Pubblicità

Depressione

Cultura e depressione

on . Postato in Depressione

La cultura può influenzare il nostro modo di sentire ed esprimere le emozioni? Può uno stesso sintomo o disturbo mentale essere esperito in modo completamente diverso tra le diverse culture?

Cultura e depressioneSubito dopo l'ora di pranzo, in una giornata estiva in Washington DC, la psicologa culturale Yulia Chentsova-Dutton sta mostrando delle stelle.

Vengono presentate sullo schermo di un computer dell'Università di Georgetown e per ogni stella è associata una targhetta: insonnia, anedonia, mal di testa, ritiro sociale, dolore cronico e altro ancora.

Depressione e Psicoterapia Analitica Bioenergetica

on . Postato in Depressione

Nelle persone che vivono delusioni, tristezze e che si sentono amareggiate, la carica energetica interna è presente in maniera limitata e si assiste ad un impoverimento nella capacità del loro sentire interiore. In questo contesto interpretativo, la depressione appare come un collasso interno

di Alfredo Ferrajoli

Depressione e Psicoterapia Analitica BioenergeticaSigmund Freud si era reso conto che le attività biologiche potevano essere influenzate da alcuni vissuti emotivi interiori e dagli stati d’animo. Né lui, però, né altri psicoanalisti approfondirono lo studio di questo legame e restò a Wilhelm Reich il compito di dimostrare la connessione diretta fra le funzioni corporee e i vissuti emozionali.

Fu infatti questo psicoanalista il primo ad introdurre, nella descrizione della depressione, il termine di “atrofia biopatica” per indicare l’indebolimento dell’apparato vivente fino ad arrivare ad una situazione di collasso energetico.

Corpo e depressione

on . Postato in Depressione

La depressione è come un collasso interno, un morire dentro, emotivamente e psicologicamente, e questo spiega perché è spesso accompagnata da pensieri, azioni o sentimenti suicidi.

Corpo e depressioneQuesta relazione tratterà il tema “depressione” attraverso il modello di riferimento analitico derivato dall’approccio reichiano e successivamente arricchito dalla metodica di Alexander Lowen, fondatore dell’analisi bioenergetica e dell’International Institute for Bioenergetic Analysis (I.I.B.A.) con sede in New York. E’ il modello al quale io faccio riferimento ed è lo stesso, ovviamente, dell’incontro dello scorso anno sugli attacchi di panico.

La psicoterapia cambia un "cervello depresso"?

on . Postato in Depressione

Una nuova ricerca pubblicata nella rivista “Psychiatry Research: Neuroimaging” ha evidenziato come la psicoterapia cognitivo-comportamentale e la psicoterapia psicodinamica apportano cambiamenti cerebrali chiave nelle aree di elaborazione emotiva.

La psicoterapia cambia un cervello depresso?Negli ultimi anni, le neuroscienze hanno cercato di indagare e delineare i correlati neurali dei cambiamenti generati dalla psicoterapia.

Una comprensione di questo tipo non solo aiuta a comprendere i processi precisi di come agisce la psicoterapia, aiutando così a concentrarci su tali aspetti, ma anche a mostrare dove gli interventi farmacologici potrebbero essere complementari e dove potrebbero invece ostacolare direttamente il lavoro terapeutico.

La depressione vista attraverso gli occhi della psicoanalisi

on . Postato in Depressione

La depressione, come evidenzia la psicoanalisi, ha al centro un significato psicologico di fondo che non può essere trascurato né oscurato dall'efficacia dei farmaci attuali.

La depressione vista attraverso gli occhi della psicoanalisiTre sono le cose importanti da sapere sulla depressione: è comune, fa male ed è sostanzialmente curabile.

Le esperienze depressive, come la tristezza che segue una delusione, o il lutto di una persona amata perduta, fanno parte della vita di tutti.

Le forme più gravi e persistenti di depressione, come depressione maggiore e distimia, sono molto comuni, affliggono circa 19 milioni di americani ogni anno e si manifestano con sintomi quali ipotimia, apatia, disturbi dell'appetito, del sonno, dell'energia e della concentrazione.

Combattere la paura di morire con la realtà virtuale

on . Postato in Depressione

Secondo uno studio recente i dispositivi che riproducono una realtà virtuale possono creare un’esperienza fuori dal corpo in grado, a quanto pare, di ridurre proprio la paura di morire poiché le esperienze "fuori dal corpo" migliorano l’atteggiamento verso la morte.

paura di morireLa paura di morire è un concetto più o meno familiare a tutti. Prima o poi, ci si ritrova a pensare, in qualche modo, a questo evento inevitabile. Esiste un modo per poter far sparire, o almeno diminuire, questa sensazione devastante?

La depressione. Quella visibile e quella invisibile.

on . Postato in Depressione

la depressione e i suoi correlati. Cosa è, cosa non è, quali le cause, quali le cure. In sintesi, Un articolo completo ed esaustivo per imparare a riconoscere la depressione e come fare per gestirla e curarla.

depressione visibile e invisibileIn questo articolo vorrei parlarvi di depressione. Per fare questo, devo cominciare dal raccontarvi cosa la depressione non è. 

Gli aspetti psicologici del dolore

on . Postato in Depressione

Molte persone riferiscono di avere dolore in assenza di danni ai tessuti o a cause fisiopatologiche e di solito questo accade per motivi psicologici

dolore.psicologiaL’obiettivo del presente articolo è quello di delineare gli aspetti psicologici inerenti il dolore, le metodologie psicologiche e le tecniche di trattamento del dolore.

Alterazioni del sonno nella depressione post-partum

on . Postato in Depressione

sonno e depressione post-partumAttualmente le condizioni di vita della donna, rispetto al passato, sono notevolmente cambiate; le donne hanno diversi impegni durante la loro giornata: oltre a prendersi cura della gestione famigliare, la maggior parte di loro ha anche un lavoro; ciò comporta che hanno meno tempo da dedicare a loro stesse ed alla loro salute.

Le fasi del sonno e il ciclo sonno-veglia

on . Postato in Depressione

Il sonno, come abbiamo già accennato, non è uno stato uniforme ma  varia costantemente nel corso della notte con modificazioni, che avvengono in intervalli di tempo molto variabili.

fasi sonnoIl sonno è un processo, quindi, dinamico, che dal punto di vista comportamentale e fisiologico si distingue in due componenti principali, che si succedono con una ciclicità di circa 70-120 minuti:

Sonno REM:  nel 1953 Eugene Aserinsky e Nathaniel Kleitman  scoprirono la presenza di movimenti oculari rapidi durante il sonno, e da questa caratteristica lo denominarono REM, cioè  Rapid Eye Movements: movimenti oculari rapidi.

Il sonno e i suoi disturbi

on . Postato in Depressione

Il sonno è quel fenomeno, senza il quale sarebbe impossibile vivere; è implicato nella regolazione della qualità della vita, dell’umore e della nostra efficienza durante la giornata.

il sonno e i suoi disturbiInfatti, benché il sonno sia rappresentato da un apparente stato di quiete, durante questo stato avvengono complessi cambiamenti a livello cerebrale che non possono essere spiegati solo come un semplice stato di riposo fisico e psichico. Ad esempio, ci sono alcune cellule cerebrali che in alcune fasi del sonno hanno una attività 5-10 volte maggiore rispetto alla veglia.

Due caratteristiche fondamentali distinguono il sonno dallo stato di veglia: la prima è che il sonno erige una barriera percettiva fra mondo cosciente e mondo esterno, la seconda è che uno stimolo sensoriale (ad esempio un rumore forte) può superare questa barriera e svegliare chi dorme.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

News Letters