Pubblicità

0
condivisioni

Scala di autovalutazione della depressione (Zung)

 
depressione
Quella che segue è la Scala di Autovalutazione della Depressione realizzata da Zung, pubblicata nel 1965 e rivista nel 1974.
Per le sue caratteristiche è un questionario molto utilizzato come strumento di ausilio nell’attività di diagnosi in ambito clinico, ma anche come strumento di ricerca epidemiologica e nella valutazione dell’efficacia degli interventi psicoterapeutici e/o farmacologici.
La costruzione della scala è avvenuta attraverso un’analisi fattoriale sui sintomi raccolti dalla letteratura nosografica, integrati da interviste con i pazienti.
Il questionario è finalizzato alla valutazione degli aspetti quantitativi della depressione ed è composto da 20 item che indagano sintomi fisiologici e concomitanti psicologiche della sindrome depressiva.
Il soggetto ha la possibilità di rispondere su una scala a quattro punti: raramente, qualche volta, spesso, quasi sempre.

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE:

Rispondi velocemente senza riflettere molto facendo riferimento a come ti sei sentito nell'ultima settimana e, alla fine delle domande, premi sul tasto "INVIA".

Mi sento scoraggiato, depresso e triste
aramente


La mattina è il momento in cui mi sento meglio



Ho crisi di pianto e mi sento come se stessi per piangere



Ho problemi di sonno durante la notte



Continuo a mangiare tanto quanto mangiavo prima



Mi piace ancora avere rapporti sessuali



Ho notato che sto perdendo peso
aramente


Ho problemi di stipsi
aramente


Il mio cuore batte più velocemente del solito
aramente


Mi stanco senza motivo
aramente


La mia mente è lucida quanto prima



Trovo facile fare le cose che facevo prima



Sono agitato e non riesco a rimanere fermo
aramente


Sono ottimista riguardo al futuro



Sono più irritabile del solito
aramente


Trovo facile prendere decisioni



Mi sento utile e necessario



Ho una vita piuttosto intensa



Ho la sensazione che gli altri starebbero meglio se io morissi
aramente



Gradisco ancora fare le cose che facevo prima



Dettagli utente

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

News Letters

0
condivisioni