Pubblicità

I blog di Psiconline

Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

PURAMENTE BIANCO

Kandinsky 1923 Sul bianco

di Valeria Bianchi Mian e Valentina Marra

Un viaggio attraverso i colori, svelando miti, fiabe, simbologie dell’anima. La purezza del bianco esalta l'ascesa della mistica sposa nell’opus alchimistica. Luna che splende nel cielo notturno, bianca Unio Mentalis. Nella nostra cromoterapia archetipica, bianca è la salute, quando cominciamo a essere consapevoli della necessità di prenderci cura di noi stessi/e.

Continua a leggere
  175 Visite
175 Visite

Guerra e Atto Violento

guerra e atto violentoSecondo l'antropologo Joyce Marcus, le incursioni e le razzie fra i primi villaggi messicani risalgono circa allo stesso periodo in cui gli abitanti cominciarono a dividersi in sottogruppi. E nei successivi 1200 anni la situazione ha avuto un'escalation fino a giungere a vere e proprie guerre su larga scala. Le scoperte di Marcus nella Valle d’Oaxaca, in Messico, sostengono la teoria che le predazioni, preludio della guerra, cominciarono nelle società segmentate con una grande disponibilità di risorse.

Continua a leggere
  265 Visite
265 Visite

La natura del Verde

François Boucher 1703 1770 Francedi Valentina Marra e Valeria Bianchi Mian

Continua l'excursus tra i colori più vividi dell'anima, per una mappa di Cromoterapia Archetipica. Valeria Bianchi Mian e Valentina Marra ci conducono nei toni del Verde, in miti e storie antiche.

Continua a leggere
  238 Visite
238 Visite

Il colore della rosa

Il colore della rosadi Valeria Bianchi Mian e Valentina Marra

Valeria Bianchi Mian

Tra le immagini simboliche più potenti e suggestive del procedimento ermetico c'è lei, la rosa, così importante che, nella accezione di mistero e silenzio sub rosa dicta velata est, e di bellezza, divenne icona ispiratrice di testi famosi, quali ad esempio il Rosarium philosophorum. Nel giardino segreto e meraviglioso della filosofica Ars, la protagonista floreale profuma dello stesso amore sacro e profano che si accende tra gli opposti, il Re e la Regina alchemici, ed è un abbraccio che va coltivato con cura affinché possa diventare perfetto come l'oro delle nozze alchemiche. La Natura si riflette generativa nei petali splendenti della rosa, la quale può mostrarsi del colore bianco, in Albedo, oppure rosa o rossa… e quando i suoi abiti tendono al magenta, al fucsia, al rosa carnale, il richiamo al corpo, soprattutto al corpo del femminile mistico, fecondo e trasformativo, è sempre più evidente. 

Continua a leggere
  379 Visite
379 Visite

Il colore viola

Le profondità del colore viola

“Io credo che Dio si incazzi
se tu
di fronte al colore viola di un campo di fiori
neanche te ne accorgi."
Il colore viola, Steven Spielberg, 1985.

 

Il colore viola: come i fiori in un campo sterminato che fanno tornare il sorriso anche nei momenti più neri. In questo modo Steven Spielberg racconta il suo viola.

Il viola è un colore affascinante. Ha una frequenza tra i 668 i i 789 THz e una lunghezza d'onda tra i 380 e i 450 nm; è un colore transitorio, in quanto è quasi al limite dello spettro visibile, e, comunque, oltre il blu parasimpatico, elemento del sistema RGB.

Continua a leggere
  423 Visite
423 Visite

Autoconoscenza e autoaccettazione per motivare all’apprendimento

Autoconoscenza e autoaccettazione per motivare allapprendimento

 

Senza autoaccettazione non c’è cambiamento
(María Vanesa Mussi Manzor e Marcelo Valerga)[1]

È fondamentale sostenere la conoscenza e la consapevolezza di sé perché una percezione irrealisticamente positiva o negativa può essere un freno per la crescita.

L’autostima si definisce infatti proprio in età evolutiva e se i nostri studenti pensano di valere poco probabilmente tale idea li accompagnerà per sempre. Se il nostro obiettivo è formare degli adulti consapevoli e competenti è quindi importante far comprendere ai nostri studenti l’importanza della propria implicazione personale nel rendimento scolastico (spesso gli alunni attribuiscono tutto alla fortuna!) Conoscere i propri punti di forza e debolezza, infatti, induce a lavorare sui propri limiti e a sfruttare i propri punti di forza.

Continua a leggere
  519 Visite
519 Visite

Guerra, Morte, Distruzione

Guerra Morte DistruzioneAveva ragione l’illuminista Voltaire: “Il più grande dei crimini, almeno il più distruttivo e di conseguenza il più contrario al fine della natura, è la guerra; ma non vi è alcun aggressore che non colori questo misfatto con il pretesto della giustizia.”

La storia ricompare drammaticamente dal sonno delle ceneri rimosse e come un vulcano spento ha cucinato un magma mortifero - pandemia/guerra - causando distruzione di corpi, città, ponti, amicizie, amori: tutto sembra uno strano gioco del destino.

