Pubblicità

0
condivisioni

Questionario sui Disturbi Alimentari (Eating Attitude Test - EAT-26)

David M. Garner, et al., (1982)

disordini alimentari

L'Eating Attitude Test (EAT-26) è il test più usato nel mondo per misurare i sintomi e le preoccupazioni caratteristiche dei disturbi dell'alimentazione ed è stato scelto dall'amminstrazione Clinton per il National Eating Disorders Screening Program del 1998.
l'EAT-26 è stato usato in molte ricerche come strumento di screening per identificare precocemente le persone affette da disturbi dell'alimentazione. L'identificazione precoce dei disturbi può portare ad iniziare una cura più rapidamente e, come dimostrato da alcune ricerche, migliorare la prognosi dei disturbi dell'alimentazione.

Gli studi che hanno usato l'EAT-26 sulle adolescenti o sulle giovani donne adulte indicano che circa il '5% delle donne ottiene un punteggio uguale o superiore a 20. Le interviste diagnostiche effettuate nei soggetti con punteggi uguali o superiori a 20 hanno evidenziato che un'elevata proporzione ha un disturbo dell'alimentazione o una "sindrome parziale", caratterizzata da alcuni, ma non tutti i sintomi richiesti per fare diagnosi di un disturbo dell'alimentazione.

 

Ho una terribile paura di ingrassare





Quando ho fame evito di mangiare





Penso al cibo con preoccupazione





Mi è capitato di mangiare con enorme voracità sentendomi incapace di smettere





Ho l’abitudine di sminuzzare il cibo





Faccio molta attenzione al potere calorico dei cibi che mangio





Evito in particolare i cibi con elevato contenuto di carboidrati (pane, pasta, dolci)





Sento che gli altri vorrebbero che io mangiassi di più





Mi capita di vomitare dopo aver mangiato





Mi sento molto in colpa dopo mangiato





Mi tormenta il desiderio di essere più sottile





Mi sottopongo a esercizi fisici intensi per bruciare calorie





Gli altri pensano che sono troppo magra/o





Mi preoccupa l’idea di avere del grasso sul corpo





Impiego più tempo degli altri per mangiare





Evito cibi dolci





Mangio cibi dietetici





Sento che il cibo domina la mia vita





Mi piace mostrare un grande autocontrollo verso il cibo e dominare la fame





Sento che gli altri fanno pressioni su di me perché io mangi





Mi dispero se mangio dei dolci





Mi impegno in programmi di dieta





Dedico al cibo troppo tempo e troppi pensieri





Mi piace che il mio stomaco sia vuoto





Mi piace provare nuovi cibi elaborati





Ho l’impulso di vomitare dopo mangiato





Dettagli utente

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni