Pubblicità

0
condivisioni

Scala di autovalutazione della depressione (Zung)

 
depressione
Quella che segue è la Scala di Autovalutazione della Depressione realizzata da Zung, pubblicata nel 1965 e rivista nel 1974.
Per le sue caratteristiche è un questionario molto utilizzato come strumento di ausilio nell’attività di diagnosi in ambito clinico, ma anche come strumento di ricerca epidemiologica e nella valutazione dell’efficacia degli interventi psicoterapeutici e/o farmacologici.
La costruzione della scala è avvenuta attraverso un’analisi fattoriale sui sintomi raccolti dalla letteratura nosografica, integrati da interviste con i pazienti.
Il questionario è finalizzato alla valutazione degli aspetti quantitativi della depressione ed è composto da 20 item che indagano sintomi fisiologici e concomitanti psicologiche della sindrome depressiva.
Il soggetto ha la possibilità di rispondere su una scala a quattro punti: raramente, qualche volta, spesso, quasi sempre.

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE:

Rispondi velocemente senza riflettere molto facendo riferimento a come ti sei sentito nell'ultima settimana e, alla fine delle domande, premi sul tasto "INVIA".

Mi sento scoraggiato, depresso e triste
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

La mattina è il momento in cui mi sento meglio
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho crisi di pianto e mi sento come se stessi per piangere
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho problemi di sonno durante la notte
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Continuo a mangiare tanto quanto mangiavo prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Mi piace ancora avere rapporti sessuali
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho notato che sto perdendo peso
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho problemi di stipsi
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Il mio cuore batte più velocemente del solito
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Mi stanco senza motivo
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

La mia mente è lucida quanto prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Trovo facile fare le cose che facevo prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Sono agitato e non riesco a rimanere fermo
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Sono ottimista riguardo al futuro
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Sono più irritabile del solito
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Trovo facile prendere decisioni
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Mi sento utile e necessario
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho una vita piuttosto intensa
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho la sensazione che gli altri starebbero meglio se io morissi
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Gradisco ancora fare le cose che facevo prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Dettagli utente

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell’a...

News Letters

0
condivisioni