Pubblicità

Fobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 895 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

fobiaLa fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del  livello di ansia.

Essa si differenzia dalla paura perché persiste nel tempo nonostante il confronto con la realtà e  con la consapevolezza della natura eccessiva della stessa.

Esistono tre caratteristiche salienti della fobia:

  • La paura è causata e limitata a stimoli considerati minacciosi,
  • La vicinanza dello stimolo determina evitamento ed una paura intensa,
  • La paura è eccessiva e interferisce con le normali attività quotidiane.

Il Manuale Diagnostico Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) colloca le fobie nei disturbi d’ansia e le divide in fobia specifica e fobia sociale.

La fobia specifica è caratterizzata da una forte ansia in seguito all’esposizione reale di un oggetto o di una situazione specifica. Esso è un disturbo molto comune nella popolazione generale, soprattutto nell’infanzia, e nella maggior parte dei casi vi è un declino con l’aumentare dell’età, portando ad una risoluzione spontanea nel tempo.  La persona riconosce che questa sua paura è eccessiva e irrazionale ma non riesce a controllarla. Le fobie specifiche sono riferibili a: animali, ambiente naturale, sangue-iniezioni-ferite e situazionali.

Pubblicità

La fobia sociale è caratterizzata dalla presenza di un forte disagio legato a una o più situazioni sociali, o a prestazioni in cui il soggetto può essere esposto al giudizio degli altri. La persona con fobie sociali  teme di agire in modo imbarazzante o umiliante o che le sue azioni possono apparire, agli occhi degli altri, inadeguate e/o ridicole. In questo caso vengono generati comportamenti di evitamento o malessere che possono interferire con le normali abitudini di vita, l’ambiente sociale e lavorativo.

A differenza della fobia specifica, la fobia sociale può assumere un decorso cronico e invalidante se non curata, portando a complicazioni come l’abuso di sostanze e depressione.

Per la diagnosi di fobia è necessario l’esclusione di ansia, panico ed evitamento giustificabili da altri disturbi psicologici come il disturbo ossessivo-compulsivo, il disturbo post-traumatico da stress e il disturbo d’ansia da separazione o dall’utilizzo di sostanze psicotrope.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Maldonato M. (2008). “Dizionario di scienze psicologiche”. Edizioni Simone,
  • Savron G. (2004) “Le fobie” . Medical system Editore.

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: fobia fobia specifica fobia sociale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angoscia è fondamentalmente diversa dalla...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

News Letters

0
condivisioni