Vai al contenuto

Pubblicità

Sei favorevole o contrario alla pena di morte?  

61 utenti hanno votato

  1. 1.

    • Favorevole
      8
    • Contrario
      40
    • In base ai casi
      12
    • Non so
      1


Messaggi consigliati

Appunto... se in Italia ci fosse un dittatore, non lo riconosceremmo

fino al momento in cui è innocuo, magari già morto, appeso per i piedi

a un distributore di benzina. Solo allora inizieremmo a mostrare la

nostra civiltà, reagendogli contro. Prima la mostreremmo reagendo

contro chi lo contrasta.

Per questo è meglio non ammazzarli, i dittatori: per difendere la civiltà

da noi, perché non esistono al mondo dittatori senza consenso.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Pubblicità


Una manifestazione contro la pena di morte...

Il Colosseo...questo monumento, un tempo luogo di persecuzioni e violenze inaudite, è diventato un simbolo di pace e di riconciliazione fra i popoli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Credimi S., fino a poco tempo fa la pensavo esattamente come te.

Per me la contrarietà alla pena di morte era qualcosa di ovvio e un sinonimo di civiltà.

Ora invece questa mia certezza si è incrinata.  

Il mio ragionamento è il seguente: perché mantenere in carcere, con i nostri soldi, dei dittatori sanguinari che si sono resi responsabili di veri e propri genocidi, senza nemmeno pentirsi di quello che hanno fatto?

Perché pagare il soggiorno in carcere ai pedofili che stuprano i bambini e poi li ammazzano?

Quando penso, ad esempio, al popolo romeno che ha linciato Ceausescu, sinceramente non me la sento di puntare il dito contro di esso, così come capisco il tribunale di Norimberga che ha condannato a morte i gerarchi nazisti e quella parte del popolo iracheno che ha voluto la condanna a morte di Saddam Hussein.

Chi sono allora i veri incivili?

Per noi italiani è facile sparare sentenze, perché non abbiamo vissuto il regime di terrore che hanno vissuto altri popoli della Terra, perchè non rischiamo la vita ogni giorno, perchè ce ne staimo comodi nelle nostre case...

credo ci sia una distinzione importante da fare tra le uccisioni "a caldo" come quella di Ceausescu, o di Mussolini in italia, e quelle "a freddo",ovvero esecuzioni dopo una condanna a morte.

le prime per me non sono giustificabili, ma ho più facilità a comprenderle.

la mia risposta alle tue domande, poi, è semplice,forse troppo semplice, ma è così che la vedo:

perchè sono esseri umani.come te.come me.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Ospite Sirenen

Sono contraria alla pena di morte, per motivi etici e anche perché non lo ritengo un dissuasivo efficace, così come le statistiche già citate dimostrano.

Sarei fortemente favorevole all’ergastolo. Detenzione a vita, dura e senza sconti per i reati contro la persona soprattutto se reiterati: celle scomode, cibo appena sufficiente per la sopravvivenza, televisione e giornali solo perché possano rendersi conto di quello che c’è fuori e che loro non potranno più avere. Perché troppo spesso ci si scorda che la detenzione è sì una misura di correzione, ma soprattutto di espiazione della colpa commessa e deve fungere da deterrente per chi viene sfiorato dall’idea di commettere un reato.

Purtroppo perché questo possa essere attuato servirebbero molte più carceri. Per la gestione di molte strutture servirebbe anche molto più personale e perché si abbia la garanzia che i detenuti non possano comprarsi privilegi od occhi chiusi sulla loro fuga servirebbe che lo stipendio dei secondini fosse molto più alto di quella miseria che percepiscono ora. Tutto questo ha un costo altissimo e in Italia i soldi per queste cose non ci sono più.

Allora ci si inventa il “reinserimento sociale” per tutti, ladruncoli ed assassini, esattamente come ci si inventò la Legge Basaglia che fu promulgata dallo Stato come pretesto per chiudere delle costosissime sebbene fatiscenti strutture psichiatriche.sono certissima che il suo intendimento era sì di togliere gli ammalati da situazioni di degrado assoluto, ma sicuramente non quello di sbattere letteralmente sulla strada queste persone. Ma alla fine quello che conta davvero sono sempre e solo i soldi e come vengono spesi.

Popolo ricco di contraddizioni noi italiani. Generosissimi quando siamo chiamati a qualche colletta per una buona causa, mandiamo sms alla tv, compriamo arance, gardenie e uova di Pasqua, ma se si tratta di mettere mano al portafoglio per pagare le tasse che poi servono anche per questi servizi che chiediamo a gran voce… allora molti, tanti, sicuramente troppi, si sentono vessati e fanno i furbi.

Nell'ultimo periodo il turbamento per la vicenda del piccolo Tommaso è forte e chi ha figli forse si pone più interrogativi di altri sul perché questa cosa non si è potuta evitare. Come mai l’assassino non era sotto custodia per i gravi reati che aveva precedentemente commesso? E’ stata aperta un’inchiesta per chiarire questa cosa, ma la risposta è palese: non c’è posto per tutti e anche i mezzi a disposizione delle forze dell’ordine perché possano attuare un efficace controllo sono ormai ridotte al lumicino.

Anche io, come il papà di Tommy, ho la speranza che la sua non sia stata una morte inutile e che tutte le riflessioni che scaturiscono in questo momento di intensa commozione non vadano perse, ma servano a fare maturare le coscienze di tutti.

E' indubbiamente vero... che se toccassero uno dei miei figli è molto probabile che le mie "motivazioni etiche" contro la pena di morte andrebbero a farsi friggere e me ne occuperei personalmente! Però ritengo che lo Stato debba avere delle motivazioni non emotive.

Mi resta un dubbio sull'opinione di Basaglia come " espediente ".

L'inapplicabilità della 180, o meglio il tentativo della sua applicazione, ritengo siano di più un problema politico e culturale ... che prescinde dalla visione di Basaglia dal "Diverso" ... da Noi.

Ripropongo brevi passaggi di Franco Basaglia:

«Per poter veramente affrontare la "malattia", dovremmo poterla incontrare fuori dalle istituzioni, intendendo con ciò non soltanto fuori dall'istituzione psichiatrica, ma fuori da ogni altra istituzione la cui funzione è quella di etichettare, codificare e fissare in ruoli congelati coloro che vi appartengono

L'irrecuperabilità del malato è spesso implicita nella natura del luogo che lo ospita. Ma questa natura non dipende direttamente dalla malattia: la recuperabilità ha un prezzo, spesso molto alto, ed è quindi un fatto economico- sociale più che tecnico-scientifico»

Per me, che si parli di psicologo o di schizofrenico, di maniaco o di psichiatra è la medesima cosa: sono tanti i ruoli, all'interno di un manicomio, che non si sa più chi è il sano o il malato.

Io ho detto che non so che cosa sia la follia. Può essere tutto o niente. E' una condizione umana. In noi la follia esiste ed è presente come lo è la ragione. Il problema è che la società, per dirsi civile, dovrebbe accettare tanto la ragione quanto la follia. Invece questa società riconosce la follia come parte della ragione, e la riduce alla ragione nel momento in cui esiste una scienza che si incarica di eliminarla. Il manicomio ha la sua ragione di essere, perché fa diventare razionale l'irrazionale. Quando qualcuno è folle ed entra in un manicomio, smette di essere folle per trasformarsi in malato. Diventa razionale in quanto malato. Il problema è come sciogliere questo nodo, superare la follia istituzionale e riconoscere la follia là dove essa ha origine, come dire, nella vita

(in Conferenze brasiliane, 1979)

Questo invece... è un documento che tratta 10 no alla pena di morte.

La fonte e` il sito http://www.coalit.org/10no.html

E` un po` lunghetto ma credo valga la pena di leggerlo...

scusate se mi sono dilungata.

1) La pena di morte non serve come deterrente per i crimini.

In Giappone, dove la pena di morte è prevista dalla legge, tra il novembre del 1989 ed il marzo del 1993 le esecuzioni vennero sospese perchè i ministri di giustizia dell`epoca erano contrari alla pena di morte: durante la moratoria, il tasso di criminalità non aumentò, anzi diminuì.

L`argomento della deterrenza è quello più frequentemente chiamato in causa: condannare a morte un trasgressore dissuaderebbe altre persone dal commettere lo stesso reato. L`argomento della deterrenza non è però così valido, per diversi motivi.

Nel caso, per esempio, del reato di omicidio, sarebbe difficile affermare che tutti o gran parte degli omicidi vengano commessi dai colpevoli dopo averne calcolato le conseguenze. Molto spesso gli omicidi avvengono in momenti di particolare ira oppure sotto l`effetto di droghe o di alcool oppure ancora in momenti di panico. In nessuno di questi casi si può pensare che il timore della pena di morte possa agire da deterrente.

Inoltre la tesi della deterrenza non è assolutamente confermata dai fatti. Se infatti la pena di morte fosse un deterrente si dovrebbe registrare nei paesi mantenitori un continuo calo dei reati punibili con la morte e i paesi che mantengono la pena di morte dovrebbero avere un tasso di criminalità minore rispetto ai paesi abolizionisti. Nessuno studio è però mai riuscito a dimostrare queste affermazioni e a mettere in relazione la pena di morte con il tasso di criminalità.

Un`analisi delle percentuali di omicidi in paesi abolizionisti e mantenitori ha dimostrato che i paesi mantenitori hanno in genere una percentuale maggiore. Tale analisi prendeva in considerazione i cinque paesi abolizionisti ed i cinque paesi mantenitori con il maggior numero di omicidi. Confrontando i dati, l`analisi conferma che nei cinque paesi abolizionisti il tasso più alto di omicidi era 11.6 per 100.000 persone, mentre nei paesi mantenitori il tasso più elevato era 41.6 per 100.000 persone.

Vi sono inoltre dati sulla criminalità di vari paesi che dimostrano come l`abolizione della pena di morte non comporti alcun aumento della criminalità.

In Giamaica, per esempio, durante una sospensione della pena di morte tra il 1976 ed il 1980, si verificarono poche variazioni nel tasso di omicidi. In Canada il tasso di omicidi per 100.000 persone scese da un massimo di 3.09 nel 1975, anno precedente l`abolizione, a 2.41 nel 1980 e da allora è rimasto relativamente stabile. Nel 1993, 17 anni dopo l`abolizione, il tasso di omicidi era 2.19 per 100.000 persone, vale a dire il 27% in meno rispetto al 1975. Un recente studio condotto in California ha dimostrato che nei 15 anni in cui la California eseguiva condanne a morte molto frequentemente (circa una ogni due mesi, dal 1952 al 1967) il numero di omicidi è aumentato di circa il 10% ogni anno.

Tra il 1967 ed il 1991, periodo in cui non hanno avuto luogo esecuzioni, l`aumento medio annuale era del 4.8%. Lo stesso studio dimostra anche l`esistenza di ciò che viene denominato effetto brutalizzante della pena di morte: nei 4 mesi precedenti l`esecuzione di Robert Harris in California, avvenuta nel 1992, la media mensile di omicidi nello stato era 306 mentre nei 4 mesi successivi la stessa esecuzione tale numero salì a 333, registrando un aumento del 9%. Uno studio simile ha dimostrato che nello stato di New York, nel periodo in cui venivano eseguite più condanne a morte che nel resto del paese, cioè tra il 1907 ed il 1963, si registravano in media due omicidi in più ogni mese immediatamente successivo ad un`esecuzione.

I molti studi effettuati sull`argomento hanno quindi dimostrato come sia impossibile affermare con chiarezza che la pena di morte abbia un potere deterrente.

Lo studio più recente sulla relazione tra la pena di morte ed il tasso di omicidi, condotto per le Nazioni Unite nel 1988, ha concluso che "questa ricerca non ha fornito alcuna prova scientifica del fatto che le esecuzioni abbiano un effetto deterrente maggiore rispetto all`ergastolo. è improbabile che si ottenga mai questa prova scientifica. Lo studio non fornisce alcun fondamento alla tesi della deterrenza".

2) L`applicazione delle norme giuridiche è spesso soggetta a errori umani dolosi o involontari.

La pena di morte non colpisce solo i colpevoli, ma anche, forse più spesso di quanto si immagini, persone innocenti.

Uno studio dello Stanford Law Review ha documentato in questo secolo 350 casi di condannati a morte negli Stati Uniti, in seguito riconosciuti innocenti. Di questi 25 erano già stati giustiziati, mentre altri avevano già trascorso decenni in prigione. 55 dei 350 casi risalgono agli anni `70, 20 risalgono agli anni compresi tra il 1980 ed il 1985.

In Giappone, Sakae Menda fu condannato a morte nel 1950 per un omicidio commesso nel 1948. 33 anni dopo egli fu riconosciuto innocente e rilasciato, dopo aver vissuto per oltre trent`anni nell`attesa dell`esecuzione.

A Taiwan nel febbraio 1982 fu riconosciuto innocente e rilasciato un uomo di 74 anni, condannato per un omicidio commesso nel 1972.

Numerosi sono anche i casi in cui incompetenza e corruzione hanno causato condanne a morte di innocenti. Tra questi il caso di Vladimir Toisev, abitante di un villaggio della Repubblica di Bielorussia, condannato a morte per omicidio nel 1970. Passò diciotto mesi prima di ricevere la commutazione della condanna, ma fu rilasciato solo nel 1987. Nel 1987 l`organo di stampa Znamya Yunosti affermò che gli investigatori avevano strappato una confessione a Toisev nel corso di interrogatori notturni e avevano picchiato suo fratello per poter ottenere prove false che avvalorassero la confessione. Quando fu scoperto il vero colpevole, gli investigatori tennero segrete le informazioni per nascondere l`errore commesso.

Nel 2000 il Governatore dell`Illinois ha decretato una moratoria a tempo indeterminato atta a stabilire l`iniquità di alcuni processi durante i quali alcuni detenuti (troppi ndr) innocenti erano stati condannati alla pena capitale e molti stati nel mondo negli ultimi 2 anni stanno seguendo quest`esempio, si pensi al fatto che proprio di questi giorni è la notizia che nel mese di Novembre 2001 in Texas verrà votata un`eventuale moratoria di 2 anni.

(vi rimandiamo ai Dossier ed alle news presenti nelle pagine del sito per ulteriori e più dettagliate informazioni).

3) La pena di morte è un arma troppo potente in mano a governi sbagliati.

Può essere sfruttata dal governo per eliminare personaggi politicamente o religiosamente scomodi, alterando persino il concetto di gravità di certi atti. E` quello che sta attualmente accadendo in Cina dove si muore non solo per aver commesso crimini gravi, ma anche per il semplice fatto di opporsi al regime. Nel 1999 il 60% circa delle esecuzioni mondiali sono avvenute proprio in territorio cinese.

I reati capitali sono 68, tra cui omicidio, stupro, rapina, furto, traffico di droga, prostituzione, evasione delle tasse e, addirittura, stampa o esposizione di materiale pornografico. Particolarmente raccapricciante è il fatto che spesso le esecuzioni vengono fatte in luoghi pubblici e i condannati sono costretti a tenere al collo un cartello con il loro nome ed il reato per il quale vengono giustiziati.

