Pubblicità

Fobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 937 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

fobiaLa fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del  livello di ansia.

Essa si differenzia dalla paura perché persiste nel tempo nonostante il confronto con la realtà e  con la consapevolezza della natura eccessiva della stessa.

Esistono tre caratteristiche salienti della fobia:

  • La paura è causata e limitata a stimoli considerati minacciosi,
  • La vicinanza dello stimolo determina evitamento ed una paura intensa,
  • La paura è eccessiva e interferisce con le normali attività quotidiane.

Il Manuale Diagnostico Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) colloca le fobie nei disturbi d’ansia e le divide in fobia specifica e fobia sociale.

La fobia specifica è caratterizzata da una forte ansia in seguito all’esposizione reale di un oggetto o di una situazione specifica. Esso è un disturbo molto comune nella popolazione generale, soprattutto nell’infanzia, e nella maggior parte dei casi vi è un declino con l’aumentare dell’età, portando ad una risoluzione spontanea nel tempo.  La persona riconosce che questa sua paura è eccessiva e irrazionale ma non riesce a controllarla. Le fobie specifiche sono riferibili a: animali, ambiente naturale, sangue-iniezioni-ferite e situazionali.

Pubblicità

La fobia sociale è caratterizzata dalla presenza di un forte disagio legato a una o più situazioni sociali, o a prestazioni in cui il soggetto può essere esposto al giudizio degli altri. La persona con fobie sociali  teme di agire in modo imbarazzante o umiliante o che le sue azioni possono apparire, agli occhi degli altri, inadeguate e/o ridicole. In questo caso vengono generati comportamenti di evitamento o malessere che possono interferire con le normali abitudini di vita, l’ambiente sociale e lavorativo.

A differenza della fobia specifica, la fobia sociale può assumere un decorso cronico e invalidante se non curata, portando a complicazioni come l’abuso di sostanze e depressione.

Per la diagnosi di fobia è necessario l’esclusione di ansia, panico ed evitamento giustificabili da altri disturbi psicologici come il disturbo ossessivo-compulsivo, il disturbo post-traumatico da stress e il disturbo d’ansia da separazione o dall’utilizzo di sostanze psicotrope.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Maldonato M. (2008). “Dizionario di scienze psicologiche”. Edizioni Simone,
  • Savron G. (2004) “Le fobie” . Medical system Editore.

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: fobia fobia specifica fobia sociale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters

0
condivisioni