Pubblicità

Depressione post-partum (depressione post-natale)

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1354 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Depressione post-partumLa depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto.

Se nella maggior parte dei casi la gestazione rappresenta un momento di grande felicità per la donna, grazie all’intima unione che si crea con il figlio, subito dopo il parto, invece, la situazione può completamente cambiare poiché la donna diventa molto vulnerabile.

Circa il 70% delle neo-mamme presenta dei leggeri sintomi di depressione, che lo psicoanalista inglese D. Winnicott ha chiamato “baby blues” i cui sintomi, che scompaiono nel giro di pochi giorni, comprendono crisi di pianto senza apparente motivo, irritabilità, inquietudine e ansia.

La depressione post-partum, invece, presenta dei sintomi ben più gravi e duraturi:

  • umore depresso per la maggior parte del tempo;
  • marcata diminuzione di interesse e di piacere per tutte, o quasi, le attività,
  • mancanza di energia,
  • agitazione o rallentamento psicomotorio,
  • significativa perdita o aumento di peso,
  • ridotta capacità di pensare o di concentrarsi,
  • insonnia o ipersonnia,
  • pensieri ricorrenti di morte.

Tali sintomi hanno una particolare rilevanza non solo perché ostacolano il recupero fisico della madre ma anche perché possono compromettere il benessere del neonato.

Pubblicità

L’incapacità di prendere sonno può rendere maggiormente fastidioso doversi svegliarsi per allattare il bambino; le difficoltà di concentrazione e nel prendere decisioni possono essere accentuate dalle necessità legate all’accudimento del bambino; l’irritabilità e l’instabilità possono rendere più difficile la gestione dei figli.

Molte donne che vivono la depressione post-partum si sentono fallite come madri, il loro livello d’ansia è elevato e focalizzato sul benessere del bambino. In questo contesto le difficoltà di coppia spesso si aggravano e le donne percepiscono scarso sostegno da parte dei loro compagni, che a loro volta possono fare fatica ad adattarsi alle esigenze del bambino.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Lanzi G. (1994). “La depressione nel bambino e nell’adolescente.”Armando Editore
  • Erikson E. (1984). “I cicli della vita. Continuità e mutamenti.” Armando Editore
  • Murray L. (1999). “Espressione del post-partum e sviluppo del bambino.” Edizioni Internazionali

 

(a cura della Dottoressa Mariagrazia Susanna)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione post-partum

0
condivisioni

Guarda anche...

Psicopatologia

Il Narcisismo materno

Secondo la recente letteratura il narcisismo materno presenterebbe sei facce diverse che possono essere indentificate nell’estroversione eccessiva, orientamento alla realizzazione, componenti...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni