Pubblicità

Disturbo schizoide di personalità

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5727 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno.

Disturbo schizoide di personalitàIl disturbo schizoide di personalità, dal greco skizo, “scissione”, è un disturbo di personalità il cui tratto principale è la mancanza del desiderio da parte dell'individuo di relazionarsi con gli  altri e la totale chiusura rispetto al mondo esterno.

La prevalenza di questa patologia nella popolazione generale è minore rispetto ad altri disturbi di personalità, compare nella prima età aduta ed è maggiormente diffusa negli uomini rispetto alla popolazione femminile.
Le persone con  disturbo schizoide hanno tratti personologici che si caratterizzano per :
1. Scarso interesse o desiderio di instaurare qualsiasi tipo di relazione:
L’individuo appare come introverso,solo e distaccato dalla realtà circostante.
Tali soggetti si limitano a intraprendere relazioni superficiali, prive di qualunque tipo di coinvolgimento affettivo e emotivo.
Questa chiusura porta  a un  distacco dal mondo esterno, considerato come privo di significato e a rifugiarsi in un mondo interiore costituito da ricordi di una vita passata e da fantasie appaganti rispetto alla vita reale.

2.Anedonia
Scarso interesse e piacere nello svolgere qualsiasi attività, considerate prive di significato e di senso.

3. Scarso interesse nello stabilire relazioni affettive e sessuali.
 I soggetti con personalità schizoide hanno una stretta cerchia di amici, non si sposano e tendono a  istaurare rapporti più profondi solo con i parenti più intimi.
Spesso vengono considerati come anaffettivi sia per la loro incapacità di mostrare le emozioni sia per la loro totale indifferenza verso quelle degli altri.

3.  Appaiono indifferenti ai giudizi altrui
 I soggetti mostrano una totale freddezza, indifferenza e passività ai giudizi altrui siano essi positivi o negativi, ciò avviene anche se vi è una forte provocazione da parte dell’altro.

Pubblicità

Molto spesso il disturbo è stato associato erroneamente al disturbo schizofrenico.
Occorre sottolineare, però, che l' individuo con personalità schizoide, a differenza dello schizofrenico, riesce a riconoscere e a valutare la realtà esterna in modo logico e razionale; ma, tuttavia, considerandola priva di significato, tende a evitarla.

E’ difficile riconoscere questo disturbo, i soggetti con personalità schizoide spesso vengono considerati solo come delle persone più introverse rispetto agli altri.

Questo crea una maggiore difficoltà sia a riconoscere il disturbo  sia  a riconoscere l ‘adeguato trattamento da svolgere per la cura de paziente.

Tuttavia, per la gestione del disturbo,in ambito clinico vengono utilizzati i seguenti trattamenti:


Psicoterapia individuale: lo scopo principale di questo trattamento è quello di riuscire, attraverso un percorso con il terapeuta, a individuare nel paziente pensieri, sentmenti e emozioni negative  distorte rispetto al mondo esterno.
E’ molto importante riconoscere, per quanto sia difficile, a causa dell’incapacità comunicativa del paziente, riconoscere la sofferenza di quest’ultimo e in seguito aiutarlo ad  individuare e ad apprendere abilità di base per relazionarsi con il mondo esterno.
Terapie di gruppo: tale trattamento potrebbe essere utile, dopo un percorso individuale, per permettere a pazienti affetti dallo stesso disturbo di interagire e confrontarsi a vicenda, attraverso un percorso comune.
Terapia farmancologica : tale trattamento viene utilizzato solo se il disturbo è associato a una sintomatologia  ansiosa e depressiva.
Tuttavia, il trattamento farmacologico non può curare o intervenire sulle caratteristiche di personalità.

 

Per approfondimenti

  • www.lrpsicologia.it
  • wikipedia.org
  • www.terzocentro.it
  • www.ipsico.it

(A cura della Dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: emozioni relazione anedonia indifferenza scissione disturbo schizoide di personalità chiusura vita reale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

News Letters

0
condivisioni