Le Associazioni umanitarie, inoltre, denunciano il fatto che spesso ai condannati, una volta giustiziati, vengono espiantati gli organi senza il loro permesso; proprio per questo motivo, si ritiene che alcune condanne vengano eseguite in quanto sono richiesti organi per i trapianti!

4) L`applicazione della pena di morte non incentiva la ricerca di sistemi preventivi.

Quando viene applicata la pena di morte, la gente prova quasi un sentimento di soddisfazione, quasi che in questo modo il crimine commesso fosse ripagato, espiato, dimenticando in realtà che la vittima ha subito una ingiustizia che non potrà mai essere ripagata. Tuttavia la gente è come soddisfatta. Lo Stato si mostra così "giusto" ed efficiente contro il crimine. In questo modo si corre il rischio che lo Stato possa, in qualche modo sentirsi dispensato dal ricercare una soluzione che prevenga il crimine stesso.

Le strade sono troppo spesso troppo poco sorvegliate, la polizia non è mai sufficientemente presente sul territorio per mancanza di personale o per incapacità organizzativa.

Inoltre, lo Stato non dovrebbe, forse, contribuire rimuovendo le situazioni di indigenza estrema, promuovendo la dignità umana, eliminando conflitti razziali troppo spesso causati da leggi poco democratiche?

Lo Stato non dovrebbe promuovere una migliore umanizzazione della società, combattendo il diffondersi di una mentalità lassista e immorale? Come si comporta lo Stato nei confronti dello sfruttamento minorile, della pornografia, della facile vendita di armi?

Il fatto è che lo Stato è troppo spesso vittima della sua economia che gli impedisce di combattere la battaglia della prevenzione fino in fondo. E in fondo sono proprio le multinazionali che producono e vendono armi, che producono pornografia, che diffondono una mentalità in cui il potere ed il denaro sono il bene supremo. Lo Stato, quindi, legato dall`economia, può soddisfare la società solo ricorrendo ad un ulteriore crimine.

5) Il diritto alla vita è un principio fondamentale su cui si basa la nostra società.

Come nessun uomo ha il diritto di uccidere un suo simile per qualsiasi motivo - il diritto alla vita è un principio fondamentale su cui si basa la nostra società - così lo Stato, che agisce razionalmente, non spinto dall`emozione del momento, e in quanto garante della giustizia, non deve mettersi sullo stesso piano di chi si macchia del più orribile dei crimini: l`omicidio.

Così facendo si fornirebbe a tutti un esempio di atrocità compiuto dalla legge stessa, mentre essa è stata creata proprio per la tutela dei diritti umani e quindi per quello della vita.

6) Lo stato si comporterebbe in modo criminale come il criminale stesso.

Le leggi, infatti, moderatrici della condotta degli uomini e espressioni della pubblica volontà, che detestano e puniscono l`omicidio, ne commetterebbero uno esse medesime e, per allontanare i cittadini dall`assassinio, ordinerebbero un pubblico assassinio.

7) La pena di morte è discriminatoria

La pena di morte è spesso usata in maniera discriminatoria nei confronti di minoranze razziali, di persone povere e scarsamente istruite e in alcuni casi può venire usata come arma contro oppositori politici.

Un esempio di come la pena di morte sia usata in maniera iniqua nei confronti delle minoranze si ha negli Stati Uniti. Studio effettuati recentemente sulle condanne a morte comminate in vari stati degli USA hanno dimostrato che l`accusa ha chiesto in media la pena di morte nel 50% dei casi in cui l`accusato era nero e la vittima bianca e solo nel 28% dei casi in cui sia l`accusato che la vittima erano neri.

Gli Afro-Americani rappresentano il 12% della popolazione degli Stati Uniti ed il 50% delle persone giustiziate dal 1930.

E` inoltre dimostrato che la stragrande maggioranza di coloro che hanno subito la pena di morte, era gente povera. Il ricco non subirà mai la pena di morte. Il ricco può pagarsi qualsiasi avvocato, può pagare la propria libertà.

La pena di morte non ristabilisce alcun equilibrio.

Per quanto autori e filosofi illustri quali Kant ed Hegel giungano a giustificare, anzi ritengono necessaria la pena di morte su basi retributive, ci pare che agli effetti i parenti, gli amici e i conoscenti della/e vittime non si sentano sufficientemente ripagati dalla morte dell`assassino. Lo sarebbero se ciò servisse a riportare in vita la vittima, se la morte dell`assassino servisse veramente a ristabilire una situazione di equità.

In realtà se il ladro commette il furto, la restituzione del denaro può servire a ristabilire una situazione di equità e il carcere avrebbe la funzione sia come deterrente, sia per la riabilitazione stessa del ladro. Purtroppo l`omicidio, qualunque siano le motivazioni, è talmente grave proprio perchè innesca un meccanismo di non ritorno. Nessun atto potrà mai riportare indietro una persona morta, solo un miracolo.

9) Lo Stato è corresponsabile dei crimini commessi.

Consideriamo il fatto che la personalità di ogni individuo è profondamente segnata dall`ambiente circostante, dagli eventi che si trova costretto ad affrontare e dagli eventuali disturbi mentali che lo affliggono. Come può quindi la società ritenere la sua morte indispensabile pur essendo, in un certo senso, corresponsabile di ciò che egli ha compiuto? Si arriva davvero al paradosso.

10) Pena di morte = risparmio

Una delle argomentazioni a favore della pena di morte si basa sul fatto che è meno costoso uccidere i colpevoli piuttosto che tenerli in carcere. Tuttavia alcuni studi svolti in Canada e negli Stati Uniti dimostrano che l`applicazione della pena di morte è più costosa del carcere a vita.

Uno studio realizzato recentemente ha rilevato che in media il giudizio capitale e gli appelli di primo grado costerebbero ai contribuenti circa 1.8 milioni di dollari, due volte di più di quanto costi mantenere una persona in carcere a vita.

Uno studio condotto in Florida nel 1988 sosteneva che i contribuenti pagano oltre 3.1 milioni di dollari per ogni esecuzione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Contraria alla pena di morte.

Dio decide, noi no.

Questo io l'ho sempre sostenuto ma.....vedere quel piccolo di di due anni, sentire come lo hanno ucciso ( strage di Erba)bè, mi chiedo: siamo sicuri.

Và bene l'etica, và bene il nostro Dio. Ma per un attimo ho dubitato dei miei princìpi.

Un abbraccio, Lorella.[/code]

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Al-Tikriti e Al-Bandar sono stati giustiziati, le due esecuzioni sono avvenute all'interno del palazzo dei servizi di informazione militare a nord di Baghdad...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Contraria alla pena di morte.

Dio decide, noi no.

Questo io l'ho sempre sostenuto ma.....vedere quel piccolo di di due anni, sentire come lo hanno ucciso ( strage di Erba)bè, mi chiedo: siamo sicuri.

Và bene l'etica, và bene il nostro Dio. Ma per un attimo ho dubitato dei miei princìpi.

Un abbraccio, Lorella.[/code]

Concordo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

dubitare è umano. essere stravolti da queste vicende,dalla loro tremenda crudeltà è umano.che ci sfiori il pensiero "quelle due bestie meriterebbero di morire" è umano.

ma quelle due bestie sono umane, purtroppo.proprio come noi.

io dubito, ma poi il mio pensiero è sempre lo stesso,lo sento come l'unico possibile

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

sono contraria per un fatto molto semplice e non razionale,

io non riuscirei ad uccidere nessuno direttamente, con le mie mani.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
Contraria alla pena di morte.

Dio decide, noi no.

Questo io l'ho sempre sostenuto ma.....vedere quel piccolo di di due anni, sentire come lo hanno ucciso ( strage di Erba)bè, mi chiedo: siamo sicuri.

Và bene l'etica, và bene il nostro Dio. Ma per un attimo ho dubitato dei miei princìpi.

Un abbraccio, Lorella.[/code]

sono d'accordo con te.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 

LA PENA DI MORTE NN CONCLUDE NIENTE.

QUI NE METTEVANO A DOZZINE SULLA SEDIA ELETTRICA , OLTRE AD

ASSASSINARE INNOCENTI NN E' UN DETERRENTE.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

Io la pena di morte la darei a chi difende la pena di morte. Secondo il Leopardi Dio ci ha dato la pena di vita. Sono discorsi penosi, che annoiano a morte, quindi meglio non farli, comunque meglio una morte pietosa che una vita penosa. :?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 
 

per me la pena di morte è assurda , chi la sostiene ai miei occhi altro non è che un assassino, in qualunque caso......nessuno si può arrgare il diritto di uccidere per giustizia visto che i nostri paesi e i nostri confini sono quelli che sono per aver ammazzato delle persone con delle guerre, vorrei sapere come può uno stato che fonda la sua forma (i confini) con la violenza sul più debole ( ex stato conquistato) arrogarsi il diritto di dire "tu meriti la morte per questo o quello!".....

Almeno si metta al bando l'ipocrisia e si dica " le leggi sono queste e la pena per chi le viola è la morte" ma che non si parli di giustizia.......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

uccidere chi ha fatto dei crimini orrendi equivale ad essere come lui!!!!

No alla pena di morte, non vivrei mai accanto a qualcuno che commette tale esecuzione, non riuscirei a non vederlo come un assassino!!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
uccidere chi ha fatto dei crimini orrendi equivale ad essere come lui!!!!

No alla pena di morte, non vivrei mai accanto a qualcuno che commette tale esecuzione, non riuscirei a non vederlo come un assassino!!!!

perchè non lo è?

Essere assassini significa uccidere , sia secondo la legge si fuori da essa....

quoto e riquoto digi79 ,ma ricordo che tutto il mondo così come è formato è "assassino" dunque considerarsi italiani o americani, o francesi e accettare cio che è stato fatto,,,,,io non lo accetto, nel senso che non lo posso approvare....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
uccidere chi ha fatto dei crimini orrendi equivale ad essere come lui!!!!

No alla pena di morte, non vivrei mai accanto a qualcuno che commette tale esecuzione, non riuscirei a non vederlo come un assassino!!!!

perchè non lo è?

Essere assassini significa uccidere , sia secondo la legge si fuori da essa....

quoto e riquoto digi79 ,ma ricordo che tutto il mondo così come è formato è "assassino" dunque considerarsi italiani o americani, o francesi e accettare cio che è stato fatto,,,,,io non lo accetto, nel senso che non lo posso approvare....

certo, è giusto! Quando ho visto l'esecuzione di Saddam hussein, non ho provato per niente soddisfazione come dicevano alcuni ma solo orrore, e vergogna. Eppure diciamo di essere civilizzati!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

si sono comportati come lui, hanno eliminato chi non rientrava nel loro modello di vita!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 

quoto moltissimo,ed apprezzo le parole sia di Digi che di Mio....complimenti ragazzi, la vostra posizione sulla pena di morte vi fa onore

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
quoto moltissimo' date='ed apprezzo le parole sia di Digi che di Mio....complimenti ragazzi, la vostra posizione sulla pena di morte vi fa onore[/color']

Concordo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
 
 
 

Unisciti alla conversazione

Adesso puoi postare e registrarti più tardi. Se hai un account, registrati adesso per inserire messaggi con il tuo account.

Ospite
Rispondi

×   Incolla come testo formattato.   Incolla invece come testo normale

  Sono permesse un massimo di 75 faccine.

×   Il tuo link è stato inserito automaticamente.   Visualizza invece come link

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Editor trasparente

×   Non puoi incollare le immagini direttamente. Carica o inserisci immagini dall'URL.


  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

Pubblicità



×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.