Pubblicità

Amok

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5133 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig 1922)

amokPer Amok, termine di origine malese, si intende un disturbo psicologico, caratterizzato da un episodio dissociativo, in cui, improvvisamente, in un individuo esplodono ira e rabbia incontrollabile, che possono trasformarsi in follia omicida.

Tale Sindrome trae le sue origini nei paesi del sud est asiatico: (Malesia, Polinesia, Indonesia) e nei soggetti di sesso maschile,i quali, vengono colpiti da questa follia rabbiosa, dopo aver avuto l’impressione di aver ricevuto un offesa o un insulto inaccettabile.

La Sindrome presenta delle manifestazione tipiche, le quali, si susseguono secondo i criteri temporali seguenti:

  • Il soggetto percepisce di aver subito un offesa da parte di un familiare o di una persona sconosciuta;
  • dopo l’offesa percepita, il soggetto si chiude in se stesso;  tale periodo viene definito fase di  ritiro relazionale;
  • successivamente, il soggetto, accecato dalla rabbia, comincia ad aggredire parenti conoscenti e estranei, in casi estremi l’aggressione può sfociare in furia omicida;

Gli episodi sono spesso accompagnati da idee persecutorie, automatismi, amnesie e esaurimento;dopo la fase di violenza, il soggetto, senza una valida motivazione, spesso, comincia a correre per strada senza meta, terminando il suo percorso accasciandosi a terra.

In un primo momento, la sindrome venne classificata come una malattia mentale da Emil Kraepelin, successivamente, però alcuni studi confermarono che, i soggetti, artefici di tali episodi, non presentavano alcun tipo di disturbo psichico.

Pubblicità

L’etnopsicanalista George Devereux, scopre e riconosce che questa sindrome appartiene ad una serie di comportamenti riconosciuti dalla cultura dei soggetti che li manifestano; tale forma di violenza veniva messa in atto per riparare un danno o un ingiustizia sociale subita.

Nonostante tale sindrome abbia delle origini storiche e sia stata riconosciuta nei territori asiatici, oggi, diversi episodi di follia omicida sono stati commessi ad opera di clandestini anche nella società occidentale.

Molti individui, lontani dalla propria terra d’origine possono essere maggiormente predisposti a sviluppare comportamenti folli e istintivi, soprattutto quando percepiscono intorno a se un ambiente ostile, un sentimento di rifiuto e bisogno di sicurezza da parte della società in cui sono inseriti.

 

Per approfondimenti

  • www.wikipedia.org
  • www.bazardelbizzarro.net
  • www.psicoteca.it
  • www.areacognitiva.net

 

A Cura della dottoressa Addorisio De Feo Ilaria

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: aggressione ira amnesie follia rabbiosa idrofobia umana monomania ritiro relazionale automatismi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Mia madre e il mio fidanzato (…

  Maria Teresa, 22 Salve a tutti. Ho una relazione a distanza da 4 anni e con il mio fidanzato non ho mai avuto problemi. Mia madre però non ha mai a...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

News Letters

0
condivisioni