Vai al contenuto

pisi

Membri
  • Numero di messaggi

    103
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Ospiti recenti del profilo

609 lo hanno visualizzato

pisi's Achievements

Enthusiast

Enthusiast (6/14)

  • One Month Later Rare
  • Week One Done Rare
  • Conversation Starter Rare
  • Dedicated Rare
  • Collaborator Rare

Recent Badges

0

Reputazione comunità

  1. Ciao neldubbilchiedosempre, Guarda mia mamma è sposata da quasi 40 anni e quando va a trovare mia nonna dice vado a casa Non attaccarti alle sue parole, è meraviglioso il fatto che lui abbia un legame molto forte con i suoi. L'importante è che si comporti bene con te, con i figli e che non vi faccia mancare nulla. Parlane con lui Un abbraccio
  2. Ciao Carmen85, Ti scrivo giusto 2 cose: 1) Tua figlia è fortunata ad averti come madre; 2) Sì, chiedi colloqui in anticipo: prima capite come muovervi, prima tua figlia corregge gli errori e più migliora. Non sentirti in colpa per le tue scelte: se tu e il tuo compagno non vi foste lasciati avreste continuato a litigare e la relazione complicata avrebbe avuto ripercussioni ancora peggiori verso vostra figlia. Non rimproverarla, falle domande per capire come si sente e consolala. I periodi difficili fanno parte della vita, l'importante è rimboccarsi le maniche per risolverli. UMagari aiutala con i compiti e carca di farla parlare, confidare con te ed aprirsi totalmente. Vedrai che col tempo tutto si rimetterà a posto, è solo un periodo di passaggio. È molto bello il fatto che tua figlia abbia un bel rapporto sia col tuo nuovo compagno, sia con la compagna del papà. A me piace pensare che il suo disappunto sia dovuto alla speranza di rivedere i propri genitori tornare insieme, invece, rendersi conto che entrambi abbiano una nuova relazione la ha destabilizzata. Ti auguro che questa vicenda si risolva per il meglio e che vi permetta di unire ancora di più il vostro rapporto madre figlia. Un abbraccio
  3. Ciao Marco, Il tuo messaggio è un po' confuso, hai sicuramente scritto di getto tutto ciò che ti passava in testa per sfogarti e probabilmente non hai riletto. Le persone che ti indicano e ridono hanno problemi e li scaricano sugli altri per sentirsi meglio con sé stessi. Prossima volta che ti capita paragonali a dei cani che ti abbaiano quando passi in strada (però non dirglielo xD). Probabilmente la tua ansia ti rende goffo e chi ti vede lo vede un motivo valido per ridere. Se vuoi rispondere puoi dire che invece di pensare alla partita e godersi l'emozione dello stadio sono lì a guardare te e che quello che fanno e dicono rappresenta loro, non te e che devono ringraziare le persone come te se allo stadio possono mangiare e bere qualcosa (anche se la pagano). Non cambi tu le persone, puoi cambiare solo i tuoi comportamenti, cerca di gestire la tua ansia: Cosa te la provoca? Identifica il pensiero che ti provoca paura e tensione e rendilo più leggero, come in Harry Potter quando Lupin insegna il ridiculus per affrontare il molliccio:) Riconosciti le tue qualità e fregatene di ciò che dice la gente, a poco a poco ci riuscirai, un abbraccio
  4. Sicuramente sei innamorata: ci stai bene insieme e non vedi l'ora di vederlo. Allo stesso tempo tempo ti dico di stare attenta ai segnali di allarme: non lo conosci da sempre. In ogni caso goditi il momento, sei felice e l'importante è quello. Infine, mi permetto di aggiungere solo una cosa: cerca di essere te stessa e non perdere la testa, se sei consapevole di ciò che ti capita ti godi al meglio il momento. In bocca al lupo
  5. pisi

    Ciao

    Ciao xberto, Mi dispiace per le cose che hai scritto nel tuo messaggio: sofferenza, depressione, perdita del lavoro, solitudine, incomprensione, scarse relazioni sociali e assenza sentimentale. Ti scrivo solo che a prescindere dal resto con te stesso ci passi tutto il tempo e se non sei tu il primo a riconoscerti i tuoi pregi e qualità nessuno può farlo al posto tuo. I tuoi genitori ti vogliono bene, non sanno di cosa hai bisogno, non sono psicologi e se anche le parole che usano sono sbagliate non lo fanno per male, perdonali. Per il resto è normale sentirsi triste dopo aver perso il lavoro, ancora di più se pensi di avere 27 anni e di vivere ancora con i tuoi, però considera che è solo un periodo passeggero e che passerà. Prenditi un po' di tempo per ritrovare te stesso, magari prova a rifarti il curriculum così da allenarti a riscoprire le tue capacità che ora dai per scontate o svaluti. Per l'ambito sentimentale provo a darti un consiglio molto pratico: Se il tuo blocco è la mancanza di rapporti puoi o iscriverti in siti di incontri e conoscere ragazze molto disponibili e libertine o addirittura andare a pagamento. Invece, se è proprio l'aspetto relazionale che ti manca e ti crea disagio quando sarai pronto troverai la ragazza giusta, però prima devi riuscire ad amare te stesso: se non lo fai tu nessuno può farlo al posto tuo. Ci sono delle attività che ti mettono il buonumore? Inizia con quelle e cerca di conoscere persone che hanno i tuoi stessi interessi, è più facile parlare di argomenti che interessano entrambi. Vedrai che a poco a poco ritroverai la serenità e riuscirai ad apprezzare tutto ciò che capiterà nella tua vita. Infine, ma non per importanza, se non ti trovi bene con il tuo terapista digli le cose che non ti piacciono del suo modo di relazionarsi con te e di come lavora, se poi le cose non funzionano cambialo. Un abbraccio
  6. pisi

    Solitudine help

    Ciao Fra.Mat, Dovresti cercare enti e associazioni nella tua città, penso ci sia qualche canile o gattile che possa fare al caso tuo. Perché questa preoccupazione che ti possa succedere qualcosa? La domanda è particolare :)
  7. Perché non hai fiducia in tua moglie? Occhio ai tuoi comportamenti: quella app è violazione della sua privacy e la tua paura potrebbe farla sentire minacciata e farla allontanare da te. Non so come si comporti lei con te, però ci dovrebbe essere molto dialogo tra due partner
  8. Ciao Daeni, Ti mando il link delle biblioteche italiane, guarda se trovi qualcosa nella tua città o se puoi fartelo spedire (per le tesi di solito lo fanno gratis), chiedi nella tua città https://opac.sbn.it/risultati-ricerca-avanzata?fieldstruct%5B1%5D=ricerca.parole_tutte%3A4%3D6&struct%3A1001=ricerca.parole_almeno_una%3A%40or%40&fieldvalue%5B1%5D=sindrome+di+Munchausen+&fieldaccess%5B1%5D=Any%3A1016%3Anocheck#1674257779557
  9. I dubbi sono comprensibili, prenditi il tempo che ti serve e non bruciare le tappe. Se sono rose fioriranno. Non capisco una cosa: il modo ti fa salire dubbi. Questo accade perché è un sito di incontri? Cosa pensavi di trovare? Hai solo paura di soffrire o c'è qualcosa di lui e di quello che fa a metterti in difficoltà? Purtroppo nessuno conosce il futuro. Io vedo anche un po' di autosabotaggio da parte tua, puoi dirgli che per passare allo step successivo hai bisogno di alcune certezze e vedi cosa ti dice lui. Ci sta NON volere iniziare una storia con un ragazzo che potenzialmente può conoscere tantissime ragazze libertine e che vogliono solo divertirsi. Pertanto puoi dirgli che la relazione può andare avanti solo se lui si cancella da lì. Diverso è se, invece, gli chiedessi di non dover più vedere sue amiche di vecchia data. Un abbraccio
  10. Ciao Il Lupo, Non che scusarsi cancelli le cose, ma è l'unica cosa che posso fare. Erano le due di notte, ero ad una cena con amici e il tasso alcolico leggermente alto. Non sono uno psicologo, quindi ciò che ho scritto non ha nessun valore, era un pregiudizio focalizzato sul tuo non riesco ad amare, mi sono ancorato a quella frase e in tutto ciò ho letto ho cercato di collegarmi lì. Avevi bisogno di comprensione e non di giudizio, più di scrivere certe cose meglio non scrivere niente, mi dispiace; non avrei dovuto. Comunque anche leggendo tutto il post non si può avere una visione completa della situazione: non puoi riassumere mesi esaustivamente in un centinaio di righe. Ciò che è limpido è che questa nasce come una relazione tossica, stai soffrendo tantissimo perché hai idealizzato la fase iniziale (probabilmente le storie precedenti ti hanno lasciato ferite aperte). Come puoi definire amore lei che ti prende a pugni, che si taglia, che minaccia il suicidio, le urla che hanno sentito i vicini. Se i presupposti per iniziare una relazione sono questi perché continuare. Capisco che ti sei affezionato a lei e che lei parlando col suo compagno ufficiale ha compromesso la sua relazione, tu però meriti di stare con una persona che ti migliora la vita, non che ti faccia soffrire, ti ha fatto tirare fuori il lato peggiore di te, e la hai minacciata con un messaggio e ti sei definito un mostro. Se proprio volete farvi un favore a vicenda provate con la terapia di coppia, a mio avviso sarebbe meglio chiudere un amore che non funziona e lavorare su sé stessi e se necessario farsi aiutare da un terapista, chi si ama e si vuole bene non può e non deve accettare certi tipi di comportamenti. Allo stesso tempo la vita è la tua e i sentimenti sono i tuoi, quindi è giusto che prendi le decisioni con la tua testa e non con quella degli altri, aggiungo solo una cosa pensaci bene e ragiona di testa e non solo di cuore. Se in questa situazione ci fossero il tuo migliore amico o tuo fratello cosa gli diresti? Concordi o no sul fatto che ti stai torturando emotivamente? Lei anche fisicamente. Mi dispiace e ti abbraccio.
  11. Devi fare quello che ti senti.. io ho io pregiudizio delle app di dating, tuttavia se dopo un mese di incontri e weekend trascorso assieme non avete fatto nulla presumo di sbagliare. Alla fine vi state ancora conoscendo e non siete assieme però frequentare altre persone non sarebbe molto rispettoso nei tuoi confronti
  12. Sarò duro e crudo: vedo tuoi tratti narcisisti importanti: penso questo quando scrivi che non sei capace di amare. Avvaloro la mia tesi perché tu scrivi che lei è borderline: tra borderline e narcisismo c'è un'affinità chimica Ti scrivo la verità: non riesco a leggere tutto, sei troppo drammatico e vorrei sentire anche la sua campana. Mi dispiace per come ragioni: sono molto empatico e la tua è una relazione tossica, ti provoca troppo dolore per essere duratura. Cerca di capire quali sono le tue qualità su cui fondare i pilastri di te stesso, hai sicuramente dei difetti, quanto ti recano limitazioni? La tua vita è soddisfacente? Guarda scrivere mi reca veramente disagio, i narcisisti mi mettono in difficoltà, ti chiedo scusa, non è una questione personale, è solo emozionale. Ti faccio solo una domanda: VUOI ACCETTARE DI ESSERE L'AMANTE O IL FIDANZATO CORNUTO? SE Sì PERCHé? AMATI PER QUELLO CHE SEI, anche se sei scompensato hai delle qualità su cui basare la tua personalità, e non pensare a ciò che ti danno gli altri. Scusa davvero, sono veramente alterato dal tuo post, niente di personale: non ti conosco, ti dico solo ciò che penso, con la massima sincerità, la serenità oggettivamente no, sono alterato, ma nonostante il fastidio cerco di darvi un parere intellettualmente onesto. Scusa davvero, so che questo messaggio ti fa innervorsire, ma non riesco a non essere sincero. Nel peggiore dei casi mettimi in ignora, io ti voglio dare il modo di rispondere. Se non ci sarà feeling finirà qua.
  13. pisi

    la bestia dentro!

    Ciao Ivan Mek, il tuo modo di pensare è comprensibile: la vicenda del treno ti mette ansia, e quando ci sono vicende che ti mettono ansia il tuo inconscio si comporta in quel modo. Cerca di controllarlo perché è un ansia diversa: non nasce dal dalla paura del pericolo, nasce dalla paura dell'ignoto. Ti dico solo che non meriti di soffrire per gli scompensi emotivi altrui, tu ti facevi i fatti i tuoi, eri una valvola di sfogo di persone scompensate e sofferenti. Perché soffrire ancora per gli errori degli altri? Parla con la testa di ora a quel ragazzo adolescente! Io al tuo posto avrei spaccato la faccia al bullo di turno fin dal primo episodio, tuttavia ognuno ha il suo modo di pensare e non necessariamente il mio è il modo giusto, anzi la violenza non risolve nulla (se il mio avversario mi fosse stato superiore, le avrei prese di santa ragione, se non da uno.. dal fenomeno + i suoi amici difensori. Sicuramente all'altare l'ansia arriverà, però pensa al bene che ti ha dato la tua compagna (al limite fai la lista del bonus malus prima di arrivare al grande giorno e se ne vale la pena metti in tribuna la bestia: non te lo meriti tu e non se lo merita lei. Allo stesso tempo ti dico di perdonare chi ti ha fatto del male: il non provare rancore non significa dedicare il tuo tempo a loro e accettare il male che ti hanno fatto, significa solo dedicare il tuo tempo alle persone importanti per te. Ti dico anche che chi non si aspetta una reazione aggressiva da chi si aspetta una passiva, provoca incertezza che porta a scaricare le colpe e responsabilità dandoti del pazzo, quando il tuo è stato solo un meccanismo di difesa, loro sono stati sadici e violenti: ci hai perso un'unghia , meglio una frattura delle loro ossa di una delle tue. Mi dispiace se tu ancora soffri per il male che ti hanno fatto, cerca di vedere il bene nelle persone positive nei tuoi confronti, evita chi non merita la tua bontà e vivi la tua vita a testa alta. Davvero, meriti tanta felicità e non di rinunciare alle cose belle per le persone scompensate: hai già sofferto abbastanza, non limitare il tuo prospero futuro
  14. pisi

    CERCO CONSIGLI E OPINIONI

    Ciao dogman, ti faccio solo una domanda una relazione è fatta di benessere e rinunce: che benefici hai? quando ti pesano i tuoi passo indietro? Da qui a 10-20-30 anni come ti vedi, quanto è importante per te avere figli? Hai tu le risposte, non le hanno gli altri per te :)
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.