Pubblicità

0
condivisioni

Scala di autovalutazione della depressione (Zung)

 
depressione
Quella che segue è la Scala di Autovalutazione della Depressione realizzata da Zung, pubblicata nel 1965 e rivista nel 1974.
Per le sue caratteristiche è un questionario molto utilizzato come strumento di ausilio nell’attività di diagnosi in ambito clinico, ma anche come strumento di ricerca epidemiologica e nella valutazione dell’efficacia degli interventi psicoterapeutici e/o farmacologici.
La costruzione della scala è avvenuta attraverso un’analisi fattoriale sui sintomi raccolti dalla letteratura nosografica, integrati da interviste con i pazienti.
Il questionario è finalizzato alla valutazione degli aspetti quantitativi della depressione ed è composto da 20 item che indagano sintomi fisiologici e concomitanti psicologiche della sindrome depressiva.
Il soggetto ha la possibilità di rispondere su una scala a quattro punti: raramente, qualche volta, spesso, quasi sempre.

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE:

Rispondi velocemente senza riflettere molto facendo riferimento a come ti sei sentito nell'ultima settimana e, alla fine delle domande, premi sul tasto "INVIA".

Mi sento scoraggiato, depresso e triste
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

La mattina è il momento in cui mi sento meglio
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho crisi di pianto e mi sento come se stessi per piangere
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho problemi di sonno durante la notte
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Continuo a mangiare tanto quanto mangiavo prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Mi piace ancora avere rapporti sessuali
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho notato che sto perdendo peso
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho problemi di stipsi
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Il mio cuore batte più velocemente del solito
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Mi stanco senza motivo
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

La mia mente è lucida quanto prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Trovo facile fare le cose che facevo prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Sono agitato e non riesco a rimanere fermo
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Sono ottimista riguardo al futuro
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Sono più irritabile del solito
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Trovo facile prendere decisioni
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Mi sento utile e necessario
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho una vita piuttosto intensa
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho la sensazione che gli altri starebbero meglio se io morissi
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Gradisco ancora fare le cose che facevo prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Dettagli utente

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni