Pubblicità

Angoscia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 15883 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (8 Voti)

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angoscia è fondamentalmente diversa dalla paura. Noi abbiamo paura sempre di questo o di quell'ente determinato, che in questo o in quel determinato riguardo ci minaccia. La paura di... è sempre anche paura per qualcosa di determinato. Nell'angoscia, (..)Non possiamo dire dinanzi a che cosa uno è spaesato, perché lo è nell'insieme. (..)L'angoscia rivela il niente. (..)Nella luminosità dello sguardo sorretto dal ricordo ancora fresco, dobbiamo dire: ciò di cui e per cui ci angosciavamo non era "propriamente" - niente.
 In effetti il niente stesso, in quanto tale, era presente (Martin Heidegger)


Angoscia in pietraCon il termine angoscia si intende uno stato di sofferenza psichica e fisica caratterizzata da sentimenti intensi di ansia e depressione, timore diffuso, vissuti di insicurezza e disgrazia imminente, accompagnati anche da una sintomatologia fisica, endocrinologica e comportamentale.

L'angoscia  può essere associata:

  • ad una sensazione temporanea: in questi casi essa può diminuire quando la stessa condizione da cui è stata generata giunge al termine;
  • esistenziale: situazione che si può protrae nel tempo ed è associata ad un forte senso di paura immotivata e sensazione di catastrofe imminente.

Molto spesso l’angoscia esistenziale può essere associata anche ad  altri disturbi come disturbo d’ansia generalizzato.

Quando essa si protrae nel tempo conduce a stati di malinconia intensa, fino a  giungere a veri e propri stati depressivi; essa può essere correlata a diverse problematiche, le quali, nel corso dell’esistenza non sono mai state affrontate in maniera adeguata.

L’angoscia, molto spesso, viene considerata come uno stato non spiegabile e controllabile, ma, indipendnetemente dalle caratteristiche con cui si manifesta, tali sensazioni rappresentano sempre un segnale che non può e non deve essere ignorato.

 La sua insorgenza ha sempre un  duplice significato:

  1. indica un segno di rottura e la necessità di prendere distante da eventi o desideri non esaudibili.
  2. indica una sensazione di insoddisfazione, che qualcosa non va , o che non si riesce a trovare un senso a ciò che si sta facendo.  

Molto spesso il termine angoscia viene attribuito erroneamente al termine ansia.

Tuttavia è necessario chiarire la differenza di queste due condizioni:

  • L’ansia può essere definita come una stato di allarme più o meno prolungato, caratterizzato da  sensazioni psicofisiche e da paura verso uno stimolo potenzialmente pericoloso.

L’angoscia  è un’emozione meno specifica, simile alla paura, ma, spesso non associata a qualcosa. Per tale motivo essa è stata definita "terrore senza nome." Essa deriva da una percezione catastrofica della realtà e interessa livelli più profondi dell'Io.

Nella sua  teoria psicoanalitica, Freud pone una distinzione tra  angoscia segnale e angoscia primaria.

L’’angoscia segnale indica un meccanismo di allarme che avverte l’individuo della presenza di un potenziale pericolo, tale meccanismo è finalizzato ad attivare le difese dell’io per fare fronte alla situazione.

L'angoscia  primaria, invece, rappresenta un emozione che accompagna la disintegrazione dell’io ed è associata all’incapacità da parte del soggetto di far fronte, attraverso strategie difensive ai segnali d’ angoscia.

Secondo altri autori l'angoscia rapprensenta  una variabile dell’ansia; ogni  individuo ha un modo differente di reagire o rispondere all’ansia; l’angoscia potrebbe rapppresentare una delle tanti risposte ad essa.  

Pubblicità

Secondo Lacan  l’angoscia è localizzata nel corpo. Essa nasce dalla paura di non avere più un senso di identità ma di essere  ridotti solo al corpo. L’angoscia è definita dall’autore come “paura della paura”.

Per Bowlby, l’angoscia nasce durante l’infanzia, quando, nella fase di attaccamento, essa rappresenta una risposta alla separazione o alla possibile separazione da parte della figura materna, pertanto, essa prende il nome di Angoscia da Separazione.

In psichiatria l’angoscia è definita come una sensazione psico-fisica, in cui il soggetto è tormentato da paura e preoccupazioni non ben definibili, essa è associata ad un forte senso di costrizione che si traduce sul versante somatico. 

Trattamento

L'incapacità di dstinguere l'angoscia dall' ansia o da altri possibili disturbi, crea diffIcoltà ad individuare trattamentI adeguatI per i pazienti. 

Tuttavia possono essere consigliati trattamenti psicoterapeutici associati a quelli  farmacologici.

 

Per Approfindimenti

  • dizionario di Scienze Psicologiche. Ed. Simone
  • www.crescita-personale.it
  • https://www.federazionepagana.it
  • www.spiweb.it
  • www.wikipedia.org

( A cura della dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: depressione ansia angoscia paura malinconia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni