Vai al contenuto

lightning

Membri
  • Numero di messaggi

    2289
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Contenuti inseriti da lightning

  1. chissà, forse hai sempre controllato troppo il cibo e con esso i tuoi bisogni più profondi e le tue emozioni, che stanno emergendo adesso. é molto comune, nel cibo convogliamo molte tematiche psicologiche, la pasta è buona,forse ci cerchi gratificazione per qualcosa che ti è mancato o ti manca affettivamente. Prova a dirlo a uno psicologo se ti senti, guarda quanti libri oggi parlano del fattore dieta associato al malessere,alla depressione, allo stress,ecc. L'ultimo che ho letto è "dimagrire senza dieta", è significativo come titolo. Puoi confrontarti in rete con tantissimi che vanno al f
  2. bisogna rileggere alberoni,l'innamoramento è una cosa, l'amore un altra. L'innamoramento è quella luce intensa, che poi per tutti si spegne, che dà luce alle proprie giornate, ti fa lavorare in funzione dell'innamorato, ammanta di energia ogni cosa che fai, l'amore invece è anche tristezza, è il quotidiano costruito e vissuto assieme, le difficoltà passate superate insieme, un bagaglio di anni. L'amore dell'adolescente è uno, l'amore dell'adulto è più difficile, ma completo.
  3. Perchè, prima dove li faceva?
  4. Già, aikon, il problema per me è che la vita mi pone sempre difficoltà impreviste, e a me servirà sempre il terapeuta. Io cambio, creo sempre nuovi problemi, e nuovi problemi mi si presentano, io agisco in continuazione e le situazioni sono sempre nuove, per cui mi sento di aver bisogno di un consigliere così bravo, così profondo, per tutta la vita. Chi rinuncerebbe alla sicurezza di una persona che ti ascolta, e ti capisce, e ti presta la sua testa che ragiona così bene, così facilmente? :)) Come rinunciare alla filosofia del proprio analista, anche se poi la vita la vivi da te?:)
  5. niente è più amaro per me che andare a scoprire senza alibi ciò che penso, amara medicina da sorbire, come Pinocchio burattino che ingoia la medicina ma prima vuole la zolletta di zucchero. Non v'è zucchero che allevi il dolore di vedere che non sono come avevo sognato, non sono nè buona nè brava come mi avevan fatto credere, sono solo responsabile, e la responsabilità è un carico, mi rende triste anzichè contenta. sono responsabile di chi mi vuol bene, uhm,dovrei essere al settimo cielo, ma siccome sono fondamentalmente egoista, tendo a a deprimermi di questo grosso carico. sacrificio, bah
  6. infatti secondo me la difficoltà a dire deriva dal fatto che lo vediamo come il confessore, il prete. oddio, s'addio come ci giudica male il prete giudice che è dentro di noi. Il sacramento è duro a morire, parlo per me, che il giudice morale ce l'ho sempre avuto ben presente. a partire dal monsignore del catechismo, dio l'abbia in pace. come s'incaxxò il mio analista, signora, io non sono un prete! Ehehehe, chi l'avrebbe mai detto...
  7. confessarsi l'inconfessabile,chè poi davanti allo psy, l'incoffessabile diventa un concetto strettamente "cattolico". Io mi confesso: ma che cosa confesso, quali peccati ho commesso, quelli delle sovrastrutture sociali, quelli delle convenzioni, della religione, confesso di aver immaginato l'omicidio, l'assassinio,confeso che sono spregevole, kattiva?Confesso che la mia migliore amica è una rompikoglioni che mi scarica addosso i suoi malesseri, mi usa come cesso per vomitare ler sue pene d'amore, il suo "pene d'amore". Questa è Molly Bloom, sul lettino della psicoanalisi. Meglio che l'amica
  8. vi sno fantasie che mai abbiamo espresso a voce o raccontato ad alcuno, ma la terapia è l'UNICA sede adatta e protetta per poter dar voce a ciò che abbiamo dentro. Consiglio di sfruttare l'opportunità.
  9. lightning

    CODMW2

    è uno "sparatutto"! consiglio: stacca la consolle ed esci fuori, spegni il computer. altro che trasformarlo in un mestiere, guarda un po' se gli viene un attacco epilettico, a sto ragazzo! Qui bisogna staccare tutto, fracassargli l'x box,o con che diavolo gioca, alzarlo di peso e buttarlo fuori di casa, a fin di bene!
  10. sì, è molto importante che le cose vengano dette ad alta voce. Non c'è nulla di cui vergognarsi a dire i nostri pensieri a voce.
  11. il neurologo si occupa delle malattie del sistema nervoso, Alzheimer, Parkinson, ecc. Il neurologo si occupa delle disfunzioni nei comandi degli arti, per esempio... Mentre lo psichiatra si occupa dei disturbi della psiche, emotive, malattie mentali, schizofrenia, paranoia, ecc. Prima erano la stessa cosa, ora sono due ruoli distinti.
  12. non è un comportamento scorretto, perlomeno non secondo i parametri di una seduta. di solito lo psicoanalista è molto libero nelle sue manifestazioni, anche il mio lo fa a volte, si alza, prende una sigaretta, sbadiglia, sta a noi accettare i comportamenti suoi e magari analizzare insieme se e come ci creano problemi, e quali fantasie ci facciamo su di essi, che so, magari di disinteresse ecc
  13. vai ora ci mancava pure lo spam
  14. aspe c'era una canzone che mi garbava un casino, di Guccini eccola: ahah L?ANTISOCIALE Sono un tipo antisociale, non m'importa mai di niente, non m'importa dei giudizi della gente. Odio in modo naturale ogni ipocrisia morale, odio guerre ed armamenti in generale. Odio il gusto del retorico, il miracolo economico il valore permanente e duraturo, radio a premi, caroselli, T.V., cine, radio, rallies, frigo ed auto non c'è "Ford nel mio futuro"! E voi bimbe sognatrici della vita delle attrici, attenzione da me state alla lontana: non mi piace esser per bene, far la faccia ch
  15. hai ragione, sono le regole di buona educazione che costringono, non le persone, se seguissi me stessa direi sempre: "che caxxate stai a dì", mi spiace.
  16. a cena fuori, a pranzo con i parenti,parlando con i colleghi, parlando con i familiari, praticamente sempre. di che si parlava? ma niente, delle solite cose che dice la gente di solito quando è insieme. non me ne sono andata spesso, a volte sì, a riposarmi dallo stress della compagnia. dove volevo essere..mmm, semplicemente a casa, che ne so, o su una spiaggia al sole sdraiata, comunque lontano da tutte quelle voci che ti costringono ad ascoltare e a ridere e a rispondere con interesse!:)
  17. Bello quest'intervento, mi ci rivedo parecchio, io ci rivedo l'angoscia per l'attesa frustrata di una risposta positiva, di uno specchio che ti rimandi che sono bella.
  18. beh, magari lo penso tra una frase e l'altra, a te non succede?
  19. ascoltarle cercando di capire quello che dicono. Si può stare in compagnia e conversare amabilmente, ma essere altrove. a me succede spesso.
  20. Beh, qualche volta (non) lo affronto cercando di stare con le persone, ma mi costa molta fatica, sono asociale, l'unica è stare sola, allora sì che lo guardo in faccia, è un po' come morire. La vita non è una commedia, è vero.
  21. lightning

    Problemi tecnici

    Ma è sicuro? Mi sembra molto strano.
  22. ah, per difficoltà varie, mi ha dato la possibilità di telefonare, dieci minuti si trovano, salvo imprevisti per il terapeuta. meglio per me se riesco a contenere l'emozione, è chiaro, ma non ci sono divieti in questo senso, ecco. Mi dispiacerebbe ecco, se non sapessi contenermi e mi rivolgessi all'analista come pronto soccorso ogni due per tre, ma questo è un problema mio, comunque me lo ha fatto notare per tempo.
  23. beh, anche il chiedersi delle cose fa parte del tenersi compagnia. Se non disturba, chiediamoci anche come si fa, io darei sempre via libera ai pensieri, basta non siano autodistruttivi, ma piacevoli, che diano buone sensazioni:)))
  24. ciao, non è scorretto, io lo uso per comunicazioni di servizio, ma a volte l'ho usato anche per altro, il problema è che a volte non hanno tempo di rispondere, e resti un po' interdetto, tutto lì:) anzi, l'sms è molto rispettoso, lasci al terapeuta il tempo di rispondere:))
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.