Pubblicità

Castità

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3155 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

lorenzo lotto castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa).

Esso indica, nell' accezione comune, l'astensione da ogni tipo di rapporto sessuale per motivazioni etiche, filosofiche e/o morali ma anche pratiche, come, ad esempio, l'evitamentodi gravidanze indesiderate, malattie veneree e HIV e ragioni psicosociologiche (depressione, fobia sociale).

Tra le altre motivazioni che possono spingere un induividuo ad astenersi dal praticare l'attività sessuale, possono esserci sia una repulsione per il sesso (antisessualità) o un disinteresse totale verso di esso (asessualità),  dal momento che non lo si considera come una parte necessaria della vita umana.

Per molto tempo, nella cultura occidentale, si è associato il concetto di castità ad una visione negativa del piacere e della passione sessuale poichè l'espressione della sessualità veniva collegata al senso di colpa. In passato, gli aspetti religiosi legati alla castità hanno assunto anche un signicato sociale, dal momento che si è configurata come uno strumento di controllo della sessualità femminile.

Successivamente, grazie al contributo delle teoria psicoanalitica di Freud, è stato possibile superare tale visione negativa e considerare la sessualità come una forma di comunicazione, analizzandone gli aspetti psicodinamici.

La castità può essere scelta, imposta o subita. Essa rappresenta il frutto di una scelta personale quando l'individuo si impegna a sublimare la propria spinta sessuale, sia aderendo a principi religiosi, ma anche, in senso laico, liberandosi dal condizionamento dei propri desideri sessuali.

In sessuologia, oggi viene riconsiderato il valore della castità, intesa come "custode dialettica" della libido, in risposta alla banalizzazione dell'esperienza erotica dovuta ad una maggiore liberalizzazione dei costumi sessuali.

Pubblicità

Nell'ambito psicologico, la castità assume un duplice significato: da un lato,  viene considerata anche come un momento evolutivo, che consente la crescita psicosessuale e dell'Io, lo sviluppo di competenze spirituali emotive o intellettuali; dall'altro,si configura come una forma di regressione, una perdita di energia libidica e vitale, derivante da inibizioni, difficoltà emotive e paure dell'intimità fisica.

Tale condizione potrebbe condurre ad una significativa riduzione degli aspetti comunicativi legati all'intimità sessuale ed ad un vero e proprio "analfabetismo erotico", dal quale potrebbero emergere differenti condizioni patologiche  e disfunzioni sessuali, sia nell'uomo che nella donna.

La castità può assumere una valenza differente per ogni individuo, pertanto è necessario comprendere se tale condizione assuma un significato di potenziale crescita personale o di regressione.

 

Bibliografia:

 

L'immagine è tratta da un quadro di Lorenzo Lotto, Il Trionfo della Castità, 1530 Roma, Galleria Pallavicini

 

(A cura della dottoressa Alessandra Antonacci)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: parole della psicologia castità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

News Letters

0
condivisioni