Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Le parole della Psicologia

le parole della psicologia

Abreazione

on . Postato in Le parole della Psicologia

abreazioneIl termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un evento traumatico, mediante una scarica affettiva, evitando così che tale affetto divenga patogeno.

Abulia

on . Postato in Le parole della Psicologia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà.

abuliaSi riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, per cui l’individuo si sente incapace di prendere decisioni anche in situazioni poco rilevanti; sia a un disturbo della motivazione, per cui l’individuo si sente incapace di portare a termine l’azione anche quando questa è desiderata.

Acalculia

on . Postato in Le parole della Psicologia

acalculiaL'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì come “un disturbo acquisito della capacità di calcolo, conseguente a una lesione cerebrale”.

Solitamente un figlio che va male a scuola viene sgridato ed etichettato come pigro e svogliato perché, magari non riesce a fare i calcoli, non consegna i compiti in classe di matematica e va malissimo alle interrogazioni. Quando il problema è importante e continuativo , specialmente alle prime scuole dell’obbligo è però opportuno che genitori e insegnanti pongano attenzione alle difficoltà dello studente (specialmente se nelle altre materie colleziona dei buoni voti), esiste infatti una difficoltà, un disturbo specifico dell’apprendimento (DSA), che si chiama acalculia (discalculia, quando la situazione è meno grave) che rende estremamente difficile la risoluzione di calcoli anche piuttosto semplici.

Acting out

on . Postato in Le parole della Psicologia

Il termine Acting out , letteralmente, “passaggio all’ atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti conflittuali e inesprimibili attraverso la parola e comunicabili solo attraverso l’agito.

violenzaIl termine Acting out , letteralmente, “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti conflittuali e inesprimibili attraverso la parola e comunicabili solo attraverso l’agito.

Aerofobia

on . Postato in Le parole della Psicologia

aerofobiaCon il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi.

È definita come una paura persistente, ingiustificata di volare in aereo per timore di avere un incidente. Più conosciuta come paura di volare”, questa fobia complica tantissimo la vita di coloro che dipendono dal volo sia per lavoro sia per questioni familiari. Benché l’aereo sia statisticamente il mezzo di trasporto più sicuro, e benché continuamente le compagnie aeree si sforzino per migliorare la sicurezza e il confort dei loro passeggeri, vi sono molte persone che soffrono una sensazione di insicurezza all’interno dell’aereo, arrivando questa a divenire paura o ansietà, prima o durante il volo.

Afasia

on . Postato in Le parole della Psicologia

afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in precedenza acquisito un uso normale del linguaggio.

Afefobia

on . Postato in Le parole della Psicologia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone.afefobia

La parola afefobia, data dall’unione di due parole greche “ἄπτω”  (toccare) e “φόβος” (paura) è la paura inconscia di una possibile violazione della sfera intima.

Affetto

on . Postato in Le parole della Psicologia

affettoL'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona a qualcuno o qualcosa. Nell’uso comune, infatti, esso riguarda anche l’inclinazione sentimentale per creature animali o vegetali e persino per particolari oggetti, soprattutto se ricollegati ad una persona cara o a dei ricordi.

In altri termini, si potrebbe definire l’affetto come uno di quegli elementi caratterizzanti il sentimento, in quanto esso permette di essere consapevoli del piacere e del dolore, che si provano in relazione all’oggetto dell’emozione. Quindi l’affetto regolerebbe non solo la semplice sensazione esperienziale, che si attiva di fronte ad uno stimolo gradevole o sgradevole, ma anche la risposta del soggetto stesso di fronte ad esso (avvicinamento/accrescimento nel primo caso, allontanamento/diminuzione nel secondo).

Aggressività

on . Postato in Le parole della Psicologia

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco.

aggressivitàNel corso degli anni l’aggressività è stata considerata: come istinto, come reazione emotiva ad un evento frustrante o come una caratteristica mentale appresa.

Agnosia

on . Postato in Le parole della Psicologia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odori già noti, in assenza di disturbi della memoria e in assenza di lesioni dei sistemi sensoriali elementari.

 

agnosia

Nell’agnosia un oggetto percepito non viene riconosciuto, cioè non è messo in rapporto con il materiale della memoria.

Questo deficit compare in presenza di lesioni che interessano le zone associative temporo-parieto-occipitali di uno o di entrambi gli emisferi cerebrali: come conseguenza di un ictus, nelle demenze, nei disturbi pervasivi dello sviluppo, in lesioni occupanti spazio del cervello; se transitoria, può essere un sintomo anche di uno stato confusionale acuto. La maggior parte dei neuropsicologi distingue fra agnosie appercettive e agnosie associative.

Agorafobia

on . Postato in Le parole della Psicologia

significato psicologico di agorafobiaIl termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto come ostile.

I pazienti con sintomi di agorafobia temono le situazioni in cui è difficile scappare o ricevere soccorso; di conseguenza, essi evitano tali luoghi al fine di controllare l’ansia legata alla prefigurazione di una nuova crisi di panico.

Agrafia

on . Postato in Le parole della Psicologia

agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella di leggere (alessia) si manifesta spesso nelle afasie sensoriali.

Le cause possono essere diverse, solitamente sono disordini conseguenti a patologie cerebrovascolari, a traumi cranici, a malattie demielinizzanti, malattie degenerative o neoplasie.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Masturbazione compulsiva (1503…

PlayMaker,17       Sono un ragazzo di 17 anni e ho un problema che sussiste da circa 2 anni, cioè quasi ogni giorno sento, per almeno una v...

Credo di essere depressa (1502…

Paola, 22       Buongiorno, sono Paola e ho 22 anni. Le scrivo in quanto è da tempo che non sto bene con me stessa, ho avuto problemi in ...

sig.ra (1502281114213)

vale46, 37       Buongiorno vi contatto per cercare di ristabilire un buon rapporto con mio figlio che ora si trova nella difficile età de...

Area Professionale

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Approvato il documento dell’Or…

Discusso e approvato al Consiglio Nazionale dell’Ordine (riunitosi sabato 17 giugno) il Documento “Ruolo della Psicologia nei Livelli Essenziali di Assistenza” ...

Le parole della Psicologia

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e persistenti del cont...

News Letters