Pubblicità

0
condivisioni

Scala di Autovalutazione per la Depressione Post-Partum (Scala di Edimburgo - J. L. Cox, J. K. Olden, R. Sagowsky)

autovalutazione depressione post partumIl momento del parto ed il periodo immediatamente successivo sono fondamentali per la salute psichica e fisica sia della madre che del bambino ed è peraltro normale che, nei primi giorni successivi all'evento, si alternino momenti di grande gioia con momenti di profonda tristezza.

Ma se la sensazione di malessere persiste per più di quindici giorni a distanza di 6/12 settimane dalla nascita del vostro bambino potreste trovarvi di fronte ad una depressione post-partum.
Evento non infrequente e di cui non bisogna assolutamente aver timore ma che vale la pena, comunque, conoscere ed affrontare, magari chiedendo aiuto ad uno specialista del settore.


Per capire se la vostra situazione è ancora accettabile oppure è già utile ascoltare qualcuno in grado di supportarvi, c'è la Scala di Autovalutazione della Depressione Post-Partum (o Scala di Edimburgo). Poche domande con semplici risposte che, senza alcuna pretesa diagnostica, sono però in grado di indicarvi la necessità di consultare uno specialista oppure se può ancora essere una situazione sopportabile.

Si tratta della Scala di Edimburgo, un questionario di screening che viene svolto sulle mamme dopo il parto anche in alcune strutture ospedaliere per capire appunto se sono a rischio di sviluppare la dpp.

La Scala di Autovalutazione per la Depressione Post-Partum aiuta la paziente ad orientarsi nel valutare la possibile presenza di sintomi depressivi post-partum, sebbene non sostituisca in nessun modo l'anamnesi medica di uno specialista. Non serve a fare diagnosi, si limita a individuare un rischio.

Provate a rispondere e poi verificate il risultato finale!

Nelle ultime due settimane sono stata in grado di ridere e vedere il lato divertente delle cose:

Come al solito
Non proprio come al solito
Quasi mai
Per niente

 

Nelle ultime due settimane mi sono posta in modo positivo verso gli eventi:

Come al solito
Un po' mendo del solito
Assolutamente meno del solito
No, per niente

 

Nelle ultime due settimane mi sono sentita colpevole senza motivo quando le cose non andavano bene:

Raramente o mai
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

 

Nelle ultime due settimane sono diventata ansiosa o preoccupata senza un buon motivo:

Raramente o mai
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

 

Mi sono sentita spaventata o nel panico senza un buon motivo

Spesso
Qualche volta
Non molto
Mai

 

Nelle ultime due settimane mi sono sentita sopraffatta dalle cose che accadevano:

Sì, il più delle volte non sono in grado di affrontarle
Sì, talvolta non le affronto bene come al solito
No, il più delle volte le ho affrontate piuttosto bene
No, le ho affrontate bene come sempre

 

Nelle ultime due settimane sono così infelice che ho delle difficoltà a dormire:

Sì, la maggior parte delle volte
Sì, qualche volta
Talvolta
No, non mi sembra

 

Nelle ultime due settimane mi sono sentita triste o avvilita:

Sì, la maggior parte delle volte
Sì, frequentemente
Talvolta
Mai

 

Nelle ultime due settimane sono così infelice che ho pianto:

Sì, la maggior parte delle volte
Sì, frequentemente
Occasionalmente
Mai

 

Nelle ultime due settimane il pensiero di farmi del male mi è venuto in mente:

Abbastanza spesso
Qualche Volta
Quasi mai
Mai

 

Dettagli utente

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

News Letters

0
condivisioni