in mezzo e lei tende all'"moralismo" ....tu a destra lei a sinistra.....almeno siine consapevole....

e concludo con una Mio massima...

"le vie del desiderio, qualunque esso sia prortano sempre alla casa della sofferenza e del senso di irrealizzazione..."

e tutto cio mi conferma...il quanto.

dici

Quando dico che lei debba esprimere se stessa, significa di fare quello che l'istinto le dice senza pensare a moralismi. Quindi voglio che lei segua il suo istinto, e in questo modo penso, spero che tutto si risolverà. Pensi che reprimere il proprio istinto nel sesso, all'interno di un rapporto stabile, debba essere accettato? Anche dalla tua visione?

Comunque, quindi, cosa dovrei fare io, riassumendo, secondo te, se c'è una massima da seguire? O comunque, tu che faresti se ti trovassi in questa situazione?

Mi viene da aprire un'altra discussione sulle fantasie possibili evitando cose sporche. Evitando odori, secrezioni, posizioni da prostituta... Chissà forse scoprirei un mondo nuovo. :huh:

Ancora non mi viene in mente niente :shok:

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Mio, ma tu sei... ascetico o ogni tanto soffri e ti irrealizzi anche tu? :huh:

soffro quando c'è sofferenza, dolore....e lo faccio pienamente senza fuggirlo con rimpianti , rimorsi o speranze....

la realizzazione non è inseguire un desiderio, ma comprendersi attimo dopo attimo.....

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Quando dico che lei debba esprimere se stessa, significa di fare quello che l'istinto le dice senza pensare a moralismi. Quindi voglio che lei segua il suo istinto, e in questo modo penso, spero che tutto si risolverà. Pensi che reprimere il proprio istinto nel sesso, all'interno di un rapporto stabile, debba essere accettato? Anche dalla tua visione?

Comunque, quindi, cosa dovrei fare io, riassumendo, secondo te, se c'è una massima da seguire? O comunque, tu che faresti se ti trovassi in questa situazione?

Mi viene da aprire un'altra discussione sulle fantasie possibili evitando cose sporche. Evitando odori, secrezioni, posizioni da prostituta... Chissà forse scoprirei un mondo nuovo. :huh:

Ancora non mi viene in mente niente :shok:

no, non ci sono massime da seguire....

dici che lei dovrebbe essere se stessa, io credo che lo sia , come lo sei tu....o non lo sia, come non lo sei tu, credo che entrambi , come tutti agiate secondo i vostri condizionamenti...

cosa farei?

bhè , nel momento in cui ti nascono certe fantasione, non le osannerei ne condannerei mi osserverei per capire da dove esse nascano, il meccanismo che le mette in atto, perchè non è la loro non realizzazione la tua frustrazione ma la loro messa in atto, il loro venir fuori....

Una volta compreso,,,,l'Amore incondizionato farebbe il resto.....e chissà un po0' di luce aiuterebbe , dopo te, anche lei a superare i suoi di blocchi, perchè comunque di blocchi trattasi....

in bocca al lupo.

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
no, non ci sono massime da seguire....

dici che lei dovrebbe essere se stessa, io credo che lo sia , come lo sei tu....o non lo sia, come non lo sei tu, credo che entrambi , come tutti agiate secondo i vostri condizionamenti...

cosa farei?

bhè , nel momento in cui ti nascono certe fantasione, non le osannerei ne condannerei mi osserverei per capire da dove esse nascano, il meccanismo che le mette in atto, perchè non è la loro non realizzazione la tua frustrazione ma la loro messa in atto, il loro venir fuori....

Una volta compreso,,,,l'Amore incondizionato farebbe il resto.....e chissà un po0' di luce aiuterebbe , dopo te, anche lei a superare i suoi di blocchi, perchè comunque di blocchi trattasi....

in bocca al lupo.

Non so, ci rifletterò bene.

Ma se mi va di mangiare un gelato al cioccolato piuttosto che alla vaniglia, e mi si continua a dare sempre e solo quello alla vaniglia, è ovvio che mi chieda: ma possibile che non mi possa mangiare anche quello al cioccolato? Adesso dovrei chiedermi perché mi intestardisco a volerlo al cioccolato se mi è consentito solo alla vaniglia, anche se il cioccolato sta nella vaschetta accanto. Qual'è il meccanismo che mi spinge a variare gusto? Forse perché un sano erotismo ne ha bisogno. Comunque riflettero, ma tu, mio, rifletti un po' su questi gelati.

Infine, per chiudere il cerchio: ma se la tua partner ti dice che hai il coso brutto e puzzolente e sputa roba schifosa e puzzolente, ma a te non dispiace?

L'amore incondizionato deve essere solo da parte mia?

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Infine, per chiudere il cerchio: ma se la tua partner ti dice che hai il coso brutto e puzzolente e sputa roba schifosa e puzzolente, ma a te non dispiace?

L'amore incondizionato deve essere solo da parte mia?

sicuramente lei ha dei grossi blocchi riguardo al sesso...

e poi, nel 2008, considerare il sesso orale come una pratica da prostituta...

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Non so, ci rifletterò bene.

Ma se mi va di mangiare un gelato al cioccolato piuttosto che alla vaniglia, e mi si continua a dare sempre e solo quello alla vaniglia, è ovvio che mi chieda: ma possibile che non mi possa mangiare anche quello al cioccolato? Adesso dovrei chiedermi perché mi intestardisco a volerlo al cioccolato se mi è consentito solo alla vaniglia, anche se il cioccolato sta nella vaschetta accanto. Qual'è il meccanismo che mi spinge a variare gusto? Forse perché un sano erotismo ne ha bisogno. Comunque riflettero, ma tu, mio, rifletti un po' su questi gelati.

Infine, per chiudere il cerchio: ma se la tua partner ti dice che hai il coso brutto e puzzolente e sputa roba schifosa e puzzolente, ma a te non dispiace?

L'amore incondizionato deve essere solo da parte mia?

SE TI DICE QUESTO CONSOLATI PERCHE QUELLO CHE ESCE DALLA SUA BOCCA è MOLTO PIU' VOLGARE , AL MASSIMO SE CE NE FOSSE BISOGNO POTREBBE DIRTI LAVATI DETTO IN MANIERA GARBATA OPPURE IO IN Q MOMENTO SONO BLOCCATA IN QUESTA COSA MA TI AMO LO STESSO, OPPURE SE TI DICE QUELLE COSE PROBABILMENTE STA VIVENDO QUALCHE SITUAZIONE DI MALESSERE A PRESCINDERE DAL TUO COSO, POI SE STA BENE MA NON LE VA DI FARE QUELLA COSA NON FA NULLA NON DOVREBBE DIRTI COSI LO STESSO,,,,,,,,SE NON GLI PIACI IN GENERALE AVERE IL CORAGGIO E L'ONESTA DI LASCIARTI ,,,,,,,,,, E POI DAI SE LEI NON DICE QUELLE COSE E TU GLI PIACI SCUSA CREDI CHE DAVVERO SE LEI SI SACRIFICASSE A FARE QUELLA COSA PER TE TU TI SENTIRESTI COSI APPAGATO ,,,,,,,,,MAGARI PIANO PIANO ARRIVERETE ANCHE A QUELLO MA IL TUTTO VALE PIU ' DI QUEL PARTICOLARE,,,,,,,,,,,SPERO DI AVERCI AZZECCATO QUALCOSA VISTO CHE NON HO LETTO LA DISCUSSIONE FIN DALL'INIZIO SE FOSSI IN QUALCHE MODO USCITO DAL SEMINATO TI CHIEDO ANTICIPATAMENTE SCUSA

Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.




×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.