Pubblicità

0
condivisioni

Scala di Autovalutazione per la Depressione Post-Partum (Scala di Edimburgo - J. L. Cox, J. K. Olden, R. Sagowsky)

autovalutazione depressione post partumIl momento del parto ed il periodo immediatamente successivo sono fondamentali per la salute psichica e fisica sia della madre che del bambino ed è peraltro normale che, nei primi giorni successivi all'evento, si alternino momenti di grande gioia con momenti di profonda tristezza.

Ma se la sensazione di malessere persiste per più di quindici giorni a distanza di 6/12 settimane dalla nascita del vostro bambino potreste trovarvi di fronte ad una depressione post-partum.
Evento non infrequente e di cui non bisogna assolutamente aver timore ma che vale la pena, comunque, conoscere ed affrontare, magari chiedendo aiuto ad uno specialista del settore.


Per capire se la vostra situazione è ancora accettabile oppure è già utile ascoltare qualcuno in grado di supportarvi, c'è la Scala di Autovalutazione della Depressione Post-Partum (o Scala di Edimburgo). Poche domande con semplici risposte che, senza alcuna pretesa diagnostica, sono però in grado di indicarvi la necessità di consultare uno specialista oppure se può ancora essere una situazione sopportabile.

Si tratta della Scala di Edimburgo, un questionario di screening che viene svolto sulle mamme dopo il parto anche in alcune strutture ospedaliere per capire appunto se sono a rischio di sviluppare la dpp.

La Scala di Autovalutazione per la Depressione Post-Partum aiuta la paziente ad orientarsi nel valutare la possibile presenza di sintomi depressivi post-partum, sebbene non sostituisca in nessun modo l'anamnesi medica di uno specialista. Non serve a fare diagnosi, si limita a individuare un rischio.

Provate a rispondere e poi verificate il risultato finale!

Nelle ultime due settimane sono stata in grado di ridere e vedere il lato divertente delle cose:

Come al solito
Non proprio come al solito
Quasi mai
Per niente

 

Nelle ultime due settimane mi sono posta in modo positivo verso gli eventi:

Come al solito
Un po' mendo del solito
Assolutamente meno del solito
No, per niente

 

Nelle ultime due settimane mi sono sentita colpevole senza motivo quando le cose non andavano bene:

Raramente o mai
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

 

Nelle ultime due settimane sono diventata ansiosa o preoccupata senza un buon motivo:

Raramente o mai
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

 

Mi sono sentita spaventata o nel panico senza un buon motivo

Spesso
Qualche volta
Non molto
Mai

 

Nelle ultime due settimane mi sono sentita sopraffatta dalle cose che accadevano:

Sì, il più delle volte non sono in grado di affrontarle
Sì, talvolta non le affronto bene come al solito
No, il più delle volte le ho affrontate piuttosto bene
No, le ho affrontate bene come sempre

 

Nelle ultime due settimane sono così infelice che ho delle difficoltà a dormire:

Sì, la maggior parte delle volte
Sì, qualche volta
Talvolta
No, non mi sembra

 

Nelle ultime due settimane mi sono sentita triste o avvilita:

Sì, la maggior parte delle volte
Sì, frequentemente
Talvolta
Mai

 

Nelle ultime due settimane sono così infelice che ho pianto:

Sì, la maggior parte delle volte
Sì, frequentemente
Occasionalmente
Mai

 

Nelle ultime due settimane il pensiero di farmi del male mi è venuto in mente:

Abbastanza spesso
Qualche Volta
Quasi mai
Mai

 


0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito confuso (1521708111477)

luisa, 48     Buongiorno, chiedo parere per mio marito 44 anni. Siamo sposati da 10 anni con bimbo di 9. Mi ha lasciata per una pausa di riflessi...

Che fare? (1520934157214)

Roberta, 26     Buongiorno, sto insieme al mio ragazzo da 5 anni e dopo alcuni alti e bassi, circa 6 mesi fa abbiamo deciso di provare a vivere i...

Amore non corrisposto (152165…

very, 19     Salve, le scrivo perchè non riesco a liberarmi di una persona... ...

Area Professionale

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

La misura del cambiamento in p…

Il Test semiproiettivo I.Co.S. (Indice del Confine del Sé), in quanto strumento capace di rilevare efficacemente e dettagliatamente lo stile di gestione delle r...

La Psicoterapia Psicodinamica…

La prestigiosa rivista “The American Journal of Psychiatry” ha pubblicato nuovi dati meta-analitici che confermano come l'efficacia della psicoterapia psicodina...

Le parole della Psicologia

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

News Letters

0
condivisioni