Pubblicità

Giovani depressi = futuri adulti problematici

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1883 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo un ampio studio svedese la depressione sperimentata in giovane età potrebbe essere in forte relazione con le future complicazioni psichiatriche.

 depressione giovanile

Secondo i ricercatori della Karolinska Institutet, in Svezia, dopo avere svolto uno studio di osservazione su un campione composto da 1,5 mln tra ragazze e ragazzi, con lo scopo di confermare e quantificare l'associazione della depressione giovanile con successive diagnosi di numerose malattie somatiche e di mortalità, confermano l'esistenza di tale correlazione.

"Il nostro studio mostra che i bambini e gli adolescenti con diagnosi di depressione hanno un rischio significativamente più elevato di morte prematura, autolesionismo e sofferenza da altre malattie in età adulta", afferma Sarah E. Bergen, ricercatrice capo presso il Dipartimento di Epidemiologia Medica e Biostatistica alla Karolinska Institutet e prosegue"sottolineando quanto sia importante che questi bambini e adolescenti ricevano l'aiuto di cui hanno bisogno e che il personale medico sorvegli il successivo possibile sviluppo di malattie psichiatriche e/o somatiche".

La depressione viene diagnosticata raramente nei bambini piccoli, ma aumenta prevalentemente durante l'adolescenza. Precedenti studi hanno collegato la depressione negli adolescenti a un aumento del rischio di diversi esiti avversi, tra cui arterosclerosi, malattie cardiovascolari e morte prematura ed altre condizioni psicopatologiche, come l'ansia e il disturbo da uso di sostanze.

Lo studio ha rilevato che i bambini e gli adolescenti con depressione avevano un rischio maggiore di essere diagnosticati su 66 delle 69 condizioni mediche esaminate e prese in considerazione, tra cui disturbi del sonno, diabete di tipo 2, epatite virale e malattie renali ed epatiche.

Pubblicità

Rispetto a quelli senza depressione, avevano anche un rischio significativamente più elevato di lesioni, in particolare da autolesionismo, un rischio quasi sei volte maggiore di morte e nei risultati sono stati rilevati dati che a riguardo implicherebbero una differenza di genere. Ad esempio, le donne con depressione ad esordio precoce avevano maggiori probabilità di subire lesioni e infezioni urinarie, respiratorie e gastrointestinali. Gli uomini, d'altra parte, avevano maggiori probabilità di avere obesità, problemi alla tiroide, celiachia, disturbi del tessuto connettivo ed eczema.

I pazienti con depressione diagnosticata durante la loro giovinezza sembravano avere maggiori rischi di poter poter contrarre malattie somatiche in età adulta così come per il rischio/morte, pur essendo costantemente monitorati per la presenza di altri disturbi psicopatologici. Questi risultati suggeriscono che dovrebbe essere presa in considerazione, quando si studia la depressione giovanile, la possibilità di effettuare sugli stessi soggetti successive verifiche in età adulta in relazione a possibili diverse problematiche di tipo medico e/o psicopatologico.

 

 

Riferimento:

  • Marica Leone, Ralf Kuja-Halkola, Amy Leval, Brian M. D'Onofrio, Henrik Larsson, Paul Lichtenstein, Sarah E. Bergen. Association of youth depression with subsequent somatic diseases and premature deathJAMA Psychiatry, 2020 DOI: 10.1001/jamapsychiatry.2020.3786

 

 

 

(a cura della dott.ssa Assunta Giuliano)

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

Tags: morte prematura depressione giovanile malattie psichiatriche

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

News Letters

0
condivisioni