Pubblicità

Discutiamone insieme...

RIFLESSIONE CORALE SUL MONDO CONTEMPORANEO: QUATTRO PSICOTERAPEUTI A CONFRONTO

discutiamone insiemeQuattro psicoterapeuti italiani si confrontano su temi di forte attualità, rispondendo sinteticamente e in parallelo alla stessa domanda, fornendo così al lettore quattro punti di vista differenti, nell’intento di  produrre pensieri e riflessioni, cercando di avviare utili dibattiti sui temi caldi del nostro tempo.


Le domande verteranno  sulla libertà e sulla libera espressione del pensiero psicologico, sulle teorie psicologiche utilizzate per osservare i fenomeni sociali, sul significato del desiderio e dei suoi limiti, fino a giungere ai temi definibili come iper-moderni , legati al futuro immaginabile delle relazioni, dei legami e della procreazione. 

Nuove tecniche procreative, nuovi bisogni, nuove famiglie, sino alla possibilità / rischio di un ‘nuovo Uomo’.

Il  nucleo centrale del discorso  – come ‘fil rouge’ – si dipana a partire dalle recenti riflessioni sull'utero in affitto per esplorarne le prevedibili ripercussioni sociali, per poi spaziare al campo allargato di un futuro ormai prossimo.

Sarà una discussione a puntate: cinque domande e relative risposte, pubblicate in sequenza periodica.

 

Gli Autori

Valeria Bianchi Mian, Psicologa Psicoterapeuta individuale e di gruppo, Psicodrammatista di orientamento junghiano. Scrittrice e poetessa, organizza eventi poetici e letterari  (Medicamenta – lingua di donna e altre scritture – www.art10100.com - redattrice per www.niederngasse.it. Conduce gruppi di supervisione, formazione e laboratori creativi con diverse utenze. Blogger per Psiconline: rubrica Contemporanea/Mente.

Simona Adelaide Martini, Psicologa Psicoterapeuta con la Procedura Immaginativa. Socia fondatrice e vice presidente associazione TerraLuna. Collaboratrice Ania Cares – primo soccorso psicologico in caso di sinistri stradali. www.psicoterapiaimmaginativa.com

Simonetta Putti, Analista junghiana e Psicoterapeuta, socia A.R.P.A. (Associazione per la ricerca in Psicologia Analitica) e I.A.A.P. (International Association for Analytical Psychology). Vicepresidente del C.S.P.A.S. (Centro Studi Psiche Arte e Società), condirettore della rivista Psiche Arte e Società. simonettaputti @ inwind.it

Sergio Stagnitta - Psicologo Psicoterapeuta, vive e lavora a Roma. Responsabile area blog e blogger del sito dell’Ordine degli Psicologi del Lazio. Fondatore del sito www.cinemaepsicologia.it nato per condividere esperienze personali e professionali sull’uso formativo e terapeutico del cinema. Blogger per l’Espresso/Repubblica.

 


Pubblicità

Tags: psicologia

Interregno

on . Postato in Le ombre della genitorialità contemporanea

Quali sono le ombre della genitorialità contemporanea fra il desiderio di maternità e paternità, la realizzazione e il ruolo di genitore?

Dott.ssa Simonetta Putti

ombre della genitorialità3Mentre per l’ultimo Bauman[1], considerata la deriva della società liquida, noi siamo a rischio di retrotopia, per Carlo Bordoni[2], oggi, siamo in un interregno, sospesi tra un vecchio ordine che non funziona più ed un nuovo ordine ancora da trovare.

Ali di cera

on . Postato in Le ombre della genitorialità contemporanea

Quali sono le ombre della genitorialità contemporanea fra il desiderio di maternità e paternità, la realizzazione e il ruolo di genitore?

Dott.ssa Simona Adelaide Martini

ali di cera e genitorialitàNell'isola di Creta il re Minosse aveva chiesto a Dedalo, noto architetto, di costruire il labirinto in cui il figlio, metà uomo e metà toro, avrebbe trovato protezione e rifugio. Per evitare che qualcuno venisse a conoscenza della struttura, a Dedalo e suo figlio fu preclusa ogni via di fuga da Creta da parte del re.

Dio è morto?

on . Postato in Le ombre della genitorialità contemporanea

Quali sono le ombre della genitorialità contemporanea fra il desiderio di maternità e paternità, la realizzazione e il ruolo di genitore?

Dottor Sergio Stagnitta

dio è morto

Nel 1882 Nietzsche scrive la celebre frase “Dio è Morto! Dio resta morto!” (Aforisma 125), pensiero ripreso nel suo famosissimo libro: Così parlò Zarathustra: “Morti sono tutti gli dèi: ora vogliamo che l'oltreuomo viva – questa sia un giorno, nel grande meriggio, la nostra ultima volontà!”.

Dove sono i tuoi genitori?

on . Postato in Le ombre della genitorialità contemporanea

Quali sono le ombre della genitorialità contemporanea fra il desiderio di maternità e paternità, la realizzazione e il ruolo di genitore?

Dott.ssa Valeria Bianchi Mian

genitorialità

Contemporanea-Mente” è il nome della mia rubrica che ha sede proprio qui sul sito di Psiconline.

Mantengo il filo rosso con la stessa, poiché mi sento particolarmente portata per andare alla ricerca di significati possibili e di possibilità di senso tra i barlumi di coscienza che si accendono nel dire e nel fare collettivo.

Il desiderio in una prospettiva evolutiva

on . Postato in un legittimo desiderio di maternità e/o paternità

Perché uno psicologo psicoterapeuta dovrebbe mantenere un atteggiamento critico verso il mondo contemporaneo, nei confronti dello spirito del suo tempo, mettendo ad esempio in discussione un legittimo desiderio di maternità e/o paternità?

DOTT. SERGIO STAGNITTA

Il desiderio in una prospettiva evolutivaAlle volte l’anima desidererà ed effettivamente desidera una veduta ristretta e confinata in certi modi, come nelle situazioni romantiche. La cagione è il desiderio dell’infinito, perché allora in luogo della vista lavora l’immaginazione, e il fantastico sottentra al reale. L’anima s’immagina quello che non vede, che quell’albero, quella siepe, quella torre gli nasconde, e va errando in uno spazio immaginario, e si figura cose che non potrebbe se la sua vista si estendesse da per tutto, perché il reale escluderebbe l’immaginario.” (Giacomo Leopardi, Lo Zibaldone)

L'esperto della psiche non può esimersi dal confronto

on . Postato in un legittimo desiderio di maternità e/o paternità

Perché uno psicologo psicoterapeuta dovrebbe mantenere un atteggiamento critico verso il mondo contemporaneo, nei confronti dello spirito del suo tempo, mettendo ad esempio in discussione un legittimo desiderio di maternità e/o paternità?

DOTT.SSA SIMONETTA PUTTI

Lesperto della psiche non può esimersi dal confrontoCondividendo le idee e motivazioni espresse, quelle che peraltro hanno costituito l’assetto di base dal quale ci siamo mosse per scrivere il libro a più mani “Utero in Anima”[1], posso soffermarmi qui su pochi ulteriori spunti.

Io penso che l’esperto della psiche, e soprattutto chi con la psiche del paziente si confronta quotidianamente, non possa esimersi dal compito di essere nel mondo.

Influenza reciproca e circolare tra società e individuo

on . Postato in un legittimo desiderio di maternità e/o paternità

Perché uno psicologo psicoterapeuta dovrebbe mantenere un atteggiamento critico verso il mondo contemporaneo, nei confronti dello spirito del suo tempo, mettendo ad esempio in discussione un legittimo desiderio di maternità e/o paternità?

DOTT.SSA SIMONA ADELAIDE MARTINI

Influenza reciproca e circolare tra società e individuoAristotele, IV secolo A.C., nella “Politica” definisce l’uomo un animale sociale, teso ad aggregarsi ai suoi simili per costituire un nucleo sociale. Una sorta d’istinto primario che porta gli individui a cercare altri individui, al fine di creare un gruppo di condivisione e coesione.

Darwin (L’origine della specie, 1859) si occupa a lungo della questione socialità, osservando e studiando il branco di animali. Ottiene la conferma dell’istinto primario di aggregazione e il bisogno di stare vicino ai propri simili per ottenere sostegno, aiuto e protezione.

La Grande Madre è ormai una Grande Macchina?

on . Postato in un legittimo desiderio di maternità e/o paternità

Perché uno psicologo psicoterapeuta dovrebbe mantenere un atteggiamento critico verso il mondo contemporaneo, nei confronti dello spirito del suo tempo, mettendo ad esempio in discussione un legittimo desiderio di maternità e/o paternità?

DOTT.SSA VALERIA BIANCHI MIAN

maternità assistita, utero in affittoUn professionista che lavori con e attraverso la relazione terapeutica può e deve condividere le proprie riflessioni, se queste esulano dalla pratica clinica vis-à-vis con il paziente o con i gruppi? Il suddetto professionista può e deve rivolgersi con sguardo curioso verso il confronto multidisciplinare, avviando addirittura discussioni con sociologi, filosofi, magari persino letterati e giornalisti, relativamente a tematiche più o meno nuove come, per fare un esempio, la questione GPA (maternità surrogata)?

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La danza, da passione a ladra …

Francesca, 29     Buongiorno,all'età di 7 anni ho iniziato a frequentare un corso di danza classica, amatoriale, da quel momento non ho mai più s...

Madre con disturbo narcisistic…

emcla, 32     Dopo diversi anni di quella che riconosco essere una dipedenza affettiva mi sono trovata a leggere del disturbo narcisistico di per...

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters