Pubblicità

Afasia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 6218 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in precedenza acquisito un uso normale del linguaggio.

Il deficit coinvolge:

  1. le diverse unità del linguaggio (deficit a livello fonologico, lessicale-semantico e morfo-sintattico)
  2. le diverse modalità (deficit di produzione e comprensione, sia a livello orale che scritto).

CENNI STORICI

L’interpretazione delle sindromi afasiche, si basa ancora sul modello elaborato da Lichtheim, Dax, Broca e Wernicke. Fino a tempi relativamente recenti, la descrizione dei deficit del linguaggio si è fondata sulla dicotomia tra comprensione e produzione, contrapponendo cioè afasie espressive ad afasie recettive, oppure motorie a sensitive. Tale dicotomia traeva origine dal modello di organizzazione del linguaggio proposto nel secolo scorso dal neurologo tedesco Carl Wernicke e successivamente modificato da Lichtheim e da Wernicke stesso.

Secondo questo modello, nell’emisfero di sinistra vi sono due centri, A e M, rispettivamente deposito delle immagini uditive e delle immagini motorie delle parole. I due centri sono localizzati a livello delle aree associative uditive e motorie e sono connessi tra loro tramite un fascio di fibre AM. La rappresentazione dei concetti si trova nell'area B.

modello wernickeSecondo il modello Wernicke-Lichtheim si hanno diversi tipi di afasia:

Sordità verbale pura se la lesione è in aA
Afasia sensoriale o afasia di Wernicke se la lesione è in A
Afasia di conduzione se la lesione interessa il fascio di fibre AM
Afasia motoria o Afasia di Broca se la lesione è in M
Anatria pura se la lesione è in Mm
Afasia transcorticale sensoriale se la lesione è in AB
afasia transcorticale motoriase la lesione è in BM

l limiti principali del modello di Wernicke-Lichtheim sono: il primo limite è quello di non aver preso in considerazione una forma di afasia (afasia amnesica o anomia) , Il secondo è quella di aver ipotizzato l’esistenza del centro dei concetti senza avere alcuna prova sulla sua reale esistenza.

Oggi esiste una teoria che spiega che i concetti non sono né depositati in un unico centro , né rappresentati in modo diffuso in tutta la corteccia. Si ritiene che essi siano sottesi da diverse aree corticali e che la genesi di un concetto origini dall’ integrazione di più informazioni convergenti. Geschwind sostiene che una caratteristica fondamentale del cervello umano è quella di formare associazioni dirette fra modalità visiva, uditiva e somestesica. Essa si verifica a livello delle aree associative parieto-tempo-occipitali. Questa convergenza polisensoriale rappresenta il prerequisito per la denominazione delle parole. Questa capacità dipende soprattutto dalla possibilità di associare nomi uditi alle cose viste. Il sub-strato anatomico risiederebbe, secondo Geschwind, nel giro angolare cioè nell’ area associativa.

L’autore descrive due sindromi da disconnessione, in cui vengono interrotte le connessioni fra le aree le linguaggio e altre aree sensoriali o motorie:

  • sindrome da isolamento delle aree del linguaggio
  • sindrome di disconnessione parziale: es. anomia tattile o alessia pura

LE AFASIE: CLASSIFICAZIONE

In base alle alterazioni quantitative della espressione orale, gli afasici si dividono in due gruppi:
-Nei pazienti fluenti, l’eloquio è quantitativamente normale o anche aumentato lungo, con sequenze di parole non sempre in relazione tra loro e con scarso uso delle regole sintattiche della propria lingua. L’articolazione è corretta, la” melodia” è normale (ascoltando da lontano senza percepire le parole, si ha l’impressione di un linguaggio normale). Quello che è alterato è il significato delle parole e delle frasi: il malato parla molto ma in modo incomprensibile. Il suo linguaggio è costituito da parole sbagliate, simili a quelle giuste come suono(parafasie), da parole inventate prive di senso (neologismi), da perifrasi usate al posto di singole parole (circumlocuzioni). Spesso il malato ripete più volte una parola o una frase (perseverazione). Nei casi più gravi, il linguaggio è del tutto incomprensibile e si ha l’impressione di ascoltare un gergo o una lingua sconosciuta(jargonafasia).

Di regola il malato ignora di parlare male (nosoagnosia) e si arrabbia perché non viene capito.

In generale le afasie fluenti sono associate a danni delle regioni posteriori, temporo-parietali dell’emisfero sinistro.

-Nei pazienti non fluenti, invece, l’eloquio è scarno, vengono prodotte poche parole isolate e semplificate, (

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di consentire questa espressione”, S....

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sig.ra (1553099447199)

Tiziana, 40     Buongiorno, vorrei avere un parere sulla mia storia di coppia che purtroppo mi sta logorando. ...

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters

0
condivisioni