Pubblicità

Scala di autovalutazione della depressione (Zung)

Scala di autovalutazione della depressione (Zung)

 
depressione
Quella che segue è la Scala di Autovalutazione della Depressione realizzata da Zung, pubblicata nel 1965 e rivista nel 1974.
Per le sue caratteristiche è un questionario molto utilizzato come strumento di ausilio nell’attività di diagnosi in ambito clinico, ma anche come strumento di ricerca epidemiologica e nella valutazione dell’efficacia degli interventi psicoterapeutici e/o farmacologici.
La costruzione della scala è avvenuta attraverso un’analisi fattoriale sui sintomi raccolti dalla letteratura nosografica, integrati da interviste con i pazienti.
Il questionario è finalizzato alla valutazione degli aspetti quantitativi della depressione ed è composto da 20 item che indagano sintomi fisiologici e concomitanti psicologiche della sindrome depressiva.
Il soggetto ha la possibilità di rispondere su una scala a quattro punti: raramente, qualche volta, spesso, quasi sempre.

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE:

Rispondi velocemente senza riflettere molto facendo riferimento a come ti sei sentito nell'ultima settimana e, alla fine delle domande, premi sul tasto "INVIA".

Scala di autovalutazione dell'ansia (Zung)

Scala di autovalutazione dell'ansia (Zung)

ansia zung

Il seguente test permette di misurare l'ansia di stato relativa al periodo attuale.

Leggi con attenzione le 20 frasi elencate di seguito e scegli la risposta che meglio descrive la tua situazione nell'ultima settimana.

Rispondi velocemente senza riflettere molto...

Test di Autovalutazione del Disturbo Ossessivo-Compulsivo

TEST DI AUTOVALUTAZIONE DEL DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO

MAUDSLEY OBSESSIONAL-COMPULSIVE INVENTORY (RJ Hodgson, S Rachman, 1977)

doc

Rispondi ad ogni domanda segnando con una crocetta la risposta "vero" o "falso" corrispondente. Non ci sono risposte giuste o sbagliate, né "domande tranello". Rispondi con rapidità senza stare a pensare troppo all'esatto significato della domanda.

Test di autovalutazione dell'ansia sociale (di Glass)

SOCIAL INTERACTION SELF-STATEMENT TEST (Glass et al., 1982)

ansia socialeL‘Ansia Sociale è una forma di ansia riferita alle situazioni in cui l’individuo può essere esposto al giudizio altrui.

Nel Test è riportato un elenco di cose che anche tu puoi avere pensato qualche volta prima, durante o dopo una situazione di rapporto sociale nella quale sei stato coinvolto.

Leggi attentamente ogni frase e indica con quale frequenza puoi aver pensato una cosa del genere prima, durante o dopo quella situazione.

 

Questionario sui Disturbi Alimentari

Questionario sui Disturbi Alimentari (Eating Attitude Test - EAT-26)

David M. Garner, et al., (1982)

disordini alimentari

L'Eating Attitude Test (EAT-26) è il test più usato nel mondo per misurare i sintomi e le preoccupazioni caratteristiche dei disturbi dell'alimentazione ed è stato scelto dall'amminstrazione Clinton per il National Eating Disorders Screening Program del 1998.
l'EAT-26 è stato usato in molte ricerche come strumento di screening per identificare precocemente le persone affette da disturbi dell'alimentazione. L'identificazione precoce dei disturbi può portare ad iniziare una cura più rapidamente e, come dimostrato da alcune ricerche, migliorare la prognosi dei disturbi dell'alimentazione.

Gli studi che hanno usato l'EAT-26 sulle adolescenti o sulle giovani donne adulte indicano che circa il '5% delle donne ottiene un punteggio uguale o superiore a 20. Le interviste diagnostiche effettuate nei soggetti con punteggi uguali o superiori a 20 hanno evidenziato che un'elevata proporzione ha un disturbo dell'alimentazione o una "sindrome parziale", caratterizzata da alcuni, ma non tutti i sintomi richiesti per fare diagnosi di un disturbo dell'alimentazione.

