Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

I blog di Psiconline

Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

Familicidio

familicidioCi sono ancora accadimenti, eventi, fatti che scuotono le emozioni collettive e pongono delle domande alle quali spesso è difficile rispondere con assoluta certezza. Uno di questi è l’omicidio dentro le mura di casa di una famiglia.

L’omicidio familiare è possibile sostantivarlo in familicidio, che evidenzia meglio l’omicidio tra i famŭli: moglie, figli e pater familias. I familias sono persone che abitano nella stessa casa, sono legati da vincoli di sangue e fanno parte di un casato, di una stirpe o dinastia. Il sostantivo familicidio connota in modo più circostanziato l’evento dell’atto omicidario perché mette a fuoco in modo più centrale l’ambiente, la situazione e gli attori.

Continua a leggere
Vota:
29 Visite

Distopie possibili (ma la speranza è donna)

distopie possibiliQualche giorno fa ho partecipato al Book Speed Date organizzato da un noto caffè-libreria torinese (Luna’s Torta, in via Belfiore 50 – www.lunastorta.eu) in compagnia di altre tre scrittrici (Noemi Cuffia, Alessandra Racca, Laura Salvai). Quattro voci femminili per quattro libri scritti da donne; storie amate, narrazioni predilette, personaggi preferiti.

Io ho presentato “Il racconto dell’ancella” di Margaret Atwood, un romanzo distopico quanto basta per non essere così distante dal nostro tempo, dalla realtà contemporanea - realtà che, nel 1985 (anno in cui il libro è stato scritto), era ancora soltanto visione di un futuro possibile.

Continua a leggere
Vota:
2098 Visite

Il silenzio della paura

silenzio della pauraLa paura è l’espressione di uno stato comportamentale primario evoluzionistico che si sviluppa con l’origine della specie animale e umana.

La paura è una struttura di base psicogenetica arcaica, paleoncefalica, coinvolge il meccanismo della sopravvivenza dell’individuo come lotta, fuga, soddisfazione dei bisogni biologici di base (attività riproduttiva, cure materne, relazioni gruppo), causa comportamenti sociali e individuali reattivi o attivi e di allarme di fronte ad un pericolo imminente reale.

Continua a leggere
Vota:
248 Visite

L’abisso che ci separa dall’Africa

abisso africaPassano i mesi, passano gli anni. E anche le nostre idee sull'immigrazione si trasformano.

Continua a leggere
Vota:
663 Visite

Sessualità e colpa (Ci vuole un maschio/ci vuole un padre)

sessualità e colpaMargherita sogna di trovarsi in chiesa con una donna sconosciuta ed è seduta sui primi banchi della navata centrale.
Al momento della comunione la persona che è con lei la obbliga ad andare verso la parte sinistra della chiesa, verso la zona che non si vede, ma per spostarsi bisogna superare il preposto che distribuisce la particola.
Margherita sa che nella zona nascosta c’è una suora stesa a terra con la faccia rivolta verso il pavimento e che non può dare l’ostia consacrata .
E’ imbarazzante ritornare dal preposto.

L’analisi del sogno di Margherita procederà con la decodificazione dei simboli cardine e, di poi, si passerà alla ratifica del conflitto psichico.

Continua a leggere
Vota:
624 Visite

I gruppi di lavoro per l’inclusione: le “Parole per dirlo” (2)

bes le parole per dirloOgni bambino, ogni alunno, ogni cittadino deve poter immaginare, sognare e progettare
il proprio percorso di vita grazie al rapporto
fiduciario che instaura con se stesso
e col mondo intero.
(Fulvio Giardina)

L’offerta di una scuola inclusiva capace di accompagnare gli studenti nella crescita personale, sociale e formativa si articola su vari livelli e necessita di diversi strumenti. Per aiutare le istituzioni scolastiche in questo compito, è stata creata una rete di supporto territoriale, come punto di riferimento per i Bisogni Educativi Speciali1. La nostra bussola terminologica per orientarci negli acronimi più spesso utilizzati nella scuola termina tratteggiando a grandi linee i gruppi di lavoro (e i loro compiti) che, partendo dalla scuola e allargandosi poi sul territorio promuovono l’implementazione di strategie inclusive.

Continua a leggere
Vota:
1179 Visite

Diversità ed estraneità

scarafaggioIn questo tempo uno scarafaggio si aggira per le strade dell'Europa mettendo a soqquadro la stato sonnambolico dominato dalle onde theta.

Lo scarafaggio con la sua presenza enigmatica sollecita molteplici reazioni contrastanti.

C'è quella paranoica dell'amico-nemico che lo percepisce come qualcosa di avvicinabile ma pericoloso e va tenuto sotto osservazione perché potrebbe trasformarsi in un oggetto predatorio, invasivo andando ad occupare posti di lavoro, affetti, soldi e prestigio.

Continua a leggere
Vota:
260 Visite

5 minuti per pulire una spiaggia

5 minuti per pulire una spiaggia"L’estate sta finendo, un anno se ne va”, ma la nostra pattumiera resta, i rifiuti che abbiamo abbandonato si accumulano, rimangono a testimoniare il passaggio dell’essere umano sulla spiaggia.

Non parlo di te, di voi, e nemmeno di me, eppure parlo di tutti.

La differenza sta nel grado di consapevolezza che riguarda ogni singolo individuo: quello che deliberatamente getta per terra un contenitore di plastica, quello che passando lo vede ma non dice nulla, ma anche quello che, arrivando in un secondo momento, scorge l’oggetto per terra ma non lo raccoglie - come se il misfatto non lo riguardasse personalmente.

Continua a leggere
Vota:
663 Visite

Il migrante che sta al mio confine

Il migrante che sta al mio confineAgosto merita un articolo estivo, uno scritto assolato da leggere sotto l’ombrellone, all’ombra di un albero sopra una collina, oppure, se siete rimasti in città, da far scorrere sul vostro telefonino mentre gustate un caffè freddo al baretto nella piazza a Roma, Milano, Torino o … in qualunque “metropoli” semideserta. 

In questo momento io vi penso e vi scrivo seduta in un bel giardino; me ne sto a guardare i villeggianti che passeggiano sul lungomare di Ventimiglia, al confine tra l’Italia e la Francia.

Continua a leggere
Vota:
970 Visite

Il periodo buio dell'accoglienza

periodo buio accoglienzaNon ho mai vissuto un periodo così buio e difficile per quanto riguarda l'accoglienza dei migranti.

Non tanto per il solito motivo che viene tirato in ballo, cioè che sono troppi.

Non mi ha mai spaventato il numero. Ero abituata a visitarne anche 1600,  tutti sulla stessa nave, insieme ai colleghi infermieri.

No, il numero non conta. Ma e' come se nell'aria ci fossero delle sensazioni di negatività, per cui tutto viene vissuto male.

Continua a leggere
Vota:
709 Visite

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

signor (1507116572808)

fabio, 49       Buongiorno, a mio papà a 74 anni (ora ne ha 80) hanno riscontrato il morbo di alzheimer. ...

una vecchia storia d'amore.. (…

CRISTINA, 21       Salve, mi chimo cristina e ho 21 anni.Lo scorso marzo ho chiuso una relazione durata 1 anno e mezzo. ...

ne volevo solo parlare (150695…

Paulina, 16       Ciao, ho 16 anni e volevo parlare con qualcuno dei miei 'problemi' più che altro è un consiglio sul come comportarmi. ...

Area Professionale

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

L'abuso sessuale e la violenza…

Uno studio sull'abuso sessuale, condotto su 20 donne e realizzato dalla Dottoressa Loretta Sapora, utilizzando il Test semi-proiettivo I.Co.S. Il Confine del S...

Le parole della Psicologia

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters