Pubblicità

handicap omosessualità (46802)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 271 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Paolo, 36anni (29.12.2001)

Grazie per la risposta e il consiglio del libro sull'omosessualità. Avevo scritto precedentemente chiedendovi delle informazioni sull'Handicap e l' omosessualità, ora vorrei tornare sull' argomento per chiedervi quanto e in che maniera possa influire la propria percezione fisica e quella che si riceve dal mondo esterno soprattutto dal proprio nucleo familiare possa influire sulle scelte sessuali e sui processi junghiani di differenziazione e individuazione.
Premetto che mio padre è una figura assente e mia madre eccessivamente protettiva. Sin da bambino questo mi creava un forte disagio nell'accettare la mia diversità fisica. A volte i miei mi lasciavano solo in casa e ciò faceva nascere in me un forte senso di abbandono, ciò per me diventava più importante di tutto l' affetto ricevuto. Sin da bambino ero attratto dalle figure maschili esterne alla mia famiglia come il fisioterapista o l'istruttore di nuoto, cercavo continuamente il loro affetto la loro approvazione ed uno stretto contatto fisico.
Ora sono attratto fisicamente dagli uomini ma cerco da loro un contatto fisico e approvazione, e dalle donne amore platonico. So che dovrei slegarmi da tale situazione spiccare il volo crescere ma mi mancano le forse o almeno così credo. Guardo uomini nudi e mi masturbo ma non "esco". Questo mi crea dolore e disagio. Sento di non poter essere amato dagli uomini perché tutte le volte che ho provato a dare e ricevere amore o sono stato respinto o ho trovato persone che erano attratte e spaventate allo stesso tempo per cui le sfuggivo. Non so come sfuggire a questi copioni che spesso e volentieri sento di provocare. So che dovrei cominciare a rischiare a buttarmi nella mischia in modo nuovo ma non riesco a intravedere nuove strade. Dovrei far scorrere me stesso il mio mondo come un fiume libero dalle pastoie della mente ma ogni volta trovo un ostacolo reale o fittizio che sia. Ho superato la non accettazione del Handicap e dell' omosessualità mi sento bene con me stesso mi piace vivere ma non mi sento libero.

Essere omosessuale non può essere influenzato dai comportamenti dei propri familiari nè dalla percezione fisica di sè ( anche in presenza di un handicap). Credo invece che il clima familiare, se sufficientemente buono,produca la crescita di una persona capace di accettarsi comunque e di fare delle scelte libere e responsabili. Per quello che riguarda i processi di differenziazione ed inviduazione , sicuramente Jung non pensava ad influenze ambientali nelle tappe del processo di crescita individuale, dato il taglio eminentemente "spiritualista" del suo pensiero. Il discorso comunque sarebbe lungo e complesso e non è approfondibile ulteriormente in questa sede, ma può sicuramente trovare anche in questo campo qualche buona lettura da fare. Le suggerisco, se non lo conosce, di Jung stesso il saggio "Sogni, ricordi, riflessioni" che aiuta molto a comprendere la visione psicoanalitica di questo grande pensatore.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

News Letters

0
condivisioni