Pubblicità

I confini sfocati in famiglia: l'invischiamento

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 5236 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

L'invischiamento, una dinamica familiare che può essere descritta come la presenza di confini sfocati tra i membri, può rendere difficile o impossibile per un bambino sviluppare un senso individuale di sé perchè eccessivamente preoccupati per gli altri.

I confini sfocati in famiglia: l'invischiamentoLo psicoterapeuta familiare Salvador Minuchin ha portato alla luce questo concetto negli anni '70, e l'argomento è diventato comune nella discussione psicologica attuale.

Ma cosa costituisce esattamente l'invischiamento? Come si sviluppa? E come può essere affrontato?

Tipicamente, le radici dell'invischiamento possono essere ricondotte ai genitori che si identificano troppo con un bambino, una dinamica spesso tramandata di generazione in generazione.

All'interno di questa dinamica, i confini sono sfocati - e possono persino essere considerati indesiderabili - ed il genitore può considerare il bambino come una sua estensione, piuttosto che avente una propria individualità, e trattarli di conseguenza.

Automaticamente, i figli nati e cresciuti in sistemi familiari invischiati spesso sviluppano legami emotivi che suscitano confusione e che non consentono di divenire persone autonome.

Un senso di autonomia sottosviluppato può rendere difficile per il bambino agire sui desideri che differiscono da quello del genitore o portarlo a sentirsi in colpa quando tenta di agire sui propri sentimenti.

Il genitore invischiato può anche reagire negativamente quando il bambino tenta di dimostrare autonomia o indipendenza, il che può avere un impatto dannoso sul bambino e sulla dinamica della famiglia in generale.

Pubblicità

L'intreccio tra genitore e figlio rende difficile separare le emozioni del bambino dalle emozioni del genitore.

Si può dire, quindi, che un bambino può assumere il dolore emotivo del genitore che deriva dalle dinamiche invischianti con la propria famiglia di origine.

Questo non è raro e spesso è fatto inconsciamente - un bambino non si rende conto che sta assumendo il dolore emotivo dei genitori.

Un altro modo di guardarlo è pensare in termini di “assorbimento” del dolore emotivo del genitore.

Un genitore che proietta un dolore emotivo probabilmente non è coscientemente consapevole di farlo, ma semplicemente sta ripetendo il ciclo che ha avuto luogo nella sua infanzia.

Evitare l'invischiamento

Per evitare di rimanere invischiati con i propri figli, i genitori devono avere un senso circa il loro scopo nella vita, i loro hobby e le loro passioni in modi separati dai loro figli.

L'autostima di un genitore non può fare affidamento sul comportamento o sulle realizzazioni di un bambino. Quando la propria autostima è definita dalle azioni o dalle scelte del proprio figlio, la pressione sul bambino per eseguire, per soddisfare le aspettative, diventa pesante e onerosa.

L'autostima di un genitore non è responsabilità del bambino, ed i bambini che assumono questa carico, consciamente o inconsciamente, spesso non riescono a sviluppare l'autostima e/o il senso dell'identità personale.

I bambini generalmente si affidano ai loro genitori per il supporto. Ma prima che un bambino possa aspettarsi di ricevere questo sostegno, generalmente hanno bisogno di sapere che il genitore è emotivamente forte e che lo sosterrà così com'è, non solo per quello che il genitore vuole che sia.

Quando un bambino è sicuro di questo, si sentirà tipicamente libero di essere se stesso e di seguire le proprie passioni senza sentirsi responsabile per il dolore emotivo o la delusione del genitore.

Nelle famiglie colpite dall'invischiamento, i bambini possono evitare di cercare aiuto quando incontrano difficoltà o dilemmi nella vita, temendo che il genitore imponga il proprio programma piuttosto che offrire assistenza e supporto.

Quando i genitori modellano buone abitudini di cura di sé, confini appropriati ed emozioni regolate, d'altra parte, i bambini hanno maggiori probabilità di desiderare di passare del tempo con loro, al contrario di quando un bambino si sente semplicemente obbligato a prendersi cura dei propri genitori o gestire le loro emozioni.

Cosa possono fare i genitori per affrontare l'invischiamento?

È fondamentale cercare l'aiuto di uno psicoterapeuta familiare quando si riconosce uno dei seguenti aspetti nella dinamica genitore-figlio:

Pubblicità

  • il bambino è inteso come unico scopo di vita;
  • ci si prende cura del figlio a discapito di sé stessi;
  • l'autostima è definita da comportamento, dalle realizzazioni o dalla mancanza di risultati del bambino;
  • il bambino appare come il barometro della felicità;
  • i confini tra genitore e figlio sono sfocati o incrociati. Ad esempio, si ritiene necessario conoscere tutto sulla vita quotidiana del figlio, come ciò che dicono o ciò che fanno.

Coloro che riconoscono la dinamica dell'invischiamento ripetuto nelle loro relazioni possono lavorare con uno psicoterapeuta che usa un modello di sistemi familiari per affrontare tale schema ed interrompere il ciclo.

I bambini in famiglie invischiate possono considerare la relazione genitore-figlio come un obbligo o un onere e, quando raggiungono l'età adulta, cercare relazioni che perpetuano questa dinamica.

I genitori che si assumono la responsabilità per la propria autostima ed il proprio dolore emotivo, probabilmente, hanno relazioni più salutari con i propri figli, dove i bambini scelgono di essere coinvolti nella vita dei loro genitori e sono in grado di stabilire le loro relazioni in modo sano ed indipendente.

 

(a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: famiglia invischiamento dinamica familiare

0
condivisioni

Guarda anche...

Altro

Perché la gente si tatua?

Ricerche recenti approfondiscono la nostra comprensione su come vengono percepiti i tatuaggi. Quando i tatuaggi emersero per la prima volta nel 1800, erano considerati un segno dell'essere un...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Affetto

L'affetto (dal latino "adfectus", da "adficere", cioè "ad" e "facere", che significano "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega u...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

News Letters

0
condivisioni