Pubblicità

Ansia e paura nella guida [1623266848584]

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 293 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto


Clarissa, 22 anni
 
 

domanda

 

 


Salve,

vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male, ho fatto ormai più di 30 guide e ho paura di non riuscire ad arrivare all'esame dato che il prossimo mese mi scade il foglio rosa.

Una parte di me è determinata a farcela e cerca sempre di migliorare, ma puntualmente nei punti più trafficati/stretti non avendo riflessi pronti non riesco a calcolare quanto spazio ho e inizio ad agitarmi per l'ansia.
Inoltre, lo stesso problema si presenta durante le rotonde e gli incroci in salita.
Spesso non riesco nemmeno a stare concentrata e sbaglio, o si spegne il motore. L'ansia mi fa sembrare sbadata quando le cose le capisco e se solo non mi sentissi così, la patente l'avrei già presa. Non ho fretta, solo che non capisco perchè devo viverla così male.




consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 


Gentile Clarissa,

si tratta plausibilmente di un'ansia da prestazione che ha dei fattori predisponenti, dei fattori di scompenso e dei fattori di mantenimento.

In via ipotetica, tra i fattori predisponenti considererei:

1) la sua determinazione a farcela e a cercare sempre di migliorare. Questo atteggiamento potrebbe rappresentare sia una predisposizione caratteriale che uno stato contingente attivato dallo scopo, importante per una ragazza della sua età che acquisisce progressivamente autonomia, di ottenere la patente di guida. Una elevata determinazione a raggiungere degli scopi, qualunque essi siano, può sollevare il bisogno di controllare minuziosamente i processi necessari per arrivare allo scopo. Un eccesso di controllo specie sui processi motori che vanno ad automatizzarsi, come le manovre di guida, può rallentare il porcesso stesso e inenscare preoccupazioni, valutazioni negative generalizzate, che, anzichè delimitarsi alla singola operazione di manovra rallentata o errata, finisce per estendersi all'intera prestazione, con conseguente previsione di fallimento degli esiti finali (esame).

2) la valutazione che Lei ha delle personali capacità necessarie alla guida. Lei scrive: "non avendo riflessi pronti non riesco a calcolare quanto spazio ho e inizio ad agitarmi per l'ansia".  Sembra cioè che l'ansia nasca da una valutazione precedente di mancanza di riflessi pronti. La domanda è: questa mancanza di riflessi pronti è un dato acquisito da precedenti esperineze e/o accertamenti clinici o è un dato che acquisisce ex novo dalle guide? Nel primo caso l'ansia è una conseguenza dell'assunto e preacqsuisizione che non abbia le risorse (i riflessi) per guidare bene, o che abbia dei deficit per non riuscire a farcela. Le suggerirei in questo caso di passare in rassegna tutte le volte in cui inevce ha avuto i riflessi pronti o per risolvere un problema..per esempio..è mai riuscita a raccogliere tempestivamente un bicchiere che stava cadendo da una mensola? Se la risposta è sì la conclusione allora è che i nostri riflessi possono essere più o meno efficaci a seconda delle circostanze, dello stress che ci portiamo addosso, dell'allenamento che hanno avuto e che una scarsa disponibilità di riflessi non è una condizione assoluta nel tempo e nello spazio, ha modo di ricredersi anche per le guide. Nel secondo caso, quello in cui lei scopra durante le guide di avere pochi riflessi, è l'ansia presumibilmente ad essere causa della mancanza di riflessi. L'ansia in questo secondo caso non riguarda esattamente l'incertezza circa le proprie capacità, ma la 'paura', come scrive sopra, di non riuscire ad arrivare all'esame. La paura a differenza dell'ansia, che attiene all'inceretzza delle informazioni, riguarda più propriamente il senso di minaccia da pericoli percepiti ignoti, oggettivi o soggettivi, esterni o interni. Si povrebbe chiedere in questo caso se ha più paura di non prendere la patente e quale pericolo sarebbe connesso alla sua vita se non fosse autonoma di prendere e guidare una macchina, o se ha più paura di guidare una macchina, se tema cioè di non poter controllare e prevenire tutti i rischi connessi alla sua sopravvivenza una volta presa la patente. In tutte e due i casi, ansia e paura possono inenscare processi di ricerca di perfezionismo nell'idea di avere il massimo controllo e previsione degli eventi. Cosa che potrà immaginare non possiamo ottenere se non per approssimazione. C'è sempre un'incognita in tutto ciò che facciamo e organizziamo o impariamo. Bisogna fidarsi del processo delle risorse che abbiamo e di quelle che possono venirci incontro dall'esterno, comunque ovviamente con responsabilità sulle nostre azioni. ma accettare l'incognita. Anche di un incidente non calcolato. Altrimenti non si guiderà mai.

Tra i fattori di "scompenso" annovereri tutte le circostanze che implicano manovre meno automatiche e di maggire controllo: le rotende, gli icnroci in salita. Sono condizioni attivaanti in cui è necessaria una ricognizione diversa, una cambiamento di prospettiva e attenzione ma che plausibilemnte lei vive con incertezza sulle sue capaictà e conseguente bisogno di certezze assolute sugli esiti. Anche qui suggerirei di fidarsi sia delle sue risorse, dei processi e delle incertezze eventuali. Accettare il percorso, personale interiore, ed esterno oggettivo della strada che si presenta. Ottima metafora anche per la vita. Accogliere l'ignoto e lavorarci al momento concentrandosi sulle richieste del processo invece che sulla meta finale: invece di rallentarla, questo di cambio di prospettiva le favorirà certa fluidità.

Tra i fattori di mantenimento dell'ansia da prestazione annoterei la preoccupazione delle conseguenze dell'ansia stessa sulla propria immagine: "L'ansia mi fa sembrare sbadata quando le cose le capisco e se solo non mi sentissi così, la patente l'avrei già presa". Se l'ansia le fa commettere errori pur potendoli prevenire e capendo ciò che andava fattto o non fatto, può darsi che chi la osserva la consideri sbadata. Il fatto che ci ponga attenzione però lascerebbe supporre che per lei sia più invalidante  il giudizio di "sembrare" "sbadata" che non comunque quello di "sembrare" capace di comprendere anche qaundo risulti sbadata.

Si crea un circolo vizioso: penso di non avere i riflessi + eccessivo determinazione -->  ricerca di perfezionismo/controllo-> ansia-->perdita di concetrazione/riflessi.

A questo si aggiunge un problema di immagine, quanto sembro sbadata invece che quanto hanno fiducia in ciò che capisco, che riverbera il senso di frustrazione e aggiunge un senso di depressione autocommiserativa..."se non mi sentissi così, la patente l'avrei già presa". magari no, non l'avrebbe già presa lo stesso per cose che non si sono frapposte ma che avrebbero comunque potuto frapporsi, per esempio impegni urgenti e prioritari di studio o lavoro o il bisogno di assistere qualcuno in famiglia in difficoltà ..tutto le avrebbe potuto far fare meno guide e non permetterle di dare l'esame prima.

Abbia presente che si tratta di una patente di guida. Un po' di ansia ci può stare, viversela male non equivale a dire andrà male. Errori ne facciamo tutti. la sicurezza si acquisisce imparando ad  aaccettare responsabilità ed incognite.

Buon esame. Auguri per tutto.

Un cordiale saluto

Liuva Capezzani

 

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: ansia paura guida le risposte dell' esperto;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni