Vai al contenuto

Pubblicità

Sei favorevole o contrario per quanto riguarda l'aborto?  

24 voti

  1. 1.

    • Assolutamente contrario
      5
    • Assolutamente favorevole
      9
    • Dipende, solo in casi di gravi malformazioni o di malattie genetiche
      10


Recommended Posts

Anche io quando ho visto gli embrioni dopo l'aborto sono rimasto turbato, ma fino a quando è embrione, nove settimane, è solo un pupazzo di carne, che potrebbe diventare feto e poi uomo, ma che ancora non lo è.

Se dobbiamo pensare al "poter mettere al mondo", quel che sarà, allora dobbiamo fare sesso sempre senza protezioni e sempre pensando alla possibilità di concepire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pubblicità


Anche io quando ho visto gli embrioni dopo l'aborto sono rimasto turbato, ma fino a quando è embrione, nove settimane, è solo un pupazzo di carne, che potrebbe diventare feto e poi uomo, ma che ancora non lo è.

Se dobbiamo pensare al "poter mettere al mondo", quel che sarà, allora dobbiamo fare sesso sempre senza protezioni e sempre pensando alla possibilità di concepire.

A nove settimane come già detto il feto percepisce dolore...per cui non è solo un "pupazzo di carne"...che brutta terminologia che usi Dario... :roll:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si Ale, siamo alla 16^ settimana!!!!! :ola  :firew

Che bello, sono sicuro che andrà tutto bene!

Noi siamo a 31 settimane complete e non vediamo l'ora di abbracciarlo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sono contenta per voi e per i felici eventi, finchè non si assiste al miracolo della gravidanza (sia da donna che da uomo) passo per passo, dal concepimento alla nascita, non si ha idea di cosa significa.

Il feto è il nostro bambino, creato da noi durante un momento bello come pochi nella vita, non sono contraria all'aborto perchè ci sono molti casi in cui è un valido aiuto se non necessario, anche se pur sempre qualcosa di mostruoso.

Io ho un bambino non concepito volontariammente e non vi nego che quando ho saputo di essere incinta è stato tragico ma alla prima ecografia la paura si è trasformata in entusiasmo e grandissimo amore.

Adesso come adesso non vorrei altri figli, per via di alcuni problemi personali, e con mio marito stiamo molto attenti ma se dovessi rimanere dinuovo incinta non credo me la sentirei di abortire MIO FIGLIO!!!!!!!!!

E vi assicuro che tutto questo non ha niente a che fare con la fede (per quanto mi riguarda), si tratta di amore puro!

IN BOCCA AL LUPO RAGAZZI!!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sono contenta per voi e per i felici eventi, finchè non si assiste al miracolo della gravidanza (sia da donna che da uomo) passo per passo, dal concepimento alla nascita, non si ha idea di cosa significa.

Il feto è il nostro bambino, creato da noi durante un momento bello come pochi nella vita, non sono contraria all'aborto perchè ci sono molti casi in cui è un valido aiuto se non necessario, anche se pur sempre qualcosa di mostruoso.

Io ho un bambino non concepito volontariammente e non vi nego che quando ho saputo di essere incinta è stato tragico ma alla prima ecografia la paura si è trasformata in entusiasmo e grandissimo amore.

Adesso come adesso non vorrei altri figli, per via di alcuni problemi personali, e con mio marito stiamo molto attenti ma se dovessi rimanere dinuovo incinta non credo me la sentirei di abortire MIO FIGLIO!!!!!!!!!

E vi assicuro che tutto questo non ha niente a che fare con la fede (per quanto mi riguarda), si tratta di amore puro!

IN BOCCA AL LUPO RAGAZZI!!!!!

Sono bellissimi oltre che dolcissimi i tuoi pensieri...

Ti abbraccio forte! Grazie!

:abb

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Parlando con varie persone, ho notato come spesso le opinioni cambino a seconda che chi parla siano delle persone molto giovani o delle donne che hanno provato l'esperienza della gravidanza o dei medici o semplicemente delle donne che anche se non sono mamme hanno in sè un istinto materno molto forte.

Credo che provare sulla propria pelle l'esperienza della gravidanza voglia dire molto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Anche io quando ho visto gli embrioni dopo l'aborto sono rimasto turbato, ma fino a quando è embrione, nove settimane, è solo un pupazzo di carne, che potrebbe diventare feto e poi uomo, ma che ancora non lo è.

Se dobbiamo pensare al "poter mettere al mondo", quel che sarà, allora dobbiamo fare sesso sempre senza protezioni e sempre pensando alla possibilità di concepire.

A nove settimane come già detto il feto percepisce dolore...per cui non è solo un "pupazzo di carne"...che brutta terminologia che usi Dario... :roll:

Dalle 9 settimane in poi, io infatti ho detto "fino a quando è embrione", ovvero da quando viene concepito alla fine delle 9 settimane, da lì in poi diventa feto ma io parlo di embrioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per me ognuno deve godere di assoluta libertà.....

io non farei mai abortire e non starei con una donna che decide per questo, e poi sarebbe bello vedere se chi decide per l'aborto lo fa per libera scelta o per costrizione dell'ambiente circostante con tutte le sue credenze, mode false priorità ecc....ecc....ecc...

comunque per chi decide per l'aborto provo immessa compassione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"L' aborto è il più grande nemico della pace perché se una madre può uccidere il figlio, ciò significa che gli esseri umani hanno perso totalmente il rispetto per la vita e più facilmente possono uccidersi a vicenda."

Madre Teresa di Calcutta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
"L' aborto è il più grande nemico della pace perché se una madre può uccidere il figlio' date=' ciò significa che gli esseri umani hanno perso totalmente il rispetto per la vita e più facilmente possono uccidersi a vicenda."[/color']

Madre Teresa di Calcutta

non sono d'accordo.assolutamente.

l'aborto è una scelta incredibilmente difficile, traumatica,dolorosa.

e sinceramente penso che si faccia troppo poco per renderla meno tremenda,anzi.si fa l'esatto contrario.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

concordo con essuccia, questo è solo il punto di vista spirituale, ma bisogna vedere anche da quello materiale... :!:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io di principio sarei assolutamente contraria, ma di fatto voterei sempre a favore. Apparte rarissimi casi, di un bambino non voluto, per esempio dopo una violenza sessuale, con l'informazione di oggi non si può pensare che rimanere incinta non sia una cosa controllabile. E' una questione di responsabilità. Inoltre, che il bambino non senta nulla oppure no, si tratta cmq di una decisione per qualcun altro, cioè per il bambino stesso, gli si nega a priori la possibilità di vivere e questo, a mio parere, è sempre un omicidio.

Nessuno sceglie di nascere e nessuno dovrebbe poter decidere della vita di qualcun altro se non la persona stessa. Per questo, per esempio, sono favorevole all'eutanasia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per S.: il fatto che l'aborto sia una scelta traumatica e dolorosa non significa che sia un atto giusto.

Per quanto dolorosa, in alcuni casi mi sembra comunque una scelta comoda per scaricarsi di dosso le proprie responsabilità.

Come scrive Rain, oggi, con tutti i metodi contraccettivi e l'informazione che c'è, riesco a giustificare l'aborto solo per le donne che hanno subito uno stupro o che sanno che il bambino nascerà con gravi malformazioni. Negli altri casi, se proprio si rifiuta un figlio lo si può dare in adozione ad altri genitori appena nasce, dato che la legge italiana non obbliga la madre biologica a riconoscere il proprio bambino.

Io non capisco: tanta gente (giustamente) si scaglia contro la pena di morte, ma a maggior ragione dovremmo considerare ingiusto l'aborto, in cui viene ucciso un innocente!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Io non capisco: tanta gente (giustamente) si scaglia contro la pena di morte, ma a maggior ragione dovremmo considerare ingiusto l'aborto, in cui viene ucciso un innocente!

hai pienamente ragione... PIENAMENTE !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Per S.: il fatto che l'aborto sia una scelta traumatica e dolorosa non significa che sia un atto giusto.

Per quanto dolorosa, in alcuni casi mi sembra comunque una scelta comoda per scaricarsi di dosso le proprie responsabilità.  

Come scrive Rain, oggi, con tutti i metodi contraccettivi e l'informazione che c'è, riesco a giustificare l'aborto solo per le donne che hanno subito uno stupro o che sanno che il bambino nascerà con gravi malformazioni. Negli altri casi, se proprio si rifiuta un figlio lo si può dare in adozione ad altri genitori appena nasce, dato che la legge italiana non obbliga la madre biologica a riconoscere il proprio bambino.

Io non capisco: tanta gente (giustamente) si scaglia contro la pena di morte, ma a maggior ragione dovremmo considerare ingiusto l'aborto, in cui viene ucciso un innocente!

Concordo con Sara, tranne nel caso di violenza sessuale...a mio parere bisognerebbe tenerlo lo stesso...cosa ne ha colpa lui?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
"L' aborto è il più grande nemico della pace perché se una madre può uccidere il figlio' date=' ciò significa che gli esseri umani hanno perso totalmente il rispetto per la vita e più facilmente possono uccidersi a vicenda."[/color']

Madre Teresa di Calcutta

non sono d'accordo.assolutamente.

l'aborto è una scelta incredibilmente difficile, traumatica,dolorosa.

e sinceramente penso che si faccia troppo poco per renderla meno tremenda,anzi.si fa l'esatto contrario.

Ciao S.,

mi trovi assolutamente contrario...capisco che sia un evento estremamente doloroso...e perchè renderlo tale?

Perchè abortire? Significa non assumersi le proprie responsabilità.

Sono daccordo solo nel caso di gravi malformazioni..."gravi", o di malattie genetiche accertate da esami invasivi, come la villocentesi o ancor prima la amniocentesi.

Un saluto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel caso della violenza sessuale è vero che il bambino non c'entra però qui la responsabilità non vale più e ciò, a mio parere, è un'attenuante anche psichica...per una donna violentata può essere molto difficile accettare il bambino. In questo caso il bambino è davvero non voluto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sinceramente sono basita...Martinelli, mi spieghi che diavolo significa prendersi le proprie responsabilità???

giustamente Rain dice che adesso sono tali e tanti i metodi per evitare una gravidanza indesiderata che per rimanere incinta per incidente ci vuole davvero una grande incoscienza...e questo renderebbe una persona adatta ad allevare un bambino???

chi non ha la testa per prendere delle precauzioni quando fa sesso tantomeno ne ha per allevare un figlio.

partorire e darlo in affidamento può essere una soluzione, ma non sempre praticabile.soprattutto credo che una donna debba poter scegliere.

un aborto non è un omicidio. un bambino al terzo mese di gestazione è poco più di un embrione....purtroppo per chi lo porta dentro è già una creatura, e la ferita provocata dall'aborto non si rimargina mai.mai.

finitela di puntare il dito su persone che hanno vissuto e vivono un inferno che voi non potete,per vostra fortuna, immaginare nemmeno nei peggiori incubi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ragazzi , evitate l'aborto specialmente adesso che ci son tanti mezzi per evitarlo. io son sicuro di una cosa , il destino nn esiste perche' e' il prodotto delle nostre azioni ma la coscienza arriva sempre dopo quando capite di essere invincibili e di solito si fanno sbagli.

son cose private ma credo che serviranno a qualcuno. io e mia moglie anzi ,io chiesi a mia moglie di abortire , cosa che fece mal volentieri.

adesso la ragazza (perche' io e mia moglie la sogniamo spesso)

avrebbe avuto 24-25 anni e darei qualsiasi cosa per averla con noi.

che diritto ho avuto io di togliere la vita a lei? quando ci si parla di aborto alla tv , mia moglie sparisce sempre ed immancabilmente la trovo in qualche camera con gli occhi bagnati dalle lacrime. se potessi ritornare indietro so cosa farei , se prima avevo 2 lavori per sopportare la famiglia,

nn avrei indugiato a trovarmi il terzo affinche' nn cadessi nello stesso errore ed essere mangiato giornalmente dalla coscienza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sinceramente sono basita...Martinelli' date=' mi spieghi che diavolo significa prendersi le proprie responsabilità???

giustamente Rain dice che adesso sono tali e tanti i metodi per evitare una gravidanza indesiderata che per rimanere incinta per incidente ci vuole davvero una grande incoscienza...e questo renderebbe una persona adatta ad allevare un bambino???

chi non ha la testa per prendere delle precauzioni quando fa sesso tantomeno ne ha per allevare un figlio.

partorire e darlo in affidamento può essere una soluzione, ma non sempre praticabile.soprattutto credo che una donna debba poter scegliere.

un aborto non è un omicidio. un bambino al terzo mese di gestazione è poco più di un embrione....purtroppo per chi lo porta dentro è già una creatura, e la ferita provocata dall'aborto non si rimargina mai.mai.

finitela di puntare il dito su persone che hanno vissuto e vivono un inferno che voi non potete,per vostra fortuna, immaginare nemmeno nei peggiori incubi.[/color']

Sono io ora ad essere basita S.!

Sei una persona colta, intelligente, e se rileggi il tuo intervento tu stessa ti contraddici: "il bambino al terzo mese è un embrione... ma per chi lo porta dentro è una creatura e la ferita dell'aborto non si riemargina mai".

Allora, se le cose stanno così, perché non cerchiamo di evitare che una donna si senta costretta ad abortire?

