Pubblicità

Bulimia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2264 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini greci boús = bue e limόs = fame, cioè “fame da bue”, il che indica le ricorrenti abbuffate dei soggetti che soffrono di questo disturbo, capaci di introdurre fino a 5000 calorie in un solo pasto.

Durante queste abbuffate, l’ingestione del cibo è compulsiva, con una scarsa attenzione ai sapori.

Lo psichiatra Gerald Russell, studioso dei comportamenti alimentari, fu il primo a dar nome a tale disturbo nel 1979, chiamandola: “bulimia nervosa:una inquietante variante dell’anoressia nervosa”. Il sesso femminile è risultato essere più colpito da questo disturbo, con un’insorgenza attorno alla tarda adolescenza (12/14 anni) o nella prima età adulta (18/19 anni).

Le caratteristiche principali di questo disturbo sono:

  • Eccessi alimentari: un grandissimo bisogno di mangiare senza alcun limite, che si verifica con episodi ricorrenti ed è scatenato da particolari stati d’animo, fatti o circostanze. Il cibo può essere di varia natura: dolci, alimenti ipercalorici, pietanze fredde o addirittura ancora surgelate.
  • Disperati tentativi di contrastare le conseguenze degli eccessi alimentari:  i principali metodi  utilizzati sono le cosiddette condotte di eliminazione, come il vomito autoindotto, l’uso di lassativi o di diuretici. In altri casi, questi comportamenti sono assenti e il mantenimento del peso corporeo è ottenuto mediante l’esercizio fisico esagerato o fasi di digiuno successivo.

Pubblicità

La caratteristica più importante è la paura ossessiva di ingrassare, una paura talmente intensa da far ignorare tutte le considerazioni relative alla salute, all’equilibrio mentale e ai rapporti personali.

Un aspetto fondamentale che accompagna le crisi bulimiche è la sensazione di perdere il controllo di sé: spesso i pazienti  riferiscono una sensazione di estraniamento durante l’abbuffata. Dopo la crisi quasi sempre subentrano senso di colpa e autosvalutazione.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Gomez J. (2000) “Tenere testa alla bulimia”. Editori Riuniti.
  • Lingiardi V. (2004) “La personalità e i suoi disturbi”. Il Saggiatore, Milano.

 

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: disturbi alimentari bulimia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Psicodramma

Lo Psicodramma è la più antica terapia di gruppo.   Lo psichiatra Jacov Levi Moreno (1889-1974) in un suo lavoro giovanile (1911) e in un suo scritto sul...

Arpaxofilia

L'arpaxofilia è una parafilia, riguarda l'eccitazione sessuale che si prova nell’essere derubati, quindi quando ci si trova in una situazione di pericolo. Vist...

News Letters

0
condivisioni