Pubblicità

0
condivisioni

Scala di autovalutazione della depressione (Zung)

 
depressione
Quella che segue è la Scala di Autovalutazione della Depressione realizzata da Zung, pubblicata nel 1965 e rivista nel 1974.
Per le sue caratteristiche è un questionario molto utilizzato come strumento di ausilio nell’attività di diagnosi in ambito clinico, ma anche come strumento di ricerca epidemiologica e nella valutazione dell’efficacia degli interventi psicoterapeutici e/o farmacologici.
La costruzione della scala è avvenuta attraverso un’analisi fattoriale sui sintomi raccolti dalla letteratura nosografica, integrati da interviste con i pazienti.
Il questionario è finalizzato alla valutazione degli aspetti quantitativi della depressione ed è composto da 20 item che indagano sintomi fisiologici e concomitanti psicologiche della sindrome depressiva.
Il soggetto ha la possibilità di rispondere su una scala a quattro punti: raramente, qualche volta, spesso, quasi sempre.

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE:

Rispondi velocemente senza riflettere molto facendo riferimento a come ti sei sentito nell'ultima settimana e, alla fine delle domande, premi sul tasto "INVIA".

Mi sento scoraggiato, depresso e triste
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

La mattina è il momento in cui mi sento meglio
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho crisi di pianto e mi sento come se stessi per piangere
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho problemi di sonno durante la notte
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Continuo a mangiare tanto quanto mangiavo prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Mi piace ancora avere rapporti sessuali
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho notato che sto perdendo peso
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho problemi di stipsi
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Il mio cuore batte più velocemente del solito
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Mi stanco senza motivo
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

La mia mente è lucida quanto prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Trovo facile fare le cose che facevo prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Sono agitato e non riesco a rimanere fermo
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Sono ottimista riguardo al futuro
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Sono più irritabile del solito
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Trovo facile prendere decisioni
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Mi sento utile e necessario
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho una vita piuttosto intensa
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Ho la sensazione che gli altri starebbero meglio se io morissi
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Gradisco ancora fare le cose che facevo prima
Raramente
Qualche volta
Spesso
Quasi sempre

Dettagli utente

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

News Letters

0
condivisioni