Pubblicità

Psicopatologia

Tags: psicologia psicoterapia psicopatologia

Dipendenze da non sostanze o nuove dipendenze

on . Postato in Psicopatologia

GLI ADOLESCENTI DEL 2021 e le nuove dipendenze, un insieme di disturbi che implicano un coinvolgimento in un’abitudine persistente, con compromissione dello stato di coscienza, ma che non fanno riferimento all'uso di sostanze psicoattive

Nuove_dipendenze.jpg

Nuove dipendenze è un termine utilizzato per indicare un insieme di disturbi che implicano un coinvolgimento in un comportamento costante, causa della compromissione dello stato di coscienza, oltre agli aspetti sociali e lavorativi che non fanno riferimento all'uso di sostanze psicoattive.

Internet Addiction Disorder (IAD) è la definizione che fu coniata dal medico Ivan Goldberg nel 1995, nota anche come dipendenza da internet, ed è un disturbo da dipendenza legato ad utilizzo intenso ed ossessivo di internet, dalla navigazione sui social , Social Media Addiction, al gioco online, Internet Gaming Disorder.

L'MDMA nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico

on . Postato in Psicopatologia

Un nuovo studio pubblicato nella rivista “Psychopharmacology” ha scoperto che l'MDMA, noto anche come ecstasy, può essere utile nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico.

L'MDMA nel trattamento del disturbo da stress post-traumaticoLo studio ha dimostrato miglioramenti sostanziali nelle persone che non hanno ottenuto risposte positive dai trattamenti precedenti, secondo il Dottor Zach Walsh dell'Università della British Columbia.

I sintomi di disturbo da stress post-traumatico sono diminuiti dopo una sessione di MDMA associata alla psicoterapia”, ha riferito Walsh, co-autore dello studio.

Trauma e dissociazione: perché non è facile liberarsi di un passato doloroso

on . Postato in Psicopatologia

Vissuti traumatici significativi e lo shock conseguente ad un violento ed improvviso irrompere di eventi emotivamente incontrollabili possono portare alla dissociazione (intesa come ‘separazione’ forzata) con lo scopo di proteggersi da stimoli troppo violenti a cui non si riesce a dare un senso razionale.

Trauma e dissociazione

Ci sono pazienti che nel proprio passato hanno vissuti traumatici significativi; lo shock conseguente ad un violento ed improvviso irrompere di eventi emotivamente incontrollabili può portare alla dissociazione (da intendersi come ‘separazione’ forzata) degli stati mentali connessi, con lo scopo di proteggere da stimoli troppo violenti a cui non si riesce a dare un senso sotto forma di pensiero coerente.

La crudeltà umana: cause e conseguenze

on . Postato in Psicopatologia

La violenza e la crudeltà possono avere sia origini biologiche che ambientali ma se si educasse al rispetto, all’amore, all’empatia verso ogni essere vivente forse si riuscirebbe a far diminuire atti crudeli e spietati.

di Lorenza Fiorilli

La crudeltà umana: cause e conseguenzeQuante volte, ormai sempre più spesso, sentiamo o leggiamo notizie sulla crudeltà umana? Uomini che usano violenza sulle compagne, adolescenti che picchiano a sangue un senzatetto, persone che maltrattano e seviziano gli animali. Ma perché succede tutto questo? Da cosa derivano i comportamenti violenti? Ci sono delle cause scatenanti?

La scissione come difesa dell'Io

on . Postato in Psicopatologia

Quale funzione svolge la scissione? Possiamo rintracciare un suo utilizzo anche all'interno di fiabe, racconti e opere letterarie?

La scissione come difesa dell'IoLa scissione è un termine che deriva dalle scuole di pensiero classiche – psicoanalitiche o psicodinamiche – e si riferisce ad un meccanismo di difesa dell'Io mediante il quale un'entità abbastanza complessa non può essere accettata dalla coscienza nella sua interezza perchè contiene sia aspetti che sono accettabili per una persona ma anche inaccettabili.

La mentalizzazione nel paziente borderline

on . Postato in Psicopatologia

Peter Fonagy e Anthony Bateman: il Trattamento basato sulla Mentalizzazione nel Disturbo Borderline di personalità.

La mentalizzazione nel paziente borderlineCon il termine mentalizzazione si fa riferimento ad una attività mentale immaginativa, attraverso cui si interpreta il comportamento umano in termini di stati mentali come bisogni, desideri, emozioni, credenze, obiettivi, intenzioni e motivazioni.

Tale attività risulta particolarmente inficiata nei pazienti con Disturbo borderline di personalità, determinando problemi nella regolazione emotiva e difficoltà nella gestione dell’impulsività, soprattutto nelle interazioni interpersonali.

La dissociazione come difesa dal trauma

on . Postato in Psicopatologia

Estraniarsi da sé stessi, dal mondo esterno e dal proprio corpo nel tentativo di difendersi da un trauma.

La dissociazione come difesa dal traumaI sintomi di dissociazione, depersonalizzazione e derealizzazione sono spesso associati a traumi fisici e mentali che si manifestano solitamente durante l’infanzia.

Molti di questi segni clinici sono stati riscontrati in pazienti con una varietà di disordini, come il Disturbo Post-traumatico da Stress, disturbo Dissociativo, disturbo da conversione e infine disturbi di personalità, specialmente il Disturbo Borderline.

Abuso domestico e malattia mentale

on . Postato in Psicopatologia

Un nuovo studio condotto dai ricercatori della Birmingham University getta luce sulla direzione della relazione tra abuso domestico e malattia mentale.

Abuso domestico e malattia mentaleQuando si parla di abuso domestico si fa riferimento ad un episodio o serie di episodi di comportamento controllante, coercitivo, minaccioso, degradante e violento, inclusa la violenza sessuale, da parte di un partner, ex partner o familiare.

Il Narcisismo come carattere collettivo

on . Postato in Psicopatologia

La discussione sul narcisismo è di grande attualità ma ha subito distorsioni interpretative che la rendono ambigua e strumentale. Qui vorrei invitare a riflettere su quelle caratteristiche che lo rivelano come una patologia più del carattere che dei geni, segnata in profondità dall’incidenza dell’ambiente storico.

di Nicola Ghezzani

Il Narcisismo come carattere collettivoUna premessa

La discussione sul narcisismo è di grande attualità, ma – come accade con tutte le teorie scientifiche divulgate e assimilate dal senso comune – ha subito distorsioni interpretative che la rendono ambigua e strumentale. Innanzitutto, c'è da discutere che cosa definiamo col termine narcisismo; poi, quali ne sono le cause.

Sui social se ne parla sempre più spesso in termini idiosincrasici, personalistici, generici in modo sconfortante: ognuno ha la sua storia da raccontare in quanto vittima di un narcisista, e il narcisista vi viene descritto come un’entità metafisica, nato così come appare: cioè freddo, crudele, manipolatore. Una sorta di vampiro che attraversa i secoli sempre uguale a se stesso, un prodotto del Male impresso nel DNA e riprodotto nei cicli riproduttivi dell’umanità senza alcuna alterazione né caratteriale né storico-sociale. 

Schiavi della rete: intervenire nella Dipendenza da Internet

on . Postato in Psicopatologia

La dipendenza da Internet o Internet dipendenza, meglio conosciuta nella letteratura psichiatrica con il nome originale inglese di Internet Addiction Disorder (IAD), è un disturbo nel controllo degli impulsi che non implica l’assunzione di una sostanza.

di Silvia Parisi

Schiavi della rete intervenire nella Dipendenza da InternetAccanto alle classiche dipendenze da droghe, negli ultimi anni sono proliferate le dipendenze da attività legali. Intendiamo con il termine New Addictions - Nuove Dipendenze tutte quelle nuove forme di dipendenza in cui non è implicato l’intervento di alcuna sostanza chimica. L’oggetto della dipendenza è in questo caso un comportamento o un’attività lecita e socialmente accettata.

Autolesionismo: il dolore come punizione per sentirsi 'vivi'

on . Postato in Psicopatologia

L’autolesionismo come modalità per regolare il proprio umore, distrarsi da un turbamento interiore, placare il proprio dolore psichico.

Autolesionismo il dolore come punizione per sentirsi viviCon li termine autolesionismo si fa riferimento ad un’inflizione intenzionale volta a danneggiare il proprio corpo attraverso attività come il tagliarsi, bruciarsi e altre forme di lesioni.

Spesso questo atteggiamento appare correlato all’ideazione e intenzione suicidaria, anche se ancora la letteratura  non ha reso chiaro l’eventuale relazione esistente tra questi due comportamenti.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

News Letters