Continua a leggere
  416 Visite
416 Visite

Fase preliminare: cosa penso di me

Fase preliminare cosa penso di me

Cari giovani, non sotterrate i talenti, i doni che Dio vi ha dato!
Non abbiate paura di sognare cose grandi!
(Papa Francesco)

Nel post precedente è stata presentata la struttura della proposta operativa, considerando che un’impostazione metacognitiva alla didattica è utile non solo per gli studenti più capaci ma soprattutto con gli alunni in difficoltà come quelli con B.E.S. e/o D.S.A. La didattica metacognitiva infatti consente di:

  • valorizzare nell’alunno le capacità di pensare e apprendere;
  • sostiene contemporaneamente la sua motivazione; all’apprendimento e all’autorealizzazione, in quanto... Si sente chiamato «parte in causa»; (Improta, A. 2016)[1]
  • consente lo sviluppo di processi inclusivi in classe (valorizzando quindi anche l’aspetto relazionale), giacché, “non ci si limita a trasmettere delle nozioni nuove o diverse, ma si insegna all’intero gruppo classe, e in particolare all’alunno dislessico, come fare a imparare delle nuove nozioni o delle nuove conoscenze, in maniera più strategica e funzionale”. La didattica metacognitiva, inoltre, aiuta “il bambino a comprendere, a rendersi conto che non è solo, a non sentirsi un malato, a sapere che può farcela, anche se non sempre sarà facile”. (Brembati, F. e Donini, R. 2015 - Grenci, R. 2013)[2]-[3].

Cominciamo con questo post nel presentare la Fase Preliminare.

Lo strumento prescelto è il questionario “Cosa penso di me” contenuto nel volume “Migliorare l’autostima – un approccio psicopedagogico per bambini ed adolescenti” di Pope A,  McHale S, Craighead E[4], liberamente fotocopiabile.

Lo strumento ha il pregio di essere di facile compilazione, non è uno strumento clinico ma permette allo studente (ma anche al caregiver, sia esso psicologo o  docente) di rendersi conto della percezione che l’alunno ha di sé nelle diverse aree della propria vita, con un questionario che ha lo scopo esplorativo di porsi come punto di partenza per la successiva riflessione.

A supporto del lavoro di ricerca è stato predisposto per i lettori del blog un file excel per la sintesi della situazione della classe. Il presente lavoro NON HA validità clinica, ma solo speculativa per condurre una discussione in classe e consentire agli studenti in relazione alla percezione di sé. Nel file sono contenuti 30 fogli di lavoro: uno per ogni studente/utente. Dopo aver compilato l'elenco degli alunni/utenti nella prima pagina, il loro Cognome e Nome questo  comparirà automaticamente                                             

  • Sul Foglio di lavoro n°2 denominato "Grafici"
  • Sui singoli fogli di lavoro, uno per ciascuno studente.

La sintesi del punteggio per ciascuna area comparirà automaticamente invece sulla prima pagina dopo aver compilato i fogli di lavoro indicati al punto 2).  

Come anticipato nel post precedente ogni lavoro sarà, inoltre, sempre seguito da una scheda di autovalutazione dello studente in relazione al contenuto del lavoro svolto e all’emozione sottesa. Una riflessione individuale sulle emozioni sottese al processo di apprendimento diventa infatti motore dell’apprendimento, nella prospettiva della motivazione e della significatività.

In allegato i materiali menzionati.

Non mi resta che augurarvi buona lettura e buon lavoro!

 

Note

[1] Improta, A. (2016). “I D.S.A.: Divertirsi Sapendo Apprendere (4)”. In Blog Psicologi a scuola su www.psiconline.it. 21 marzo.

[2] Brembati, F. e Donini, R. (2015). Dislessia: attività metacognitive per la scuola primaria. Workshop presentato al 10° Convegno Internazionale “La Qualità dell’integrazione scolastica e sociale”. Rimini, 13/15 novembre.

[3] Grenci, R. (2013). Capire la mia dislessia. Trento: Erickson.

[4] Pope A,  McHale S, Craighead E, “Migliorare l’autostima – un approccio psicopedagogico per bambini ed adolescenti”, Erickson, Trento,  1992

 

 

 

Continua a leggere
  635 Visite
635 Visite

Cappuccetto Rosso Mestruo: un messaggio di trasformazione interiore

Cappuccetto Rosso Mestruo un messaggio di trasformazione interioreCappuccetto rosso di Valentina Marra

C’era una volta una cara ragazzina. Solo a vederla le volevano tutti bene, e specialmente la nonna, che non sapeva più cosa regalarle. Una volta le offrì un cappuccetto di velluto rosso e, poiché le donava tanto che la ragazzina non volle più portare altro, la chiamarono sempre Cappuccetto Rosso.

Chi di voi, da bambini, non ha mai attraversato il bosco insieme alla ragazzina dai ciuffi dorati che fuoriescono timidamente da un cappuccio rosso? Ebbene, vi voglio riportare in quel tempo, lontano eppure così vicino, tra i ricordi e la nostalgia di vecchi racconti impressi nelle pagine ingiallite del libro dei fratelli Grimm, con la storia scritta nel 1857. Esiste però anche un’altra versione della fiaba, quella di Charles Perrault, celebre poeta e colto membro dell'Académie française, dal titolo Le Petit Chaperon Rouge. È del 1697. 

Continua a leggere
  604 Visite
604 Visite

Identità Giovani Covid

identita giovani covidL’identità dei giovani nel postmoderno è un bricolage costituito da un processo di composizione/scomposizione di molecole; è un costrutto che si modifica in rapporto alle circostanze. Sono le circostanze a caratterizzare i comportamenti, gli accadimenti. L’identità è il prodotto mutevole degli apprendimenti di base, della memoria autobiografica, delle relazioni affettive, del sociale, dei media.

Continua a leggere
  238 Visite
238 Visite

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters