Vai al contenuto

Pubblicità

AlessandroMartinelli

Aumentano i divorzi

Recommended Posts

In Italia, i divorzi, un triste e preoccupante incremento del 4,3% rispetto al 2004.

Anche se le separazioni, la parte iniziale di un divorzio, diminuiscono del -1,1%.

Come spieghi questo fenomeno, le cause e le possibili ed eventuali soluzioni?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pubblicità


Mah... è proprio vero.. l'altro giorno una mia cara amica mi ha confidato che sta per separarsi..

Io credo che nei rapporti d'amore si arrivi ad un punto in cui si capisce che le aspettative di ognuno erano diverse.. Oppure semplicemente che la persona che credevamo potesse stare al nostro fianco non è quella adatta.. Purtroppo però quando si rompe qualcosa è quasi impossibile riuscire a tornare indietro..

Credo, tuttavia, che negli ultimi anni si sia scatenato un principio di libertà non indifferente..sia per l'uomo che per la donna..

Io personalmente, ho chiuso una storia di 3 anni poco tempo fa e non ho più voluto storie serie.. dopo qualche tempo sento il senso del soffocamento è tutto diventa così monotono e ripetitivo.. ma credo anche sia dovuto al fatto che non ho ancora incontrato la persona giusta.. e per ora sto bene così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io credo perchè si va incontro al matrimonio con delle aspettative o si fa il matrimonio senza volerlo veramente o per noia o perchè si crede che sposandosi si cambia la situazione o il proprio partner ecc. Io ho passato dei momenti molto duri nel mio matrimonio però mai una volta ho pensato alla strada della separazione perchè di base c'era un profondo amore e stima reciproca, rigurado al così tanto discusso tema della noia(la tomba dell'amore), anche lì credo che il matrimonio diventa monotono quando almeno un componente nella coppia sposandosi crede di aver raggiunto un obiettivo e non c'è cosa più sbagliata al mondo, per me il matrimonio è solo l'inizio di un'esperienza di vita insieme, che facile non è ma quando c'è la sintonia si superano tutti gli ostacoli, e la monotonia non esiste....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me perchè lo spirito di "sacrificio" sta sparendo completamente..

Al giorno d'oggi quando c'è un'incomprensione, quando qualcosa non va, non si cerca di sistemare il tutto, a volte anche sacrificandosi per poter andare avanti, ma si arriva direttamente alla separazione/divorzio..

E poi anche perchè se a una certa età non sei ancora sposato la società ti considera emarginato O_O

Ho 33 anni e non ho ancora la minima intenzione di sposarmi.. mi vedono come una zitella? Me ne fotto.. IO! Altre ragazze che stanno nella mia situazione preferiscono sposarsi anche se non conoscono a fondo il futuro marito.. e poi, al massimo, c'è il divorzio!

O forse il matrimonio non ha più il valore che aveva un tempo, per cui se uno si sposa 6/7 volte va bene così!

Per me il matrimonio è estremamente importante, quindi, prima di sposarmi, dovrò avere un sacco di certezze sul mio uomo, ma soprattutto su di me!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Secondo me perchè lo spirito di "sacrificio" sta sparendo completamente..

Al giorno d'oggi quando c'è un'incomprensione, quando qualcosa non va, non si cerca di sistemare il tutto, a volte anche sacrificandosi per poter andare avanti, ma si arriva direttamente alla separazione/divorzio..

E poi anche perchè se a una certa età non sei ancora sposato la società ti considera emarginato O_O

Ho 33 anni e non ho ancora la minima intenzione di sposarmi.. mi vedono come una zitella? Me ne fotto.. IO! Altre ragazze che stanno nella mia situazione preferiscono sposarsi anche se non conoscono a fondo il futuro marito.. e poi, al massimo, c'è il divorzio!

O forse il matrimonio non ha più il valore che aveva un tempo, per cui se uno si sposa 6/7 volte va bene così!

Per me il matrimonio è estremamente importante, quindi, prima di sposarmi, dovrò avere un sacco di certezze sul mio uomo, ma soprattutto su di me!

ti quoto!!! :im Not Worthy:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ci sono molte cause dovute al divorzio,il primo sta' nell'emancipazione della donna ,(cosa bella)

adesso sono molto piu' istruite,piu' indipendenti finanziariamente, e nn accettano le percosse ed abusi che una volta ricevevano le loro madri. molti arrivano al matrimonio con l'idea che se nn dovrebbe funzionare ed

alle prime difficolta' ci si ricorre alla separazione che molto probabilmente finira' in divorzio.

certi dicono che nn conoscevano bene la persona che amavano ma per molti e' una scusa, come nn si puo' conoscere una persona dopo tanti anni di fidanzamento come succede spesso in italia.........boh.

poi i films , le false aspettative , la carriera che molte volte diventa piu' importante della famiglia e tante

altre belle cose fanno il resto. ma secondo me questo e' un ciclo che diminuira' col tempo , il motivo sta' nel fatto che i figli dei divorziati vanno incontro a tante difficolta' e sono costretti a vivere divisi , senza quida , molto spesso senza amore paterno...eccc e con questo bagaglio di esperienza faranno in modo di trovare il partner che possa assicurare

una famiglia senza l'incubo di far rivivere ai propi figli gli incubi della propia esperienza...il divorzio. ho vissuto la stessa

esperienza anche se' i miei nn si sono mai divorziati ma separati .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
certi dicono che nn conoscevano bene la persona che amavano ma per molti e' una scusa, come nn si puo' conoscere una persona dopo tanti anni di fidanzamento come succede spesso in italia.........boh.

perchè si sposano con l'idea di cambiare la persona che hanno vicino, o di recuperare un rapporto ormai alla frutta, non sapendo che il matrimonio non è altro che il sancire la propria unione, il resto non cambia se c'è amore c'è se non c'è il matrimonio non può far altro che peggiorare la situazione, in quanto bisogna convivere insieme, e si sa che diventa dura....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Son d'accordo con l'idea che non esiste più lo spirito di sacrificio, le persone sono egoiste al giorno d'oggi (ma a volte lo sono per sopravvivere...). Quello che manca più di tutto a mio parere è la pazienza, a volte non è possibile andar d'accordo in un periodo della propria vita, ma magari passa qualche mese, la rabbia scema, le menti si aprono e l'incontro si può trovare...perchè il tempo matura le nespole! E' sempre una questione d'impegno :) anche l'amore. C'è una visione troppo romantica dell'amore...non è sempre primavera...le persone cambiano, hanno divergenze, invecchiano, fanno scelte private...bisogna sapere quando ci si sposa che qualsiasi cosa accada sapremmo tollerare, comprendere, sostenere...e questo da entrambe le parti. La vedo dura...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

aumentano i divorzi perchè ci si ostina a volersi sposare,secondo me.

etimologia:

Matrimonio dal latino "matri munus", "compito della madre", ovvero anche matrem munere, "proteggere la madre". L'etimologia indicherebbe una relazione diretta tra l'alleanza d'amore dei due (uomo e donna nel contesto originario) e il compito della maternità/paternità che da essa scaturisce.

In ogni caso, l'utilizzo del termine con riferimento all'unione nuziale si sviluppò con il diritto romano nel quale si diede riconoscimento e corpo al complesso delle situazioni socio-patrimoniali legate al matrimonium.(wikipedia)

Insomma il matrimonio è una "strategia" inventata di necessità per imbrigliare ciò che di per sè è ribelle, mutevole e in erratica evoluzione e sperimentazione: l'imprevedibile natura umana.

Poi, siccome la natura umana è pure poetica, ci ha sovrapposto,a quella strategia, l'ideale dell'amore eterno, della fedeltà, dell'impegno,principe azzurro e bla bla bla,per non dire di quel che sopra ci ha sovrapposto la religione.

Questo secondo me, obviusly.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io credo che l'essere umano abbia capito quanto sia importante crescere.

Prima ci si sposava e si tirava avanti. Ci si faceva l'amante e all'interno del nucleo tutto taceva. Si continuava a "fingere".

Io trovo il matrimonio una forma di limitazione personale alla conoscienza. Siamo esseri mutevoli: legarci e incatenarci ad un'altra sola singola persona lo trovo squallido e inutile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Son d'accordo con l'idea che non esiste più lo spirito di sacrificio, le persone sono egoiste al giorno d'oggi (ma a volte lo sono per sopravvivere...). Quello che manca più di tutto a mio parere è la pazienza, a volte non è possibile andar d'accordo in un periodo della propria vita, ma magari passa qualche mese, la rabbia scema, le menti si aprono e l'incontro si può trovare...perchè il tempo matura le nespole! E' sempre una questione d'impegno :) anche l'amore. C'è una visione troppo romantica dell'amore...non è sempre primavera...le persone cambiano, hanno divergenze, invecchiano, fanno scelte private...bisogna sapere quando ci si sposa che qualsiasi cosa accada sapremmo tollerare, comprendere, sostenere...e questo da entrambe le parti. La vedo dura...

ti quoto .....

vedete amare è donare ad oggi è solo prendere.....

Ad oggi la gente se ne va, perchè la moglie stessa, perche il marito non vuole che la moglie esca, si litiga sulla spesa, si litiga per le corna......

tutto cio è egoismo e desiderio......

Io personalmente credo che il desiderare sempre di più porti allo sfascio i matrimoni, le persone non si vogliono mai fermare e sacrificare per gli altri figli e coniuge.....Io darai la mia vita per loro, starei al loro fianco in qualsiasi situazione, qualsiasi. Ho rinunciato a tanto per avere TUTTO, questo dovrebbe dare la famiglia........non solo essere il putno di arrivo o la giusta conclusione di una persona....ma desiderare di averla, diventare un tutt'uno con lei.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gli umani non sono monogami.

Il matrimonio prevede la monogamia.

Il matrimonio non funziona.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Son d'accordo con l'idea che non esiste più lo spirito di sacrificio, le persone sono egoiste al giorno d'oggi (ma a volte lo sono per sopravvivere...). Quello che manca più di tutto a mio parere è la pazienza, a volte non è possibile andar d'accordo in un periodo della propria vita, ma magari passa qualche mese, la rabbia scema, le menti si aprono e l'incontro si può trovare...perchè il tempo matura le nespole! E' sempre una questione d'impegno :) anche l'amore. C'è una visione troppo romantica dell'amore...non è sempre primavera...le persone cambiano, hanno divergenze, invecchiano, fanno scelte private...bisogna sapere quando ci si sposa che qualsiasi cosa accada sapremmo tollerare, comprendere, sostenere...e questo da entrambe le parti. La vedo dura...
ti quoto .....

vedete amare è donare ad oggi è solo prendere.....

Ad oggi la gente se ne va, perchè la moglie stessa, perche il marito non vuole che la moglie esca, si litiga sulla spesa, si litiga per le corna......

tutto cio è egoismo e desiderio......

Io personalmente credo che il desiderare sempre di più porti allo sfascio i matrimoni, le persone non si vogliono mai fermare e sacrificare per gli altri figli e coniuge.....Io darai la mia vita per loro, starei al loro fianco in qualsiasi situazione, qualsiasi. Ho rinunciato a tanto per avere TUTTO, questo dovrebbe dare la famiglia........non solo essere il putno di arrivo o la giusta conclusione di una persona....ma desiderare di averla, diventare un tutt'uno con lei.

vi quoto.... :Thinking:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Secondo me perchè lo spirito di "sacrificio" sta sparendo completamente..

Al giorno d'oggi quando c'è un'incomprensione, quando qualcosa non va, non si cerca di sistemare il tutto, a volte anche sacrificandosi per poter andare avanti, ma si arriva direttamente alla separazione/divorzio..

E poi anche perchè se a una certa età non sei ancora sposato la società ti considera emarginato O_O

Ho 33 anni e non ho ancora la minima intenzione di sposarmi.. mi vedono come una zitella? Me ne fotto.. IO! Altre ragazze che stanno nella mia situazione preferiscono sposarsi anche se non conoscono a fondo il futuro marito.. e poi, al massimo, c'è il divorzio!

O forse il matrimonio non ha più il valore che aveva un tempo, per cui se uno si sposa 6/7 volte va bene così!

Per me il matrimonio è estremamente importante, quindi, prima di sposarmi, dovrò avere un sacco di certezze sul mio uomo, ma soprattutto su di me!

Ehi, ma davvero esiste ancora la mentalità dello ZITELLAGGIO? Dai, non ci posso credere, oggi che esistono milioni di single e che quasi nessuno si sposa prima dei 30 anni! Forse 50 anni fa...Per me non è per nulla importante il matrimonio, ma l'amore. qualcuno diceva "amarsi sempre, sposarsi mai". Non è vero, proprio perché il matrimonio non conta se non per lo stato, caso mai conta la convivenza, scelta fatta da un sempre maggior numero di persone. Io cmq impedirei a chi si sposa in chiesa ogni forma di divorzio. Così imparano ad andare in chiesa solo per fare una bella cerimonia coi paramenti ecc.. Io, che non sono cattolico, mi sono sposato solo civilmente, alla tenera età di 51 anni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ehi, ma davvero esiste ancora la mentalità dello ZITELLAGGIO? Dai, non ci posso credere, oggi che esistono milioni di single e che quasi nessuno si sposa prima dei 30 anni! Forse 50 anni fa...Per me non è per nulla importante il matrimonio, ma l'amore. qualcuno diceva "amarsi sempre, sposarsi mai". Non è vero, proprio perché il matrimonio non conta se non per lo stato, caso mai conta la convivenza, scelta fatta da un sempre maggior numero di persone. Io cmq impedirei a chi si sposa in chiesa ogni forma di divorzio. Così imparano ad andare in chiesa solo per fare una bella cerimonia coi paramenti ecc.. Io, che non sono cattolico, mi sono sposato solo civilmente, alla tenera età di 51 anni.

ma sai , ormai il matrimonio in chiesa lo si fa più per tradizione che per vera credenza, io mi sono sposata in chiesa ma ne avrei fatto anche a meno, però i miei ci tenevano (anzi mia madre perchè mio padre ci è entrato a forza in chiesa, per portarmi all'altare ci ha messo due secondo, sembrava mi volesse mollare al più presto :Praying: ), se dovessimo fare i matrimoni in chiesa per vera credenza religiosa, dovremmo anche arrivare tutti vergini al matrimonio, cosa alquanto incredidibile no? :Big Grin:

Però in fin dei conti devo ammettere che è stato carino e ne ho un bel ricordo, ma sono daccordo con te, semmai si dovrebbe dare importanza alla scelta di convivenza, perchè il problema non è sposarsi o no ma scegliere di stare insieme per sempre, che comporta sacrifici, rinunce, ma fatte con amore verso la persona che si è scelta per la vita e i figli che nascono da questa scelta....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

personalmente nel matrimonio non ci credo.e rispetto a questo mi sembra molto prezioso il contributo di ilaria.

ciò però non significa che non creda nell'amore. anzi. credo nel fatto che posso scegliere giorno dopo giorno la persona che mi sta affianco, molto al di là di un vincolo, civile o religioso, imposto dall'esterno.

ultimamente sono stata, mio malgrado, a diversi matrimoni. e a tutti ho provato una profonda tristezza.perchè mi sembrava come una cosa dovuta, ai parenti, alla società, a delle non meglio identificate regole;mi sembrava qualcosa fatto per l'abito bianco, per i regali, per far stare zitte le famose zie impiccione.soprattutto ho visto persone che pensavano, sposandosi, di aver raggiunto qualcosa,non certo di aver iniziato un percorso.

è forse questo aspetto di finalismo del matrimonio che secondo me ne fa fuori tanti. è forse il fatto che molte persone non sono ancora pronte a fare scelte diverse, ma nemmeno sono realmente convinte del matrimonio, e scelgono la strada più facile.che poi alla lunga si rivela fallimentare.

forse è vero che l'uomo non è monogamo per natura. e probabilmente non può diventarlo per imposizione. ma forse per scelta sì.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ehi, ma davvero esiste ancora la mentalità dello ZITELLAGGIO? Dai, non ci posso credere, oggi che esistono milioni di single e che quasi nessuno si sposa prima dei 30 anni! Forse 50 anni fa...Per me non è per nulla importante il matrimonio, ma l'amore. qualcuno diceva "amarsi sempre, sposarsi mai". Non è vero, proprio perché il matrimonio non conta se non per lo stato, caso mai conta la convivenza, scelta fatta da un sempre maggior numero di persone. Io cmq impedirei a chi si sposa in chiesa ogni forma di divorzio. Così imparano ad andare in chiesa solo per fare una bella cerimonia coi paramenti ecc.. Io, che non sono cattolico, mi sono sposato solo civilmente, alla tenera età di 51 anni.

Ja ja!! Certo che esiste ancora! Almeno in Valtellina, nei piccoli e insignificanti paeselli, sì :p

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
In Italia, i divorzi, un triste e preoccupante incremento del 4,3% rispetto al 2004.

Anche se le separazioni, la parte iniziale di un divorzio, diminuiscono del -1,1%.

Come spieghi questo fenomeno, le cause e le possibili ed eventuali soluzioni?

Premetto nn ho letto le opinioni ke sono state fatte al riguardo.

Secondo me le persone prendono poco sul serio il matrimonio, si demoralizzano davanti al primo insuccesso, hanno paura ad affrontare i problemi ke possono nascere durante una relazione, così, invece di lottare ed afrontare i problemi è molto più facile separarsi e divorziare. Il mio matrimonio è stato sull'orlo di una separazione, ma ho combattuto, abbiamo combattutto entrambi e ce l'abbiamo fatta, il nostro matrimonio e il nostro rapporto si è rinforzato e ora stiamo meglio, ci amiamo più di prima :woot_jump:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gli umani non sono monogami.

Il matrimonio prevede la monogamia.

Il matrimonio non funziona.

dimmi dario ma tuo padre ha le corna?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Premetto nn ho letto le opinioni ke sono state fatte al riguardo.

Secondo me le persone prendono poco sul serio il matrimonio, si demoralizzano davanti al primo insuccesso, hanno paura ad affrontare i problemi ke possono nascere durante una relazione, così, invece di lottare ed afrontare i problemi è molto più facile separarsi e divorziare. Il mio matrimonio è stato sull'orlo di una separazione, ma ho combattuto, abbiamo combattutto entrambi e ce l'abbiamo fatta, il nostro matrimonio e il nostro rapporto si è rinforzato e ora stiamo meglio, ci amiamo più di prima :woot_jump:

ti ammori tanto piccola, è anche questo il bello dell'amore.... :wub:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
personalmente nel matrimonio non ci credo.e rispetto a questo mi sembra molto prezioso il contributo di ilaria.

ciò però non significa che non creda nell'amore. anzi. credo nel fatto che posso scegliere giorno dopo giorno la persona che mi sta affianco, molto al di là di un vincolo, civile o religioso, imposto dall'esterno.

ultimamente sono stata, mio malgrado, a diversi matrimoni. e a tutti ho provato una profonda tristezza.perchè mi sembrava come una cosa dovuta, ai parenti, alla società, a delle non meglio identificate regole;mi sembrava qualcosa fatto per l'abito bianco, per i regali, per far stare zitte le famose zie impiccione.soprattutto ho visto persone che pensavano, sposandosi, di aver raggiunto qualcosa,non certo di aver iniziato un percorso.

è forse questo aspetto di finalismo del matrimonio che secondo me ne fa fuori tanti. è forse il fatto che molte persone non sono ancora pronte a fare scelte diverse, ma nemmeno sono realmente convinte del matrimonio, e scelgono la strada più facile.che poi alla lunga si rivela fallimentare.

forse è vero che l'uomo non è monogamo per natura. e probabilmente non può diventarlo per imposizione. ma forse per scelta sì.

Il matrimonio civile non lo comprendo in altro modo se non nel modo in cui lo vedi tu. Sono pienamente d'accordo. E' per puro riconoscimento sociale. E questo, cmq non è detto sia un male. In un'ottica di comunita con il matrimonio si chiude ogni possibilità di interferenza nella vita di coppia, si considerano una sola persona due persone ecc...Il matrimonio religioso è qualcosa di più. Anche io non permetterei il divorzio se il matrimonio è stato celebrato con rito cattolico...ma alla fine per la Chiesa è così. E vero dunque che le persone vedono il matrimonio come un punto di arrivo, di cui poi non sanno più che farsene...aspettano la festa, il viaggio di nozze e poi si sono già stancate. Il matrimonio è un vincolo che si fa prima di tutto dentro di sè, poi a Dio se si ha fede, poi alla società. Non si fa il processo contrario.

Non è vero che l'uomo non è monogamo. E' perchè la donna non ha un'estro manifesto come gli animali e perchè il bambino nasce totalmente incapace a provvedere di se stesso che è nata la coppia. E' un'assicurazione biologica affinchè il bambino sia nutrito dal padre cacciatore, e accudito dalla madre e soprattutto un'assicurazione di paternità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aumentano i divorzi perchè ci si ostina a volersi sposare,secondo me.

etimologia:

Matrimonio dal latino "matri munus", "compito della madre", ovvero anche matrem munere, "proteggere la madre". L'etimologia indicherebbe una relazione diretta tra l'alleanza d'amore dei due (uomo e donna nel contesto originario) e il compito della maternità/paternità che da essa scaturisce.

In ogni caso, l'utilizzo del termine con riferimento all'unione nuziale si sviluppò con il diritto romano nel quale si diede riconoscimento e corpo al complesso delle situazioni socio-patrimoniali legate al matrimonium.(wikipedia)

Insomma il matrimonio è una "strategia" inventata di necessità per imbrigliare ciò che di per sè è ribelle, mutevole e in erratica evoluzione e sperimentazione: l'imprevedibile natura umana.

Poi, siccome la natura umana è pure poetica, ci ha sovrapposto,a quella strategia, l'ideale dell'amore eterno, della fedeltà, dell'impegno,principe azzurro e bla bla bla,per non dire di quel che sopra ci ha sovrapposto la religione.

Questo secondo me, obviusly.

I QUOTE IT ENTIRELY!!!!!!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Essenzialmente il matrimonio è una forma di organizzazione sociale.. la società non funziona e quindi nemmeno il matrimonio..

I dati comunque erano molto diversi a secondo delle zone... al sud il divorzio mi pare che è 4 volte meno frequente che al nord..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io farei un sadaggio qui,......

dai chi è divorziato, chi lo vorrebbe essere e chi non lo farebbe mai per sua iniziativa...?

IO non lo farei mai...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Per poter inserire un commento devi far parte della Comunità.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.