Che cosa vuol dire "una donna deve poter scegliere"? Se ognuno di noi potesse scegliere qualunque cosa, senza farsi nessuno scrupolo, dove arriveremmo?

Non pensi che una donna abbia anche delle responsabilità, che le piaccia o no?

Qui stiamo parlando di vita o di morte, non di scegliere il vestito con cui uscire o il colore delle tende di casa...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sinceramente sono basita...Martinelli' date=' mi spieghi che diavolo significa prendersi le proprie responsabilità???

giustamente Rain dice che adesso sono tali e tanti i metodi per evitare una gravidanza indesiderata che per rimanere incinta per incidente ci vuole davvero una grande incoscienza...e questo renderebbe una persona adatta ad allevare un bambino???

chi non ha la testa per prendere delle precauzioni quando fa sesso tantomeno ne ha per allevare un figlio.

partorire e darlo in affidamento può essere una soluzione, ma non sempre praticabile.soprattutto credo che una donna debba poter scegliere.

un aborto non è un omicidio. un bambino al terzo mese di gestazione è poco più di un embrione....purtroppo per chi lo porta dentro è già una creatura, e la ferita provocata dall'aborto non si rimargina mai.mai.

finitela di puntare il dito su persone che hanno vissuto e vivono un inferno che voi non potete,per vostra fortuna, immaginare nemmeno nei peggiori incubi.[/color']

Anchio sono basito S., lo sai che a 6 settimane il cuore del bambino batte di già? Lo sai che a 12 settimane sente già dolore? Lo sai che in Australia si può richiedere l'aborto procurato anche a 9 mesi? E infine che a 8 mesi il bambino può già respirare da solo?, senza interventi esterni.

Noi...che tanto giudichiamo e condanniamo i paesi Islamici...l'aborto è concesso solo a 1 mese e mezzo e solo in casi di gravi malformazioni, rare da diagnosticare a quell'epoca gestazionale.

Hai mai pensato del perchè al momento dell'aborto il medico lascia la testina del bambino all'interno? e dopo pratica l'aborto? Si...perchè il bambino appena estratto piange! Perchè è vivo! E' una persona viva! E' un essere umano!

Mi colpisce la tua frase: "un bambino al terzo mese di gestazione è poco più di un embrione".

Ma S., hai mai visto un ecografia al 2° mese o al 3° mese?

Noi abbiamo visto il nostro bambino anche a 6° settimane, per cui un 1° mese e mezzo...e si vedevano...anzi si intravedevono in miniatura le gambine...le braccine...il suo musino e si sentiva il suo cuore...che batteva forte...anzi fortissimo...sintomo di voglia e goia di vivere.

Quel cuoricino che ci ringraziava e che non vedeva l'ora di abbracciarci! Che ci voleva già bene!

I nostri errori non devono incidere sui nostri figli...si perchè anche a 6 settimane e già nostro figlio!

Un saluto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ragazzi , evitate l'aborto specialmente adesso che ci son tanti mezzi per evitarlo. io son sicuro di una cosa ,  il destino nn esiste perche' e' il prodotto delle nostre azioni ma la coscienza arriva sempre dopo quando capite di essere invincibili e di solito si fanno sbagli.

son cose private ma  credo che serviranno a qualcuno. io e mia moglie anzi ,io chiesi a mia moglie di abortire , cosa che fece mal volentieri.

adesso la ragazza (perche' io e mia moglie la sogniamo spesso)

avrebbe avuto 24-25 anni e darei qualsiasi cosa per averla con noi.

che diritto ho avuto io di togliere la vita a lei? quando ci si parla di aborto alla tv , mia moglie sparisce sempre ed immancabilmente la trovo in qualche camera con gli occhi bagnati dalle lacrime. se potessi ritornare indietro so cosa farei , se prima avevo 2 lavori per sopportare la famiglia,

nn avrei indugiato a trovarmi il terzo affinche' nn cadessi nello stesso errore ed essere mangiato giornalmente dalla coscienza.

Mi dispiace e ti sono vicino!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Infinito sostegno psicologico a le donne che hanno intrepreso la difficile scelta di abortire, come i loro figli...anche loro sono vittime.

Non è facile abortire...una triste e disperata decisione.

Ma comunque non condividerò e non appoggierò mai la loro scelta.

Chi siamo noi? Per togliere una vita? Chi siamo? Non siamo niente.

Non abbiamo il diritto...un padre o una madre non hanno questo diritto e non lo aquiseranno mai...non lo aquisiremo mai!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Per poter inserire un commento devi far parte della Comunità.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.