Pubblicità

La nascita del Nemico

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 1152 volte

3 1 1 1 1 1 Votazione 3.00 (3 Voti)

Dal punto di vista psicologico il nemico, un oppositore, è utile alla giustificazione delle azioni future che si andranno a compiere in una direzione di personali benefici

di Fabio Gardelli

La nascita del NemicoNei dizionari viene definito “Nemico” colui che nutre sentimenti di ostilità verso qualcun altro e si comporta di conseguenza, cercando di procurargli danni e desiderando il suo male. Le successive caratterizzazioni di individui o gruppi identificati come nemici prendono il nome di “demonizzazione”. La propagazione della demonizzazione è un aspetto importante della propaganda. Un "nemico" può anche essere concettuale; usato per descrivere fenomeni impersonali come malattia o altre etichette definitorie in senso dispregiativo. Al contempo la propaganda ha anche un senso opposto verso chi propaga l’idea di nemico estremizzando definizioni ottimistiche su sé stessi: questo ha lo scopo di aumentare le differenze fra la contrapposizione amico/nemico.

In questi mesi in qualsiasi telegiornale viene ripetuta la parola nemico in modo reiterato e siamo invasi di informazioni a volte sensazionalistiche e propagandistiche provenienti da varie fonti. Oggi il tema mainstream è la guerra Russia/Ucraina, tempo fa il nemico era il “Sars Covid-19” e in vari periodi storici altri fenomeni culturali di interesse come le persone LGBT, persone di etnia africana e prima ancora nelle guerre mondiali gli ebrei.

Il fenomeno indipendentemente dallo svolgersi oggettivo degli eventi assume sempre una forma di costruzione culturale individuale o collettiva.

Spesso tali “costruzioni” assumono forme paradossali e nel tempo diventano contenuti ben lontani dal reale svolgersi degli eventi: i fatti, gli accadimenti. I fatti reali in queste costruzioni mentali vengono corredati e lentamente sostituiti da giudizi emozionali, pregiudizi ed etichette che non hanno nulla a che fare con gli episodi concreti originali. Questa tendenza fa in modo di spostare l’attenzione verso parole e contenuti non dimostrabili, dogmatici e giudicabili negativamente in senso sociale. Eventuali informazioni a cui si avrà accesso nel futuro saranno filtrate dalla mente dell’ascoltatore in modo da confermare e/o polarizzare il concetto di nemico attraverso un meccanismo cognitivo che prende il nome di “Confirmation Bias”: un errore cognitivo, una strategia euristica che serve nella decisionalità rapida laddove non si hanno subitane informazioni, utile in quei casi in cui l’immobilismo è più deleterio di una scelta errata.

A cosa serve il nemico?

Dal punto di vista psicologico il nemico, un oppositore è utile alla giustificazione delle azioni future che si andranno a compiere in una direzione di personali benefici. Inoltre è utile all’influenzamento delle masse a favore di una delle due fazioni. Il fenomeno di creazione antitetica è una strategia cognitiva naturale e connaturata in senso biologico che serve alla differenziazione di caratteristiche esterne ed interne per facilitare la differenziazione e categorizzazione. Tutto ciò che percepiamo è frutto di una designazione su base di differenze in senso di opposizioni: luce/ombra, giorno/notte, bello/brutto, pubblico/privato, nemico/amico etc.

È sempre utile crearsi un nemico?

È talvolta utile, soprattutto laddove vi sia necessità di scelte immediate con pochi rischi, polarizzare concettualizzazioni e definire qualcosa come nemico questo è appannaggio di scelte rapide: emozionali, dove i concetti di Amore, Odio, Nemico o Amico devono assumere connotati di scelte importanti dove perdersi in elucubrazioni lascerebbe ognuno di noi nell’immobilità. Invece nei casi dove i rischi possono essere estesi e si ha il tempo di decidere le azioni successive può essere anche gravemente dannoso creare un nemico fittizio anche perché questo nel tempo (qui abbiamo molti esempi storici come il comunismo, fascismo o nazismo per citarne i più riconoscibili) può avere effetti opposti trasformando “gli amici” in “nemici” e lasciando, nel caso di fenomeni massmediatici, il popolo sfiduciato dalle informazioni. Questo rappresenta il DANNO più grave perché in un sistema democratico un popolo che non crede più alle informazioni è un popolo inerme e demotivato all’azione: rischia di diventare un popolo “zombificato” e vulnerabile alle sole informazioni sensazionalistiche.

Difendere i propri confini, proteggere sé stessi e i propri cari è una cosa fondamentale, non farla anche a livello identitario risulterebbe antievoluzionistico e porterebbe all’estinzione. È di vitale importanza difendere il proprio confine, ma è ancora più vitale CONOSCERE il proprio confine: dove finisce la mia libertà inizia quella dell’altro diverso da me.

Spesso il nostro vero nemico siamo NOI STESSI: le nostre costruzioni, le nostre narrazioni ed estremizzazioni che dopo alcuni vantaggi nell’immediatezza tendono a portarci grossi svantaggi nel lungo periodo.

La nascita di un nemico impone una strada a senso unico, inibisce le mediazioni e la rivalutazione della molteplicità dell’esistenza umana, ivi compresa l’incoerenza e i paradossi presenti in ognuno di noi.

Dott. Fabio Gardelli - Psicoterapeuta

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni