Pubblicità

0
condivisioni

burnout test di potterIl Burnout è una patologia legata al tipo di lavoro svolto e all'ambiente in cui lo si svolge.

Questa patologia è caratterizzata da alcuni sintomi specifici che influiscono sul comportamento:

  • esaurimento emozionale: ossia sentirsi emotivamente svuotati e annullati dal proprio lavoro;
  • depersonalizzazione: ossia iniziare ad avere atteggiamenti di allontanamento e di rifiuto. Attivare risposte non funzionali proprio su chi avrebbe bisogno del supporto del professionista, attivare risposte comportamentali negative e sgarbate;
  • la propria efficacia viene meno e le stesse persone affette dalla patologia iniziano a sperimentare pensieri di poca autostima e di insuccesso.

Il burnout lavorativo non corrisponde tanto ad un effettivo aumento di attività lavorative o del tempo dedicato, quanto più ad un vissuto delle stesse come troppo difficili o gravose e gli studi scientifici confermano che le categorie più a rischio sono i professionisti del sociale: infermieri, operatori di comunità, assistenti sociali, insegnanti, educatori.

Per capire se hai sintomi legati a questa patologia rispondi a queste domande e poi guarda il profilo.

Leggi una frase alla volta e rispondi subito, senza pensare molto.

Ricorda che il test non può sostituire il parere di un esperto e che qualunque risultato tu ottenga, devi comunque considerarlo indicativo e non definitivo.

BUON LAVORO!

 

1. Mi sento stanco anche dopo una buona dormita





 

2. Sono insoddisfatto del mio lavoro





 

3. Mi intristisco senza ragioni apparenti





 

4. Sono smemorato





 

5. Sono irritabile e brusco





 

6. Evito gli altri sul lavoro e nel privato





 

7. Dormo con fatica (per preoccupazioni di lavoro)





 

8. Mi ammalo più del solito





 

9. Il mio atteggiamento verso il lavoro è “chi se ne frega”?





 

10. Entro in conflitto con gli altri





 

11. Le mie performance lavorative sono sotto la norma





 

12. Bevo o prendo farmaci per stare meglio





 

13. Comunicare con gli altri è una fatica





 

14. Non riesco a concentrarmi sul lavoro come una volta





 

15. Il lavoro mi annoia





 

16. Lavoro molto ma produco poco





 

17. Mi sento frustrato sul lavoro





 

18. Vado al lavoro controvoglia





 

19. Le attività sociali mi sfiniscono





 

20. Il sesso non vale la pena





 

21. Quando non lavoro guardo la TV o navigo sul Web





 

22. Non mi aspetto molto dal lavoro





 

23. Penso al lavoro, durante le ore libere





 

24. I miei sentimenti circa il lavoro interferiscono nelle mia vita privata





 

25. Il mio lavoro mi sembra inutile, senza scopo





 

Dettagli utente

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

News Letters

0
condivisioni