Pubblicità

I disturbi alimentari

Tags: bulimia anoressia alimenti

Anoressia come controllo delle dinamiche familiari

on . Postato in I disturbi alimentari

controllare l'assunzione di cibo, per un soggetto anoressico, attraverso un rigido rituale significa, in una ottica psicodinamica, controllare anche le proprie rappresentazioni inconsce dei genitori e le dinamiche della loro relazione.

anoressia e controllo delle dinamiche familiariLa Guida dei Disturbi Alimentari, pubblicata nel 2004 dal National Institute for Clinical Excellence (NICE) ha evidenziato come vi sia una scarsità di informazioni disponibili rispetto al lavoro e trattamento con soggetti affetti da Anoressia Nervosa.

La Guida ha infatti sottolineato che il solo trattamento farmacologico non è risolutivo, e ritiene che il focalizzarsi su un trattamento individuale e familiare, in tali disturbi, debbano divenire parte integranti della terapia.

Sex Symbol, magrezza estrema e immagine corporea

on . Postato in I disturbi alimentari

Le iniziative di educazione e prevenzione dei disturbi alimentari hanno influenzato il cambiamento nella mentalità pubblica di ciò che riguarda la percezione dell’immagine del corpo e la promozione di standard più sani di bellezza.

Sex Symbol immagine corporeaL’ideale di magrezza estrema, intesa come simbolo di bellezza, nonché la ricerca di un corpo perfetto e idolatrato contribuiscono ad esacerbare, od aumentare il rischio, di disturbi legati al corpo e all’alimentazione, sia per le donne che per gli uomini.

Dinamiche psichiche delle madri di pazienti con anoressia nervosa

on . Postato in I disturbi alimentari

Desiderio e paura di fusione con la madre: la principale fantasia del paziente anoressico è che, controllando rigidamente l’assunzione di cibo, sarà anche in grado di controllare le rappresentazioni interne  dei suoi genitori, nonché la loro relazione.

anoressia madriL’anoressia nervosa è un disturbo alimentare caratterizzato da una costante paura di ingrassare, eccessiva restrizione alimentare e un comportamento di controllo estremo nei confronti del cibo.

Comportamento suicida e autolesionismo nel disturbo del comportamento alimentare

on . Postato in I disturbi alimentari

L’autolesionismo occorre nelle pazienti affette da disturbo del comportamento alimentare mostrando un incremento statisticamente significativo del rischio di attuare un comportamento suicida; in aggiunta a questo, le relazioni familiari problematiche rappresentano un importante fattore di rischio predisponente al comportamento suicida in questa popolazione di pazienti.

anoressia nervosa, autolesionismo e suicidioLa comorbidità psicopatologica, come l’autolesionismo e il comportamento suicida, sono spesso riscontrati in pazienti con disturbi alimentari.

Maggie goes on a diet: un libro da mettere all’indice?

on . Postato in I disturbi alimentari

Riflessione sui Disturbi del Comportamento Alimentare

Maggie goes on a diet comportamento alimentareDal mese di ottobre è in vendita negli USA il libro di Paul Kramer Maggie goes on a diet.

Nato con l’obiettivo di combattere l’obesità infantile il testo presenta con una serie di vignette, accattivanti e colorate, come perseguire l’obiettivo della perdita di peso.

I disturbi dell'alimentazione: Percezione e prevenzione, diagnosi e terapia

on . Postato in I disturbi alimentari

Il cibo riveste una rilevante importanza nella vita quotidiana: sia come alimentazione (indispensabile apporto di nutrimento e calorie) sia come stile di vita (abitudini corrette/scorrette) sia come momento edonistico (il piacere del mangiare, il piacere del bere, il piacere del gustare, il piacere della convivialità).

I disturbi dell'alimentazioneCosa e come e quanto mangiare? Domanda semplice con risposte complesse.

Come vedere, come capire, come evitare e come curare i disturbi alimentari?
Anche questa è una domanda semplice da formulare, ma che in realtà richiede delle precise informazioni e delle specifiche competenze.

L' ultima cena dell'anoressica

on . Postato in I disturbi alimentari

ultimacena jacopobassnoL’ultima cena - Joos Van Cleve (1485 ca. - 1540)

Comunione è la parola che mi viene in mente, se cerco di rompere il silenzio del mistero dell’anoressia. Comunione della famiglia intorno a un solo pane.

“Perché vi è un solo pane, noi pur essendo molti, siamo un corpo solo; tutti infatti partecipiamo dell’unico pane (San Paolo, 1 Cor. 10. 16-17).

Comunione della famiglia che, attraverso la figlia, incontra un morire che non è la fine drammatica dell’esistenza, anzi è un entrare nella totalità della vita. Comunione impalpabile di affetti non detti, comunione di gesti visibile nella ritualità socialmente codificata della condivisione dei pasti quotidiani.

Anoressia e malattie organiche

on . Postato in I disturbi alimentari

anoressia e malattie organicheCaratteristica principale dell’anoressia nervosa, secondo il criterio stabilito dal DSM-IV, è “il rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra del peso minimo normale”.

Analizzerò in questa sede tutti i criteri che sono stati presi in considerazione dal manuale diagnostico americano per definire tale disturbo, cercando di integrare la descrizione del puro sintomo con alcune considerazioni qualitative.

Veniamo all’analisi dei criteri diagnostici e cerchiamo di capire perché sono necessari (per capire, non solo per classificare).

Attaccamento e Disturbi Alimentari

on . Postato in I disturbi alimentari

Tra i vari scambi madre-bambino l’alimentazione rappresenta un momento essenziale. La ricerca clinica evolutiva degli ultimi anni offre una lettura dei disturbi alimentari precoci in chiave interattiva, evidenziando chiaramente l’importante ruolo svolto dal legame di attaccamento nella genesi dei disturbi alimentari nell’infanzia.

disturbi alimentari e attaccamentoAnna Freud (1946) fu la prima ad individuare una categoria di disturbi nevrotici dell’alimentazione nell’infanzia legati ad emozioni conflittuali nei confronti della madre e simbolizzati attraverso il cibo.

Nello scenario della psicoanalisi infantile degli ultimi decenni si è affermato un modello che ridimensiona il ruolo delle pulsioni spostando l’attenzione sulla relazione madre-bambino e sui bisogni di protezione e sicurezza di quest’ultimo.

Il contributo dei media sull'insorgenza dei Disturbi del Comportamento Alimentare

on . Postato in I disturbi alimentari

Il contributo dei media sull'insorgenza dei Disturbi del Comportamento AlimentareFisicità e psiche costituiscono una unità inscindibile. Il corpo rappresenta infatti il sostegno della propria identità ed un tramite nella relazione con gli altri, per cui la natura dell’estetica corporea in dosi adeguate esprime sia una buona accettazione di sé, sia una cura attenta alla relazione con l’altro.

D’altro canto la dimensione estetica può essere iperinvestita ed il corpo strumentalizzato, il corpo diviene così l’involucro fragile di un profondo vuoto interiore.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters