Pubblicità

0
condivisioni

Scala di Autovalutazione per la Depressione Post-Partum (Scala di Edimburgo - J. L. Cox, J. K. Olden, R. Sagowsky)

autovalutazione depressione post partumIl momento del parto ed il periodo immediatamente successivo sono fondamentali per la salute psichica e fisica sia della madre che del bambino ed è peraltro normale che, nei primi giorni successivi all'evento, si alternino momenti di grande gioia con momenti di profonda tristezza.

Ma se la sensazione di malessere persiste per più di quindici giorni a distanza di 6/12 settimane dalla nascita del vostro bambino potreste trovarvi di fronte ad una depressione post-partum.
Evento non infrequente e di cui non bisogna assolutamente aver timore ma che vale la pena, comunque, conoscere ed affrontare, magari chiedendo aiuto ad uno specialista del settore.


Per capire se la vostra situazione è ancora accettabile oppure è già utile ascoltare qualcuno in grado di supportarvi, c'è la Scala di Autovalutazione della Depressione Post-Partum (o Scala di Edimburgo). Poche domande con semplici risposte che, senza alcuna pretesa diagnostica, sono però in grado di indicarvi la necessità di consultare uno specialista oppure se può ancora essere una situazione sopportabile.

Si tratta della Scala di Edimburgo, un questionario di screening che viene svolto sulle mamme dopo il parto anche in alcune strutture ospedaliere per capire appunto se sono a rischio di sviluppare la dpp.

La Scala di Autovalutazione per la Depressione Post-Partum aiuta la paziente ad orientarsi nel valutare la possibile presenza di sintomi depressivi post-partum, sebbene non sostituisca in nessun modo l'anamnesi medica di uno specialista. Non serve a fare diagnosi, si limita a individuare un rischio.

Provate a rispondere e poi verificate il risultato finale!

Nelle ultime due settimane sono stata in grado di ridere e vedere il lato divertente delle cose:

Come al solito
Non proprio come al solito
Quasi mai
Per niente

 

Nelle ultime due settimane mi sono posta in modo positivo verso gli eventi:

Come al solito
Un po' mendo del solito
Assolutamente meno del solito
No, per niente

 

Nelle ultime due settimane mi sono sentita colpevole senza motivo quando le cose non andavano bene:

Raramente o mai
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

 

Nelle ultime due settimane sono diventata ansiosa o preoccupata senza un buon motivo:

Raramente o mai
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

 

Mi sono sentita spaventata o nel panico senza un buon motivo

Spesso
Qualche volta
Non molto
Mai

 

Nelle ultime due settimane mi sono sentita sopraffatta dalle cose che accadevano:

Sì, il più delle volte non sono in grado di affrontarle
Sì, talvolta non le affronto bene come al solito
No, il più delle volte le ho affrontate piuttosto bene
No, le ho affrontate bene come sempre

 

Nelle ultime due settimane sono così infelice che ho delle difficoltà a dormire:

Sì, la maggior parte delle volte
Sì, qualche volta
Talvolta
No, non mi sembra

 

Nelle ultime due settimane mi sono sentita triste o avvilita:

Sì, la maggior parte delle volte
Sì, frequentemente
Talvolta
Mai

 

Nelle ultime due settimane sono così infelice che ho pianto:

Sì, la maggior parte delle volte
Sì, frequentemente
Occasionalmente
Mai

 

Nelle ultime due settimane il pensiero di farmi del male mi è venuto in mente:

Abbastanza spesso
Qualche Volta
Quasi mai
Mai

 

Dettagli utente

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione?[ 1596294882797 ]

Nick, 21 anni In pratica soffro da 1 anno di solitudine però sono riuscito sempre a reprimerela e con essa reprimo anche le mie emozioni, però adesso con i...

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

News Letters

0
condivisioni