Pubblicità

Castità

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 4464 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa).

Esso indica, nell' accezione comune, l'astensione da ogni tipo di rapporto sessuale per motivazioni etiche, filosofiche e/o morali ma anche pratiche, come, ad esempio, l'evitamentodi gravidanze indesiderate, malattie veneree e HIV e ragioni psicosociologiche (depressione, fobia sociale).

Tra le altre motivazioni che possono spingere un induividuo ad astenersi dal praticare l'attività sessuale, possono esserci sia una repulsione per il sesso (antisessualità) o un disinteresse totale verso di esso (asessualità),  dal momento che non lo si considera come una parte necessaria della vita umana.

Per molto tempo, nella cultura occidentale, si è associato il concetto di castità ad una visione negativa del piacere e della passione sessuale poichè l'espressione della sessualità veniva collegata al senso di colpa. In passato, gli aspetti religiosi legati alla castità hanno assunto anche un signicato sociale, dal momento che si è configurata come uno strumento di controllo della sessualità femminile.

Successivamente, grazie al contributo delle teoria psicoanalitica di Freud, è stato possibile superare tale visione negativa e considerare la sessualità come una forma di comunicazione, analizzandone gli aspetti psicodinamici.

La castità può essere scelta, imposta o subita. Essa rappresenta il frutto di una scelta personale quando l'individuo si impegna a sublimare la propria spinta sessuale, sia aderendo a principi religiosi, ma anche, in senso laico, liberandosi dal condizionamento dei propri desideri sessuali.

In sessuologia, oggi viene riconsiderato il valore della castità, intesa come "custode dialettica" della libido, in risposta alla banalizzazione dell'esperienza erotica dovuta ad una maggiore liberalizzazione dei costumi sessuali.

Pubblicità

Nell'ambito psicologico, la castità assume un duplice significato: da un lato,  viene considerata anche come un momento evolutivo, che consente la crescita psicosessuale e dell'Io, lo sviluppo di competenze spirituali emotive o intellettuali; dall'altro,si configura come una forma di regressione, una perdita di energia libidica e vitale, derivante da inibizioni, difficoltà emotive e paure dell'intimità fisica.

Tale condizione potrebbe condurre ad una significativa riduzione degli aspetti comunicativi legati all'intimità sessuale ed ad un vero e proprio "analfabetismo erotico", dal quale potrebbero emergere differenti condizioni patologiche  e disfunzioni sessuali, sia nell'uomo che nella donna.

La castità può assumere una valenza differente per ogni individuo, pertanto è necessario comprendere se tale condizione assuma un significato di potenziale crescita personale o di regressione.

 

Bibliografia:

 

L'immagine è tratta da un quadro di Lorenzo Lotto, Il Trionfo della Castità, 1530 Roma, Galleria Pallavicini

 

(A cura della dottoressa Alessandra Antonacci)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: parole della psicologia castità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters

0
condivisioni