 

Questionario di valutazione della Dipendenza Sessuale

Questionario di valutazione della Dipendenza Sessuale

 
Sexual Addiction Screening Test (SAST)
 
dipendenza sessuale 2
 
Il Sexual Addiction Screening Test permette di distinguere tra coloro che hanno una compulsione verso il sesso e coloro che hanno atteggiamenti normali o a rischio; è composto di 25 items con risposta bipolare si/no.

Questionario per la valutazione dell'eiaculazione precoce

Questionario per la valutazione dell'eiaculazione precoce

Pedt (Premature ejaculation diagnostic tool)

eiaculazione precoceQuesto questionario è stato sviluppato per analizzare la eventuale presenza di una eiaculazione precoce (eccessivemente rapida) durante il rapporto sessuale.

L’eiaculazione precoce rappresenta la disfunzione sessuale maschile più comune.
Il questionario non sostituisce in alcun modo la visita di uno specialista sessuologo che rimane lo strumento fondamentale per la valutazione del paziente affetto da eiaculazione precoce.

Il questionario è composto da 5 domande a risposta multipla. Per ogni domanda indica una sola risposta.

Tipicamente, le caratteristiche della propria eiaculazione possono variare di volta in volta. Per questo ti preghiamo di dare risposte indicative della situazione più frequente. E' importante considerare che la eiaculazione presa in considerazione nel questionario è quella avvenuta dopo la penetrazione vaginale.

 

The South Oaks Gambling Screen

Test di accrescimento della consapevolezza nei confronti del gioco d'azzardo patologico

 ISTRUZIONI

Questo è un test per aiutarti a stabilire se puoi avere un Disturbo da Gioco d’Azzardo Patologico che richieda l’attenzione di un professionista.
Non è ideato per fare la diagnosi di un disturbo o per sostituirsi alla consultazione o alla diagnosi di un professionista ma solo per fornire una indicazione di massima.

 

Test sul livello di tensione sociale (Timidezza, Fobia/Ansia Sociale)

Test sul livello di tensione sociale (Timidezza, Fobia/Ansia Sociale)

tensione sociale

Si tratta di un semplice test utile sia a coloro che vogliono farsi un’idea di quale sia il grado di tensione  generale rispetto al vivere situazioni sociali di vario tipo, sia a chi è già in psicoterapia, e in tal caso, serve a valutare i risultati raggiunti e misurare i progressi che ci sono stati.

Test per la valutazione degli attacchi di panico

Test di autovalutazione degli attacchi di panico

attacchi panico

Ritieni di aver sperimentato sensazioni che ti hanno fatto ipotizzare di aver avuto un attacco di panico? Rispondi a questo test velocemente...

Internet Addiction Test (IAT)

IAT (Internet Addiction Test)

internet addiction test psiconlineIl primo test apparso in rete per la diagnosi dell’abuso di internet è lo IAT (Internet Addiction Test), circa un decennio fa, è stato creato dalla Dottoressa Kimberly Young, è molto semplice, consente brevemente ed efficacemente di diagnosticare sul nascere questo disturbo.

Per determinare il livello della vostra dipendenza rispondete alle seguenti domande:

 

Soffro di shopping compulsivo? - Test di autovalutazione

Test di Autovalutazione dello Shopping Compulsivo

shopping compulsivo

Lo shopping compulsivo è un comportamento guidato da un impulso urgente e irresistibile a comprare, che per quanto vissuto come eccessivo da chi lo mette in atto, viene ripetuto più e più volte fino a che determina effetti dannosi per l’individuo e per le persone a lui legate.

Il comportamento viene mantenuto nonostante le gravi conseguenze personali e gli innumerevoli tentativi fallimentari di controllarlo e di porvi fine.

Le problematiche che conseguono ai comportamenti di shopping compulsivo sono sentimenti di colpa, vergogna, umiliazione, spesso con problemi di salute, problemi familiari, lavorativi, legali e finanziari.

Il primo passo verso il superamento del problema è riconoscere di avere un problema per cui vi invitiamo a compilare il Questionario che segue, sempre tenendo conto che lo stesso può fornire delle indicazioni e non una diagnosi, che è prerogativa esclusiva di uno psicologo o di uno psichiatra a cui può essere opportuno rivolgersi se i punteggi ottenuti lo indicano.

Buon lavoro.

 

Scala di Autovalutazione per la Depressione Post-Partum (Scala di Edimburgo)

Scala di Autovalutazione per la Depressione Post-Partum (Scala di Edimburgo - J. L. Cox, J. K. Olden, R. Sagowsky)

autovalutazione depressione post partumIl momento del parto ed il periodo immediatamente successivo sono fondamentali per la salute psichica e fisica sia della madre che del bambino ed è peraltro normale che, nei primi giorni successivi all'evento, si alternino momenti di grande gioia con momenti di profonda tristezza.

Ma se la sensazione di malessere persiste per più di quindici giorni a distanza di 6/12 settimane dalla nascita del vostro bambino potreste trovarvi di fronte ad una depressione post-partum.
Evento non infrequente e di cui non bisogna assolutamente aver timore ma che vale la pena, comunque, conoscere ed affrontare, magari chiedendo aiuto ad uno specialista del settore.

Questionario di Autovalutazione dell'Autostima (Rosenberg)

Questionario di Autovalutazione dell Autostima RosenbergLa Scala di Autovalutazione dell'Autostima di Rosenberg, realizzata nel 1985, è oggi una delle più utilizzate a livello mondiale per la valutazione dell'autostima da parte del soggetto esaminato.

Come tutte le Scale di Autovalutazione consente di ottenere una risposta di massima che aiuta il soggetto che la compila a comprendere il proprio livello di autostima e se è opportuno intervenire nel caso l'autostima sia bassa. Non sostituisce assolutamente il parere di un professionista esperto ma consente di porsi domande ed eventualmente cercare risposte in caso di bassa autostima.

Per compilare la Scala di autovalutazione dell'Autostima è utile trovare uno spazio di tempo senza impegni particolari, rispondere il più rapidamente possibile senza pensare troopo ad ogni domanda e rispondere pensando al presente, cioè alle nostre sensazioni degli ultimi giorni o al massimo delle ultime settimane.

 

 

Test per il Burnout (Test di Potter)

burnout test di potterIl Burnout è una patologia legata al tipo di lavoro svolto e all'ambiente in cui lo si svolge.

Questa patologia è caratterizzata da alcuni sintomi specifici che influiscono sul comportamento:

  • esaurimento emozionale: ossia sentirsi emotivamente svuotati e annullati dal proprio lavoro;
  • depersonalizzazione: ossia iniziare ad avere atteggiamenti di allontanamento e di rifiuto. Attivare risposte non funzionali proprio su chi avrebbe bisogno del supporto del professionista, attivare risposte comportamentali negative e sgarbate;
  • la propria efficacia viene meno e le stesse persone affette dalla patologia iniziano a sperimentare pensieri di poca autostima e di insuccesso.

Il burnout lavorativo non corrisponde tanto ad un effettivo aumento di attività lavorative o del tempo dedicato, quanto più ad un vissuto delle stesse come troppo difficili o gravose e gli studi scientifici confermano che le categorie più a rischio sono i professionisti del sociale: infermieri, operatori di comunità, assistenti sociali, insegnanti, educatori.

Per capire se hai sintomi legati a questa patologia rispondi a queste domande e poi guarda il profilo.

Leggi una frase alla volta e rispondi subito, senza pensare molto.

Ricorda che il test non può sostituire il parere di un esperto e che qualunque risultato tu ottenga, devi comunque considerarlo indicativo e non definitivo.

BUON LAVORO!

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

News Letters

0
condivisioni