Pubblicità

Angoscia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 15317 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (8 Voti)

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angoscia è fondamentalmente diversa dalla paura. Noi abbiamo paura sempre di questo o di quell'ente determinato, che in questo o in quel determinato riguardo ci minaccia. La paura di... è sempre anche paura per qualcosa di determinato. Nell'angoscia, (..)Non possiamo dire dinanzi a che cosa uno è spaesato, perché lo è nell'insieme. (..)L'angoscia rivela il niente. (..)Nella luminosità dello sguardo sorretto dal ricordo ancora fresco, dobbiamo dire: ciò di cui e per cui ci angosciavamo non era "propriamente" - niente.
 In effetti il niente stesso, in quanto tale, era presente (Martin Heidegger)


Angoscia in pietraCon il termine angoscia si intende uno stato di sofferenza psichica e fisica caratterizzata da sentimenti intensi di ansia e depressione, timore diffuso, vissuti di insicurezza e disgrazia imminente, accompagnati anche da una sintomatologia fisica, endocrinologica e comportamentale.

L'angoscia  può essere associata:

  • ad una sensazione temporanea: in questi casi essa può diminuire quando la stessa condizione da cui è stata generata giunge al termine;
  • esistenziale: situazione che si può protrae nel tempo ed è associata ad un forte senso di paura immotivata e sensazione di catastrofe imminente.

Molto spesso l’angoscia esistenziale può essere associata anche ad  altri disturbi come disturbo d’ansia generalizzato.

Quando essa si protrae nel tempo conduce a stati di malinconia intensa, fino a  giungere a veri e propri stati depressivi; essa può essere correlata a diverse problematiche, le quali, nel corso dell’esistenza non sono mai state affrontate in maniera adeguata.

L’angoscia, molto spesso, viene considerata come uno stato non spiegabile e controllabile, ma, indipendnetemente dalle caratteristiche con cui si manifesta, tali sensazioni rappresentano sempre un segnale che non può e non deve essere ignorato.

 La sua insorgenza ha sempre un  duplice significato:

  1. indica un segno di rottura e la necessità di prendere distante da eventi o desideri non esaudibili.
  2. indica una sensazione di insoddisfazione, che qualcosa non va , o che non si riesce a trovare un senso a ciò che si sta facendo.  

Molto spesso il termine angoscia viene attribuito erroneamente al termine ansia.

Tuttavia è necessario chiarire la differenza di queste due condizioni:

  • L’ansia può essere definita come una stato di allarme più o meno prolungato, caratterizzato da  sensazioni psicofisiche e da paura verso uno stimolo potenzialmente pericoloso.

L’angoscia  è un’emozione meno specifica, simile alla paura, ma, spesso non associata a qualcosa. Per tale motivo essa è stata definita "terrore senza nome." Essa deriva da una percezione catastrofica della realtà e interessa livelli più profondi dell'Io.

Nella sua  teoria psicoanalitica, Freud pone una distinzione tra  angoscia segnale e angoscia primaria.

L’’angoscia segnale indica un meccanismo di allarme che avverte l’individuo della presenza di un potenziale pericolo, tale meccanismo è finalizzato ad attivare le difese dell’io per fare fronte alla situazione.

L'angoscia  primaria, invece, rappresenta un emozione che accompagna la disintegrazione dell’io ed è associata all’incapacità da parte del soggetto di far fronte, attraverso strategie difensive ai segnali d’ angoscia.

Secondo altri autori l'angoscia rapprensenta  una variabile dell’ansia; ogni  individuo ha un modo differente di reagire o rispondere all’ansia; l’angoscia potrebbe rapppresentare una delle tanti risposte ad essa.  

Pubblicità

Secondo Lacan  l’angoscia è localizzata nel corpo. Essa nasce dalla paura di non avere più un senso di identità ma di essere  ridotti solo al corpo. L’angoscia è definita dall’autore come “paura della paura”.

Per Bowlby, l’angoscia nasce durante l’infanzia, quando, nella fase di attaccamento, essa rappresenta una risposta alla separazione o alla possibile separazione da parte della figura materna, pertanto, essa prende il nome di Angoscia da Separazione.

In psichiatria l’angoscia è definita come una sensazione psico-fisica, in cui il soggetto è tormentato da paura e preoccupazioni non ben definibili, essa è associata ad un forte senso di costrizione che si traduce sul versante somatico. 

Trattamento

L'incapacità di dstinguere l'angoscia dall' ansia o da altri possibili disturbi, crea diffIcoltà ad individuare trattamentI adeguatI per i pazienti. 

Tuttavia possono essere consigliati trattamenti psicoterapeutici associati a quelli  farmacologici.

 

Per Approfindimenti

  • dizionario di Scienze Psicologiche. Ed. Simone
  • www.crescita-personale.it
  • https://www.federazionepagana.it
  • www.spiweb.it
  • www.wikipedia.org

( A cura della dottoressa Addorisio De Feo Ilaria)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: depressione ansia angoscia paura malinconia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Melatonina

Omone secreto dai pinealociti della ghiandola pineale (o epifisi), derivato dalla serotonina, regolatore dei ritmi circadiani.   Il ruolo più noto dell...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni