Pubblicità

Bulimia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2086 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini greci boús = bue e limόs = fame, cioè “fame da bue”, il che indica le ricorrenti abbuffate dei soggetti che soffrono di questo disturbo, capaci di introdurre fino a 5000 calorie in un solo pasto.

Durante queste abbuffate, l’ingestione del cibo è compulsiva, con una scarsa attenzione ai sapori.

Lo psichiatra Gerald Russell, studioso dei comportamenti alimentari, fu il primo a dar nome a tale disturbo nel 1979, chiamandola: “bulimia nervosa:una inquietante variante dell’anoressia nervosa”. Il sesso femminile è risultato essere più colpito da questo disturbo, con un’insorgenza attorno alla tarda adolescenza (12/14 anni) o nella prima età adulta (18/19 anni).

Le caratteristiche principali di questo disturbo sono:

  • Eccessi alimentari: un grandissimo bisogno di mangiare senza alcun limite, che si verifica con episodi ricorrenti ed è scatenato da particolari stati d’animo, fatti o circostanze. Il cibo può essere di varia natura: dolci, alimenti ipercalorici, pietanze fredde o addirittura ancora surgelate.
  • Disperati tentativi di contrastare le conseguenze degli eccessi alimentari:  i principali metodi  utilizzati sono le cosiddette condotte di eliminazione, come il vomito autoindotto, l’uso di lassativi o di diuretici. In altri casi, questi comportamenti sono assenti e il mantenimento del peso corporeo è ottenuto mediante l’esercizio fisico esagerato o fasi di digiuno successivo.

Pubblicità

La caratteristica più importante è la paura ossessiva di ingrassare, una paura talmente intensa da far ignorare tutte le considerazioni relative alla salute, all’equilibrio mentale e ai rapporti personali.

Un aspetto fondamentale che accompagna le crisi bulimiche è la sensazione di perdere il controllo di sé: spesso i pazienti  riferiscono una sensazione di estraniamento durante l’abbuffata. Dopo la crisi quasi sempre subentrano senso di colpa e autosvalutazione.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Gomez J. (2000) “Tenere testa alla bulimia”. Editori Riuniti.
  • Lingiardi V. (2004) “La personalità e i suoi disturbi”. Il Saggiatore, Milano.

 

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: disturbi alimentari bulimia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni