Pubblicità

I blog di Psiconline

Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

Il computer antiquato e gli animali mai visti

il computer antiquato e gli animali mai vistiTRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Sogno di essere in ufficio, ma la "scrivania" in realtà è un tavolone che accoglie nei due lati almeno 6-8 persone.
Tutte le postazioni, e non solo quelle del tavolone, sono prive di computer e la cosa mi stupisce non poco.
Vedo che il computer è sotto il tavolo, lo metto nella mia postazione, ma è un computer antiquato con pochissime funzioni e inadatto a finire il lavoro che devo fare.
Cerco negli altri uffici che sono dislocati in una grande costruzione con particolari di bel design inusuale per un luogo dove si girano scartoffie!
Girando per questi spazi incontro un collega al quale nella realtà non rivolgo la parola da più di 16 anni; lui mi segue, io scappo, corro, lui mi rincorre ridendo e io faccio di tutto per sfuggirgli, ma fatico a distaccarlo.... nella corsa mi trovo in uno spazio aperto tra piante e rocce e quel luogo è pieno di animali che nel mio territorio non esistono: scimmie di cui una più grande di un uomo e tutta nera.... lucertole mai viste...”

Continua a leggere
  93 Visite
93 Visite

Scrivimi. Corrispondenze e altre parole d'amore...

titolo - articolo di valeria bianchi mianScrivimi, quando il vento avrà spogliato gli alberi…” – così cantava Nino Buonocore nell’ormai lontano 1990 e di certo con “scrivimi” intendeva davvero il tracciare parole con una penna in mano, in nero o magari blu su bianco, sopra un foglio di carta da lettere.

WhatsApp non era ancora nato. Messenger neppure. L’accesso al web non era ancora di massa, non era per tutti.

Continua a leggere
  245 Visite
245 Visite

Il progetto Educreando. Azioni educative e metodologia: Role Play & Drammatizzazione

Il progetto Educreando. Azioni educative e metodologia Role Play DrammatizzazioneUn incontro a due:
occhi negli occhi volto nel volto,
E quando tu sarai vicino
io coglierò i tuoi occhi
e li metterò al posto dei miei
e tu coglierai i miei occhi
e li metterai al posto dei tuoi
allora io ti guarderò coi tuoi occhi
e tu mi guarderai coi miei

Jacob Levi Moreno (Invito ad un incontro – 1914)

Continua a leggere
  345 Visite
345 Visite

La seduzione del Potere

la seduzione del potereSeduzione origina da “se ducere “ condurre fuori di se, andare oltre qualcosa che si pone fuori dal seminato, dal tracciato e portare a sé. Nel senso comune sedurre significa indurre l'Altro a lasciare le sue difese, le sue convinzioni per essere condotto verso una meta, un oggetto, un desiderio.

Il potere è un sostantivo che significa dominio: da dominĭu(m), deriv. di domĭnus ‘signore, padrone’ Il dominio ha la facoltà legittima di esercitare il pubblico potere da una persona su un’altra in virtù del ruolo, della funzione che riveste come l’autorità del padre sui figli; l’autorità del governo, dei ministri o abusare, approfittare della propria autorità.

Continua a leggere
  334 Visite
334 Visite

Riflessioni sulle modificazioni corporee estreme: Segno versus Simbolo

Il livello sul quale voglio soffermarmi in questo articolo per il Blog, perché spunto di riflessione particolarmente significativo, è relativo alle modificazioni corporee cosiddette “estreme”.

Riflessioni sulle modificazioni corporee estreme: Segno versus Simbolo

Il mondo contemporaneo ci offre molti spunti di discussione sul tema “segno versus simbolo”. Tempo fa avevo scritto una piccola raccolta di articoli1 sul mondo delle modificazioni corporee, dal semplice tatuaggio alle Extreme Body Modifications, e sui riti di passaggio. Questi ultimi sono momenti trasformativi che hanno avuto in passato e ancora oggi mantengono un senso profondo e radicato nelle società tribali; sono condivisioni di cambiamento, la cui eco raggiunge l’occidente senza per forza condurne con sé i presupposti.

Continua a leggere
  917 Visite
917 Visite

VISTI DA FUORI. L'immagine degli psicologi/psicoterapeuti sui social visti da loro stessi

Limmagine degli psicologi psicoterapeuti sui social visti dagli stessiQualche tempo fa, in uno dei gruppi di psicologia su Facebook, si discuteva sul fatto che la presenza degli psicologi/psicoterapeuti (abbr. psy) sul web pendesse dal lato del marketing. Sui social vengono riversate tonnellate di "saggezza psicologica", offerte di corsi/training, incontri civetta, proteste contro chi ci "ruba" il lavoro. Data la mia storia personale (psicologo clinico di laurea ma lavoro su territori "altri", come audiovisivi e informazione), osservo sempre questi fenomeni che delineano la nostra immagine. Soprattutto sui social.

Continua a leggere
  539 Visite
539 Visite

Azioni educative e metodologia: Fumetti & nuove tecnologie

 

Azioni educative e metodologia Fumetti e nuove tecnologieLa trattazione di ciascuna delle metodologie presentate, in questo e nei post successivi, lungi dall’essere esaustiva, rappresenta una riflessione che ha risvolti molto ampi. Rappresenta infatti un’opportunità di lavoro per gli psicologi che si occupano di ambienti educativi, ma anche una possibilità di riscatto e sviluppo per la scuola e (ambiziosamente) per la società. In questa prospettiva le riflessioni condivise si propongono come l’apertura su una strumenti e possibilità di intervento da approfondire autonomamente.

Questo è supportato dallo sviluppo tecnologico che facilita lo sviluppo di una mentalità,
senza la quale la tecnologia non avrebbe senso:
è la mentalità che consente di aprirsi all’altro, superando anche i limiti del territorio
(Isabel Manzione, Annamaria improta & coll.)

Sempre più spesso riferendosi agli adolescenti si parla di nativi digitali, multitasking, capaci di svolgere contemporaneamente più attività nell’universo del virtuale usando contemporaneamente computer, tv e cellulare. Tale uso è sotteso dal bisogno di essere iperconnessi con il mondo esterno ma il rischio è quello di confondere il reale con il virtuale. Inoltre da indagini effettuate all’inizio di ogni anno scolastico da docenti che usiano le TIC da anni, emerge che l’uso di tali tecnologie è spesso “passivo”: giocano, vanno su facebook, partecipano a forum e blog ma poi non sanno svolgere operazioni elementari come salvare un file o ritrovarlo una volta salvato etc…

Continua a leggere
  467 Visite
467 Visite

I Figli so' Figli

i figli so figliTRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Procedevo in macchina a una velocità moderata.
Nel percorso vedevo un paio di passaggi a livello aperti.
Poco prima del primo ho bruscamente frenato perché sulle strisce pedonali un gruppetto di donne e di bambini erano a lato della strada e attendevano di attraversare.
Mi sono fermata proprio a filo.”

Questo sogno porta la firma Marina.

Continua a leggere
  296 Visite
296 Visite

La Scala di Giacobbe: Stermini

La Scala di Giacobbe SterminiPer decenni singole persone, gruppi, popolazioni sono state inghiottite da un silenzio indicibile per quanto riguarda la storia dei campi di sterminio.

Dopo un lungo silenzio qualcuno si è ricordato del sogno di Giacobbe, l'ingannatore: «In sogno, Giacobbe vede una scala, la cui sommità arriva fino al cielo. C'è ancora. Alcuni l'hanno vista, anni fa, in una parte della Polonia, vicino a una stazione sperduta. E tutto un popolo saliva, saliva verso le nuvole infiammate. Ecco lo spavento che ha dovuto provare il nostro antenato Giacobbe – Elie Wiesel-».

Continua a leggere
  401 Visite
401 Visite

I tarocchi per giocare e per narrare: immagini antiche, storie moderne

I tarocchi per giocare e per narrare. immagini antiche storie moderneQuando ho ricevuto in dono i miei primi tarocchi ero una ragazzina. Le immagini di quel mazzo rinascimentale mi hanno accompagnata, insieme ad altre versioni dei ventidue arcani maggiori e dei loro compagni ‘minori’, fino alla giovinezza e oltre. Oggi i mazzi in mio possesso sono due, tre, quattro, cinque… e, a seconda delle attività che svolgo nel campo della formazione, che si tratti di laboratori di drammatizzazione o di scrittura, di performance artistiche e teatrali, scelgo di utilizzare di volta in volta i bellissimi e suggestivi Rider-Waite, gli accattivanti Crowley, i più popolari marsigliesi. Ciò che mi interessa è la pratica immaginale con le carte, la possibilità di farne strumento nella creatività quotidiana. Tra le mie ultime attività c'è “Il piccolo teatro delle carte”, una performance poetica e di teatro d’oggetti che condivido con l’attrice Marta di Giulio.

Continua a leggere
  516 Visite
516 Visite

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

News Letters