Pubblicità

Benessere e Salute

Tags: benessere salute salute psicologica

Fidarsi degli altri: quanto contano le emozioni negative?

on . Postato in Benessere e Salute

Le emozioni negative sembrano ridurre la capacità di fidarsi degli altri, anche quando queste emozioni sono state scatenate da eventi che non hanno nulla a che fare con gli altri o la decisione di fidarsi di loro.

Fidarsi degli altri quanto contano le emozioni negativeLa ricerca, pubblicata sulla rivista “Scienze Advances”, è stata condotta da un team internazionale dell'Università di Zurigo in Svizzera e dell'Università di Amsterdam.

Gravità dei sintomi post-traumatici: come risponde il cervello?

on . Postato in Benessere e Salute

La gravità dei sintomi associati al Disturbo da stress post-traumatico sembra essere legata al cablaggio cerebrale individuale e al modo in cui il cervello è sintonizzato per rispondere a eventi negativi.

Gravità dei sintomi post traumatici: come risponde il cervello?Negli studi sui veterani di guerra, i ricercatori hanno scoperto modelli distinti di come il cervello e il corpo rispondono all'apprendimento del pericolo e della sicurezza in base alla gravità dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico.

La Sindrome della Capanna o del Prigioniero

on . Postato in Benessere e Salute

In questi giorni di post-pandemia legata al covid-19 molti stanno sperimentando una difficoltà legata alla necessità di recuperare le vecchie abitudini quotidiane o di strutturarne di nuove. Questa incertezza nell'affrontare di nuovo il "fuori" è stata individuata come Sindrome della Capanna o del Prigioniero.

di Alfredo Ferrajoli

La Sindrome della Capanna o del Prigioniero

La sindrome della capanna è costituita da un insieme di sintomi che si possono sperimentare al riprendere di alcune abitudini legate al nostro quotidiano, dopo un periodo che abbiamo vissuto in modo più o meno restrittivo e al quale siamo stati sottoposti per far fronte a un fenomeno del tutto nuovo, inaspettato, riguardante tutti noi: la pandemia da Covid-19.

Persona in crisi e tempo vissuto

on . Postato in Benessere e Salute

Il tempo si presenta come luogo di accoglienza di accadimenti psichici singolari e collettivi: è quindi possibile interrogarsi sul senso della sofferenza dell’essere (in campo clinico) non tanto a partire dalle caratteristiche psicologiche e psicopatologiche ma a partire dal concetto del tempo vissuto interiormente.

di Giuseppe Errico

Persona in crisi e tempo vissuto

Il tempo è lo spettacolo del divenire
Husserl

Nel personale cammino nei meandri delle scienze umane e delle scienze della cura (psicologica-psichiatrica), intendo interrogarmi sul senso della sofferenza dell’essere (in campo clinico) non tanto a partire dalle caratteristiche psicologiche e psicopatologiche (come in genere potrebbe fare uno studioso, clinico o ricercatore  che applica una “analitica esistenziale” o una psicoterapia tradizionale) ma a partire dal concetto del tempo vissuto interiormente.

Ascoltarsi per ascoltare. Decalogo per affrontare la quarantena

on . Postato in Benessere e Salute

In questo articolo proponiamo un decalogo che può essere usato come spunto di riflessione e fonte di ispirazione per scrivere la vostra modalità personale di gestione e reazione nella fase 2 della pandemia Sars-Cov-2

di Claudia Nissi

Ascoltarsi per ascoltare. Decalogo per affrontare la quarantenaCome state affrontando la quarantena? Come pensate di gestire l’immediato futuro denominato fase due?

Sento sempre più persone demoralizzate e appesantite da questa chiusura.

La Noia: nemica o alleata?

on . Postato in Benessere e Salute

La nostra società sembra soffrire di "fobia della noia". Ma ci siamo mai chiesti cosa sia davvero la noia? Proviamo ad approfondirne alcuni aspetti attraverso domande e risposte.

di Margherita Castagna

La Noia nemica o alleataQuante volte abbiamo sentito parlare della noia come una piaga sociale tipica del nostro secolo? Ancora di più, la noia si propone come uno dei problemi principali della situazione di quarantena imposta dalla crisi mondiale per il COVID-19.

Il modello ACB: inizio dal corpo. Prendersi cura di se stessi senza sensi di colpa

on . Postato in Benessere e Salute

La persona ha necessità di diventare consapevole di se e dei propri bisogni, del proprio corpo, perché la reale possibilità di prendersi cura dell’altro risiede nella capacità di prendersi cura di noi stessi.

di Tiziana Persichetti Autieri

Il modello ACB inizio dal corpo Prendersi cura di se stessi senza sensi di colpaDa generazioni ci viene insegnato che è bene pensare prima agli altri e poi in ultimo, e solo se c’è tempo, a noi stessi. In effetti non si ha memoria di principi ed eroi che prima di correre a salvare gli altri si fermano a fare un bagno caldo o a meditare in cima ad una collina, L’origine di tale insegnamento risiede principalmente nel concetto di “ brava persona”, “persona encomiabile ”, “eroe” che ad ogni costo si prenderà cura dell’altro e lo salverà.

Resilienza: la capacità che ci aiuta durante la tempesta

on . Postato in Benessere e Salute

In quarantena si rafforzano gli stimoli esterni che sono fonte di stress (stressor), ma una grande caratteristica e capacità dell'uomo è quella di adattarsi alle situazioni critiche e questa capacità si chiama resilienza.

di Rosanna M. Delle Monache

Resilienza la capacità che ci aiuta durante la tempesta"Dobbiamo essere disposti a lasciare andare la vita che abbiamo pianificato, in modo da vivere la vita che ci sta aspettando" (Joseph Campbell).

In questo mese ci è stato chiesto un radicale cambiamento sullo stile di vita quotidiano dove, ci viene chiesto di “non fare” più le attività che la nostra società ci ha abituati a “fare”  ma di “restare a casa”.

Dal lutto “sospeso” nella Pandemia Covid 19 alla elaborazione collettiva

on . Postato in Benessere e Salute

A seguito della pandemia ci troviamo oggi ad affrontare la necessità vitale di trovare nuovi codici simbolici che aiutino le persone nel percorso psicologico di elaborazione del lutto ed è possibile farlo attraverso Tecniche di Narrazione biografica.

di Flavia Facco

Dal lutto sospeso nella Pandemia Covid 19 alla elaborazione collettiva

In questi giorni di pandemia, per definire il clima nel quale ci troviamo tutti immersi, i mass media si esprimono con un linguaggio che usa prevalentemente simbologie di guerra: siamo in trincea, l’eroismo dei medici, è una guerra, non abbassiamo la guardia. Effettivamente è da sempre invalso nella medicina un codice linguistico che usa questo tipo di simbologie: combattere contro la malattia, avere o non avere buone difese e via discorrendo.

La quarantena è un motivo di profondo disagio. E' davvero così ovvio?

on . Postato in Benessere e Salute

La quarantena sostanzialmente preclude la libertà individuale, la libertà di scegliere. Oggi comprendiamo che non diamo quasi mai alla libertà, che appare così scontata, il peso che dovrebbe avere per il nostro benessere psicologico.

di Tiziana Persichetti Auteri

 La quarantena è un motivo di profondo disagioSiamo chiusi in casa, alcuni da soli e altri in compagnia dei propri conviventi. Accendiamo la TV, giriamo sui social, cerchiamo notizie che tutto sono tranne che rassicuranti. Tutto è il contrario di tutto. Un virus che mette paura, che non si conosce, che fa saltare riti e ideologie. Ognuno di questi singoli eventi ci mette in uno stato di profondo disagio.

Riflessioni sul Coronavirus

on . Postato in Benessere e Salute

Pian piano le autorità pubbliche si renderanno conto che occorre capire e assecondare il modo di pensare del virus. Un virus non nasce allo scopo di uccidere l'organismo che lo ospita. Nasce per riprodursi.

di Nicola Ghezzani

Riflessioni sul Coronavirus

Che cosa accadrà

Per capire il coronavirus bisogna capire come pensa un virus.

Un virus, come qualunque organismo che si autoreplica, pensa essenzialmente a sopravvivere. Sin dai livelli più elementari, gli organismi biologici hanno come unica meta replicarsi, e per farlo devono conservare l'ambiente in cui la replicazione avviene. Anche un virus, per sopravvivere, deve salvare il suo ambiente, cioè il suo organismo ospite. Nel caso che ci interessa, l’organismo ospite è l'uomo.

Purtroppo nel caso del covid-19 le cose sono andate diversamente. Il coronavirus non ha trovato di fronte a sé un piccolo ecosistema in cui adattarsi; ha trovato invece il mondo globalizzato, con un'immensa megalopoli ai suoi piedi, Wuhan, una megalopoli di 11 milioni di abitanti, dove ha fatto la sua prima apparizione. Poi ha trovato gli aerei, troppi aerei, che lo hanno diffuso in altre immense megalopoli (la Lombardia è una rete di città, è cioè una grande megalopoli). L'eccessiva disponibilità di organismi da infettare l'ha reso più veloce di quanto la natura volesse e ciò ha sortito un effetto slavina, valanga. Come un'immensa palla di neve è arrivato in Europa a velocità supersonica.

Pubblicità

La natura non aveva intenzione di creare un mostro distruttore, il fine è co-adattare gli organismi fra loro. Per dimostrarvelo, vi invito a fare  un piccolo esperimento. Provate a vedere il film rallentato... Immaginate che l’infezione non sia accaduta così velocemente ma in tempi più lunghi. Se tutto ciò a cui stiamo assistendo fosse accaduto lentamente (non in due mesi, ma in dieci anni, coi sistemi sanitari in grado di reggere), il virus pian piano si sarebbe adattato al nostro organismo, abbassando il tasso di letalità, senza uccidere troppe persone, e soprattutto non così in fretta. Gli ospedali si sarebbero salvati e la nostra civiltà sarebbe sopravvissuta (come accadde con la febbre spagnola, nel 1918). Fra dieci anni probabilmente il coronavirus 19 sarà un qualunque virus influenzale a bassa letalità (due, trecentomila morti l'anno nel mondo). Il problema è che è stato velocissimo, e che questa velocità ha fatto crollare i sistemi sanitari del mondo e con essi, a breve, anche le istituzioni politiche.

Secondo il Baylor College of Medicine di Houston in Texas ci potrebbero volere anche 3 o 4 anni prima di avere un vaccino. Ma in realtà ce ne potrebbero volere molti di più. Nel frattempo sarà tutto diverso: il mondo che conosciamo sarà completamente cambiato. Il mondo di quelli che oggi hanno 50 anni (e a maggior ragione dei più vecchi) sarà crollato. Occorrerà andare incontro al grande cambiamento. Il traffico aereo sarà più che dimezzato, il traffico di merci affidato a macchine, il controllo del territorio sarà capillare. Saranno necessarie salute mentale e idee nuove.

Chi ha visione ed immaginazione dovrebbe cominciare a prevederlo già da adesso.

Vivere nei limiti

Pian piano le autorità pubbliche si renderanno conto che occorre capire e assecondare il modo di pensare del virus. Un virus non nasce allo scopo di uccidere l'organismo che lo ospita. Nasce per riprodursi. Ma lo ha sempre fatto in ecosistemi circoscritti. Questo virus era endemico in popolazioni di pipistrelli chiuse in piccoli spazi forestali inaccessibili. Lì uccideva un numero limitatissimo di ospiti e non dava alcuna conseguenza ai più. E non si diffondeva oltre quello stretto confine. Poi è stato diffuso dalle stravaganti abitudini alimentari ed ecologiche della specie Homo (la “Specie malata”, come la definisco nel mio ultimo libro: malata per aver gestito male la sua libertà dai vincoli istintuali ed ecologici) e si è trovato ad invadere un immenso spazio globale. Un protagonismo non previsto dalla natura.

Ora le autorità pubbliche si rendono conto che occorre ricostruire quegli spazi ecologici limitati che possono favorire il controllo del virus: niente crociere e voli aerei (se non quelli necessari), niente spostamenti al di fuori dell'area locale, niente assembramenti, ecc. per evitare che una massa di contagiati travolga le fragilissime strutture del sistema sanitario. La contrazione in casa che ci viene ordinata (finalmente, non solo “consigliata”) è la premessa per ridurre l'espansione del virus, quindi per poter ripristinare in futuro alcuni spazi ecologici compatibili. Per poterci permettere l'attuale fase di drastica riduzione, dobbiamo apprendere a rimodulare la nostra mente. Vivere in spazi ristretti significa veder esplodere conflitti sopiti, sia coniugali che generazionali. Significa veder esplodere sintomatologie psichiche che erano latenti. Significa dover sopportare la limitazione della fantasia e del desiderio. Il mio consiglio è di dare alla mente e al corpo una nuova organizzazione.

Vi do quattro piccoli consigli.

  • PRIMO, usare la rete solo per informarsi un paio di volte al giorno e per comunicazioni necessarie. Il rischio che la rete vada in sovraccarico è oggettivo. Lo stesso vale per ogni altro servizio: la luce, il gas ecc.
  • SECONDO, tenere un regolare rapporto fra veglia e sonno: anche se siete inquieti e non dormite, restare a letto al buio tutte le ore dedicate al sonno, ciò manterrà in equilibrio l'alternarsi circadiano, giornaliero, delle molecole della quiete e del sonno nel vostro organismo. Se i vicini, gli adolescenti in particolare, disturbano questo ritmo, chiedete loro di essere solidali. Un anziano può essere ucciso dalla mancanza di sonno, un professionista può essere danneggiato. Se tuo figlio adolescente disturba, ascolta musica anche la notte, inverte la notte col giorno, aiutalo a cambiare.
  • TERZO, fare esercizi di yoga o di ginnastica da camera, da soli o in famiglia: a questo scopo si può richiedere la guida dei maestri e degli istruttori che sono attivi online.
  • QUARTO, chiedere aiuto agli psicologi che lavorano online, che sono ormai la maggioranza. Vi aiuteranno ad affrontare conflitti emersi di recente e sintomi destabilizzanti (ansie, angosce catastrofiche, panico, idee ossessive, fobie alimentari, ipocondria, depressione, derealizzazione, ecc.).

I servizi pubblici devo essere decongestionati; i servizi privati devono al contrario essere tenuti vivi, attivi. La vita deve riprendere dai livelli più essenziali.

Un consiglio

Un consiglio che vorrei dare ai miei amici e lettori è di non rifuggire dagli impegni presi con se stessi prima della crisi sanitaria che stiamo oggi attraversando. L'angoscia può avere almeno due esiti egualmente patologici: la fuga maniacale in una pericolosa negazione del problema, e l'ansia catastrofica, con gravi spunti depressivi, che introduce il caos nell'ordine pregresso. In entrambi i casi si tende a sfuggire alle mete che ci si era prefissi di raggiungere. Ma così agendo si rende l'emergenza più pericolosa, o per la salute fisica o per la salute psichica.

Pubblicità

Chi ha in corso una psicoterapia (o qualunque altra terapia) o una iniziativa importante per la propria vita, la porti avanti. Il mondo resta lì, ad attenderci. Non sarà fuggendo da esso che ne eviteremo il peso. Fatto il nostro dovere di salvaguardare la salute, riprendiamo i nostri impegni nelle modalità più consone. Faccio presente ai colleghi e agli amici che la psicoterapia, come molte altre attività, viene svolta con efficacia online (p. es. su Skype o su WhatsApp) o anche per telefono. Almeno per le settimane e forse i mesi necessari a superare questa inattesa emergenza.

Darsi tempo

La cosa peggiore, in certi momenti della vita, è farsi prendere dalla frenesia.

La comunicazione via internet, e soprattutto lo smartphone, ci hanno abituato a un tempo rapido e a una concentrazione di brevissima durata. L'epidemia in corso ci incalza col suo passo angoscioso: l'empatia ci porta a soffrire anche per chi è lontano; l'istinto di sopravvivenza ci sovraccarica di ansie per la salute nostra e dei nostri cari. Tutto spinge ad una frenetica ricerca di informazioni sui media, che spinge a sua volta il mondo dell'informazione a riciclare frammenti di vecchie notizie con titoli sempre più forti, aggravando il carico di angoscia.

Questo attuale, però, non deve essere il momento della frenesia. Per evitare il caos mentale è importante restituire al tempo la sua dimensione. La Scienza ha bisogno di tempo: gli scienziati studiano le vecchie ricerche e i vecchi rimedi, talvolta hanno intuizioni nuove; ma poi devono proporre, discutere, sperimentare. Talvolta si può già sperimentare sull'uomo, altre volte bisogna farlo prima sugli animali. Occorre aspettare. Lo scienziato ha i suoi tempi; la Scienza ha i suoi tempi. Il personale sanitario è incalzato dalla massa dei malati, ma poi il gesto dell'operatore deve essere fermo e calmo e la natura deve fare il suo corso.

Il tempo servirà al sistema sanitario per organizzarsi, curare i medici infetti, dotarsi degli strumenti necessari.

Infine, il tempo è necessario anche al virus per adattarsi all’organismo umano senza fare troppe vittime. Se ne rallentiamo la corsa, non darà luogo a mutazioni pericolose: è il numero di atti replicativi che aumenta la probabilità di una mutazione.  

Dare tempo al tempo, si diceva una volta. Se ci dedichiamo al rispetto reciproco, alle regole che ci vengono prescritte (prima fra le quali restare a casa e non esporci), se ciascuno farà il suo lavoro, come facciamo noi psicologi, avremo già occupato bene il nostro tempo.

Di tempo ce ne vorrà. Ma non dobbiamo scomporci.

 

(Articolo a cura del Dottor Nicola Ghezzani, Psicologo, Psicoterapeuta, Saggista, Scrittore)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Area Professionale

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Considerazioni teoriche sulla …

In letteratura sono presenti diverse teorie sulle cause sottostanti l'abuso e la violenza domestica. Queste includono teorie psicologiche che considerano i trat...

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Le parole della Psicologia

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

News Letters