Pubblicità

0
condivisioni

Test di Autovalutazione dello Shopping Compulsivo

shopping compulsivo

Lo shopping compulsivo è un comportamento guidato da un impulso urgente e irresistibile a comprare, che per quanto vissuto come eccessivo da chi lo mette in atto, viene ripetuto più e più volte fino a che determina effetti dannosi per l’individuo e per le persone a lui legate.

Il comportamento viene mantenuto nonostante le gravi conseguenze personali e gli innumerevoli tentativi fallimentari di controllarlo e di porvi fine.

Le problematiche che conseguono ai comportamenti di shopping compulsivo sono sentimenti di colpa, vergogna, umiliazione, spesso con problemi di salute, problemi familiari, lavorativi, legali e finanziari.

Il primo passo verso il superamento del problema è riconoscere di avere un problema per cui vi invitiamo a compilare il Questionario che segue, sempre tenendo conto che lo stesso può fornire delle indicazioni e non una diagnosi, che è prerogativa esclusiva di uno psicologo o di uno psichiatra a cui può essere opportuno rivolgersi se i punteggi ottenuti lo indicano.

Buon lavoro.

 

Quanto frequentemente acquista cose che non usa?



 

Quanto frequentemente acquista cose senza avere il denaro sufficiente?



 

Quanto spesso raccoglie oggetti che altri hanno gettato?



 

 

Quanto si sente in obbligo di acquistare qualcosa anche se non le occorre?



 

Quanto spesso sente il bisogno di possedere assolutamente qualcosa che vede mentre sta facendo shopping?



 

Quanto spesso si sente in ansia o depresso quando non acquista qualcosa che avrebbe veramente voluto?



 

Quanto spesso fa acquisti per sentirsi meglio?



 

Fino a che punto si sente angosciato o sconvolto per aver comprato ogetti superflui?



 

Lo shopping eccessivo le ha causato difficoltà finanziarie?



 

Spende più tempo del voluto facendo shopping?



 

Lei guarda nei rifiuti di altre persone per trovare cose da portare a casa?



 

Lo shopping eccessivo ha interferito sulla sua vita sociale o sul suo lavoro?



 

Dettagli utente

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

non riesco a capire e passo le…

Luca, 47 anni Buongiorno a tutti Ho 47 anni e sono un docente di ruolo (solo da due anni). Ho faticato tutta la vita per avere una posizione come questa e ...

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Area Professionale

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Eating Disorder Voice: la voce…

Un nuovo studio, condotta da Matthew Pugh, Psicologo clinico presso il Vincent Square Eating Disorder Service di Londra, esplora l'associazione tra la presenza ...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters

0
condivisioni